Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero
Salvatore Aranzulla Day
Evento di formazione SEO con Salvatore Aranzulla Scopri il programma

Come proteggere una cartella su Android

di

Vorresti creare una cartella privata sul tuo smartphone proteggendo con una password tutti i file presenti all'interno di quest'ultima? Vorresti impedire accessi non autorizzata alla tua galleria fotografica o a un'applicazione che include dei documenti di lavoro? Nulla di complicato, anzi. Se hai uno smartphone o un tablet Android puoi proteggere i tuoi dati da accessi non autorizzati in maniera semplicissima.

Tutto quello che devi fare è scaricare delle app gratuite disponibili sul Google Play Store, installarle e seguire le indicazioni su come proteggere una cartella su Android che sto per consigliarti. In men che non si dica riuscirai a impostare una password a cartelle, file ed app in modo da impedirne l'apertura da parte di chi non conosce la parola chiave giusta.

Le app in questione sono compatibili con tutte le versioni più diffuse di Android e con tutte le principali marche di smartphone e tablet, quindi direi di non perderci ulteriormente in chiacchiere e di passare subito all'azione. Se vuoi proteggere i tuoi dati dai ficcanaso, ecco tutto quello di cui hai bisogno.

ES Gestore File

ES Gestore File è una di quelle applicazioni che non dovrebbero mai mancare su un dispositivo Android. Qualora non ne avessi mai sentito parlare, si tratta di un ottimo file manager gratuito che permette di gestire i file su Android liberamente: come si fa con l'Esplora File di Windows o il Finder di macOS. Include un mucchio di funzionalità avanzate, fra cui quella per proteggere una cartella su Android con una password.

Per scaricare ES Gestore File sul tuo device, apri il Google Play Store (l'icona del sacchetto della spesa con il simbolo ▶︎ al centro) e cerca ES Gestore File. Dopodiché fai "tap" sull'icona dell'applicazione presente nei risultati della ricerca, pigia sul bottone Installa e attendi qualche secondo affinché l'installazione della app venga portata a termine.

Come proteggere una cartella su Android

A questo punto, avvia ES Gestore File, pigia sul pulsante che si trova in alto a sinistra e seleziona, dalla barra che compare di lato. il percorso in cui intendi creare una cartella protetta da password (es. Home o Download).

Successivamente, fai "tap" sul pulsante (…) collocato in alto a destra, seleziona la voce Nuovo dal menu che compare e scegli l'opzione Cartella dal riquadro che viene visualizzato al centro dello schermo. Digita quindi il nome che vuoi assegnare alla cartella, pigia su OK e il gioco è fatto: ora hai una cartella da proteggere con password.

Come proteggere una cartella su Android

Prima di applicare una password alla cartella, devi copiare i file che vuoi proteggere all'interno di quest'ultima. Seleziona dunque i file che vuoi spostare nella cartella (tenendo il dito premuto su uno di essi e poi mettendo il segno di spunta su tutti gli altri), pigia sul pulsante Taglia che si trova in basso a sinistra, apri la cartella in cui spostare i file e pigia sul pulsante Incolla (collocato sempre in basso a sinistra) per avviare il trasferimento dei dati.

Ad operazione completata, seleziona la cartella che vuoi proteggere con una password (tenendo il dito premuto su di essa per un paio di secondi), fai "tap" sul pulsante Altro collocato in basso a destra e seleziona la voce Cifra dal menu che compare.

A questo punto, digita la password con la quale vuoi proteggere la cartella nei campi Password e Conferma, metti il segno di spunta accanto alla voce Cifra nome file in modo da camuffare il nome dei file contenuti nella cartella (oltre che cifrarli) e fai "tap" sul pulsante OK per completare l'operazione.

Come proteggere una cartella su Android

Una volta applicata la cifratura alla cartella, questa resterà visibile in ES File Explorer e in qualsiasi altro file manager, ma i file contenuti al suo interno saranno "irriconoscibili" (con dei nomi incomprensibili e nessuna estensione capace di identificarne la tipologia) e per aprirli sarà necessario immettere la password.

Per visualizzare un file cifrato in precedenza, dunque, non dovrai far altro che selezionare quest'ultimo in ES Gestore File e digitare la password corretta. Una volta immessa la password giusta, il file non risulterà più cifrato e quindi andrà protetto nuovamente all'occorrenza.

Come proteggere una cartella su Android

Per decifrare l'intero contenuto di una cartella, seleziona quest'ultima in ES Gestore File (tenendo il dito premuto su di essa), pigia sul pulsante Altro collocato in basso a destra, seleziona la voce Decifra dal menu che compare e digita la password di sblocco.

Norton App Lock

Vorresti proteggere le tue foto e/o i tuoi documenti di lavoro da sguardi indiscreti? Allora ti consiglio di provare Norton App Lock, una app gratuita che permette di bloccare con una password l'accesso alle app che si vogliono mantenere private. Utilizzandola, potrai bloccare l'accesso ad applicazioni come Google Foto, Word, Gmail ecc. senza dover cifrare singolarmente i file contenuti in esse.

Il funzionamento di Norton App Lock è abbastanza intuitivo. Dopo aver scaricato la app dal Google Play Store, devi avviarla, scegliere se partecipare o meno al programma Norton Community Watch (per l'invio di statistiche d’uso anonime a Symantec) e devi concedere a Norton App Lock il permesso di controllare il tuo device pigiando prima sul pulsante Configurazione, poi sulla voce Servizio Norton App Lock, sulla levetta in alto a destra e infine sul pulsante OK. Questo tipo di autorizzazione è molto importante: va concesso solo ad app di sicura affidabilità, com'è per l'appunto Norton App Lock che è sviluppata da una delle più importanti aziende che si occupano di sicurezza informatica (è la stessa software house del celeberrimo Norton Antivirus).

Una volta concesse tutte le autorizzazioni necessarie, puoi tornare in Norton App Lock e configurare una sequenza (cioè un "disegno" da fare sullo schermo del device) o un passcode numerico per proteggere l'accesso alle app. Dopo aver composto la sequenza o il passcode per due volte consecutive, indica un indirizzo di posta elettronica tramite il quale recuperare il codice in caso di smarrimento e fai "tap" sul pulsante Continua per completare la procedura di configurazione iniziale di App Lock.

Come proteggere una cartella su Android

Adesso non ti resta che selezionare i nomi delle app che intendi proteggere (in modo che i loro nomi diventino verdi) e il gioco è fatto. Ogni volta che tenterai di avviare le app in oggetto, comparirà una schermata all'interno della quale comporre la sequenza o il passcode impostato in Norton App Lock. Se il tuo device include un sensore per il rilevamento delle impronte digitali, potrai anche sbloccare l'accesso alle app utilizzando quest'ultimo.

In caso di ripensamenti, per rimuovere la protezione da una app bloccata precedentemente con Norton App Lock, non devi far altro che avviare quest'ultimo, immettere la sequenza o il passcode e pigiare sul nome dell'applicazione da sbloccare (in modo che non sia più di colore verde).

Come proteggere una cartella su Android

Folder Lock

Per concludere, voglio segnalarti Folder Lock: una app molto semplice e intuitiva che funge da "cassaforte" digitale per conservare foto, video, note, file audio, contatti e documenti di vario genere proteggendo il tutto con una password.

Come proteggere una cartella su Android

Folder Lock si può scaricare e usare gratis ma ne esiste anche una versione Pro a pagamento (4,39€) che elimina i banner pubblicitari e supporta funzioni avanzate come ad esempio la sincronizzazione dei dati sul cloud e l'attivazione della modalità stealth. Il funzionamento della app è di una semplicità disarmante: dopo averla scaricata dal Play Store, basta impostare il PIN con cui proteggere l'accesso alla app, fornire, se lo si desidera, un indirizzo email per il recupero del codice in caso di smarrimento e si può cominciare a organizzare subito la propria "cassaforte".

Ogni sezione di Folder Lock (foto, video, note ecc.) include delle cartelle di default e offre la possibilità di creare delle nuove cartelle personalizzate all'interno delle quali importare i propri dati. Basta quindi selezionare la cartella in cui si desiderano archiviare i file, pigiare sul pulsante (+) e scegliere gli elementi da proteggere con la app. Più facile di così?