Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come copiare i sottotitoli di un video

di

Recentemente hai visto diversi splendidi film sottotitolati, magari con il buon proposito di migliorare la tua padronanza di una lingua straniera. Oppure, da grande appassionato cinefilo quale sei, ti piace semplicemente poter cogliere la recitazione originale di una pellicola: durante la visione, poi, ti è venuto in mente che potrebbe essere utile disporre della versione testuale dei dialoghi per rileggerli con più calma o, eventualmente, per poterli modificare e applicare successivamente a una versione migliore del filmato in questione.

Non essendo molto pratico di queste procedure, quindi, hai cominciato a cercare in Rete delle istruzioni su come copiare i sottotitoli di un video e, infine, sei approdato qui, su questa guida: ebbene, oggi è proprio il tuo giorno fortunato! Infatti, nei prossimi paragrafi ti esporrò diversi metodi per estrarre la trasposizione testuale di un video in un apposito file che potrai riutilizzare comodamente al bisogno.

Che si tratti di un filmato già presente sul tuo computer, o di un video appena visualizzato sulla celebre piattaforma YouTube, in questa guida troverai tutte le informazioni di cui necessiti. Tranquillo, non è nulla di particolarmente complesso. Ti basteranno solo pochi minuti del tuo prezioso tempo per realizzare quanto sia semplice estrarre i sottotitoli da diverse tipologie di filmato. Allora, sei pronto? Perfetto! Non mi rimane che augurarti buona lettura e buon proseguimento.

Indice

Come estrarre sottotitoli da un video MP4

funzioni attivazione sottotitoli player Windows

Prima di procedere alla spiegazione di come estrarre i sottotitoli da un video MP4 (o anche MKV, le indicazioni da seguire sono le medesime), credo sia indispensabile fare alcune premesse al riguardo. Innanzitutto, è importante eseguire una distinzione fra i sottotitoli hardsub e quelli softsub.

I primi, sono quelli sovrimpressi nel filmato e ne sono sostanzialmente parte integrante: ne consegue che non è possibile copiarli se non trascrivendoli manualmente durante la riproduzione, in quanto non sono separabili dalla sorgente video (o estraendoli tramite OCR, con molta fatica).

I sottotitoli softsub, invece, sono registrati in appositi file esterni al video (o esterni ma inclusi nel contenitore del video, che può essere, per esempio, in formato MKV o MP4): questi ultimi hanno solitamente formati .srt, .sub o .ssa e permettono di sincronizzare i sottotitoli con il filmato. Possono essere attivati o disattivati liberamente dallo spettatore tramite apposite funzionalità presenti nel lettore multimediale utilizzato per la riproduzione. In questo caso è possibile operare facilmente sul contenuto per estrarlo, per poterlo consultare, editare o aggiungere a un altro video.

Per capire con quali sottotitoli hai a che fare, dunque, è sufficiente verificare se il player che stai utilizzando per la riproduzione del video permette di aggiungerli e disattivarli a tuo piacimento. In caso affermativo, è possibile procedere con le soluzioni che sto per proporti nei prossimi capitoli: si tratta, infatti, di software idonei all’estrazione dei sottotitoli per i formati MKV o MP4. Questi ultimi, come già detto, sono dei veri e propri contenitori in grado di incorporare diversi formati multimediali in un unico file.

Il compito dei programmi che sto per illustrarti + proprio quello di estrapolare unicamente le informazioni relative ai sottotitoli, separandole dal resto del materiale. Buon divertimento!

MkvToolNix (Windows/macOS/Linux)

MkvExtractGUI

La prima soluzione di cui desidero parlarti è MkvToolNix: si tratta di un programma gratuito e open source compatibile con i sistemi operativi Windows, macOS e Linux che, grazie all’integrazione di un componente aggiuntivo permette, con pochi semplici comandi, di estrapolare i sottotitoli softsub dalla sorgente video.

Come prima cosa, esegui il download del software principale collegandoti a questa pagina e premi sul link corrispondente al tuo sistema operativo: ad esempio, se usi ‌Windows premi sul relativo link, poi sulla voce for download from fosshub.com e, infine, MKVToolNix Windows installer (64-bit) (o 32 bit, se usi un sistema operativo a 32 bit).

Attendi poi che l’eseguibile venga scaricato e, se il tuo sistema operativo è Windows, fai doppio clic sul file mkvtoolnix[versione].exe per avviare l’installazione. Per proseguire, premi sul pulsante , quindi clicca sul bottone OK e, nei passaggi successivi, pigia due volte sul bottone Avanti e una su Installa. Al termine dell’installazione fai clic sul pulsante Avanti e completa l’operazione premendo sulla dicitura Chiudi.

Se stai usando un Mac, invece, fai clic sul pacchetto MkvToolNix[versione].dmg appena scaricato e trascina l’icona del programma sulla cartella Applicazioni. A seguire, accedi alla suddetta cartella e fai clic con il tasto destro del mouse sull’icona di MkvToolNix, quindi premi l’opzione Apri per due volte consecutive: in questo modo il software può essere avviato aggirando le limitazioni imposte da Apple verso gli sviluppatori non certificati.

MKVExtractGUI

Ora è venuto il momento di installare il plugin di cui ti ho accennato poco fa: per il sistema operativo Windows dovrai installare gMKVExtractGUI, facilmente reperibile da questa pagina. Per procedere, fai clic sull’ultima versione disponibile, quindi, nella pagina successiva, pigia sul file MKVExtractGUI[versione]7z per scaricarlo.

A seguire, dovrai copiare il suddetto file nella cartella del programma MkvToolNix ed estrarlo al suo interno. Se non hai modificato il percorso in fase di installazione, il path di default è C: > Program Files > MKVToolNix.

Il plugin aggiuntivo per il sistema operativo macOS, invece, si chiama Inviska MKV Extract e puoi reperirlo in questa pagina, cliccando sulla versione Mac 64-bit per avviare il download. Una volta ottenuto il file .pkg cliccaci sopra due volte per iniziare l’installazione, quindi premi due volte sul pulsante Continua e pigia il bottone Installa. Al termine, fai clic sul pulsante Chiudi.

Ora è tutto pronto per l’estrazione dei sottotitoli: fai doppio clic sul plugin appena scaricato, per avviare il programma e accedere alla schermata principale. Da qui per importare il video dovrai trascinare il relativo file all’interno del riquadro bianco denominato Input Files: il programma scomporrà automaticamente il contenitore nei suoi vari elementi, fra cui anche quelli relativi ai sottotitoli. Per selezionare quelli di tuo interesse, dunque, dovrai semplicemente cliccare sul box a lato per inserire il segno di spunta in corrispondenza dell’elemento che vuoi estrarre.

A seguire, premi sul pulsante Browse, in basso a destra, e definisci la cartella di destinazione dei file precedentemente selezionati. Infine, premi sul pulsante Extract (Begin su Mac) per eseguire l’operazione: potrai monitorare l’avanzamento del processo tramite l’indicatore in basso a sinistra, il cui completamento ti verrà notificato da un apposito messaggio applicativo.

Subtitle Edit (Windows)

Subtitle Edit importazione sottotitoli

Un’altra soluzione molto intuitiva è quella offerta dal software Subtitle Edit, anch’esso gratuito ma compatibile solo con Windows.

Come prima cosa, collegati a questa pagina e fai clic sull’ultima versione disponibile, per scaricare l’eseguibile, quindi premi due volte sul file .zip per estrarre il contenuto e, a seguire, ripeti il doppio clic sul file SubtitleEdit[versione]Setup.exe, per iniziare l’installazione.

Alla prima schermata, pigia sul pulsante , quindi, nella finestra successiva, premi sul bottone OK. Al passaggio seguente, fai clic sull’opzione Accetto i termini del contratto di licenza e premi quattro volte il pulsante Avanti, quindi pigia sulla voce Installa per avviare il processo. Al termine, dovrai fare clic una volta ancora sul pulsante Avanti e, a seguire, dovrai premere sul bottone Fine per completare l’operazione.

Ora, avvia il software cliccando due volte sull’icona che viene generata sul desktop. Dalla schermata principale del programma, premi sul menu File > Open (in alto a sinistra) e scegli il video di tuo interesse.

In questa fase ti verrà mostrato l’elenco dei sottotitoli trovati all’interno del contenitore MKV o MP4 e, nel caso in cui siano presenti più lingue, dovrai semplicemente cliccare sulla versione che vuoi ottenere e premere il bottone OK per confermare l’operazione. Attendi, quindi, l’elaborazione dei contenuti in questione, che potrai monitorare tramite l’indicatore di avanzamento localizzato in basso a sinistra.

export subtitle edit

I sottotitoli verranno caricati in un’apposita tabella collocata in alto a sinistra e, per selezionarli tutti, dovrai cliccare sul menu Edit > Select all: noterai che tutte le righe e le colonne verranno evidenziate. Ora puoi procedere al salvataggio del file: premi sul menu File > Export > Plain Text e ti verrà mostrata una finestra dove gestire le opzioni di esportazione dei sottotitoli.

Ti suggerisco di selezionare la modalità Merge all lines o Unbreak Lines all’interno del box Format Text per ottenere una visuale più chiara del testo (ad ogni modo, prima di procedere, potrai saggiare in anteprima la bontà della scelta nel riquadro di sinistra denominato Preview).

Opzionalmente, puoi decidere di inserire anche il numero delle righe aggiungendo il segno di spunta accanto alla dicitura Show Line Numbers e l’indicatore temporale agendo allo stesso modo sulla voce Show Time code. Una volta fatto ciò, premi sul pulsante Save as, quindi definisci la posizione in cui vuoi salvare il file di testo e fai clic sul pulsante Salva. Facile, vero?

Come copiare i sottotitoli di un video YouTube

funzionalità trascrizione youtube

Hai scovato un filmato interessantissimo su YouTube e ti stai chiedendo se sia possibile accedere a una versione testuale dei suoi sottotitoli, da consultare a proprio piacimento. Ebbene, ho un’ottima notizia per te! Anche in questo caso, infatti, se il contenuto caricato prevede l’integrazione di un file dedicato ai sottotitoli, è possibile estrarli mediante un’apposita funzionalità messa a disposizione dalla piattaforma.

Non è assolutamente difficile, infatti, capire come copiare i sottotitoli di un video YouTube, ma devo avvisarti che è possibile usufruirne solo accedendo dal sito Internet, mentre per quanto riguarda la versione mobile tale possibilità non è prevista.

Come prima cosa occorre accertarsi della loro presenza in formato softsub. Dopo aver eseguito l’accesso al servizio e aver avviato il filmato in questione, verifica che sia presente di un icona con un riquadro bianco al cui interno sono presenti due righe e due puntini, localizzata in basso alla destra del player: in caso affermativo, i sottotitoli sono stati realizzati in un file separato e cliccando sul suddetto pulsante potrai attivarli.

Ora, premi sul simbolo dei tre puntini (in basso a destra) e fai clic sull’opzione Apri trascrizione, in modo da aprire un riquadro dedicato ai sottotitoli alla destra del video. Qui potrai selezionare la lingua desiderata fra quelle disponibili tramite il menu a tendina localizzato in basso.

In aggiunta, se lo desideri, puoi rimuovere l’indicatore temporale alla destra delle singole righe di testo cliccando sui tre puntini verticali (in alto) e pigiando sulla voce Attiva/disattiva timestamp.

copiare trascrizione youtube

Per copiare il testo, non dovrai fare altro che cliccare prima della lettera iniziale e, tenendo premuto il tasto sinistro del mouse, scorrere fino al termine del riquadro. Una volta selezionati tutti i sottotitoli, premi con il tasto destro del mouse su una porzione qualsiasi del riquadro in questione e fai clic sull’opzione Copia.

Avvia, quindi, il tuo editor di testo preferito e crea un nuovo documento. A seguire, premi con il tasto destro del mouse su un’area vuota di quest’ultimo e seleziona la voce Incolla, quindi salva il nuovo file.

Spero vivamente che le istruzioni fornite in questa guida ti siano state d’aiuto per estrarre i sottotitoli dai tuoi video o film preferiti, ma devi sapere che, in alternativa, è possibile anche scaricarli separatamente tramite appositi siti e programmi, dei quali ho descritto il funzionamento in questo tutorial.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.