Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come vedere Rai 4K

di

Hai posizionato il tuo nuovo televisore 4K in salotto o in cucina e vorresti gustarti uno dei film o delle fiction che trasmettono sui canali Rai, beneficiando però dei vantaggi del 4K? Sintonizzarti sui canali 501 (o successivi) del digitale terrestre potrebbe non essere sufficiente per godere della massima qualità video offerta dal nuovo apparato: i cosiddetti canali “HD”, infatti, trasmettono in risoluzione Full HD (1920×1080 pixel), pari alla metà della qualità 4K.

In realtà, il modo per vedere i contenuti Rai a risoluzione 4K UHD esiste eccome: per sfruttarlo, devi però aver cura di procurarti il materiale necessario e di configurare il TV e/o il decoder in tuo possesso in modo appropriato. Ti invito, quindi, a prenderti giusto qualche minuto del tuo tempo, così da poter leggere questa guida che ho realizzato apposta per te: in essa scoprirai come vedere Rai 4K sul tuo nuovo televisore, in pochi e semplici passi. Prima di continuare, però, devo farti una premessa fondamentale: la fruizione del canale Rai 4K è gratuita ma, come ti spiegherò tra non molto, potrebbe essere richiesta una spesa aggiuntiva per l’acquisto di un decoder o di un’apposita scheda.

Inoltre, per sfruttare la gamma dei colori ampliata, dovrai verificare che il tuo nuovo TV supporti la riproduzione in qualità HDR e che questa sia abilitata all’interno dei menu di sistema. Ti sembra tutto molto complicato? Fidati, non lo è affatto: sono sicuro che, seguendo attentamente le istruzioni che mi accingo a proporti, riuscirai a raggiungere brillantemente il risultato che ti sei prefissato nel giro di pochissimo tempo. Detto ciò, non mi resta altro da fare che augurarti buon lavoro e buon divertimento!

Indice

Informazioni preliminari

Tanto per cominciare, devi sapere che il canale Rai 4K viene trasmesso sulla piattaforma satellitare tivùsat, quindi non puoi utilizzare una normale antenna analogica (quella “classica” connessa al decoder digitale terrestre o al televisore, per intenderci) o un decoder per la piattaforma satellitare Sky.

Per usufruirne, dovrai, invece, avere a disposizione una parabola dedicata (da orientare nella giusta direzione, come vedrai in seguito) e, per decodificare il segnale, dovrai procurarti un decoder compatibile con i canali 4K UHD di tivùsat, oppure il lettore CAM tivùsat da integrare nell’apposito alloggiamento del televisore: ti parlerò nel dettaglio degli apparati nella sezione successiva di questa guida.

Innanzitutto, per ricevere correttamente il canale Rai 4K e per sfruttare l’intera piattaforma tivùsat, devi orientare correttamente la parabola in tuo possesso. A tal proposito, è utile sapere che tutti i canali vengono trasmessi sulla flotta di satelliti Eutelsat Hot Bird 13: per poter captare il giusto segnale da questi satelliti, ti consiglio di visitare il sito LyngSat, in cui puoi trovare le coordinate da utilizzare per il corretto orientamento della parabola.

Per essere certo di ricevere anche Rai 4K, devi puntare sulle frequenze Eutelsat Hot Bird 13B o Eutelsat Hot Bird 13C (l’orientamento cambiare in base al periodo, anche se di fatto le trasmissioni avvengono dallo stesso satellite). Non sai come orientare la parabola? Non preoccuparti, ti ho spiegato come fare nella mia guida su come puntare la parabola satellitare, in cui ti ho mostrato i migliori strumenti e le risorse più utili per imparare a puntare correttamente la parabola satellitare sul tetto o sul balcone senza chiedere l’aiuto di un antennista (che, però, ti consiglio di consultare in caso di problemi o di parabole difficilmente accessibili).

Per completezza d’informazione, devi inoltre sapere che in Valle d’Aosta è possibile ricevere un canale chiamato Rai 4K anche sulle frequenze del digitale terrestre, ma esso è completamente diverso dal canale satellitare e trasmesse contenuti differenti (funziona come canale di test per il 4K UHD via antenna analogica). Dunque, se abiti in questa regione e vuoi vedere la programmazione ufficiale di Rai 4K, hai comunque necessità di procurarti una parabola.

Decoder tivùsat e televisori compatibili

Come accennato in precedenza, hai almeno due metodi differenti per poter vedere Rai 4K e gli altri canali della piattaforma tivùsat: tramite decoder dedicato e tramite apposita tessera da inserire in un TV compatibile. Sta a te scegliere quello più adatto alle tue esigenze. Chiaramente, per sia per l’uno che per l’altro, è fondamentale possedere un’antenna parabolica e disporre di un televisore con supporto alla risoluzione 4K UHD.

Decoder

Il metodo più efficace per accedere alla piattaforma tivùsat e vedere Rai 4K è utilizzare un decoder certificato per la visualizzazione dei canali UHD, come quelli elencati di seguito.

OPENTEL UHD 4000 TVS Ricevitore Satellitare 4K UHD con HbbTV - primo r...
Vedi offerta su Amazon

Il decoder di cui hai bisogno deve disporre di Smart Card integrata, per l’accesso ai canali in alta definizione della piattaforma: per fruirne, devi semplicemente connettere il decoder al televisore, effettuare la configurazione iniziale e sintonizzarti sul canale 210. Se non disponi di un televisore 4K UHD, puoi comunque beneficiare dei canali trasmessi dalla piattaforma tivùsat tramite decoder, tuttavia essi saranno visualizzati a una qualità inferiore (1080p o 720p, in base al televisore).

Come dici? I decoder che ti ho consigliato non fanno al caso tuo? Non preoccuparti, credo proprio di avere ciò che fa per te: ti invito a leggere la mia guida su quale decoder satellitare comprare, in cui ti ho segnalato tanti altri decoder satellitari compatibili con la piattaforma tivùsat.

TV compatibili

Se, invece, desideri guardare il canale Rai 4K direttamente dal televisore, senza acquistare nessun decoder, devi accertarti che l’apparato in tuo possesso risponda a dei requisiti ben precisi: esso deve disporre di doppio sintonizzatore, del supporto allo standard televisivo DVB-S2 (puoi controllare questa informazione sulla confezione o nel manuale d’uso del televisore), del supporto al codec HEVC e della certificazione per la visualizzazione dei canali 4K UHD della piattaforma tivùsat.

Per la lista dei televisori compatibili con tivùsat, puoi controllare il documento ufficiale disponibile online: se il tuo televisore è presente, potrai vedere Rai 4K senza alcun problema. Se, invece, il tuo televisore non dovesse essere incluso nell’elenco (sebbene rispetti tutti i requisiti), potresti non visualizzare correttamente il canale Rai 4K, neppure dotandoti di apposita CAM, cioè dell’apposito modulo da collegare al televisore e in cui inserire la Smart Card tivùsat: puoi fare un tentativo, ma rischieresti di spendere soldi inutilmente.

Come dici? Hai un TV compatibile ma non possiedi la CAM e la Smart Card da collegarvi? In questo caso, ti consiglio di acquistare il kit SmarCAM HD tivùsat, che include al suo interno il modulo da inserire nell’apposito slot del televisore, insieme alla Scheda Tivùsat HD, necessaria per accedere a tutti i canali in alta definizione della piattaforma.

I-Can CAM tivùsat HD e Scheda Tivùsat HD
Vedi offerta su Amazon

Come vedere Rai 4K sul televisore

Ora che disponi di tutte le informazioni necessarie, è arrivato il momento di passare al concreto e di spiegarti come attivare la Smart Card, come configurare il decoder o collegare il modulo CAM al televisore, come avviare la ricerca dei canali satellitari e, infine, come vedere Rai 4K sintonizzandoti sul canale dedicato.

Attivare la Smart Card

A prescindere dal sistema scelto, per poter accedere alla piattaforma satellitare tivùsat devi preventivamente attivare la Smart Card, ancor prima di inserirla nel decoder o nella CAM del televisore.

Per procedere, prendi nota del codice a 12 cifre presente sul retro della card, quindi chiama il numero a pagamento 06 891 895 e segui le istruzioni della voce guida, oppure effettua l’attivazione online recandoti su questo sito. Per procedere con l’attivazione, dovrai fornire i seguenti dati: il numero seriale di 12 cifre annotato in precedenza, le tue informazioni personali come nome, cognome, data e luogo di nascita, codice fiscale o Partiva IVA (in caso di utenza business), indirizzo, numero di telefono e indirizzo email, per poi confermare i vari consensi al trattamento dei dati personali.

Terminata la procedura, l’attivazione della Smart Card dovrebbe avvenire entro i successivi 30 minuti dall’invio della richiesta. Nel frattempo, puoi procedere con l’installazione della card all’interno del decoder o del televisore.

Decoder

Se hai scelto di vedere il canale Rai 4K tramite decoder compatibile, non devi far altro che collegare il cavo satellitare all’ingresso LNB IN o SAT IN presente sul retro del dispositivo (il nome dell’ingresso varia in base al modello in uso) , inserire la Smart Card tivùsat HD nell’apposita fessura presente di lato o sulla parte frontale dell’apparecchio (puoi riconoscerla dall’icona a forma di carta oppure da scritte come Card o Smart Card), collegare il cavo HDMI a una delle porte libere presenti sul televisore e, infine, collegare l’alimentazione elettrica del decoder, assicurandoti di accenderlo tramite il telecomando fornito in dotazione.

Fatto ciò, accendi il televisore e modifica la sorgente del segnale affinché venga visualizzato sullo schermo il contenuto trasmesso dalla porta HDMI in cui è presente il decoder; se non sai come fare, controlla che sul telecomando del televisore sia presente un tasto chiamato Source/Sorgente, un tasto che mostri un’icona HDMI o un tasto con l’icona di altre sorgenti video selezionabili.

Selezionata la sorgente video giusta, dovresti visualizzare la schermata di benvenuto del decoder, tramite la quale procedere con la configurazione iniziale, nella quale potresti dover selezionare la lingua e autorizzare la ricerca dei canali satellitari: assicurati di selezionare la sorgente DVB-S2 e di attivare il sistema di numerazione automatica LCN, se richiesto dal decoder.

Purtroppo non mi è possibile fornirti le istruzioni precise per tutti i modelli di decoder, tuttavia posso dirti con certezza che le rispettive interfacce sono progettate per essere quanto più semplici possibili: in alcune di esse, per esempio, è sufficiente premere il tasto OK, quando richiesto, per avviare la ricerca dei canali e salvarli all’interno del decoder. In caso di dubbi e difficoltà, ti consiglio comunque di leggere attentamente il manuale d’uso incluso con l’apparecchio.

Una volta terminata la configurazione iniziale, sempre tramite il decoder, non ti resta che sintonizzarti sul canale 210: se tutto è filato liscio, dovresti vedere i contenuti trasmessi dalla Rai con la risoluzione più elevata.

Per un risultato ottimale, laddove il tuo televisore la supportasse, potresti abilitare la tecnologia HDR sull’ingresso HDMI a cui è connesso il decoder, altrimenti non avresti la possibilità di beneficiare della resa dei colori ampliata, disponibile per i contenuti trasmessi in UHD HDR su Rai 4K: puoi effettuare quest’operazione in modo relativamente semplice, accedendo al menu dedicato (solitamente disponibile sotto il nome HDR) disponibile nelle impostazioni del televisore.

Per esempio, nella mia guida su come attivare HDR su TV LG, ti ho illustrato i passaggi necessari per abilitare HDR sulle porte HDMI dei televisori LG, tuttavia non è difficile replicare la procedura anche sui apparati prodotti da altre aziende.

CAM per Smart TV

Se, invece, hai scelto di optare per la fruizione di Rai 4K tramite il modulo CAM da installare nel televisore, devi innanzitutto collegare il cavo satellitare all’ingresso LNB IN o Sat IN presente sul retro del TV (l’ingresso è diverso da quello dell’antenna, poiché il cavo satellitare dispone di prese che richiedono l’avvitamento manuale per poter rimanere in posizione).

Effettuato il collegamento, inserisci la Smart Card tivùsat HD all’interno del modulo CAM (il verso d’inserimento è unico, di basterà guardare le indicazioni presenti sul modulo stesso), quindi posiziona il modulo CAM nell’apposita fessura CI+ (o Common Interface) del televisore, collocata di solito nella parte laterale dell’apparato, più raramente nella parte posteriore.

In alcuni casi, la fessura CI potrebbe essere nascosta da un’etichetta e necessitare di un apposito modulo aggiuntivo, in genere fornito insieme al televisore.

Una volta installata correttamente la CAM, accendi il televisore e avvia la ricerca dei canali satellitari, avendo cura di selezionare DVB-S2 come standard di trasmissione e di abilitare LCN per poter numerare correttamente i canali. La procedura per sintonizzare i canali varia per ogni TV, ma puoi ottenere maggiori informazioni e consigli utili per avviare la ricerca dei canali satellitari (e non) nella mia guida come sintonizzare i canali, in cui ti ho mostrato come accedere ai menu del televisore e quali voci usare per avviare una nuova ricerca canali.

Al termine della ricerca dei canali, ti basterà accedere al canale 210 per poter guardare Rai 4K alla massima qualità. Se il televisore supporta la tecnologia HDR, dovresti essere in grado di visualizzare subito i contenuti trasmessi con la gamma dinamica ampliata, senza dover attivare nessuna voce o modificare altre impostazioni del televisore.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.