Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come mettere il blocco su WhatsApp

di

Ogni volta che lasci incustodito lo smartphone sulla scrivania temi che altre persone possano mettervi mano e leggere, senza il tuo consenso, i messaggi inviati e ricevuti su WhatsApp? Beh, partendo dal presupposto che a mio modesto avviso faresti bene ad evitare di mettere il tuo cellulare alla mercé di tutti, onde evitare che eventuali malintenzionati possano impossessarsene o comunque che i tuoi dati, sensibili e non, possano finire tra le mani altrui, per quel che concerne la famosa app di messaggistica esistono alcuni sistemi altamente efficaci che si rivelano utili allo scopo.

Se vuoi, dunque, posso illustrarti come mettere il blocco su WhatsApp, sia andando ad agire su Android che su iPhone. Ti anticipo subito che nel primo caso puoi sia sfruttare le funzioni incluse in WhatsApp che alcune app di terze parti specializzate nel mettere “sotto chiave” i contenuti del dispositivo, mentre nel secondo puoi avvalerti sia della funzionalità  di blocco offerta direttamente da WhatsApp che di alcune restrizioni disponibili nelle impostazioni di iOS.

Allora? Che ne diresti di mettere finalmente le chiacchiere da parte e di cominciare a darci da fare? Sì? Grandioso. Posizionati bello comodo, prenditi qualche minuto di tempo libero soltanto per te e comincia subito a concentrarti sulla lettura di quanto riportato qui di seguito. Spero vivamente che alla fine tu possa ritenerti ben contento e soddisfatto di quanto appreso.

Indice

Come mettere il blocco su WhatsApp Android

Stai usando uno smartphone Android e ti interessa capire come mettere il blocco su WhatsApp su quest’ultimo? Allora prosegui pure nella lettura. Qui di seguito, infatti, trovi spiegato come riuscirci sfruttando la funzione apposita presente in WhatsApp e alcune app di terze parti, specializzate nel proteggere le applicazioni con password, per evitare accessi non autorizzati a queste ultime.

Impostazioni di WhatsApp

WhatsApp Android
WhatsApp include una comoda funzione che permette di bloccare l’accesso all’app mediante sensore d’impronte o riconoscimento del volto. Per avvalertene, avvia WhatsApp sul tuo smartphone, premi sul pulsante ⋮ collocato in alto a destra e seleziona la voce Impostazioni dal menu che si apre. Successivamente, recati in Account > Privacy > Blocco con impronta digitale e attiva la levetta relativa alla funzione Sblocca con impronta digitale, per avviare la configurazione dello sblocco con impronta.
In caso di ripensamenti, potrai poi disattivare la funzione spostando su OFF la levetta Sblocca con impronta digitale. Ti segnalo, altresì che nella schermata di configurazione dello sblocco via impronta puoi impostare anche il lasso di tempo dopo il quale l’app si deve bloccare automaticamente (immediatamente, dopo 1 minuto o dopo 30 minuti) e scegliere se mostrare il contenuto delle notifiche. È tutto molto comodo.

Norton App Lock

Norton App Lock

La prima app esterna per mettere il blocco su WhatsApp che ti consiglio di prendere in considerazione è Norton App Lock. Si tratta di una risorsa sviluppata dalla stessa software house del famoso antivirus Norton che consente di creare una lista di app da proteggere con una sequenza da “disegnare” sullo schermo oppure con un PIN numerico. È molto facile da usare ed è gratis.

Per scaricarla sul tuo dispositivo, visita la relativa sezione del Play Store e premi sul bottone Installa. Successivamente, avvia l’app sfiorando il pulsante Apri comparso sul display oppure seleziona la relativa icona che è stata aggiunta alla schermata home.

Ora che visualizzi la schermata principale dell’app, fai tap sulle voci Accetto e avvia e OK, per accettare le condizioni di utilizzo di Norton App Lock, dopodiché concedi all’app le autorizzazioni necessarie per interagire con i comandi, spostando su ON l’apposito interruttore nelle impostazioni di Android. In seguito, sfiora la dicitura Configurazione nella schermata dell’applicazione e abilita Norton App Lock nell’elenco dei servizi per l’accessibilità.

A questo punto, provvedi a configurare la sequenza di sblocco o il passcode con cui desideri proteggere le tue app. Nel primo caso, devi tracciare la sequenza di sblocco per due volte consecutive sullo schermo, mentre nel secondo devi selezionare la dicitura Passa a passcode che si trova in alto a destra e digitare il PIN che vuoi sfruttare, sempre per due volte consecutive.

Fatta anche questa, sfiora la dicitura Scegli l’account Google e seleziona il tuo account Google, per fare in modo che, in caso di dimenticanze della sequenza di sblocco o del passcode, tu possa reimpostare i codici sfruttando quest’ultimo.

Ora che hai finalmente portato a termine la configurazione iniziale dell’app, individua WhatsApp dall’elenco delle applicazioni installate sul dispositivo che ti viene proposto e facci tap sopra per bloccarne l’accesso, in modo tale che in sua corrispondenza compaia l’icona di un lucchetto chiuso di colore verde.

A partire da questo momento, tutte le volte che proverai ad avviare WhatsApp sul tuo smartphone ti verrà chiesto di immettere la sequenza di blocco o il passcode impostato per Norton App Lock. Ti segnalo inoltre che se è presente il segno di spunta sulla casella Mantieni bloccata l’app durante la sessione, rimuovendolo puoi fare in modo che WhatsApp resti sbloccato sino a quando il dispositivo non entrerà in standby.

Se lo desideri, puoi altresì accedere a Norton App Lock e a WhatsApp (oltre che a tutte le altre app che decidi di bloccare) sfruttando l’impronta digitale (se lo smartphone che stai usando supporta la suddetta tecnologia). Per riuscirci, dopo aver avviato e sbloccato Norton App Lock, fai tap sul pulsante con le tre linee in orizzontale situato in alto a sinistra, seleziona la voce Impostazioni dal menu che compare, porta su ON l’interruttore accanto alla dicitura apposita ed è fatta.

In caso di ripensamenti, poi, potrai rimuovere il blocco impostato per WhatsApp aprendo nuovamente Norton App Lock, immettendo la sequenza di sblocco o il passcode e facendo tap sul nome della famosa app di messaggistica nell’elenco visualizzato, in modo tale che in sua corrispondenza compaia l’icona di un lucchetto aperto di colore grigio.

Serratura(AppLock)

Serratura(AppLock)

Un’altra ottima applicazione alla quale puoi valutare di rivolgerti per riuscire a mettere il blocco su WhatsApp sul tuo dispositivo Android è Serratura(AppLock). Si tratta di un’app gratuita che agisce in maniera bene o male analoga a Norton App Lock, consentendo di bloccare l’accesso a specifiche app, quindi anche WhatsApp impostando un apposita sequenza e di fare altrettanto anche con determinate funzionalità di sistema. Integra anche delle funzioni extra, come la possibilità di scattare un selfie a chi cerca di aggirare il blocco e offre un buon margine di personalizzazione per quel che concerne l’interfaccia. Da notare che propone acquisti in-app (al costo base di 69 cent.) per accedere a funzionalità extra, come dei temi aggiuntivi.

Per scaricarla sul tuo dispositivo, visita la relativa sezione del Play Store e fai tap sul bottone Installa. In seguito, avvia l’app sfiorando il pulsante Apri comparso sul display oppure seleziona la relativa icona che è stata aggiunta alla schermata home.

Una volta visualizzata la schermata principale dell’applicazione, inserisci la sequenza di sblocco che intendi utilizzare per due volte consecutive, fai tap sul bottone Accetta e inizia, cerca l’icona di WhatsApp nell’elenco delle applicazioni che trovi in corrispondenza della sezione Generale della scheda Privacy dell’app e facci tap sopra, per bloccare l’accesso all’applicazione. A conferma della cosa, in corrispondenza del nome dell’app vedrai comparire un lucchetto chiuso di colore verde.

Se utilizzi Android 5.0 o versioni successive e nel compiere i passaggi di cui sopra vedi comparire un avviso relativo al fatto che per abilitare il blocco devi concedere all’app i permessi necessari, fai tap sul bottone Consentire in risposta al messaggio che visualizzi sul display e agisci sulle impostazioni di sistema per consentire il monitoraggio di altre app.

Una volta compiuti i passaggi di cui sopra, tutte le volte che proverai ad avviare WhatsApp vedrai comparire una schermata di Serratura(AppLock) tramite cui ti verrà chiesto di immettere la sequenza di sblocco precedentemente impostata per poter utilizzare l’applicazione.

Ti segnalo inoltre che se lo desideri puoi sostituire la sequenza di sblocco con una password oppure con l’impronta digitale (se il tuo dispositivo è dotato di un apposito lettore), andando ad agire sulle impostazioni dell’app. Per cui, per fare ciò, seleziona la scheda Proteggi dell’applicazione, espandi il menu Sicurezza e intervieni da lì.

Ulteriori personalizzazioni, utili per nascondere l’icona dell’app in home, per abilitare nuovamente il blocco dopo l’attivazione ecc., possono essere apportate sempre dalla sezione Proteggi dell’applicazione, espandendo le sezioni Generale e Magia. Invece, facendo tap sull’icona della maglietta che trovi nella parte in alto a destra della schermata puoi impostare e scaricare nuovi temi da usare per la schermata di blocco.

Quando lo riterrai opportuno, poi, potrai disattivare il blocco impostato per WhatsApp, aprendo nuovamente Serratura(AppLock), sbloccando l’accesso all’app e facendo tap sul nome di WhatsApp nell’elenco delle applicazioni presenti nella sezione Generale della scheda Privacy, in modo tale che in sua corrispondenza compaia l’icona di un lucchetto aperto di colore grigio.

Come mettere il blocco su WhatsApp iPhone

Se, invece, quello che stai usando è un iPhone, per mettere il blocco su WhatsApp puoi, come ti avevo anticipato a inizio guida, sfruttare un’apposita funzionalità offerta dalla stessa app di messaggistica oppure puoi usufruire delle impostazioni ad hoc di iOS. Per tutti i dettagli del caso, prosegui nella lettura.

Impostazioni di WhatsApp

Blocco WhatsApp iPhone

Come ti dicevo, la versione di WhatsApp per iOS include una speciale funzione grazie alla quale è possibile impostare un blocco schermo per evitare accessi non autorizzati all’applicazione. Il blocco schermo agisce tramite Face ID o Touch ID (in base al modello di iPhone in uso), impedendo completamente l’accesso all’app, fatta eccezione per la possibilità di rispondere ai messaggi dalle notifiche e alle chiamate WhatsApp in entrata.

Per abilitare la funzionalità in oggetto, afferra il tuo iPhone, accedi alla home screen, seleziona l’icona di WhatsApp e fai tap sulla voce Impostazioni situata nella parte in basso a destra della schermata che ti viene mostrata.

A questo punto, fai tap prima sulla dicitura Account, su quella Privacy e, in seguito, seleziona l’opzione Blocco schermo collocata in basso. Sposta poi su ON la levetta che trovi accanto alla voce Richiedi il Face ID/Richiedi il Touch ID ed è fatta.

A partire da questo momento, tutte le volte che andrai ad aprire WhatsApp ti verrà quindi chiesto di sbloccare l’applicazione come ti ho indicato poc’anzi.

Per impostazione predefinita, lo sblocco dell’app mediante Face ID o Touch ID viene richiesto immediatamente. Se però preferisci modificare quest’impostazione, puoi selezionare un’opzione diversa dal menu apposito che ti viene mostrato dopo aver abilitato la funzione. A seconda di quelle che sono le tue esigenze e preferenze, invece che l’opzione Immediatamente, puoi scegliere una delle seguenti voci: Dopo 1 minuto, Dopo 15 minuti oppure Dopo 1 ora.

In caso di ripensamenti, potrai disattivare il blocco in qualsiasi momento, aprendo l’applicazione, recandoti nella sezione Impostazioni > Account > Privacy > Blocco schermo della stessa e portando su OFF l’interruttore situato accanto alla dicitura Richiedi il Face ID/Richiedi il Touch ID.

Tempo di utilizzo di iOS

Tempo di utilizzo WhatsApp

Un altro sistema che puoi adottare per evitare che altre persone possano accedere senza autorizzazione alle tue conversazioni su WhatsApp dal tuo iPhone consiste nello sfruttare la funzione Tempo di utilizzo offerta a partire da iOS 12. Se non sai di che cosa si tratta, ti comunico che è una funzionalità predefinita del sistema grazie alla quale si possono monitorare e limitare i tempi d’uso delle app per categorie d’appartenenza. Servendotene, quindi, puoi limitare l’accesso giornaliero a WhatsApp bloccando l’app con un PIN dopo un determinato numero di ore e/o di minuti di utilizzo e in determinati giorni della settimana.

Per configurare il funzionamento di Tempo di utilizzo con WhatsApp, afferra il tuo iPhone, sbloccalo, accedi alla home screen e fai tap sull’icona delle Impostazioni (quella a forma di ruota d’ingranaggio). Nella schermata visualizzata, sfiora la dicitura Tempo di utilizzo, seleziona l’opzione Utilizza codice “Tempo di utilizzo” e imposta il codice di quattro cifre che vuoi impiegare per bloccare e sbloccare l’accesso a WhatsApp.

Seleziona poi la voce Limitazioni app, sfiora la dicitura Aggiungi limitazione di utilizzo e immetti il codice impostato in precedenza. Nella nuova schermata visualizzata, fai tap sulla freccia che trovi in corrispondenza della categoria Social Network per espandere quest’ultima, seleziona WhatsApp dall’elenco proposto e sfiora la voce Avanti che si trova in alto a destra.

A questo punto, puoi procedere andando ad impostare il limite di utilizzo dell’applicazione, indicando ore e/o minuti mediante il menu apposito. Se vuoi definire anche i giorni della settimana in cui bloccare l’accesso all’app, fai tap sulla voce Personalizza giorni situata in basso e intervieni sulle opzioni disponibili. Per confermare e applicare le modifiche, provvedi poi a fare tap sulla voce Aggiungi posta in alto a destra.

D’ora in avanti, tutte le volte che l’app di WhatsApp verrà aperta, dopo il numero di ore e/o di minuti definiti e negli eventuali giorni indicati, verrà attivato il blocco. Quando ciò accadrà, sullo schermo dell’iPhone comparirà un apposito avviso indicante la cosa. Per chiuderlo, basta fare tap sul bottone OK. Eventualmente, è anche possibile prolungare di poco l’uso dell’applicazione, facendo tap sulla voce Richiedi più tempo.

Quando e se lo vorrai, potrai disattivare il blocco di WhatsApp mediante Tempo di utilizzo recandoti nuovamente nella sezione Impostazioni > Tempo di utilizzo > Limitazioni app di iOS, selezionando la voce WhatsApp, digitando il codice impostato in precedenza, scegliendo l’opzione Elimina limitazione posta in basso e sfiorando la dicitura Elimina limitazione annessa al menu che compare.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.