Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come scaricare un curriculum vitae europeo

di

Un numero sempre maggiore di aziende, in particolar modo quelle della Pubblica Amministrazione, richiedono l’invio di curriculum vitae in formato europeo per candidarsi e/o per partecipare ai concorsi. Dal momento che anche tu sei alla ricerca di un nuovo impiego e un gran numero di inserzioni richiedono l’invio di un CV di questo tipo, ti piacerebbe sapere come scaricare un curriculum vitae in formato europeo al fine di procedere con l’inoltro della tua candidatura. Ho indovinato? Bene, allora sappi che sei capitato proprio nel posto giusto al momento giusto!

Nei prossimi paragrafi, infatti, troverai tutte le informazioni che ti servono per scaricare il modello di CV europeo sul tuo computer o per compilarlo online, direttamente dal tuo browser preferito o, eventualmente, tramite un’applicazione di videoscrittura (come ad esempio Microsoft Word). Spetterà a te decidere quale soluzione e quale dispositivo adottare (puoi agire da PC, così come da smartphone e tablet senza troppe differenze) in base a quelle che sono le tue necessità.

Allora, sei già pronto per iniziare? Perfetto! Mettiti bello comodo, prenditi tutto il tempo che ti serve per concentrarti sulla lettura di questo articolo e, cosa ancora più importante, attua le “dritte” che ti darò nel corso dei prossimi minuti. Ti auguro buona lettura e, soprattutto, ti faccio un grosso in bocca al lupo per la eventuale ricerca del tuo nuovo impiego!

Indice

Che cos’è il curriculum vitae europeo e a cosa serve

Curriculum

Prima di addentrarci nel vivo della guida, vedendo come scaricare un curriculum vitae europeo, credo che sia il caso di fare un breve inciso su che cos’è e a cosa serve quest’ultimo.

Ebbene, come ti ho in parte anticipato nelle battute introduttive del tutorial, il curriculum vitae in formato europeo altro non è che un modello di CV standardizzato che, di solito, viene richiesto da aziende della Pubblica Amministrazione (e, a volte, anche da quelle private) in quanto rende più semplice l’individuazione delle caratteristiche e delle competenze dei candidati da parte degli esaminatori che si occupano della selezione del personale.

Ti segnalo che in alcuni casi l’utilizzo del CV europeo è obbligatorio (ad esempio per partecipare a concorsi pubblici); in altri casi è facoltativo. Chiariti questi aspetti, vediamo come scaricarlo.

Come scaricare un curriculum vitae europeo gratis

Nelle prossime righe avrò modo di mostrarti come scaricare un curriculum vitae europeo gratis, agendo sia dal sito di EuroPass, portale curato direttamente dalla UE, che da altri siti che offrono dei template utili allo scopo. Devi solo scegliere la soluzione più adatta a te e procedere di conseguenza.

EuroPass

Europass

La prima soluzione che ti consiglio di provare è, probabilmente, anche quella più comoda. Mi sto riferendo a EuroPass, un portale ideato curato dall’Unione Europea che serve a compilare il proprio CV europeo online e scaricarlo in modo semplice e veloce.

Per avvalertene, recati sulla home page di EuroPass e fai clic sul pulsante Crea il tuo Europass gratuito, che risulta collocato in basso a destra. Dopodiché registrati, facendo prima clic sul bottone Registrati, poi sul link Crea un account e compilando il modulo di registrazione apposito con tutti i dati richiesti (es. nome, cognome, indirizzo e-mail e così via). Successivamente, clicca sul pulsante Crea un account per proseguire.

Adesso, apri il messaggio che hai ricevuto all’indirizzo email indicato poc’anzi, clicca sul collegamento contenuto al suo interno e, nella pagina apertasi nel browser, crea la password da utilizzare per effettuare il login al tuo account, avvalendoti dei due campi di testo appositi (per suggerimenti su come fare una password sicura, leggi la guida che ho dedicato all’argomento). Successivamente, clicca sui bottoni Invia e Procedi, per ultimare l’operazione e, quindi, fai clic sul pulsante Accedi collocato in alto a destra, per accedere.

A login effettuato, imposta, se necessario, l’uso della lingua italiana aprendo il menu EN posto in alto a destra e selezionando l’opzione italiano (it) dal riquadro apertosi. Fatto ciò, clicca sul pulsante Crea il mio profilo e inizia a compilare il modulo con tutti i dati che ti riguardano e che desideri inserire nel tuo CV in formato europeo.

Nella sezione Informazioni personali, specifica dunque la lingua in cui completare il profilo, il formato della data, nonché nome, cognome, data di nascita e così via. Clicca sul pulsante Avanti, situato in basso a destra, per passare allo step successivo.

Informazioni personali Europass

A questo punto, avvalendoti della sezione Esperienza professionale, specifica le esperienze lavorative che eventualmente hai all’attivo, avendo cura di inserire anche dettagli sulle stesse (es. le mansioni svolte): per inserire più esperienze lavorative, ti basta cliccare sul bottone (+) Aggiungi nuove esperienze lavorative e aggiungere tutti i dati del caso. Fatto ciò, clicca ancora una volta sul pulsante Avanti.

La sezione Istruzione e formazione, come puoi ben immaginare, deve accogliere tutti i dati che riguardano la tua istruzione e formazione, con anche eventuali master e corsi formativi ai quali si è avuto modo di prendere parte e che si ritengono utili ai fini delle proprie future candidature. Ancora una volta, dopo aver completato la sezione, clicca sul bottone Avanti per passare a quella successiva.

La sezione Competenze personali è una delle più importanti, in quanto permette di inserire le proprie capacità professionali e le competenze acquisite nel corso del tempo attraverso la propria esperienza professionale e formativa. Specifica, quindi, le lingue che conosci, le competenze che possiedi in ambito digitale, etc. Mi raccomando: non “gonfiare” il tuo CV inserendo competenze che non hai, o esagerando quelle che effettivamente possiedi, in quanto sarebbe controproducente, oltre che poco onesto.

Istruzione e formazione CV

A questo punto, clicca sul bottone Crea situato in basso a destra e aggiungi una foto in cui sei riconoscibile: puoi riuscirci facendo clic sul pulsante Modifica situato in corrispondenza dell’omino posto sulla sinistra e caricare la foto dal PC (Il mio dispositivo) o da uno dei servizi di cloud storage tra quelli elencati (Google Drive, Dropbox o OneDrive).

Caricare foto profilo Europass

Ci siamo quasi: clicca ora sul link Crea ora il tuo CV, premi sui bottoni Inizia dal tuo profilo e Avanti, scegli se inserire o meno il logo di Europass sul documento, utilizzando le apposite opzioni, e indica se rendere visibile o meno il numero di pagina nei fogli del CV.

Per concludere, fai clic sul pulsante Avanti, dai un nome al file di output (es. CV europeo di [tuo nome e cognome]), clicca sul pulsante Scarica e il gioco è fatto. Il documento verrà scaricato nel giro di pochi secondi.

Salvare curriculum europeo

Ammettilo: effettuare il download del curriculum in formato europeo dal sito di Europass è stato più semplice del previsto, non è così? Beh… io te l’avevo detto!

Modelli di Office

Curriculum europeo Word

Un’altra opzione che puoi prendere in considerazione è quella di avvalerti dei modelli di Office. Nella sezione del sito di Microsoft dedicata ai template per Word, è infatti presente un modello di CV europeo da scaricare e compilare nel celebre programma di videoscrittura (o su un qualsiasi altro programma che sia in grado di aprire file in formato .docx.

Per procedere al download di uno dei questi modelli, recati su questa pagina del sito Microsoft dedicata ai modelli Word e fai clic sul pulsante blu Scarica per avviare il download del modello in questione. Dopodiché, apri il file con Word (o con un programma di terze parti che supporti il formato .docx) e inserisci tutti i dati necessari nelle sezioni apposite. Niente di più facile, vero?

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.