Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come mettere la password su WhatsApp

di

Più di una volta ti è capitato di lasciare il tuo smartphone incustodito per qualche minuto e ritrovarlo in mano a qualche tuo amico ficcanaso che stava leggendo le tue conversazioni su WhatsApp. Pur non avendo nulla da nascondere, vorresti evitare che qualcuno possa curiosare nelle tue chat senza alcuna autorizzazione. Per questo motivo, vorresti bloccare l’accesso a WhatsApp con una password e ti stai chiedendo se posso darti una mano a tal riguardo. Ma certo che sì, ci mancherebbe altro!

Se mi dedichi pochi minuti del tuo tempo libero, posso spiegarti come mettere la password su WhatsApp fornendoti tutte le indicazioni necessarie per riuscire nel tuo intento. Oltre alla procedura dettagliata per attivare la funzionalità nativa della celebre app di messaggistica che consente di accedere solo tramite impronta digitale o riconoscimento facciale, troverai anche alcuni strumenti utili che permettono di bloccare WhatsApp con una password.

Come dici? È proprio quello che volevi sapere? Allora non perdiamo altro tempo prezioso e vediamo come procedere. Mettiti comodo, prenditi tutto il tempo che ritieni opportuno e dedicati alla lettura dei prossimi paragrafi. Ti assicuro che, seguendo attentamente le mie indicazioni e provando a metterle in pratica, riuscirai a impostare una password per WhatsApp e impedire a qualche amico curioso di sbirciare nuovamente tra le tue conversazioni. Buona lettura!

Indice

Come mettere la password su WhatsApp Android

Android

Per mettere la password su WhatsApp Android puoi utilizzare la funzione Blocco con impronta digitale della celebre applicazione di messaggistica che, appunto, consente l’accesso all’app in questione tramite impronta digitale. In alternativa, puoi affidarti all’opzione Blocco app di Android che permette di accedere alle applicazione di proprio interesse tramite immissione di una password (anche tramite riconoscimento facciale o impronta digitale).

Nel primo caso, prendi il tuo smartphone e assicurati di aver configurato l’impronta digitale come metodo di sblocco. Accedi, quindi, alle impostazioni di Android (l’icona della rotella d’ingranaggio presente in Home screen o nel drawer), premi sulla voce Sicurezza e privacy, seleziona l’opzione ID impronta e, se ancora non lo hai fatto, crea un codice di sblocco per il dispositivo.

A questo punto, seleziona le opzioni Gestione impronta e Nuova impronta e segui le indicazioni mostrate a schermo per mettere l’impronta digitale su Android. Tieni presente che la procedura potrebbe variare a seconda del dispositivo Android in tuo possesso.

Dopo aver configurato la tua impronta digitale, avvia l’app di WhatsApp, fai tap sull’icona dei tre puntini, in alto a destra, e seleziona l’opzione Impostazioni dal menu che si apre. Accedi, poi, alla sezione Account, premi sulla voce Privacy e fai tap sull’opzione Blocco con impronta digitale. Infine, sposta la levetta accanto alla voce Sblocca con impronta digitale da OFF a ON e il gioco è fatto.

Nella schermata di configurazione dello sblocco via impronta potrai impostare anche il lasso di tempo dopo il quale WhatsApp si deve bloccare automaticamente (immediatamente, dopo 1 minuto o dopo 30 minuti) e scegliere se mostrare il contenuto delle notifiche.

Se, invece, preferisci accedere a WhatsApp tramite password, accedi alle impostazioni di Android, fai tap sulla voce Sicurezza e privacy e premi sull’opzione Blocco app. Nella nuova schermata visualizzata, fai tap sul pulsante Attiva e scegli se utilizzare lo stesso PIN che utilizzi per sbloccare lo schermo del dispositivo (Password blocco schermo) o se crearne uno personalizzato (Personalizza il PIN).

Se hai scelto quest’ultima opzione, nella schermata Imposta un PIN di 6 cifre per Blocco app, digita il PIN che intendi utilizzare per accedere a WhatsApp (e a tutte le altre app bloccate) per due volte consecutive, seleziona una domanda di sicurezza, inseriscine la risposta nel campo Rispondi (utile per recuperare il PIN in caso di smarrimento) e premi sul pulsante Fine. Fatto ciò, sposta la levetta accanto a WhatsApp da OFF a ON, per attivare l’accesso a WhatsApp tramite password.

Android

Nel caso in cui il tuo dispositivo non dovesse supportare il riconoscimento tramite impronta digitale e/o non fosse disponibile neanche la funzione Blocco app, dovrai necessariamente affidarti ad applicazioni di terze parti, come Norton App Lock che funziona con tutti i device dotati di Android 4.2 o versioni successive con supporto ai servizi Google. Ti ho spiegato come avvalertene nella mia guida su come nascondere le app su Android.

Come mettere la password su WhatsApp iPhone

iPhone

Se la tua intenzione è mettere la password su WhatsApp iPhone, anche in questo caso puoi attivare l’accesso all’app in questione tramite riconoscimento facciale o impronta digitale (a seconda se hai un modello di “melafonino” con Face ID o Touch ID).

Per prima cosa, se ancora non lo hai fatto, devi configurare il Face ID (o il Touch ID): per farlo, accedi alle Impostazioni di iOS, premendo sull’icona della rotella d’ingranaggio, seleziona l’opzione Face ID e codice/Touch ID e codice e, se non hai ancora impostato un codice di sblocco per il tuo iPhone, premi sulla voce Attiva codice, per creane uno.

Adesso, seleziona l’opzione Configura Face ID/Configura Touch ID e segui le indicazioni mostrate a schermo per configurare e attivare il riconoscimento facciale o tramite impronta digitale. Infine, nella sezione Utilizza Face ID per/Utilizza Touch ID per, scegli quando utilizzare questo metodo di sblocco spostando la levetta relativa alle opzioni di tuo interesse da OFF a ON.

A questo punto sei pronto per impostare l’accesso a WhatsApp tramite riconoscimento facciale o impronta digitale. Dopo aver avviato la celebre app di messaggistica, premi sull’opzione Impostazioni collocata nel menu in basso, seleziona la voce Account, fai tap sull’opzione Privacy e premi sulla voce Blocco schermo.

Nella schermata Face ID/Touch ID, sposta la levetta accanto alla voce Richiedi il Face ID/Richiedi il Touch ID da OFF a ON e seleziona una delle opzioni disponibili tra Immediatamente, Dopo 1 minuto, Dopo 15 minuti e Dopo 1 ora, per indicare il lasso di tempo dopo il quale l’app si deve bloccare automaticamente.

WhatsApp

Se, invece, sei alla ricerca di una soluzione per sbloccare WhatsApp tramite immissione di una password, puoi attivare Tempo di utilizzo. Tieni presente, però, che questa funzionalità è pensata principalmente per ridurre il tempo di utilizzo dello smartphone e non per bloccare l’accesso a specifiche app: questo significa che non è possibile impedire del tutto l’accesso a WhatsApp.

Detto ciò, per attivare Tempo di utilizzo, accedi alle Impostazioni di iOS, premendo sull’icona della rotella d’ingranaggio, fai tap sulla voce Tempo di utilizzo e premi sull’opzione Utilizza codice Tempo di utilizzo. Crea, poi, un PIN di 4 cifre che dovrai digitare per “aggirare” i limiti di tempo impostati e accedere a WhatsApp, inserisci i dati del tuo ID Apple (in modo da poter recuperare il codice in caso di smarrimento) nei campi appositi e fai tap sul pulsante OK, per impostare il codice di sblocco.

A questo punto, premi sulle voci Limitazioni app e Aggiungi limitazione di utilizzo, fai tap sull’opzione Social e apponi il segno di spunta accanto alla voce WhatsApp. Premi, poi, sul pulsante Avanti, imposta il tempo di blocco dell’app a 1 minuto (è il minimo che si può selezionare) e fai tap sul pulsante Aggiungi, in alto a destra, per salvare le modifiche.

Da questo momento, trascorso un minuto di utilizzo quotidiano di WhatsApp visualizzerai il messaggio Hai raggiunto il tempo di utilizzo consentito su WhatsApp: per accedere nuovamente all’app in questione, dovrai immettere in PIN creato poc’anzi (anche se, di tanto in tanto, nel corso della giornata potrebbe essere consentito di accedere per un altro minuto all’applicazione pur senza immissione del codice).

Come mettere la password su WhatsApp Web

BlockSite

Come dici? Vorresti sapere se è possibile mettere la password su WhatsApp Web? In tal caso, mi dispiace dirti che la funzione di blocco dell’app disponibile su smartphone e tablet non è presente nella versione Web del celebre servizio di messaggistica.

Devi sapere, però, che per accedere a WhatsApp tramite browser (o utilizzando il client ufficiale per Windows e macOS) è necessario prima accedere alle Impostazioni di WhatsApp da smartphone e tablet e scansionare il codice QR che consente di accedere alla versione Web del servizio. Inoltre, lo smartphone sul quale è installata l’app di WhatsApp deve essere nelle vicinanze del computer.

Questo significa che se hai già impostato una password per WhatsApp sul tuo telefono, così come ti ho indicato nelle righe precedenti di questa guida, coloro che non sono in grado di sbloccare l’app sullo smartphone non saranno in grado neanche di accedere a WhatsApp da computer (a meno che non sia stato già fatto l’accesso in precedenza scegliendo di mantenere la connessione attiva).

Detto ciò, se vuoi ulteriormente mettere in sicurezza il tuo account WhatsApp o sei alla ricerca di una soluzione per bloccare l’accesso a WhatsApp Web, puoi scaricare una delle estensioni che consentono di bloccare siti indesiderati e consentirne la navigazione solo a chi è in possesso del codice di sblocco.

Tieni presente, però, che le estensioni per i browser richiedono determinati permessi di privacy per poter funzionare: ti consiglio, quindi, di usarle solo se lo ritieni strettamente necessario e verificandone attentamente il grado di affidabilità.

Chiarito ciò, tra le estensioni che mi sento di consigliarti c’è BlockSite, un add-on per Chrome (e browser con lo stesso motore, come Edge e Opera) e Firefox che, nella versione gratuita, permette di bloccare un numero massimo di 6 siti Web e di attivare la funzione Password di protezione, che consente l’accesso ai siti bloccati solo a coloro che conoscono la password di sblocco e impedisce a tutti gli altri utenti anche di modificare le impostazioni di BlockSite.

Dopo aver scaricato e installato questa estensione tramite i link che ti ho fornito poc’anzi, clicca sull’icona BlokSite, in alto a destra, e premi sull’icona della rotella d’ingranaggio, per accedere alle sue impostazioni. Nella sezione Siti bloccati, inserisci l’URL di WhatsApp Web (https://web.whatsapp.com/) nel campo Immetti un indirizzo Web e clicca sul pulsante +, per bloccare l’accesso al sito in questione.

Fatto ciò, seleziona l’opzione Password di protezione nella barra laterale a sinistra e apponi il segno di spunta accanto alle voci Proteggi con password le tue opzioni di BlockSite e la pagina delle estensioni e Richiedi la password per accedere ai siti bloccati. Inserisci, poi, il tuo indirizzo email nel campo apposito, crea la password di sblocco inserendola nel campo Password e clicca sul pulsante Salva.

Infine, accedi alla tua casella di posta elettronica, individua l’email inviata da BlockSite e premi sul pulsante Verify now, per verificare la tua identità e attivare la password creata in precedenza. In qualsiasi momento, potrai disattivare BlockSite accedendo nuovamente alle impostazioni dell’estensione o eliminare l’add-on dal browser. In quest’ultimo caso, potrebbero esserti utili le mie guida su come cancellare le estensioni da Chrome e Firefox.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.