Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

App per Photoshop

di

Sei un appassionato di photo editing e Photoshop è il tuo pane quotidiano. In questo periodo, però, i tuoi numerosi impegni ti portano spesso fuori casa e quindi vai alla ricerca di una versione del celebre software Adobe da usare in mobilità, magari su smartphone e tablet. Beh, mi spiace, purtroppo non esiste un’app che possa sostituire in tutto e per tutto Photoshop, ma esistono delle app per Photoshop, realizzate dalla stessa Adobe, grazie alle quali è possibile ritoccare le immagini tramite smartphone e tablet raggiungendo dei risultati comunque egregi.

Le applicazioni in questione possono essere scaricate e utilizzate in modo gratuito e, grazie alla tecnologia Adobe CreativeSync, permettono di sincronizzare i propri progetti con il cloud, in modo tale da potervi accedere da qualsiasi device. Vorresti saperne di più? Bene, sono qui proprio per questo. Prenditi cinque minuti di tempo libero e leggi le indicazioni che sto per darti.

Nei prossimi paragrafi, ti illustrerò in dettaglio le app ufficiali di Photoshop e ti spiegherò come usarle al meglio su Android e iOS/iPadOS. Ti assicuro che, anche se queste soluzioni non sono potenti come la versione “classica” di Photoshop per PC, i risultati che riuscirai a ottenere utilizzandole ti lasceranno a bocca aperta!

Indice

Adobe Photoshop (iPadOS)

Photoshop per iPad

Photoshop per iPad è la trasposizione più avanzata di Photoshop in ambito mobile. Si tratta, infatti, di un’applicazione che coniuga gran parte delle funzioni di Photoshop per computer con la flessibilità del touch-screen e degli accessori esclusivi di iPad, come la Apple Pencil. Si può scaricare gratis dall’App Store e include anche 100GB di spazio sul cloud Adobe ma, dopo il primo mese di prova, costa 10,99 euro/mese.

Per potertene avvalere, dopo aver scaricato e avviato l’app, devi accedere con un account Adobe, Apple, Google o Facebook, dopodiché devi premere sul pulsante Start 1 month free trial e confermare l’attivazione della trial, tramite Face ID, Touch ID o immissione della password dell’ID Apple.

A questo punto, non ti resta che scegliere se creare una nuova immagine (Create new) o aprirne una già esistente (Import and open), selezionando una delle opzioni disponibili in basso. Si aprirà così l’editor vero e proprio con, sulla sinistra, i vari strumenti per la modifica dell’immagine e, sulla destra, gli strumenti per la gestione dei livelli, delle maschere ecc.

Per esportare le foto, premi sull’icona con il quadrato e la freccia collocata in alto a destra. Per disattivare il rinnovo automatico dell’abbonamento, invece, vai nel menu menu Impostazioni > iTunes Store e App Store > ID Apple: [tuo indirizzo email] > Visualizza ID Apple > Abbonamenti > Photoshop on the iPad di iPadOS e premi sulla voce Annulla abbonamento.

Adobe Photoshop Express (Android/iOS/iPadOS)

Photoshop Express

Continuiamo con Adobe Photoshop Express, un’app che permette di ritoccare foto in 6, massimo 7, passaggi garantendo un’elevatissima qualità di output. Oltre alla possibilità di editare i propri scatti agendo direttamente sui loro parametri (luminosità, contrasto, esposizione, etc.), Photoshop Express permette anche di realizzare dei fantastici collage fotografici tramite una funzionalità specifica integrata nell’app.

Se hai già portato a termine il download di Adobe Photoshop Express sul tuo smartphone o sul tuo tablet, avvia l’app (che è disponibile per Android e iOS/iPadOS e premi sul bottone Avanti per 10 volte consecutive, così da leggere le schede informative che ne illustrano per sommi capi le caratteristiche. Dopodiché fai tap sul bottone Adobe ID ed effettua l’accesso con il tuo account Adobe o, se preferisci, accedi con il tuo account Google o il tuo account Facebook, pigiando sui relativi pulsanti. L’accesso con l’Adobe ID è preferibile, in quanto permette di usufruire di funzioni in più, come quella relativa alla riduzione del rumore digitale, l’effetto nebbia, oltre che a consentire l’uso di alcuni filtri aggiuntivi.

A login eseguito, fai tap sul pulsante OK e concedi all’app i permessi per funzionare correttamente. In seguito, fai tap sull’anteprima della foto che intendi ritoccare tra quelle salvate in Galleria; se vuoi prelevarle dalla fotocamera, da Creative Cloud, etc, invece, espandi il menu Tutte le foto e seleziona l’opzione che preferisci utilizzare.

Per ritoccare la foto di tuo interesse, pigia sui simboli che sono collocati in basso: fai tap sul simbolo dei tre cerchi intrecciati, per applicare un filtro all’immagine; pigia sull’icona dei due cerchi concentrici, per applicare alcuni effetti “speciali”; premi sul simbolo dello strumento ritaglia, per ritagliarla; fai tap sul simbolo con le barre di regolazione, per agire in modo specifico sui suoi parametri; fai tap sull’icona del cerotto, per riparare alcuni suoi difetti; pigia sul simbolo dell’occhio, per correggere in modo automatico l’effetto occhi rossi; premi sul simbolo della T, per aggiungere del testo all’immagine; fai tap sull’icona del cuoricino, per inserire degli sticker oppure premi sul simbolo del rettangolo, per aggiungere la vignettatura, le cornici e altri elementi decorativi.

A lavoro ultimato, fai tap sul pulsante Esporta (in alto a destra) e, nella schermata che ti viene mostrata, seleziona una delle opzioni di salvataggio o condivisione tra quelle disponibili.

Se hai scelto di realizzare un collage, invece, nella schermata principale dell’app, devi pigiare sul simbolo del quadrato con i due rettangoli (in basso a destra), in modo da selezionare il formato del collage. Dopodiché seleziona le foto da includere nel progetto, fai tap sul simbolo della freccia rivolta verso destra (in basso a destra) e seleziona uno dei preset tra quelli elencati in fondo alla schermata. Adesso, pigia sull’icona della matita, per sostituire una foto del collage o per ritoccarla.

A lavoro ultimato, pigia sul bottone Avanti situato in alto a destra e, nel menu che compare, seleziona una delle opzioni di salvataggio o condivisione disponibili.

Adobe Photoshop Lightroom CC (Android/iOS)

Photoshop Lightroom Android

Adobe Photoshop Lightroom, app disponibile sia su Android che su iOS, è un’altra soluzione gratuita che dovresti prendere in seria considerazione se vuoi ritoccare i tuoi scatti. Adobe Photoshop Lightroom, infatti, oltre a permettere di elaborare e condividere immagini offre la possibilità di scattare foto nel formato DNG, oltre che importare e modificare file nel formato RAW. Per accedere a quest’ultima funzione, però, bisogna sottoscrivere l’abbonamento al piano Fotografia di Adobe Creative Cloud, che parte da 12,19 euro al mese (IVA inclusa).

Ci tengo a dirti anche che alcune feature avanzate, come quella che permette di scattare foto in formato RAW, DNG o HDR, sono accessibili soltanto a coloro che sono in possesso di un dispositivo di ultima generazione (es. Galaxy S8/S8+ e successivi, Google Pixel/Pixel XL e successivi, iPhone 6s/6s Plus e successivi, iPad Pro 9.7″ e successivi, etc.).

Dopo aver scaricato Adobe Photoshop Lightroom CC sul tuo dispositivo, avvia la app, scorri le schede informative che compaiono al suo avvio e pigia sul bottone Accedi, per effettuare il login con il tuo Adobe ID o, se preferisci, effettua il login con il tuo account FacebookGoogle o Apple, pigiando sui relativi pulsanti.

A login effettuato, premi sull’icona della lente d’ingrandimento (in alto a destra) e premi sull’icona dell’immagine con il simbolo (+), per ritoccare una foto presente in Galleria oppure sul simbolo della fotocamera, per scattarne una al momento.

Dopodiché fai tap sull’anteprima dell’immagine importata in Lightroom e utilizza gli strumenti collocati in basso per agire sulla stessa: Selettiva, per eseguire una seleziona della porzione di foto da editare; Pennello correttivo, per correggere o clonare una porzione di foto;Ritaglia, per ritagliare una porzione dell’immagine; Profili, per correggere lo scatto utilizzando uno dei tanti preset disponibili; Auto, per usare lo strumento di editing automatico; Luce, per correggere l’esposizione, il contrasto e altri parametri della foto; Colore, per modificare la temperatura, la vivezza, la saturazione, etc.; Effetti, per modificare la chiarezza dell’immagine, per rimuovere l’effetto foschia o per sfumarla; Dettagli, per aumentare la nitidezza dello scatto oppure Ottica, per attivare/disattivare lo strumento di correzione obiettivo; Geometria, per usare lo strumento di corruzione prospettica e Predefiniti, per correggere i colori della foto con alcuni filtri preimpostati.

A lavoro ultimato, pigia sul simbolo della condivisione situato in alto e salva il lavoro fatto selezionando una delle opzioni di salvataggio e condivisione tra quelle che visualizzi a schermo.

Alternative alle app di Photoshop

Le applicazioni sviluppate da Adobe non ti hanno convinto? Non perderti d’animo e dai un’occhiata al seguente elenco di app: magari riuscirai a trovare qualche soluzione che sia di tuo gradimento grazie alla quale potrai ritoccare i tuoi scatti.

  • Snapseed (Android/iOS/iPadOS) — quest’applicazione è sviluppata da Google e permette di usare numerosi strumenti grazie ai quali è possibile agire sui principali parametri delle proprie foto. L’interfaccia minimale che caratterizza Snapseed, la rende perfetta per chi cerca una soluzione completa e al tempo stesso facile da utilizzare.
  • Pixlr (Android/iOS/iPadOS) — questa soluzione gratuita permette non solo di ritoccare i propri scatti e di agire sui loro principali parametri (esposizione, contrasto, luminosità, etc.), ma anche di creare dei fantastici collage fotografici.
  • VSCO (Android/iOS) — chi cerca un’app per ritoccare foto in modo facile e veloce, non può non prendere in considerazione VSCO, una soluzione gratuita che permette di modificare le immagini con molteplici preset.
  • Afterlight (Android/iOS/iPadOS) — quest’app permette di agire sui parametri delle foto tramite l’utilizzo di numerosi tool, filtri, forme, cornici e quant’altro. Afterlight può essere scaricata gratuitamente su Android e iOS, anche se per accedere a tutti gli strumenti bisogna sottoscrivere un abbonamento, che parte da 3,49 euro/mese.
  • Pixelmator (iOS/iPadOS/macOS) — chi possiede un dispositivo Apple, non può non prendere in considerazione quest’app che costa 5,99 euro su iOS/iPadOS e 32,99 euro su macOS. Gli strumenti inclusi in Pixelmator, la sua interfaccia “pulita” e le gesture intuitive che caratterizzano la versione mobile dell’app la rendono una delle migliori alternative a Photoshop.
  • Photoshop Sketch (Android/iOS/iPadOS) — in conclusione, voglio segnalarti Photoshop Sketch: un’applicazione sviluppata da Adobe che, a differenza delle altre menzionate in questo post, non permette di ritoccare le foto, bensì di creare dei disegno digitali usando smartphone e tablet.
Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.