Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come collegare la TV a Internet

di

Qualche anno fa, hai acquistato un bellissimo televisore per la tua sala relax: il pannello offre ancora dei colori perfetti, l’audio è ottimo e trovi tutt’oggi ideale la posizione in cui sei riuscito a piazzarlo. Tuttavia, negli ultimi tempi, a pesarti è una mancanza che si fa sempre più evidente: quella di una connessione a Internet. Per questo motivo, sempre più spesso, ti chiedi come collegare la TV a Internet anche se il tuo apparato non è nativamente dotato di hardware compatibile con questa tecnologia: l’ultima cosa che vorresti è dover mandare in pensione il tuo televisore da sogno, magari spendendo un bel po’ di soldi per acquistarne uno più moderno, in grado di effettuare la connessione alla Rete.

Ebbene, sono felice di dirti che oggi è il tuo giorno fortunato: in questa guida, infatti, ti spiegherò come “adattare” un televisore non predisposto per il collegamento a Internet, avvalendoti di alcuni piccoli dispositivi acquistabili a cifre contenute, che non si avvicinano neppur lontanamente al prezzo di un nuovissimo Smart TV di ultima generazione.

L’unico requisito fondamentale è che il tuo “vecchio” TV deve essere equipaggiato con almeno una porta HDMI. Per tutto il resto, invece, non ti resta che seguire i consigli che sto per fornirti: sono sicuro che, al termine di questa lettura, avrai chiara in mente quale possa essere la soluzione più adatta al tuo caso. Se sei invece alla ricerca di istruzioni su come collegare il tuo Smart TV a Internet, non temere: l’ultimo capitolo di questa guida è dedicato proprio a te! Detto ciò, non mi resta che augurarti buona lettura e buon divertimento.

Indice

Collegare la TV a Internet tramite dispositivi HDMI

Come ti ho accennato poco fa, l’unico requisito fondamentale per collegare un “vecchio” televisore a Internet è la presenza di una porta HDMI. Grazie a essa, è possibile connettere al TV dei dispositivi, veri e propri mini-computer, dotati di sistema operativo e in grado di collegarsi a Internet: in questo modo, puoi arricchire il tuo televisore con tante funzionalità extra.

Voglio dirti fin da subito che un dispositivo HDMI non “applica” una modifica definitiva al tuo apparato e non deve essere necessariamente scollegato ogni volta: per tornare ai “classici” canali disponibili sul digitale terrestre, ti basterà pigiare uno specifico tasto sul telecomando (solitamente denominato source)!

Chromecast

Il primo dispositivo di cui voglio parlarti è il Chromecast: si tratta di un piccolo “dongle” progettato da Google, che va inserito nella porta HDMI del televisore (e che può necessitare di alimentazione da USB o da corrente). Chromecast è compatibile con una vasta gamma di dispositivi e app, tra cui smartphone e tablet Android, iPhone/iPad, browser Google Chrome, Netflix, SpotifyPlexPremium Play e, in generale, tutto ciò che gode di supporto al protocollo Cast di Google.

Chromecast è disponibile in tre modelli differenti, uno dei quali dedicato esclusivamente alla riproduzione audio (di cui dunque non è necessario parlarti).

  • Chromecast – è il modello più economico, supporta risoluzioni video fino a 1080p e costa 39 euro.
  • Chromecast Ultra – si tratta del modello “avanzato”, che offre la medesima compatibilità del Chromecast ma supporta risoluzioni fino a 4K con tecnologia HDR. Chromecast Ultra costa 79 euro.

Utilizzare Chromecast per riprodurre contenuti è un gioco da ragazzi: basta avviare una delle app compatibili e premere il pulsante di condivisione schermo collocato, solitamente, in alto a destra. In alternativa, è possibile trasmettere per intero lo schermo di un dispositivo Android o una scheda del browser Google Chrome avvalendosi della funzionalità Trasmetti schermo/Trasmetti scheda.

Collegare la TV a Internet tramite Chromecast è semplicissimo: è sufficiente connettere il dispositivo al TV, scaricare l’app Google Home per dispositivi Android e iOS (o utilizzare il browser Google Chrome) e seguire le istruzioni a schermo: in pratica, una volta avviato il Chromecast e aperta l’app Google Home, devi fare tap sulla voce Dispositivi, selezionare il tuo Chromecast dalla lista, sfiorare il pulsante Configura, ripetere l’operazione con il pulsante Continua, inserire il codice del Chromecast che compare sul TV e assegnare un nome a quest’ultimo.

Completata la configurazione iniziale, non ti resta che pigiare sul pulsante Continua, poi scegliere la rete Wi-Fi a cui collegare il TV, inserire quando richiesto la password d’accesso (o importarla, se necessario, direttamente dal dispositivo da cui si sta eseguendo la configurazione) e fare tap ancora una volta su Continua per completare la procedura. Ti ho spiegato nel dettaglio tutti i passaggi all’interno della mia guida su come funziona Chromecast.

TV Box Android

Se volessi parlarti nel dettaglio dei TV Box Android, dovrei scrivere pagine e pagine di guide come questa, poiché all’interno di un dispositivo simile si nasconde un mondo sconfinato di possibilità!

Tanto per cominciare, un TV Box Android è un piccolo computer Android a tutti gli effetti, con tanto di supporto a Google Play e a tutte le app dedicate al sistema operativo, dotato di modulo Wi-Fi e/o di connettività Ethernet per l’accesso a Internet e, a volte, espandibile con memorie esterne di tipo USB o microSD.

Esistono decine e decine di modelli differenti di TV Box Android, ognuno con le proprie caratteristiche e, chiaramente, il proprio prezzo: alcuni modelli sono aggiornati all’ultima versione del sistema operativo e altri no, alcuni (specie quelli di fascia alta) supportano la risoluzione 4K e altri si fermano alla risoluzione Full HD e così via. Altra cosa importante da sapere è che alcuni modelli sono dotati di Certificazione Ufficiale, che li rende compatibili anche con le categorie di app più delicate (ad es. le app che trasmettono contenuti criptati in streaming, come NOW TV, Premium Play e Mediaset Infinity) e altri no, quindi, ad esempio, non consentono di riprodurre i contenuti in Full HD o 4K di Netflix.

La procedura per effettuare il collegamento del TV a Internet tramite un TV Box è pari a quella da effettuare con qualsiasi altro dispositivo Android, con l’unica differenza di agire utilizzando il telecomando del dispositivo: una volta connesso e acceso il TV Box, tutto si riconduce a qualcosa che probabilmente sei già in grado di fare.

Di solito è possibile collegare la TV a Internet tramite il TV Box direttamente in fase di configurazione iniziale, semplicemente seguendo le istruzioni a schermo. La procedura di collegamento manuale, invece, è la solita dei dispositivi Android: seleziona l’icona Impostazioni, poi la voce Wireless e reti (o Rete), pigia sulla voce Wi-Fi, scegli la rete a cui vuoi collegare il tuo televisore e, sempre aiutandoti con il telecomando, digita la password di rete per accedere. Qualora preferissi avvalerti di connettività Ethernet, ti sarà sufficiente collegare il cavo nell’apposito alloggiamento del TV Box.

Come dici? Questa soluzione ti incuriosisce? Perfetto, ti ho fornito tante altre informazioni in merito, insieme a una serie di validi consigli per l’acquisto, nel mio articolo su come funziona un TV Box Android.

TV Box Android 7.1 - VIDEN W2 Smart TV Box [2018 Ultima Generazione] A...
Amazon.it: 60,00 € 46,99 €Vedi offerta su Amazon
TV Box Android 7.1, [2G+16G] 2018 GooBang Doo XB-III Smart TV Box 4K F...
Amazon.it: 69,99 €Vedi offerta su Amazon
NVIDIA SHIELD TV, telecomando incluso
Amazon.it: 199,99 € 164,00 €Vedi offerta su Amazon

NOW TV Smart Stick

NOW TV Smart Stick

NOW TV Smart Stick è una chiavetta che si collega alla porta HDMI del televisore e permette di accedere al vasto catalogo di NOW TV. Misura appena 84 x 20,3 x 12,6 mm per 20 grammi di peso (quindi risulta ideale da trasportare e usare in viaggio o a casa di amici) e funziona tramite connessione Wi-Fi. Per utilizzarla, basta collegarla a un televisore, alimentarla tramite la porta USB dello stesso TV o tramite presa della corrente (usando l’alimentatore in dotazione) e accedere al proprio account NOW TV.

Costa 29 euro e viene fornita con un codice promo che permette di avere 3 mesi di visione gratuita di un ticket a scelta tra Cinema, Intrattenimento e Serie TV. Oltre all’accesso ai contenuti di NOW TV (sia on-demand che live), consente di usare app come YouTube, Vimeo e Vevo. Inoltre, riproduce i contenuti multimediali dalla rete locale e permette di proiettare sul televisore i contenuti selezionati nell’app di NOW TV per smartphone e tablet. Si può controllare tramite il telecomando in dotazione o l’app di NOW TV. Per maggiori info al riguardo, leggi il mio post su come funziona NOW TV Smart Stick e consulta il sito ufficiale del prodotto.

Apple TV

Come il nome stesso lascia chiaramente intendere, Apple TV è la soluzione targata Apple che permette di collegare i televisori “classici” a Internet: di fatto, altro non è che una piccola scatola, dotata di telecomando, che permette tra le altre cose di scaricare app direttamente da App Store e di inviare allo schermo del TV flussi video provenienti da iPhone, iPad, Mac e computer Windows (su questi ultimi, bisognerà utilizzare programmi dedicati).

Apple TV è dotata di connettività sia Wi-Fi che Ethernet e, attualmente, è disponibile in due versioni differenti.

  • Apple TV di 4ª generazione – supporta una risoluzione massima di 1080p e dispone di memoria interna da 32 GB. È acquistabile dal sito Internet di Apple e dai principali store di elettronica.
  • Apple TV 4K – esteticamente uguale al modello precedente, dispone di un processore più potente e supporta risoluzione fino a 4K HDR. È acquistabile dal sito di Apple e dai principali store di elettronica in due tagli differenti di memoria: 32 e 64 GB.
Apple TV (Quarta Generazione) 32GB
Amazon.it: 159,00 €Vedi offerta su Amazon


Apple TV 4K (64GB)
Amazon.it: 219,00 €Vedi offerta su Amazon

Effettuare la connessione a Internet tramite Apple TV è davvero molto semplice! Una volta collegato il dispositivo, acceso e associato il telecomando (previa pressione contemporanea dei tasti Menu +), bisogna seguire le istruzioni a schermo per eseguire la configurazione iniziale: imposta la lingua e il Paese di residenza, dopodiché scegli se effettuare la configurazione tramite iPhone/iPad o la configurazione manuale.

Nel primo caso, è sufficiente avvicinare l’iPhone o l’iPad alla Apple TV per “trasmettere” sia le informazioni sulla rete da utilizzare che l’ID Apple; nel secondo caso, invece, bisognerà selezionare le varie opzioni avvalendosi del telecomando e digitare manualmente la password di rete e le credenziali dell’ID Apple. Ti ho spiegato nel dettaglio tutti i passaggi all’interno della mia guida su come funziona Apple TV.

Amazon Fire TV Stick

Come il nome ti avrà già fatto capire, Amazon Fire TV Stick è la “chiavetta” HDMI commercializzata da Amazon per permettere il collegamento a Internet tramite Wi-Fi di un televisore non dotato di connettività nativa.

Il Fire TV Stick di Amazon dispone di un gran numero di app pre-installate (tra cui Amazon Prime Video, Netflix e molte altre) ed è dotato di uno store interno che permette di scaricarne molte, molte altre, dedicate non soltanto allo streaming ma anche a categorie differenti (ad es. giochi, istruzione, comunicazioni, musica, produttività e così via).

Fire TV Stick | Basic Edition
Amazon.it: 59,99 € 54,99 €Vedi offerta su Amazon

Inoltre, poiché il sistema operativo a bordo è basato su Android, è possibile (smanettando un po’) installare anche file apk esterni, il che ne amplia ancor di più le potenzialità.

Una volta collegato il Fire TV Stick alla porta HDMI del TV, il collegamento a Internet avviene in modo molto semplice: devi semplicemente pigiare sul telecomando a corredo il pulsante Play/Pause (quello centrale nella fila inferiore), selezionare la lingua dalla schermata che si apre e, successivamente, selezionare la rete Wi-Fi a cui collegare il tuo TV, inserendo la relativa chiave di rete avvalendoti del telecomando.

Se necessiti di ulteriori dettagli sul Fire TV Stick di Amazon e sul suo utilizzo, ti invito a consultare la mia guida specifica sull’argomento.

Raspberry Pi

Come dici? Le soluzioni suggerite poc’anzi non ti convincono appieno e vorresti qualcosa di estremamente personalizzabile? Allora la tua scelta non può che ricadere sulla gamma Raspberry Pi: di fatto, si tratta di veri e propri computer “minimali”, dotati di chip integrati per RAM, processore, uscita audio, HDMI, USB e modulo per connettività Ethernet.

In questo caso, la prima configurazione è estremamente più complessa rispetto a quanto visto poc’anzi: toccherà infatti a te installare e configurare il sistema operativo (solitamente una distribuzione di Linux come Raspbian) sulla microSD, da inserire successivamente nel mini-computer, e dovrai procurarti un dispositivo di controllo USB, wireless o Bluetooth (ad es. una piccola tastiera dotata di trackpad) per utilizzare il Raspberry Pi dopo averlo collegato al TV.

Una volta effettuate queste operazioni, però, il percorso è in discesa: non soltanto avrai collegato il tuo TV a Internet, ma avrai a disposizione le medesime possibilità che un computer di modeste prestazioni può offrirti.

Come dici? Ti ho incuriosito e ora vorresti immediatamente procurarti un Raspberry Pi? Ottima scelta! Il modello preciso che ti consiglio per questo scopo è il Raspberry Pi 3, che puoi acquistare direttamente su Amazon insieme a una serie di accessori opzionali (case, modulo USB per il Wi-Fi e così via).

Raspberry PI 3 Model B Scheda madre CPU 1.2 GHz Quad Core, 1 GB RAM
Amazon.it: 38,35 €Vedi offerta su Amazon
Raspberry Pi - Adattatore WiFi ufficiale
Amazon.it: 17,40 €Vedi offerta su Amazon
Raspberry Pi 3 Official Desktop Starter Kit (16GB, Black)
Amazon.it: 57,93 €Vedi offerta su Amazon
iPazzPort Bluetooth Mini Wireless Keyboard with Touchpad Mouse, Backli...
Amazon.it: 12,99 €Vedi offerta su Amazon

Collegare lo Smart TV a Internet

Dunque mi stai dicendo che hai appena acquistato uno Smart TV e che non sei riuscito ad effettuare correttamente la connessione a Internet? Allora questa è decisamente la parte di guida più adatta a te!

Se disponi di uno Smart TV con sistema operativo proprietario, purtroppo, non posso darti informazioni molto dettagliate, in quanto ciascun televisore ha una procedura a sé stante. In generale, è sufficiente pigiare il tasto Menu del telecomando, accedere alla sezione Impostazioni (solitamente contraddistinta da un’icona a forma di ingranaggio), selezionare l’opzione relativa alla Rete e seguire le istruzioni a schermo per scegliere la rete a cui connettersi (cablata Wi-Fi), inserendo, se necessario, la chiave di rete. Su alcuni telecomandi, potrebbe essere disponibile il tasto specifico Impostazioni (contraddistinto dal simbolo  o a forma di chiave inglese).

Qualora il tuo televisore avesse a disposizione il sistema operativo Android TV, invece, la cosa si fa molto più semplice: pigia il pulsante Impostazioni sul telecomando oppure pigia sull’icona Impostazioni dalla schermata principale del televisore, accedi alla sezione Tutte le impostazioni > Wireless e reti, premi la freccia verso destra del telecomando per accedere al menu successivo, dopodiché seleziona le voci Via cavo o Wi-Fi > Connetti a rete.

Se desideri utilizzare la connessione Ethernet, non ti resta che attendere il messaggio di avvenuta connessione e pigiare successivamente sul pulsante OK mostrato a schermo. Per collegarti in modalità Wi-Fi, invece, pigia sulla voce Wireless, seleziona la rete che ti interessa e digita la password aiutandoti con il telecomando, dopodiché premi il tasto OK del telecomando: dopo qualche secondo, il tuo TV sarà collegato a Internet.

Se desideri sfruttare appieno le funzionalità del tuo nuovo Smart TV ma proprio non sai da dove iniziare, leggi la mia guida specifica su come funziona uno Smart TV. Per approfondire ulteriormente l’argomento, poi, puoi consultare i miei tutorial dedicati al funzionamento degli Smart TV Samsung, Smart TV LG, Smart TV Philips e alle app più utili da installare su Smart TV.