Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come trasmettere schermo Android su PC

di

Ti piacerebbe tanto proiettare lo schermo del tuo smartphone Android sul PC ma temi che le competenze informatiche richieste per compiere quest’operazione siano troppo elevate per te? Sono felice di dirti che ti sbagli, e pure di grosso! Con tutti gli strumenti che oggi ci sono a disposizione, la condivisione dello schermo di uno smartphone (o di un tablet) sul computer non è per nulla complessa: conoscendo le soluzioni giuste, sono infatti sufficienti pochi minuti per riuscire nell’intento!

Come dici? Proprio non sai da dove iniziare? Non ti preoccupare: sappi che ti trovi nel posto giusto, in un momento che non poteva essere migliore! Di seguito, infatti, ti illustrerò come trasmettere schermo Android su PC con delle soluzioni semplici, gratuite, e soprattutto veloci. Per raggiungere l’obiettivo, ti spiegherò come sfruttare una funzionalità integrata in Windows 10, poi ti segnalerò dei software dedicati che permettono di condividere lo schermo di Android sul computer, sia in modalità wireless che tramite cavo USB. Infine, ti proporrò altre soluzioni che possono sicuramente fare al caso tuo.

Escludendo la prima soluzione, dedicata soltanto all’ultima versione del sistema operativo Microsoft, le soluzioni che sto per consigliarti sono adatte anche a macOS e Linux, quindi indipendentemente dal sistema che utilizzi sul tuo computer, stai sicuro che riuscirai nel tuo intento. Che aspetti a cominciare? Ritagliati qualche minuto di tempo libero, leggi attentamente le mie “dritte” e, in men che non si dica, il gioco sarà fatto! A me non resta che augurarti una buona lettura!

Indice

Come trasmettere schermo Android su PC

Miracast - Windows 10

Se ti stai chiedendo come trasmettere schermo Android su PC Windows 10, troverai la soluzione nei prossimi paragrafi che seguono. Tutto ciò di cui hai bisogno è un PC che abbia il sistema operativo Windows 10 e il supporto a Miracast, una tecnologia che consente la comunicazione tra due dispositivi in Wi-Fi Direct, cioè in wireless senza che sia necessario un router o un hotspot come appoggio.

Miracast è una funzionalità integrata anche nei sistemi operativi Android 5 e successivi e che permette, per l’appunto, di condividere lo schermo dei dispositivi portatili, quali smartphone e tablet, su qualsiasi schermo, come un televisore o, in questo caso specifico, un PC.

Se ti stai chiedendo come impiegare questa tecnologia, te lo spiego subito. Per prima cosa, clicca sul pulsante Start di Windows collocato in basso a sinistra (l’icona a forma di bandierina), premi sul pulsante  posto sulla piccola barra laterale e poi seleziona le voci Sistema > Proiezione in questo PC, nel pannello delle impostazioni del sistema operativo.

Nella schermata che ti viene mostrata, imposta l’opzione Disponibile ovunque nelle reti sicure sul primo menu a tendina e Solo la prima volta sul secondo. Ora, per predisporre il computer alla ricezione del segnale Miracast, chiudi la schermata Impostazioni di Windows, clicca di nuovo sul tasto Start (oppure sulla barra di ricerca di Cortana), digita la parola Connetti e fai clic sul primo risultato, corrispondente alla ricerca che hai appena effettuato.

Se hai eseguito i passaggi indicati, avrai avviato l’applicazione Connetti di Windows 10, che consentirà di ricevere le immagini in tempo reale dello schermo del tuo smartphone o tablet. Troverai anche indicato il nome del computer, che ti servirà per individuarlo facilmente con il tuo dispositivo mobile.

A questo punto, prendi il tuo smartphone o tablet Android, richiama l’area di notifica con uno swipe dall’alto verso il basso, esegui ancora un piccolo swipe per espandere la zona dedicata ai pulsanti funzione e fai tap sull’icona Multi-schermoSmart-View Trasmetti (il nome può variare a seconda della versione del sistema operativo o del modello del dispositivo).

Fatto ciò, pigia sul nome del computer Windows 10 e attendi qualche secondo: in men che non si dica, vedrai proiettato lo schermo di Android direttamente sul PC!

In alcune interfacce personalizzate di Android, potresti dover accedere alla funzionalità di trasmissione schermo attraverso altri menu. Ad esempio, se il tuo device utilizza la MIUI di Xiaomi, devi fare tap sull’icona Impostazioni, poi devi pigiare sulla voce Altro presente nel riquadro Rete e devi fare tap sull’opzione Schermo wireless. Se necessario, sposta su Attivato l’interruttore collocato in alto e attendi che il PC venga rilevato.

Lo stesso discorso vale per i dispositivi mobili Huawei, la cui funzionalità per la trasmissione dello schermo è denominata Proiezione wireless: puoi trovarla sia nel menu delle funzioni rapide di Android, accessibile dal centro notifiche, sia nell’app Impostazioni, selezionando le voci Connessione dispositivo > Proiezione facile e attivando l’opzione Proiezione wireless.

Come trasmettere schermo Android su PC in Wi-Fi

Vuoi trasmettere lo schermo Android sul PC impiegando la rete Wi-Fi? In questo caso, ti propongo alcune soluzioni che possono fare al caso tuo. Ti avviso che i servizi che ti illustrerò nei prossimi capitoli ti consentiranno sia di controllare il dispositivo Android sulla rete locale, sia da remoto, cioè se non si trova nella stessa rete.

TeamViewer (Windows/macOS/Linux)

Un validissimo metodo per trasmettere lo schermo Android su PC è senza ombra di dubbio TeamViewer, un famosissimo software per il controllo remoto di computer e dispositivi portatili. L’app dedicata al controllo remoto di Android si chiama TeamViewer QuickSupport e consente il controllo remoto del dispositivo tramite computer, esattamente come succede con il famoso software per PC.

La prima cosa che devi fare per avvalerti di TeamViewer QuickSupport è installare la succitata app dal Play Store di Android, per poi procedere all’installazione dell’applicazione “compagna” sul computer. Per procurarti la versione computer del software, collegati a questo sito Internet, individua la versione più adatta al tuo sistema operativo e clicca sul pulsante Scarica TeamViewer.

Al termine del download, se disponi di Windows, avvia il file .exe appena scaricato (facendo doppio clic su di esso), apponi il segno di spunta sulle voci InstallaPer scopi privati/non commerciali, dopodiché clicca sui pulsanti Accetto – fine e il gioco è fatto. Al termine del setup, il programma si aprirà automaticamente.

Se, invece, disponi di un Mac, avvia il file .dmg scaricato, con un doppio clic su di esso, e ripeti l’operazione sull’icona con la dicitura Install TeamViewer che compare nella nuova schermata. Successivamente, premi due volte sul pulsante Continua, poi su Accetta e su Installa, inserisci la password del tuo account utente nell’apposita casella e pigia infine su Installa software. Se vuoi saperne di più su come installare TeamViewer sul tuo PC, su come funziona e su come configurarlo, ti consiglio di consultare questa mia guida dedicata all’argomento.

A questo punto, prendi il tuo dispositivo Android, avvia QuickSupport dalla lista app del tuo device e premi sul tasto Download, nella riquadro a schermo, nel caso ti venga richiesto di installare il componente aggiuntivo per garantire la compatibilità del servizio con il tuo dispositivo. Dovrai premere sul tasto Installa nella sezione del Play Store, per installare l’add-on richiesto.

Fatto ciò, annota il numero che vedi nella sezione Il Tuo ID, spostati sul computer e ricopia lo stesso numero nella casella ID Interlocutore situata nel programma TeamViewer. Adesso, clicca sul pulsante Collegati, pigia sui pulsanti Consenti e Avvia Adesso che compaiono nella schermata di Android e il gioco è fatto: da questo momento, puoi controllare il tuo device tramite TeamViewer in esecuzione sul computer.

QuickSupport per Android

Usando le apposite schede collocate in alto, puoi accedere a funzionalità per la cattura di screenshot, gestione delle app e scambio dati, il tutto in modo semplice e veloce. Puoi interrompere la trasmissione dello schermo in qualsiasi momento, chiudendo il programma sul PC o richiamando l’icona di QuickSupport dall’area di notifica di Android.

AirDroid (Windows/macOS/Linux)

AirDroid

Le soluzioni che ti ho elencato fino ad ora non ti hanno soddisfatto? Allora ti consiglio di rivolgerti ad AirDroid: si tratta di un’app per Android che offre numerosi strumenti per il controllo del dispositivo da computer, tra cui la possibilità di trasmettere lo schermo. L’app funziona egregiamente sia su dispositivi dotati di root che non, anche se, in quest’ultimo caso, ci sarà bisogno di concedere più permessi d’accesso.

Fatta questa doverosa premessa, la prima cosa che devi fare è scaricare e installare l’app AirDroid dal Play Store, dopodiché devi procedere al setup del programma per computer. Collegati dunque al sito Internet di AirDroid, pigia sul pulsante Scarica ora e clicca sull’icona relativa al sistema operativo che possiedi.

Se disponi di Windows, avvia il file .exe appena scaricato e installalo cliccando sui pulsanti OKAvantiAccettoInstallaFine. Se invece possiedi un Mac, avvia il file .dmg scaricato, trascina l’icona del programma nella cartella Applicazioni di macOS e, per avviare il software, fai clic destro sulla sua icona e seleziona la voce Apri per due volte consecutive (devi farlo soltanto al primo avvio).

Completate queste operazioni, le due procedure si equivalgono su entrambi i sistemi operativi: clicca sulla voce Registrati collocata subito sotto il pulsante Accedi, compila gli appositi campi (posti nella nuova finestra del browser che viene aperta) con le informazioni richieste, dopodiché premi il pulsante Registrati e attendi la comparsa della finestra di conferma. Chiudi il browser, torna all’app per computer, inserisci l’indirizzo email e la password scelta in precedenza nelle caselle preposte, e fai clic sul pulsante Accedi. Se ti trovi su Windows, clicca sul pulsante Consenti accesso per abilitare l’accesso completo alla rete.

Se non vuoi installare alcun client desktop o vuoi operare da un PC Linux, devi semplicemente raggiungere l’apposita sezione Web per utilizzare AirDroid da browser, avendo cura di effettuare il login con l’account per questo servizio. Se non ne possiedi uno, premi la dicitura Crea un account e segui la procedura a schermo per la registrazione di un account gratuito.

A questo punto, avvia l’app di AirDroid sul tuo dispositivo Android, premi il pulsante Accedi e, nei campi dedicati, digita il medesimo indirizzo email e la stessa password usati in precedenza. Dopodiché fai tap sul pulsante Accedi, poi più volte sul pulsante Consenti, per accordare i permessi richiesti. Per abilitare la proiezione dello schermo e il suo controllo, pigia sulle voci Clonazione schermo e Controllo Remoto e attiva le corrispondenti funzionalità.

AirDroid - Modalità sola lettura

Torna ora al programma per PC e recati nella sezione AirMirror, cliccando sull’icona del binocolo che trovi nella barra laterale del programma; se intendi soltanto visualizzare lo schermo del tuo dispositivo, clicca sul pulsante Clonazione schermo e poi sul pulsante Avvia Adesso che compare sulla schermata del device Android: dopo qualche secondo, vedrai il display proiettato sul computer.

Se, invece, intendi controllare Android usando mouse e tastiera del computer, puoi agire in due modi differenti: se disponi dei permessi di root, sempre dalla sezione AirMirror del programma, fai clic sul pulsante Controllo remoto e, infine, concedi l’accesso root su Android sfiorando le voci PermettiPermetti comunque (o Concedi, a seconda della versione del sistema operativo).

Qualora il tuo device non disponesse dei permessi di root, devi effettuare un’operazione preventiva che richiede la presenza del cavo USB (è necessario soltanto la prima volta): abilita la modalità sviluppatore e il debug USB come ti viene mostrato sullo schermo, seguendo attentamente le istruzioni indicate.

Dopo qualche secondo, vedrai comparire nella finestra di AirDroid lo schermo del tuo dispositivo, che potrai controllare comodamente utilizzando mouse e tastiera: a questo punto, puoi tranquillamente scollegare il cavo USB e continuare a usare il device direttamente dal computer.

Hai visto? Trasmettere lo schermo del tuo dispositivo Android sul computer non è affare così complesso: basta conoscere i giusti programmi! Voglio però avvisarti che, su alcune specifiche versioni di Android, il controllo del dispositivo potrebbe non essere disponibile, dunque i programmi sopracitati si “limiteranno” a condividere lo schermo: se necessiti con urgenza di questa funzionalità, il mio consiglio è quello di effettuare il root, per poi ritentare il controllo in un secondo momento, con la procedura che ritieni più opportuna tra quelle che ti ho suggerito.

Come trasmettere schermo Android su PC con cavo USB

Vysor per Chrome

Se vuoi trasmettere lo schermo Android sul PC utilizzando un cavo USB, la soluzione che ti propongo è quella offerta da Vysor. Si tratta di un’app per Android, funzionante anche su dispositivi che non dispongono dei permessi di root, che permette di trasmettere e controllare lo schermo del device attraverso il browser Google Chrome oppure l’apposito client desktop.

Tutto ciò di cui necessiti, quindi, è un computer con Windows, macOS o Linux, con installato eventualmente Google Chrome (se non sai come fare, ti invito a consultare il mio tutorial in merito) e un cavo USB con cui collegarvi il dispositivo Android.

Se disponi di sistema operativo Windows, ti consiglio di installare preventivamente i driver ADB, per evitare di incorrere in problemi: per farlo, collegati a questo sito Web, poi fai clic sul link di download relativo alla versione più recente del software e attendi che il file venga scaricato sul tuo computer.

A download completato, avvia il programma e pigia sul pulsante , dopodiché digita la lettera Y, poi premi Invio, e ripeti tre volte quest’operazione. A questo punto, premi sui pulsanti Avanti, InstallaFine: l’installazione dei driver è così conclusa. Questo passaggio non è necessario né su macOS né su Linux, in quanto ADB è nativamente compatibile con questi sistemi operativi.

Installazione driver ADB

Ora devi attivare le opzioni sviluppatore e la modalità debug su Android: fai quindi tap sull’icona Impostazioni presente nella lista app del dispositivo, seleziona la voce Info sul telefono, cerca la dicitura Numero build e fai tap 7 volte su di essa, per attivare la modalità di sviluppo.

Torna ora alla schermata principale del menu Impostazioni, seleziona la voce Opzioni di sviluppoOpzioni sviluppatore e sposta su Attivato l’interruttore in corrispondenza della voce Debug USB. In ultimo, installa l’app Vysor dal Play Store e collega il tuo dispositivo al PC tramite cavo USB.

A questo punto spostati sul computer, collegati al sito Internet di Vysor, per prelevare il file del client desktop. Ora, se usi Windows, avvia il file .exe, per accedere direttamente al software. Se usi macOS, invece, scarica il software, trascinalo nella cartella Applicazioni e fai doppio clic su di esso (premendo poi su Apri nel riquadro a schermo), per eseguirlo.

Puoi anche usare l’apposita estensione per Google Chrome, che permette di utilizzare Vysor da browser. Per fare ciò, avvia Chrome e raggiungi la scheda dell’estensione nel Chrome Web. Fatto ciò, clicca sui tasti AggiungiAggiungi App, dopodiché premi sull’icona di Vysor che compare nella scheda App di Chrome.

A questo punto, dopo aver avviato l’app sul dispositivo Android, attendi che quest’ultimo venga individuato da Vysor su PC e premi sul tasto View, per avviare la trasmissione dello schermo.

Vysor per Google Chrome

La versione gratuita di Vysor non ha limiti di tempo sull’utilizzo, tuttavia prevede la comparsa di un banner pubblicitario ogni quindici minuti di attività. Per eliminare questo limite, e sbloccare anche le altre funzionalità dell’app (come la modifica della risoluzione e della qualità di trasmissione, la comunicazione in modalità wireless, la cattura di screenshot, screencast ecc.), puoi acquistare una licenza mensile a 2,50$annuale a 10$ o permanente a 40$.

Altre soluzioni per trasmettere schermo Android su PC

Usare Chromecast su TV

In aggiunta alle soluzioni di cui ti ho parlato nei capitoli precedenti di questa mia guida, puoi anche sfruttare altri consigli in merito alla proiezione dello schermo Android sul PC. Un esempio è quello che prevede l’utilizzo di un TV da impiegare come monitor del PC.

Se non ne fossi al corrente, anche un normale televisore può essere usato come monitor del PC, tramite un semplice cavo HDMI. Dato che i televisori possiedono, solitamente, più di un ingresso HDMI, puoi associare un qualsiasi dongle o un Chromecast, per trasmettere lo schermo del device o il contenuto di specifiche app sul TV. Se vuoi saperne di più su questo argomento, puoi leggere la mia guida su come usare TV come monitor PC e associare poi uno di questi piccoli dispositivi ad esso.

In alternativa, se il TV è munito di tecnologia Miracast, devi semplicemente abilitare sull’apparecchio televisivo e poi effettuare la trasmissione dello schermo, così come ti ho già illustrato nel capitolo relativo all’applicazione Connetti per Windows 10 o seguendo i consigli che ti ho fornito nella mia guida su come collegare il telefono alla TV senza fili.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.