Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come trovare una persona con il numero di telefono

di

Stai ricevendo tantissime chiamate da un numero sconosciuto e, prima di rispondere, ti piacerebbe sapere di chi si tratta? Stai cercando un metodo facile e veloce per trovare una persona con il numero di telefono? Se questo è il problema che vuoi risolvere oggi, sono ben lieto di informarti che sei capitato nell’articolo giusto al momento giusto! Nei prossimi paragrafi, infatti, ti spiegherò per filo e per segno come risalire all’identità di una persona partendo proprio dal suo numero di telefono, sia esso un numero di rete fissa o di rete mobile.

Visto che non tutti i numeri di telefono sono presenti in elenchi pubblici — soprattutto quelli dei cellulari, per i quali non ci sono elenchi ufficiali — non posso garantirti al 100% che al termine della tua ricerca riuscirai a risalire effettivamente all’identità di chi ti ha chiamato. Tuttavia, come si dice in questi casi, tentar non nuoce.

Utilizza, dunque, i servizi che ti elencherò nei prossimi paragrafi — molti dei quali sono a carattere collaborativo, realizzati cioè con i contributi degli stessi utenti — e vedrai che, con un pizzico di fortuna, potresti effettivamente risalire all’intestatario del numero che da giorni fa squillare il tuo telefono in continuazione. Buona lettura e, soprattutto, buona ricerca!

Indice

WhatsApp

Salvare numero su WhatsApp

La prima soluzione che ti consiglio di provare per trovare una persona con il numero di telefono è WhatsApp. Salvando il numero su WhatsApp, infatti, potresti riuscire a risalire all’identità della persona che si nasconde dietro quest’ultimo esaminando le informazioni dell’account eventualmente associato alla numerazione in questione (sempre che tali informazioni, come la foto del profilo, siano visibili). Ecco, dunque, come salvare un numero su WhatsApp.

  • Su Android — avvia WhatsApp, pigia sulla scheda Chat, premi sul simbolo della nuvoletta bianca su sfondo verde, pigia sul simbolo (⋮) e fai tap sull’icona dell’omino con il simbolo (+) al suo fianco. Compila, dunque, il modulo di contatto specificando il numero di telefono di tuo interesse e fai tap sulla voce Salva. Una volta salvato il numero, ricordati di aggiornare la lista dei contatti pigiando sul simbolo (⋮) (dalla lista dei contatti WhatsApp) e selezionando la dicitura Aggiorna.
  • Su iPhone — apri WhatsApp, fai tap sulla voce Chat, pigia sull’icona della matita con il foglio (in alto a destra) e premi sulla voce Nuovo contatto. Salva, dunque, il numero di telefono di tuo interesse nell’apposito campo di testo e fai tap sulla voce Fine (per due volte di seguito).

A questo punto, recati nella scheda Chat di WhatsApp, pigia sull’icona della nuvoletta (su Android) oppure sull’icona della matita con il foglio (su iPhone), cerca la persona di tuo interesse e tocca la sua foto del profilo. Se la foto è visibile e mostra il volto della persona in questione (o, comunque, un qualche dettaglio che riconduca a lei), potresti riuscire a capire di chi si tratta (sempre se la conosci).

Chi sta chiamando?

Come scoprire intestatario di un numero di cellulare

Un servizio a carattere collaborativo che può essere usato senza registrazione e, soprattutto, senza condividere il proprio numero in database pubblici è Chi sta chiamando?. Questo portale permette di scovare i numeri provenienti da call center e altri “seccatori noti”, grazie ai feedback degli utenti. È disponibile anche come app per Android e iOS, dove permette di individuar e i seccatori e bloccare automaticamente le loro chiamate.

Per avvalertene, recati sulla sua home page e scrivi il numero di tuo interesse nel campo Cercare numero di telefono. Successivamente, clicca sul bottone CERCHI e vedi se sono disponibili feedback sulla numerazione cercata. Se ci sono, tienine conto per risalire all’identità della persona che ti ha contattato.

Truecaller

Truecaller

Truecaller è uno dei servizi più usati per risalire all’identità di una persona partendo dal suo numero di telefono. Dato che il database di Truecaller ospita miriadi di numeri di telefono, ci sono buone probabilità che il numero che stai cercando si trovi in quest’ultimo. Se ti stai chiedendo come fa TrueCaller ad avere un database così ricco, te lo spiego subito.

L’app di Truecaller, che permette di bloccare le chiamate provenienti dai seccatori noti (call center, operatori di telemarketing, etc.), per funzionare richiede la registrazione gratuita al servizio e la pubblicazione del proprio numero nel suo elenco pubblico. Trovi maggiori informazioni al riguardo nella guida in cui spiego il funzionamento delle app per bloccare chiamate e nei termini d’uso di Truecaller. Ciò significa, quindi, che per avvalerti del servizio devi essere disposto a questo compromesso riguardante la tua privacy: valuta bene la cosa prima di procedere.

Se ti è tutto chiaro, collegati alla pagina iniziale di Truecaller, digita il numero di tuo interesse nel campo Search a phone number e clicca sul simbolo della lente di ingrandimento per dare inizio alla tua ricerca (se necessario, puoi anche cambiare il prefisso internazionale mediante il menu posto sulla sinistra).

Dopodiché, effettua il login “passando” per il tuo account Google o per il tuo account Microsoft e segui le istruzioni che visualizzi a schermo per effettuare l’accesso (se ti viene chiesto di condividere la rubrica, non acconsentire).

A login effettuato, potrai scoprire se il numero che hai cercato è presente nel database di Truecaller. In caso affermativo, potrai visualizzare una scheda che contiene le principali informazioni disponibili che riguardano il numero che hai cercato.

PagineBianche

PagineBianche

Uno dei migliori servizi per cercare numeri di rete fissa è PagineBianche, che consente di trovare i numeri di privati cittadini e professionisti (e di effettuare la ricerca inversa). Contiene anche alcuni numeri di cellulare, ma si tratta principalmente di recapiti relativi a professionisti e aziende, non di privati.

Il nome di PagineBianche viene quasi sempre accostato all’omonima rubrica cartacea ma ora il servizio è disponibile anche online sotto forma di sito Web e su dispositivi portatili, sotto forma di applicazione per Android e iOS/iPadOS. Il suo utilizzo è davvero intuitivo e, soprattutto, non richiede alcuna registrazione.

Per accedere a PagineBianche, collegati alla pagina principale del servizio, fai clic sulla scheda numero telefono, digita il numero che vuoi cercare nel campo Numero telefono e dai il via alla ricerca facendo clic sul bottone cerca.

Se lo desideri, puoi effettuare la ricerca utilizzando anche altre modalità messe a disposizione da PagineBianche. Ad esempio, puoi avviare la ricerca partendo dal nome di una persona. Per far ciò, clicca sulla scheda nome e digita il nome della persona che stai cercando nel campo in cui è presente la dicitura Nome, Cognome o Ragione sociale, “restringi” la ricerca indicando nel campo Località, indirizzo il luogo in cui si trova la persona che stai cercando e, infine, clicca sul bottone cerca.

Se vuoi effettuare una ricerca partendo da un indirizzo, invece, fai clic sulla scheda indirizzo e inserisci nel campo località, indirizzo, numero civico l’indirizzo da cui partire per risalire a un numero di telefono e dai il via alla ricerca cliccando sul pulsante cerca.

PagineGialle

Pagine Gialle

Anche PagineGialle è uno strumento utile per la ricerca di numeri telefonici, in quanto consente di reperire facilmente i contatti di professionisti e aziende in modo semplice e intuitivo.

Per avvalertene, recati sulla sua pagina principale, seleziona (se necessario) la scheda numero telefono (sulla destra), scrivi la numerazione di tuo interesse nel campo di testo apposito e clicca sul pulsante cerca collocato sulla destra. Se ci sono dettagli circa la numerazione cercata, ti verranno mostrati nella nuova pagina che si è aperta.

PagineGialle è disponibile anche come applicazione gratuita per Android (anche su store alternativi al Play Store) e iOS/iPadOS.

Google

Google

“Le soluzioni più semplici, sono sempre quelle migliori”. Quanto è vera questa frase! Se i servizi di cui ti ho parlato nel corso di questo articolo non ti hanno permesso di risalire all’intestatario del numero che ti sta chiamando da giorni e di cui non consci l’identità, prova a fare una semplice ricerca su Google.

Per riuscirci, collegati alla pagina iniziale del famoso motore di ricerca, digita nella barra di testo il numero che ti interessa e clicca sul pulsante Cerca con Google per avviare la ricerca.

Nella pagina che si apre potrebbero effettivamente comparire dei risultati di ricerca che corrispondono al numero che hai cercato (soprattutto se, ad esempio, si tratta di un professionista che ha pubblicato i suoi recapiti online).

Altre soluzioni utili

Whooming

Concludo questo tutorial proponendoti altre soluzioni utili per procedere con la ricerca di numeri telefonici. Vedi quale di queste alternative può fare al caso tuo.

  • App Telefono di Google — basando il suo funzionamento sul database di Google, questa app consente di avere informazioni sul chiamante in modo pressoché istantaneo, a patto che la connessione Internet sia attiva e che la funzione apposita sia abilitata.
  • Tellows — è un servizio online a carattere collaborativo mediante il quale è possibile individuare i numeri di telefono provenienti da call center, operatori di telemarketing e altri “seccatori noti”, consultando i feedback degli utenti.
  • Whooming — se hai ricevuto delle chiamate anonime, tutti i servizi sopraccitati non sono in grado di dirti chi ti chiama con un numero privato o sconosciuto. In questo caso specifico devi rivolgerti questo servizio che sfrutta la tecnica della deviazione di chiamata per rivelare all’utente l’identità del numero sconosciuto dal quale proviene la chiamata. Whooming può essere utilizzato in modo gratuito, ma per conoscere l’identità di chi ti ha chiamato bisogna sottoscrivere un abbonamento a partire da 12,99 euro euro per 3 mesi. Maggiori info qui.
Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.