Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come fare video con immagini che si muovono

di

Ultimamente, navigando sui social network, ti sei imbattuto in alcuni video molto suggestivi e creativi che hanno sùbito catturato la tua attenzione: la loro caratteristica principale è quella di apparire come fotografie statiche al cui interno, però, sono inseriti degli elementi o dei soggetti in movimento, in modo tale da realizzare un contrasto davvero insolito attraverso la ripetizione continua di una stessa sequenza di fotogrammi. Sei rimasto talmente tanto affascinato da questo originale effetto che vorresti provare a ricrearlo sui tuoi progetti grafici.

In effetti questa particolare tecnica, nota con il nome cinemagraph (o cinemagrafia), sta sempre più spopolando nel Web (e non solo), grazie anche alla crescente disponibilità di diverse soluzioni software in grado di emularla. Ho realizzato questo tutorial, quindi, proprio per spiegarti come fare video con immagini che si muovono, illustrandoti il funzionamento di alcune app per dispositivi mobili e programmi per computer sviluppati appositamente per questo scopo.

Ti basterà solo dedicare qualche minuto del tuo prezioso tempo alla lettura dei prossimi paragrafi per apprendere in che modo applicare un effetto in stile cinemagraph ai tuoi filmati e potrai immediatamente cimentarti con una delle soluzioni da me proposte: vedrai che non ci vorrà molto a ottenere il risultato atteso e sono certo che resterai sorpreso dalla semplicità di esecuzione! Allora, sei pronto? Perfetto, in tal caso non mi rimane che augurarti buona lettura e buon divertimento!

Indice

Come fare video con immagini che si muovono da mobile

video da mobile

Se sei solito realizzare i tuoi scatti o i tuoi video con la fotocamera dello smartphone o del tablet per poi elaborarli e postarli direttamente sui social dai suddetti dispositivi e, dunque, vorresti apprendere come fare video con immagini che si muovono da mobile, nei prossimi capitoli ti mostrerò il funzionamento di alcune app che reputo particolarmente adatte allo scopo.

A seguire, ti suggerirò anche eventuali alternative per fornirti una panoramica il più completa possibile delle varie soluzioni mobile attualmente presenti sui principali store di riferimento.

Motionleap

motionleap schermata iniziale

Motionleap di Lightricks è sicuramente una delle migliori app del suo genere per l’elaborazione di immagini con effetti cinemagraph: è disponibile sia per Android a partire dalla release 7.1 (verifica anche su store alternativi se il tuo smartphone non ha i servizi Google) che per iOS/iPadOS dalla versione 13.0.

L’app nella sua versione base è gratuita, ma devo avvisarti che molte funzionalità richiedono la sottoscrizione di un abbonamento PRO, il quale prevede costi a partire da 1,84 al mese per l’abbonamento con fatturazione annuale.

Per scaricarlo ti basterà pigiare su uno dei link sopra riportati relativo al sistema operativo del dispositivo in tuo possesso, premere il pulsante Installa/Ottieni ivi presente e attendere che vengano eseguiti il download e l’installazione. Se hai un iPhone/iPad dovrai anche procedere alla verifica dell’identità tramite Face ID, Touch ID o password dell’ID Apple.

Una volta fatto ciò, avvia l’app premendo sull’icona con l’immagine di una volpe che è stata contestualmente aggiunta in Home Screen, quindi scorri le quattro schermate del tutorial introduttivo facendo scivolare il dito da destra verso sinistra e pigiando, infine, il pulsante Immergiti per iniziare a utilizzare l’app.

Ti verrà proposto successivamente di sottoscrivere una delle formule di abbonamento previste, ma se vuoi testare l’app e rimandare la decisione a un secondo momento ti basterà pigiare sul simbolo della [X] collocato in alto a sinistra per accedere alla schermata principale.

A seguire, sfiora il pulsante Home (quello con il simbolo della casa) situato in alto a destra, quindi premi l’opzione Nuova Creazione nella successiva schermata: per prima cosa sarà necessario autorizzare l’app ad accedere ai contenuti multimediali presenti sul tuo dispositivo pigiando sulla voce Consenti nella notifica che ti viene mostrata.

Procedi, ora, a selezionare l’immagine che vuoi elaborare: puoi utilizzarne una archiviata nella Galleria del tuo smartphone, o attingere alle immagini di repertorio proposte dall’app nella sezione Stock.

A questo punto è possibile cominciare ad apportare le modifiche al contenuto selezionato tramite le funzionalità messe a disposizione nella barra inferiore dell’app: come vedrai a breve, alcune di esse, contrassegnate dal simbolo di una corona, sono riservate unicamente ai sottoscrittori di un abbonamento PRO.

strumenti animazione app motionleap

Per iniziare, premi la funzione Anima, quindi, nel sottomenu che ti viene proposto, sfiora la modalità Tracciato: quest’ultima ti consente di definire l’animazione che vuoi applicare semplicemente disegnando con il dito, direttamente sull’immagine, il percorso che vuoi far seguire al movimento.

Puoi anche delimitare il contorno dell’oggetto o dell’elemento che vuoi animare tramite lo strumento Ancoraggio: per farlo dovrai semplicemente pigiare su alcuni suoi punti perimetrali, per fare in modo che il movimento non venga applicato a tutta l’immagine. Se, invece, desideri escludere una parte della foto, pigia il tool Blocca, quindi disegna, sempre con il dito, l’area che non deve essere coinvolta dall’effetto.

Per visualizzare il risultato delle modifiche apportate, premi il simbolo ▶︎ situato in basso a destra della foto: a questo punto puoi modificare anche la velocità dell’effetto mediante l’apposita funzionalità. Qualora nella fotografia selezionata siano presenti ampi spazi di cielo, ti consiglio di sfruttare la relativa opzione all’interno del menu principale, la quale è in grado di riconoscere autonomamente il suddetto elemento e di sostituirlo con diversi scenari di nuvole in movimento.

Per concludere, prova anche a sperimentare le altre funzionalità non strettamente legate all’animazione, come filtri ed effetti, al fine di definire al meglio l’immagine e renderla ancora più suggestiva. Al termine, quindi, esporta il progetto premendo sull’apposita voce collocata in alto a destra, seleziona il formato fra quelli proposti nella barra sottostante, quindi definisci la sua durata e qualità e, infine, pigia sul bottone Esporta.

Cinemagraph PRO

maschera cinemagraph PRO app

Se possiedi un iPhone o un iPad con iOS a partire dalle versione 13.6, non puoi lasciarti assolutamente sfuggire Cinemagraph PRO: un’app davvero eccezionale per questo tipo di utilizzo che puoi scaricare gratuitamente da questo link.

Considera, però, che la versione free prevede l’inserimento di watermark sulle immagini, ma è prevista anche la possibilità di fruire di una prova gratuita della versione PRO per una settimana che ti consentirà di testarla senza limiti di funzionalità, al termine della quale potrai scegliere di attivare l’abbonamento annuale che prevede un costo di 21,99 euro.

Al primo avvio dell’app visualizzerai un breve video dimostrativo, dopodiché sarà necessario registrarsi premendo sulla funzionalità Crea un account e compilando, al passaggio successivo, i campi Nome utente, Password e E-mail.

A seguire, occorrerà innanzitutto autorizzare l’app all’invio di notifiche pigiando l’opzione Consenti sull’apposito messaggio che ti viene mostrato, quindi, dalla schermata principale, potrai scegliere di registrare direttamente un nuovo video sfiorando il pulsante con il simbolo del cerchio nel menu principale collocato in basso (acconsentendo all’accesso da parte dell’app alla fotocamera), o caricare un file multimediale già esistente premendo il simbolo dell’immagine situato alla sua destra (in questo caso potrai scegliere se importarlo da iCloud o dall’archivio del dispositivo).

Prima di procedere all’editing, però, ti consiglio di scegliere o realizzare un video con un’inquadratura fissa nel quale siano presenti almeno due soggetti in movimento: in tal modo sarà possibile congelare uno dei due e mantenere l’animazione sull’altro, creando il contrasto che rende questo genere di graphic art così originale e apprezzata.

Una volta caricato il video, individua il segmento che vuoi utilizzare per la tua creazione e delimitalo agendo sulla barra della timeline collocata sotto al player, spostando il punto di inizio e di fine mediante il trascinamento delle ancore bianche presenti agli estremi della stessa. A seguire, decidi se mettere in loop il video (Ripeti) o farlo “rimbalzare” dalla fine all’inizio (Rispedisci).

Definisci anche l’incidenza dell’effetto di dissolvenza e la velocità di riproduzione tramite gli appositi indicatori ivi presenti. Una volta fatto ciò, spostati sulla sezione Brush pigiando sul simbolo del pennello nel menu in basso, quindi individua gli elementi che desideri mantenere in movimento.

A seguire, disegna con il dito sopra di essi per creare la cosiddetta maschera, che ti consentirà di isolarli dal resto dal filmato: in questa fase, per ottenere una maggiore precisione, ti suggerisco di impostare i parametri di Dimensione e Durezza del pennello.

Considera che puoi anche invertire la modalità di editing premendo sull’anteprima del video e selezionando il cerchio colorato dal menu che compare in alto: in questo modo avrai a disposizione un tool con il quale potrai correggere facilmente eventuali errori. In alternativa, puoi anche annullare l’ultima azione premendo il simbolo della freccia che punta verso sinistra.

Se lo desideri, a questo punto puoi modificare i parametri base dell’immagine inerenti il colore e la luce tramite gli strumenti presenti nella sezione delle Regolazioni (quella con il simbolo dei selettori, a fianco del pennello), oppure applicare direttamente i preset proposti nell’ultima opzione (quella con il simbolo dei tre cerchi sovrapposti).

Per salvare il progetto, infine, esci dalla modalità Composizione premendo la freccia situata in alto a sinistra (come ti ho indicato in precedenza il relativo menu si ottiene pigiando sull’immagine del player), quindi premi il simbolo della freccia che esce da un quadrato collocata in basso a destra e, al passaggio successivo, scegli se esportarlo nel tuo account Cinemagraph, caricarlo sulla community di Flixel, o condividerlo su un dispositivo iOS o macOS o tramite le app presenti sul device.

Altre app per fare video con immagini che si muovono

Zoetropic app cinemagraph

Se desideri valutare altre soluzioni per applicare gli effetti in stile cinemagrafia ai tuoi progetti video, ti consiglio di sperimentare queste app che ho personalmente testato con risultati più che soddisfacenti.

  • Zoetropico (AndroidiOS/iPadOS) — come nel caso di Motionleap, tramite questa app è possibile applicare del movimento a fotografie statiche. La versione base è gratuita, ma per rimuovere la filigrana che viene impressa sul progetto, eliminare la pubblicità e avere accesso a tutte le funzionalità, occorre attivare un abbonamento con costi a partire da 1,69 euro.
  • VIMAGE (AndroidiOS/iPadOS) — anche in questo caso si tratta di un’applicazione con la quale è possibile elaborare fotografie statiche, attribuendo a esse diverse tipologie di animazioni molto efficaci. La versione base è scaricabile gratuitamente, ma per accedere alle funzionalità PRO e rimuovere il watermark occorre attivare un apposito abbonamento che prevede costi a partire da 2,49 euro al mese.
  • StoryZ (AndroidiOS/iPadOS) — se vuoi sbizzarrirti con effetti ancora più originali, ti consiglio di provare a cimentarti con questa app, che mette a disposizione un’ottima dotazione di strumenti grafici di assoluto impatto: puoi anche approfittare di una prova gratuita di 7 giorni sull’abbonamento Premium annuale a 11,99 euro, altrimenti la sottoscrizione mensile ha un costo 2,09 euro.

Come fare video con immagini che si muovono da PC

filmato su PC

Preferisci utilizzare il computer per l’editing dei tuoi progetti grafici e, dunque, vorresti capire come fare video con immagini che si muovono da PC? Nessun problema, ho preparato per te una selezione con alcune valide soluzioni che reputo particolarmente adatte allo scopo.

Ashampoo Cinemagraph (Windows)

interfaccia ashampoo cinemagraph

Ashampoo Cinemagraph è un software di editing delle immagini che risponde perfettamente alla tua esigenza di creare video con immagini che si muovono: il programma è compatibile con i sistemi operativi di casa Microsoft a 64 bit a partire dalla versione Windows 7 ed è a pagamento (37,99 euro una tantum), ma puoi avvalerti di una versione di prova collegandoti a questo link e premendo il pulsante Scaricare gratis.

Una volta fatto ciò, attendi che l’eseguibile venga scaricato sul tuo PC, quindi premi due volte sul file ashampoo_cinemagraph__versione_.exe nella cartella predefinita per i download e premi il pulsante per avviare l’installazione. Per prima cosa pigia il pulsante Accetto e procedo per confermare il consenso ai termini di utilizzo e, alla schermata successiva, premi il bottone Avanti.

Appena terminata l’installazione, pigia sulla voce Fine per avviare il software e attiva la versione di prova per accedere all’interfaccia. La prima schermata offre subito la possibilità di importare i video da elaborare: ti basterà trascinarli all’interno dell’apposito riquadro per avviare subito la modalità editing. Anche in questo caso valgono le indicazioni fornite in precedenza: per una buona riuscita dell’effetto il video deve essere caratterizzato da una ripresa fissa e dalla presenza di più elementi in movimento.

Per prima cosa, definisci lo spezzone di video che vuoi utilizzare per realizzare il progetto utilizzando l’apposita barra presente sotto al player. A seguire, individua la sezione Maschera (in alto nel pannello di destra) e scegli se applicare lo strumento che rende statica un’area dell’immagine (simbolo del pennello con le linee della pausa) o quello per renderla dinamica (stesso simbolo ma con il pulsante ▶︎).

Nella suddetta area puoi anche gestire alcune caratteristiche del pennello, come dimensione, durezza e opacità, in modo da eseguire l’operazione con maggiore precisione. Comincia, quindi, ad applicare il tool selezionato in precedenza sull’immagine, disegnando con il mouse sulla zona dell’immagine prescelta.

Sempre dal pannello di destra, è possibile editare anche molte altre qualità del filmato, come bilanciamento del colore, luminosità, esposizione e saturazione, le quali si attivano immettendo il segno di spunta sul box a fianco della dicitura Contrasto e colore.

Inoltre, allo stesso modo è possibile attivare i menu che permettono di aggiungere effetti, di tagliare e ruotare l’immagine, arrotondare gli angoli del frame, gestire la velocità del movimento e aggiungere del testo.

esportazione ashampoo cinemagraph

Non appena ti ritieni soddisfatto del lavoro, premi sul pulsante Esportazione collocato in basso nella barra inferiore dell’interfaccia, quindi, nella finestra che ti viene proposta, seleziona il formato, la dimensione, la qualità e la quantità dei frame per secondo (FPS) che vuoi applicare al progetto finale.

In questa fase puoi anche scegliere di esportarlo senza audio o attribuirgli alcune particolari caratteristiche relative al ciclicità del movimento. Infine, premi di nuovo sul pulsante Esportazione, scegli la cartella di destinazione e attendi i tempi tecnici di elaborazione.

Cinemagraph PRO (macOS)

cinemagraph pro mac interfaccia

Ebbene sì, Cinemagraph PRO, di cui ti ho parlato in un capitolo precedente in ambito mobile, è presente anche come software per i sistemi operativi macOS. Considera, però, che i requisiti minimi per poterlo installare sono la disponibilità di macOS Sierra 10.12.2 o superiore, 4 GB di RAM (raccomandati 8GB per video in 4K), una scheda video Apple con supporto alla tecnologia Metal, 256 MB di VRAM (raccomandato 1 GB per il 4K) e 1 GB di spazio libero sul disco.

Inoltre, ti farà piacere sapere che anche per questa versione è possibile effettuare valutazione gratuita di una settimana (il piano per l’utilizzo su PC prevede costi a partire da 16,67 euro al mese). Per cominciare la prova, clicca sul pulsante Download Free Trial a questo link e seleziona l’opzione Cinemagraph PRO macOS: contestualmente verrà scaricato un file zip. A seguire, quindi, dovrai estrarre il suddetto archivio e spostare manualmente l’eseguibile dell’applicazione nella cartella Applicazioni, premere due volte sul file in questione e cliccare sul pulsante Apri per avviare il programma.

Dopo aver visualizzato il filmato introduttivo (basta premere la dicitura Prossimo per far scorrere il tutorial) e aver eseguito la registrazione tramite la compilazione del modulo proposto, verrai rimandato alla schermata iniziale del programma. Per prima cosa, dunque, carica il video che vuoi editare trascinandolo all’interno della finestra con il simbolo [+] e premi sul pulsante Apri nella finestra che ti viene contestualmente mostrata.

L’interfaccia, come potrai vedere, ricalca l’operatività di quella dell’applicazione mobile, con la differenza che i vari tool risultano distribuiti in maniera differente: gli strumenti per la gestione dell’animazione e per l’impostazione dei parametri dell’immagine sono collocati in un apposito pannello sulla destra, i tool per la regolazione del pennello e della maschera si trovano sopra al player, gli effetti possono essere richiamati premendo il pulsante con i tre cerchi sovrapposti posizionato in alto a sinistra, mentre la timeline è situata sotto al player.

Per il resto, il funzionamento è del tutto simile a quello esposto nel suddetto capitolo relativo all’app Cinemagraphic PRO: sostanzialmente, quindi, è necessario applicare il pennello a un’area del video che desideri mantenere in movimento (il resto verrà “congelato”) e utilizzare lo strumento Gomma per correggere eventuali imperfezioni, dopodiché potrai agire sui restanti strumenti per modificare l’immagine a tuo piacimento.

Per salvare il progetto, infine, premi sul pulsante Esportare collocato in alto a destra, definisci formato, dimensioni, FPS (frame per secondo) e numero di ripetizioni, quindi pigia il bottone Prossimo e definisci la cartella di destinazione. Per concludere clicca sulla voce Esportare e attendi i tempi di elaborazione del video.

Altre soluzioni per fare video con immagini che si muovono

Photomirage

I software per PC che ti ho suggerito nei precedenti capitoli non ti hanno convinto del tutto e vorresti valutare altre soluzioni per ricreare l’effetto cinemagraph tramite computer? Anche per questa esigenza ho preparato per te una selezione di prodotti che reputo particolarmente validi.

  • Graphitii (Windows/macOS) — sicuramente uno dei software di editing grafico più apprezzati per quanto riguarda la realizzazione di video con immagini che si muovono. È possibile scegliere fra una versione Lite con licenza personale a circa 41,70 euro, o una per scopi commerciali a 59,40 euro.
  • Photomirage (Windows/macOS) — i tool messi a disposizione da questo software sono estremamente intuitivi e permettono di realizzare animazioni accattivanti con pochi clic. Inoltre, puoi testarli gratuitamente usufruendo di una settimana di prova, dopodiché potrai valutarne l’acquisto, che prevede un costo di 38,99 euro.
  • ClipGraph (Windows/macOS) — questo programma offre soluzioni avanzate per la realizzazione di video in stile cinemagraph professionali, orientati al mondo della pubblicità, del marketing e dei creativi. Il costo del prodotto, in questo caso, ammonta a 59,40 euro.

Altre soluzioni per fare video con foto

interfaccia easeus

L’argomento che ti ho proposto ti interessa moltissimo e vorresti approfondirlo valutando anche altre soluzioni per fare video con foto? In tal caso, devi sapere che ho realizzato diversi tutorial sul tema: se, ad esempio, sei alla ricerca di programmi per computer dedicati a questo scopo, ti consiglio di leggere con attenzione la mia guida dedicata nella quale passo in rassegna le migliori soluzioni software in questo specifico ambito. Preferisci non installare nulla sul tuo sistema operativo? In questo caso dai un’occhiata a queste interessanti alternative online.

Se, invece, per te è particolarmente importante poter aggiungere della musica al tuo progetto grafico, qui puoi trovare una spiegazione esaustiva del funzionamento di alcuni applicativi che reputo particolarmente interessanti.

Inoltre, se ti è più congeniale l’utilizzo di app di editing per smartphone o tablet, ti consiglio vivamente di provare le soluzioni mobile che ho personalmente testato in questa guida, mentre se sei un amante di iPhone apprezzerai l’articolo che ho dedicato alle soluzioni per iOS.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.