Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come colorare con Photoshop

di

Ami molto disegnare e desideri donare un aspetto più professionale alle tue creazioni? Che ne dici di digitalizzare i tuoi disegni e colorarli al computer usando Photoshop? Forse non ci hai mai pensato, ma il celebre programma di Adobe può trasformarsi in uno strumento perfetto per questo scopo. Basta solo usarlo nel modo giusto.

Eccomi allora qui, pronto a darti una mano e a farti vedere come colorare con Photoshop. All’inizio ti potrà sembrare un po’ macchinosa come procedura ma, credimi, una volta assimilati i meccanismi base, ti divertirai un mondo a usare il programma di fotoritocco più famoso al mondo per questo scopo. E poi vuoi mettere la soddisfazione di vedere un proprio disegno trasformato in maniera così professionale?

Allora, sei pronto per iniziare? Sì? Alla grande! Mettiti bello comodo e concentrati sulla lettura dei prossimi paragrafi: sto per spiegarti come colorare le foto, lo sfondo delle immagini, i disegni, le scritte e persino i capelli con Photoshop su tutti i tuoi dispositivi. Buona lettura e buon divertimento!

Indice

Come colorare con Photoshop su PC

Iniziamo questa disamina vedendo innanzitutto come colorare con Photoshop su PC adoperando Photoshop CC, cioè a versione desktop del celebre software di fotoritocco. Come ti accennavo nell’introduzione, ti spiegherò come utilizzare il programma per colorare foto, sfondi, disegni, scritte, etc.

Come colorare foto con Photoshop

Colorare una foto con Photoshop

Vorresti colorare una foto con Photoshop, magari perché è in bianco e nero o perché desideri modificare il colore di un’area specifica dell’immagine? Ti garantisco che riuscirci non è affatto complicato. Basta importare l’immagine di proprio interesse in Photoshop e avvalersi degli strumenti inclusi nel programma.

Avvia, dunque, Photoshop e importa la foto da colorare all’interno del programma. Per riuscirci, puoi agire tramite il menu File > Apri (in alto a sinistra) o, più semplicemente, trascinare l’immagine all’interno della finestra di Photoshop. Successivamente, clicca sull’icona del cerchio diviso a metà (in basso a destra, nel pannello di gestione dei livelli), seleziona la voce Tinta unita dal menu apertosi e, dopo aver selezionato il colore con cui colorare la parte della foto di tuo interesse, clicca sul pulsante OK. A questo punto, cambia il metodo di fusione da “Normale” a Luce soffusa mediante l’apposito menu a tendina collocato sempre nel pannello di gestione dei livelli.

Colorare foto con Photoshop

Come puoi notare, il colore che avevi precedentemente scelto è stato applicato a tutta l’immagine. Per indicare a quale porzione di foto applicare il colore scelto, puoi avvalerti di vari strumenti: il più semplice da utilizzare è lo strumento Pennello. Per procedere, però, devi prima invertire la maschera di livello: selezionala dal pannello di gestione dei livelli e poi premi la combinazione di tasti Ctrl+I (su Windows) o cmd+i (su macOS).

Dopodiché richiama lo strumento Pennello dalla toolbar di Photoshop e, dopo aver selezionato il colore bianco (tramite il selettore posto in basso a sinistra) e aver scelto le dimensioni e la durezza dello strumento (mediante i menu collocati in alto a sinistra), inizia a “colorare” l’area in cui vuoi evidenziare il colore precedentemente scelto.

Qualora dovessi commettere qualche “sbavatura”, seleziona il colore nero tramite il selettore apposito posto in basso a sinistra e passa il pennello sull’area interessata. Non ti resta, poi, che ripetere i passaggi appena descritti per tutte le restanti aree della foto da colorare.

Come colorare sfondo con Photoshop

Cambiare colore sfondo foto con Photoshop

Se desideri semplicemente colorare lo sfondo con Photoshop, invece, dopo aver importato nel programma l’immagine da ritoccare, seleziona lo strumento lazo magnetico dalla barra degli strumenti posta sulla sinistra (devi fare clic destro sullo strumento lazo e poi selezionare quello magnetico) e inizia a scontornare il soggetto ritratto in foto ricalcando i bordi, cercando di essere il più preciso possibile.

Dopo aver eseguito la selezione con cura, clicca sul pulsante Migliora bordo situato in alto e usa le barre di regolazione che compaiono a schermo per perfezionare ulteriormente la selezione fatta. Adesso, fai clic destro all’interno della selezione, clicca sulla voce Seleziona inverso nel menu apertosi e poi premi il tasto Canc/Backspace sulla tastiera.

Nel riquadro che si apre, seleziona la voce Colore dal menu Contenuto e, dopo aver selezionato la colorazione che desideri applicare allo sfondo dall’apposito riquadro, conferma l’operazione, tramite il bottone OK.

Come colorare disegni con Photoshop

Colorare un disegno con Photoshop

Prima di vedere in dettaglio come colorare disegni con Photoshop, voglio farti una raccomandazione importante: scegli un disegno che abbia dei bordi ben definiti, possibilmente ricalcati con un pennarello nero, e digitalizzalo a una risoluzione medio-alta. Ciò ti faciliterà il lavoro in maniera notevole. Detto ciò, passiamo all’azione!

Dopo aver aperto il disegno da colorare, tramite il menu File > Apri, puoi cominciare a scatenare l’artista digitale che c’è in te. In che modo? Beh, di sicuro non premendo un tasto e lasciando che Photoshop si occupi di tutto. Come ti ho accennato in precedenza, colorare un disegno al computer è un’operazione che richiede molto tempo e attenzione. Gli strumenti da usare sono quasi sempre gli stessi, ma bisogna usarli in maniera diversa a seconda dei casi e, soprattutto, dei disegni da colorare.

Il principio base è quello di selezionare nella maniera più precisa possibile la porzione di disegno da colorare, affinare la selezione, colorare con uno strumento come il secchiello e rifinire il tutto con il pennello facendo attenzione a non cancellare i tratti del disegno originale. Lo so, sembra difficile, forse all’inizio lo è davvero, ma basta un po’ di pratica per rendere tutto più semplice e divertente.

Il primo passo che devi compiere per colorare con Photoshop è richiamare lo strumento lazo magnetico dalla toolbar del programma (sulla sinistra) e selezionare con esso una parte di disegno da colorare (es. il volto, un arto, la maglietta, un petalo e così via). Se vuoi ottenere un lavoro di buona qualità, evita di effettuare selezioni troppo ampie e concentrati di volta in volta su piccole porzioni di disegno.

Una volta completata la selezione, per quanto il lazo magnetico possa essere preciso, c’è sempre qualche dettaglio da limare. Clicca, quindi, sul pulsante Migliora bordo che si trova in alto a destra e utilizza le barre di regolazione presenti nella finestra che si apre per rendere quanto più precisa possibile la tua selezione evitando “sbavature”. Aiutati con l’anteprima e, quando sei soddisfatto del risultato ottenuto, clicca su OK, per salvare i cambiamenti effettuati alla selezione.

Colorare un disegno con Photoshop

Effettuata e perfezionata la selezione, non ti resta che cliccare sullo strumento secchiello e scegliere il colore con cui riempire la parte di disegno evidenziata. Utilizza, quindi, il secchiello nella porzione di immagine selezionata e, se la colorazione non è riuscita a riempire tutta la superficie selezionata, provvedi a perfezionare il lavoro usando il pennello.

Quando usi il pennello di Photoshop per colorare un disegno, imposta la sua opacità a circa il 50% usando l’apposito menu a tendina (nella parte alta della finestra). In questo modo, sarai libero di colorare le parti troppo “delicate” del disegno per lo strumento secchiello evitando di cancellarne i tratti. Per “calcare” il colore, passaci sopra il pennello due o tre volte.

Colorare un disegno con Photoshop

Insomma, questo è lo schema che devi seguire per tutto il disegno: selezione con lazo magnetico, perfezione della selezione con la funzione Migliora bordo, colorazione generale con strumento secchiello e perfezionamento del lavoro con pennello con opacità a 50% o meno. Poi naturalmente ci saranno aree del disegno in cui non sarà necessario il perfezionamento con il pennello o, al contrario, porzioni di immagini in cui potrai operare solo aumentando il livello di zoom di Photoshop e usando in maniera minuziosa il pennello (nelle sue varie dimensioni).

Una volta finito di colorare il disegno, dagli un tocco artistico finale selezionando lo strumento brucia e andando a scurire le parti del disegno in cui ci sta bene un’ombreggiatura. Con la stessa tecnica puoi dare anche un colorito più realistico ai volti, andando per esempio a scurire le guance o l’attaccatura dei capelli. Sta al tuo spirito artistico giudicare dove vale la pena usare questo strumento per abbellire il disegno.

Quando sei soddisfatto del risultato ottenuto, non ti rimane che selezionare la voce Salva con nome dal menu File di Photoshop e salvare il tuo bel disegno colorato al computer nella cartella e nel formato che più preferisci. Visto che non era così complicato come pensavi?

Come colorare una scritta con Photoshop

Colorare scritte su Photoshop

Vorresti sapere come colorare una scritta con Photoshop? In realtà non è difficile: lo strumento Testo integrato nel programma di fotoritocco di Adobe, infatti, offre la possibilità di selezionare il colore da dare alla scritta di proprio interesse.

Per procedere, dunque, richiama lo strumento Testo orizzontale dalla toolbar collocata sulla sinistra (basta fare clic destro sulla T e selezionarlo dal menu apertosi), clicca nel punto in cui desideri aggiungere la scritta e digita il testo di tuo interesse. Successivamente, fai clic sul rettangolo posto in alto (leggermente sulla destra), scegli il colore da conferire al testo e poi clicca sul pulsante OK per terminare l’operazione.

Come colorare i capelli con Photoshop

Capelli Photoshop

Sei giunto su questa guida per capire come colorare i capelli con Photoshop? Beh, sappi che puoi avvalerti di vari strumenti utili allo scopo.

Dal momento che si tratta di una procedura relativamente articolata, la lettura degli approfondimenti in cui spiego come cambiare colore dei capelli con Photoshop e come disegnare i capelli con Photoshop ti sarà utile.

Come colorare con Photoshop online

Colorare con Photopea

Vorresti colorare con Photoshop online? Mi spiace, ma Photoshop Express Editor, servizio Web di casa Adobe per il photo editing, non offre strumenti adatti allo scopo. Comunque, puoi procedere con l’utilizzo di servizi di terze parti, come Photopea, che è gratuito e funziona senza l’ausilio di alcun plugin (in quanto è sviluppato in HTML5). Presenta banner pubblicitari, ma non sono per nulla invasivi ed è possibile rimuoverli abbonandosi alla versione a pagamento del servizio, che parte da 9 dollari al mese.

Per avvalertene, recati sulla pagina principale di Photopea e, se necessario, traduci la sua interfaccia in italiano, selezionando la voce Italiano dal menu More > Language collocato in alto. Il passo successivo consiste nell’importare in Photopea l’immagine o il disegno da colorare: basta cliccare sulla voce Apri da computer e selezionare il file di proprio interesse.

Successivamente, puoi avvalerti dei molteplici strumenti di disegno — pennelli, strumenti di selezione, etc. — per colorare l’immagine. Il funzionamento del servizio non si discosta molto da quello di Photoshop, per cui non dovresti avere difficoltà ad avvalertene: dopo aver selezionato lo strumento di tuo interesse dalla toolbar posta sulla sinistra, devi agire direttamente sull’immagine per adoperare lo strumento stesso.

Quando avrai terminato le modifiche al tuo lavoro, salva l’immagine di output mediante il menu File > Esporta come e scegli il formato di esportazione che desideri utilizzare.

Come colorare con Photoshop su smartphone e tablet

Adobe Sketch

Esistono diverse versioni di Photoshop per smartphone e tablet, come ti ho già spiegato in quest’altra guida, ma l’unica che effettivamente consente di colorare è Photoshop Sketch, disponibile gratuitamente per AndroidiOS/iPadOS. L’app permette di creare disegni digitali e importare foto o disegni da colorare. Nel momento in cui scrivo, nessuna delle altre app gratuite di Adobe per smartphone e tablet consente di fare ciò.

Dopo averla installata e avviata sul tuo dispositivo, fai tap sul pulsante Registrati gratuitamente, per creare il tuo Adobe ID (se non ne hai già uno), o accedi l’eventuale account in tuo possesso, premendo sul pulsante Accedi e compilando il modulo di login. Ti segnalo, inoltre, la possibilità di loggarti tramite Facebook o Google.

Ad accesso effettuato, fai tap sul pulsante (+) situato sulla destra e seleziona un formato tra quelli disponibili. Successivamente, fai tap sul pulsante (+) e seleziona la voce Livello immagine, per inserire l’immagine da colorare dalla Galleria, scattando una foto al momento, etc.

Successivamente, avvaliti dei pennelli posti sulla sinistra per realizzare il tuo disegno: per modificare le caratteristiche di uno degli strumenti in questione, fai doppio tap su quello che hai selezionato e regola dimensione, flusso e colore mediante gli appositi indicatori. Dopodiché disegna direttamente sul foglio di lavoro presente nella schermata. A lavoro ultimato, premi sul simbolo della freccia rivolta verso l’alto (in alto a destra) e seleziona una delle opzioni di salvataggio o condivisione tra quelle disponibili.

Infine, ti segnalo che, se hai un iPad, puoi avvalerti della versione per iPadOS di Photoshop, che è decisamente più avanzata rispetto a Photoshop Sketch, in quanto comprende la maggioranza delle funzioni di Photoshop CC e include anche feature pensate per la tecnologia touch screen e gli accessori compatibili con alcuni iPad, come l’Apple Pencil, utilissima per disegnare e colorare immagini e disegni. La versione di Photoshop per iPad è gratis per il primo mese, poi ha un costo di 10,99 euro/mese.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.