Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come collegare il telefono alla TV LG

di

Hai uno smartphone già vecchio di qualche anno, ma prima di sostituirlo vorresti tentare il tutto per tutto trasformandolo in un “dispositivo compagno” per il tuo televisore, per trasmettere contenuti multimediale su quest’ultimo, navigare online o usarlo a mo’ di telecomando. Per scoprire se ciò è fattibile, hai cercato online come collegare il telefono alla TV LG e sei finito su questa mia guida.

Le cose stanno così, dico bene? Allora devo dirti che hai avuto davvero una bella intuizione: la tua idea di collegare il telefono al televisore è senz’altro valida, e sappi che ti è possibile farlo in maniera molto semplice. Come dici? Non ci credi? Allora devi proprio leggere questo mio tutorial.

Nelle righe che seguono, infatti, ti parlerò di diversi metodi che ti permetteranno di collegare il telefono alla TV, sia essa Smart o non Smart, il tutto in modo molto semplice, fattibile anche dai meno esperti di tecnologia. Devi solo ritagliarti qualche minuto di tempo libero e mettere in pratica le indicazioni che trovi di seguito. Buona lettura e in bocca al lupo per tutto!

Indice

Come collegare il telefono alla TV LG senza cavo

Iniziamo questa guida analizzando insieme quelli che sono i migliori metodi per collegare il telefono alla TV LG senza cavo, sia per la riproduzione dei contenuti, che per il controllo in modalità “telecomando”.

LG Screen Share (Android)

Come collegare il telefono alla TV LG senza cavo

LG Screen Share è un’applicazione presente di serie su quasi tutti gli Smart TV LG, la quale basa il suo funzionamento sul protocollo Miracast. Se non ne avessi mai sentito parlare, si tratta di un sistema di comunicazione senza fili, basato sullo standard Wi-Fi Direct, che consente di avviare la riproduzione dei contenuti tra due device dotati di scheda wireless e compatibili con la suddetta tecnologia. Miracast consente di raggiungere risoluzioni fino a 4K UHD.

Allo stato attuale delle cose, è possibile avviare la trasmissione dello schermo soltanto partendo da smartphone (e tablet) dotati di Android 4.4 e versioni successive; su iPhone, invece, questa possibilità non è contemplata, in quanto il sistema operativo di Apple non supporta la trasmissione tramite Miracast, a meno di non usare un’applicazione di terze parti.

Ad ogni modo, per attivare LG Screen Share sul televisore, schiaccia il tasto Home del telecomando, individua l’applicazione omonima tra quelle presenti e, dopo averla selezionata, schiaccia il tasto OK del telecomando.

Giunto alla schermata iniziale di Screen Share, assicurati che, all’interno del menu situato in alto a destra, compaia la dicitura Modalità ascolto: Attiva; in caso contrario, seleziona il suddetto menu, schiaccia il tasto OK del telecomando e seleziona la voce Attiva dal menu che compare di seguito.

Fatto ciò, sei pronto ad avviare la trasmissione dello schermo di Android: raggiungi dunque il menu Impostazioni > Dispositivi connessi > Preferenze di connessione > Trasmetti del sistema operativo, fai tap sul nome del televisore LG che dovrebbe comparire nella lista dei dispositivi rilevati nelle vicinanze e attendi alcuni secondi, affinché venga stabilito il collegamento tra i due dispositivi. Se necessario, accetta la richiesta di connessione che compare sullo schermo del TV, premendo l’apposito pulsante.

A seconda della versione di Android in tua dotazione, il percorso da seguire potrebbe essere leggermente diverso: sugli smartphone Xiaomi, per esempio, devi recarti in Impostazioni > Connessione e condivisione > Proiezione e attivare la levetta corrispondente alla dicitura Proiezione.

In alternativa, puoi avviare la trasmissione dello schermo di Android richiamando l’area di notifica oppure il centro di controllo del sistema operativo e premendo sul pulsante Proiezione, Proietta oppure Trasmetti. In alcuni casi, potrebbe esserti richiesto di autorizzare l’accesso ai servizi di localizzazione dello smartphone, per individuare i dispositivi nelle vicinanze: accorda questo permesso con tranquillità, in quanto a usarlo sarà una funzione nativa di Android.

Ti farà inoltre piacere sapere che numerose app per Android consentono di avviare la trasmissione dei contenuti in riproduzione tramite Miracast, senza la necessità di riprodurre l’intero schermo (e con la possibilità di fare altro durante la trasmissione): per riuscirci, avvia l’app scelta, tocca sull’icona dello schermo con le onde e seleziona il nome del televisore LG dalla lista dei dispositivi individuati.

Nota: se il tuo televisore non è dotato di supporto nativo per Screen Share/Miracast, puoi integrarlo acquistando un adattatore esterno, meglio se di buona qualità e certificato Wi-Fi, da collegare a una porta HDMI libera dell’apparecchio.

Microsoft Adattatore Wireless per Display, HDMI, USB, Wi-Fi Italia, Te...
Vedi offerta su Amazon

Chromecast (Android/iOS)

Come collegare il telefono alla TV LG senza cavo

Chromecast è un sistema proprietario di Google che consente di trasmettere contenuti in streaming provenienti da una delle tantissime applicazioni compatibili per Android e iPhone (YouTube, Netflix, Amazon Prime Video, DAZN, Spotify, Google TV, NOW, Mediaset Play Infinity, RaiPlay sono soltanto alcuni esempi) e, in determinate condizioni, anche di trasmettere l’intero contenuto dello schermo. Affinché il tutto funzioni in modo corretto, è però indispensabile disporre di una connessione Wi-Fi con router e che i dispositivi coinvolti siano tutti collegati alla stessa rete Wi-Fi.

Allo stato attuale delle cose, Chromecast non è integrato nativamente sugli Smart TV LG, tuttavia è possibile far fronte alla cosa acquistando una chiavetta HDMI, denominata anch’essa Chromecast, prodotta direttamente da Google e compatibile con qualsiasi apparecchio audiovisivo dotato di ingresso HDMI (Smart e non).

La “chiavetta” di Google è disponibile in due versioni: una standard, con funzioni di base, che permette di riprodurre contenuti con risoluzione massima Full HD; e una più avanzata, Chromecast con Google TV, che dispone di sistema operativo con store di app, è dotato di telecomando e supporta risoluzioni pari a 4K HDR.

Google Chromecast, Grigio Antracite, Dai Il Via Allo Streaming
Vedi offerta su Amazon

Il dispositivo Chromecast va collegato direttamente a una delle porte HDMI libere del televisore e a una fonte di alimentazione esterna, anche USB; fatto ciò, bisogna accendere il TV, impostarlo sulla corretta sorgente HDMI e procedere con la prima configurazione di Chromecast mediante l’app Google Home, disponibile per smartphone e tablet Android, iOS e iPadOS.

Se hai bisogno di aiuto, puoi consultare la mia guida al funzionamento di Chromecast, nella quale ti ho spiegato tutto con dovizia di particolare. Abbi cura, durante la fase di configurazione, di collegare la “chiavetta” di Google alla stessa rete Wi-Fi in uso sullo smartphone.

La trasmissione di un contenuto proveniente da un’app compatibile con Chromecast può essere avviata con le stesse modalità viste, in precedenza, per Miracast: fai tap sull’icona dello schermo con le onde (oppure con l’antenna) visibile all’interno dell’app e tocca il nome di Chromecast dalla lista che compare subito dopo.

Gli smartphone Android consentono, in maniera nativa, di inviare al televisore anche l’intero contenuto dello schermo: puoi riuscirci recandoti nel menu Impostazioni > Dispositivi connessi > Preferenze di connessione > Trasmetti (o simili) di Android, oppure richiamando l’area di notifica del sistema operativo e pigiando sul pulsante Proietta, Trasmetti, Trasmissione schermo o Proiezione, situato al suo interno.

In alternativa, puoi avviare la trasmissione dello schermo di Android anche dall’app Google Home: dopo aver aperto quest’ultima, fai tap sul nome di Chromecast e poi sul pulsante Trasmetti schermo, per due volte consecutive. Se necessario, premi infine sul pulsante Avvia adesso/OK, per confermare la volontà di procedere.

Gli iPhone, invece, non supportano la trasmissione dell’intero schermo in maniera nativa, tuttavia è possibile ottenere risultati apprezzabili usando Replica, un’applicazione di terze parti appositamente progettata per lo scopo.

AirPlay (iOS)

Come collegare il telefono alla TV LG

Se possiedi uno Smart TV LG prodotto a partire dal 2019 dotato di tecnologia Ai ThinQ e intendi trasmettere lo schermo oppure i contenuti provenienti da iPhone (ma anche da iPad e Mac), puoi impiegare la tecnologia AirPlay.

Per la precisione, si tratta di un sistema di comunicazione progettato da Apple, il quale consente di inviare contenuti multimediali da iPhone, iPad e Mac verso i televisori compatibili, nel giro di pochi istanti, a patto che i dispositivi coinvolti siano connessi alla stessa rete Wi-Fi. Se non sei sicuro circa la compatibilità del televisore con AirPlay, consulta questa pagina Web presente sul sito di Apple e verifica la presenza del modello del tuo TV nella lista di quelli supportati.

Per poter usare AirPlay, devi innanzitutto collegare il televisore LG a Internet, se non lo hai ancora fatto: premi dunque sul tasto dell’ingranaggio visibile sul telecomando, seleziona la voce (⋮) Tutte le impostazioni dal menu che compare in sovrimpressione e raggiungi le sezioni Rete e Connessione Wi-Fi.

Ora, individua il nome della rete alla quale collegarti tra quelle visualizzati sullo schermo, selezionalo e, dopo aver premuto il tasto OK del telecomando, immettine la chiave d’accesso avvalendoti della tastiera che compare sullo schermo e dai nuovamente OK.

Adesso, per verificare che AirPlay sia attivo, schiaccia il tasto Home del telecomando, seleziona l’icona Home Dashboard situata a sinistra della barra che compare (raffigurante una casetta racchiusa in un cerchio) e individua il pulsante relativo ad AirPlay all’interno della schermata successiva.

Come collegare il telefono alla TV LG senza cavo

A questo punto, premi su quest’ultimo pulsante e verifica che lo stato di AirPlay risulti attivo, altrimenti fallo tu; se lo desideri, utilizza il menu a tendina Richiedi il codice per stabilire se richiedere un codice per l’associazione soltanto al primo collegamento di ciascun dispositivo, se richiederlo sempre oppure non richiederlo mai.

Superato anche questo step, passa all’iPhone e, se intendi trasmettere contenuti provenienti da un’app, apri l’applicazione che desideri, premi sul simbolo di AirPlay (il triangolo con le onde) e poi sul nome del televisore. Se necessario, digita il codice visualizzato sullo schermo del TV nell’apposito campo di iPhone, in modo da autorizzare il collegamento avviare subito la trasmissione dei contenuti.

Per riprodurre l’intero schermo, invece, richiama il Centro di controllo di iOS, fai tap sul pulsante Duplica schermo (i due rettangoli sovrapposti) e seleziona il nome del televisore dalla lista che compare in seguito. Anche in questo caso, potresti dover immettere un codice per stabilire la connessione. Per approfondimenti, puoi prendere visione del mio tutorial su come usare AirPlay.

Se il tuo Smart TV LG non dispone di supporto nativo per AirPlay, oppure se non è dotato affatto di funzioni Smart, puoi rimediare al problema acquistando Apple TV, un dispositivo multimediale HDMI prodotto da Apple che consente di trasformare il televisore in un ricevitore AirPlay, ma anche di usare le applicazioni in maniera “indipendente”, in quanto dotato di App Store interno.

Il box di Apple è disponibile in due differenti modelli, entrambi forniti con telecomando: Apple TV HD, che supporta la trasmissione di contenuti fino alla risoluzione Full HD e dispone di 32 GB di memoria interna; e Apple TV 4K, che può essere acquistato in tagli da 32 o 64 GB di memoria interna e aumenta la risoluzione supportata a 4K/Ultra HD.

2021 Apple TV HD (32GB)
Vedi offerta su Amazon
2021 Apple TV 4K (64 GB)
Vedi offerta su Amazon

Una volta acquistato, Apple TV va collegato al televisore e configurato per l’accesso a Internet, così come ti ho spiegato nella mia guida specifica sull’argomento. Completata la configurazione iniziale, è possibile trasmettere contenuti al box multimediale, seguendo le stesse procedure viste poco fa.

Nonostante la trasmissione dei contenuti tramite AirPlay/Apple TV non sia supportata nativamente da Android, si può far fronte alla cosa mediante l’uso di applicazioni come Cast TV, scaricabile sia dal Play Store che dai market alternativi per Android: quest’ultima, in particolare, permette di riprodurre sul televisore foto, video e musica salvata in memoria, oppure file multimediali condivisi nella rete locale, tramite il browser integrato.

DLNA (Android/iOS)

Come collegare il telefono alla TV LG

Uno tra i più famosi protocolli di trasmissione wireless è chiamato DLNA (acronimo di Digital Living Network Alliance) e si tratta di una tecnologia che viene supportata dalla maggior parte dei dispositivi Android e iOS, la quale consente di riprodurre contenuti archiviati su un server DLNA personale, oppure su di un NAS con supporto alla suddetta tecnologia.

Anche in questo caso, affinché il tutto vada per il meglio, è necessario che entrambi i dispositivi siano collegati alla stessa rete Wi-Fi; la tecnologia in questione è comunque molto diffusa sugli Smart TV di ultima generazione.

Nel caso in cui non fosse presente in maniera nativa sul cellulare, è possibile ricorrere all’utilizzo di applicazioni gratuite per Android e iOS al fine di attivarla e supportarla, iMediShare, disponibile sia per Android che per iPhone. Per accedere a un server DLNA in rete, devi accendere lo Smart TV LG, premere il tasto Home del telecomando e avviare l’applicazione Foto e video.

Nonostante l’ampia diffusione di questa tecnologia, bisogna sottolineare che si tratta di un protocollo di trasmissione Wireless un po’ datato; non permette infatti di svolgere attività quali il mirroring dello schermo e vi sono inoltre diverse limitazioni per quanto riguarda il supporto a determinati file video.

LG ThinQ (Android/iOS)

Come collegare il telefono alla TV LG

Non è tua intenzione collegare il telefono alla TV LG per riprodurre i contenuti multimediali ma vorresti invece far funzionare il tuo smartphone come se fosse un telecomando? In tal caso, se impieghi un televisore LG dotato di sistema operativo WebOS, puoi usare l’applicazione LG ThinQ, disponibile sia per Android che per iOS. Affinché il tutto vada a buon fine, è indispensabile che il televisore e lo smartphone siano collegati alla stessa rete Wi-Fi.

Detto ciò, vediamo come procedere. Per prima cosa, apri il market integrato sul tuo dispositivo e utilizza la funzione di ricerca per individuare l’applicazione tra quelle disponibili; in alternativa, fai tap su uno dei link che ti ho fornito poc’anzi, per aprire direttamente la sezione apposita.

Adesso, premi sul pulsante Installa/Ottieni per avviare il download dell’app e, se ti viene richiesto, porta a termine l’autenticazione mediante riconoscimento facciale, impronta digitale o password dell’account configurato.

A download completato, apri l’applicazione ottenuta, accetta i termini d’uso della stessa e, se ti viene richiesto, accorda i permessi per accedere ai servizi di localizzazione, ai dispositivi della rete e al Bluetooth, rispondendo in maniera affermativa agli avvisi successivi.

Giunto alla schermata iniziale di LG ThinQ, fai tap sul pulsante per avviare una ricerca nelle vicinanze, premi sul nome del televisore LG e digita, quando richiesto, il codice numerico che compare sullo schermo del televisore, in modo da stabilire il collegamento. A partire da questo momento, puoi controllare lo Smart TV direttamente dal cellulare, semplicemente aprendo l’app LG ThinQ e facendo tap sul nome del TV.

Se ti interessa saperne di più sull’app LG ThinQ e altre app per telecomando compatibili, ti rimando alla lettura della mia guida su come accendere LG senza telecomando, nella quale ti ho spiegato tutto con dovizia di particolari.

Come collegare il telefono alla TV LG con cavo USB

Come collegare il telefono alla TV LG con cavo USB

Hai paura che l’uso di un collegamento senza fili possa provocare ritardi di trasmissione tra lo smartphone e il televisore? In questo caso, puoi avvalerti della porta USB del telefono per stabilire la connessione con il televisore, semplicemente acquistando un cavo oppure un adattatore che consenta di trasformare la porta di ricarica del telefono in un’uscita HDMI.

Di cavi e adattatori USB-HDMI ve ne sono di tipologie differenti, in base al connettore presente sul dispositivo. Di seguito ti elenco quelli più comuni.

  • Da USB-C a HDMI: cavi e adattatori di questo tipo consentono di trasformare la porta USB-C del cellulare (è quella che consente di inserire il connettore di ricarica in ambo i versi, per capirci) in un ingresso HDMI. Questa modalità di collegamento supporta risoluzioni fino a 3840 x 2160 pixel a 60 Hz e non necessita di alimentazione esterna.
Adattatore da USB C a HDMI 4K, adattatore BENFEI da Thunderbolt 3 a HD...
Vedi offerta su Amazon
  • Da Lightning ad AV digitale: se il tuo è un iPhone, devi acquistare un adattatore di questo tipo, unitamente a un cavo USB di buona fattura, per connettere tra loro il telefono e il televisore. Ti consiglio di optare per un adattatore dotato di porta Lightning, che consente di tenere in carica il “melafonino” mentre è connesso al televisore. Questo sistema permette di raggiungere risoluzione massima pari a Full HD (1080p).
Apple Lightning Digital AV Adapter
Vedi offerta su Amazon
Amazon Basics - Cavo Ultra HD HDMI 2.0 ad alta velocità, formati 3D su...
Vedi offerta su Amazon
  • microUSB a HDMI: si tratta di un adattatore destinato agli smartphone dotati di una porta di ricarica di tipo microUSB. Ve ne sono di due tipi: MHL, che consente di raggiungere una risoluzione massima di 8K (nel caso di superMHL) e permette la trasmissione dei contenuti cifrati, oppure SlimPort, che supporta risoluzione massima a 4K, ma può essere usato anche su televisori non dotati di porta HDMI (DVI, DisplayPort oppure VGA). I cavi MHL possono essere a loro volta di due tipi di versi: MLH attivo, compatibile con quasi tutti i telefoni e i televisori, il quale necessita di una fonte di alimentazione esterna; ed MHL passivo, che non richiede alimentazione alcuna ma può essere usato soltanto se entrambi i dispositivi sono dotati di supporto per tale tecnologia.
41561 Adattatore MHL a HDMI Attivo per Smartphone, 0,15m
Vedi offerta su Amazon
Cavo MHL Adattatore da Micro USB a HDMI 5 Pin + Adattatore da 11 Pin p...
Vedi offerta su Amazon
TECHLY IADAP HDMI-SLIMPORT - Adattatore HDMI SlimPort
Vedi offerta su Amazon

Una volta ottenuto tutto il necessario, collega l’adattatore alla porta di ricarica dello smartphone, inserisci la prima estremità del cavo HDMI nell’uscita dedicata dell’adattatore (se necessario) e connetti la seconda estremità del cavo all’ingresso HDMI del televisore LG.

Per finire, premi il tasto fisico Home sul telecomando, seleziona la sorgente dedicata all’ingresso HDMI scelto (ad es. HDMI 1 oppure HDMI 2) e schiaccia il tasto OK del telecomando. Nel giro di qualche istante, lo schermo del telefono dovrebbe essere proiettato sul televisore, senza la necessità di effettuare alcun tipo di configurazione aggiuntiva. Maggiori info qui.

Se, invece, stai pensando di collegare il telefono all’ingresso USB del televisore per poter riprodurre, tramite quest’ultimo, i file archiviati in memoria, mi duole comunicarti che la cosa non è fattibile, in quanto il sistema operativo a bordo degli Smart TV LG non consente di accedere in maniera “diretta” al contenuto della memoria del telefono.

Tuttavia, come trovi spiegato nel capitolo precedente di questa guida, puoi comunque avviare la trasmissione dei tuoi contenuti, oppure dell’intero schermo, impiegando le tecnologie wireless LG Screen Share (Miracast), Chromecast e AirPlay: sono sicuro che otterrai comunque risultati di tutto rispetto!

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.