Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Roaming dati

di

Scartabellando fra le clausole del tuo abbonamento telefonico, ti sei imbattuto in dei paragrafi dedicati al roaming dati e vorresti capire bene di cosa si tratta? Beh, allora proviamo a chiarirci le idee insieme.

Il roaming, per dirla in parole povere, si verifica quando il tuo cellulare si appoggia ad altri operatori con lo scopo di effettuare chiamate o navigare in Internet e ciò avviene quando la rete dell’operatore principale, con cui hai sottoscritto il tuo abbonamento, non risulta disponibile. Tale meccanismo è suddiviso in roaming voce, che si verifica quando il telefonino si appoggia ad altri operatori per effettuare telefonate, e roaming dati, che invece scatta quando si utilizza il servizio Internet.

Se è dunque tua intenzione saperne di più in merito al roaming che coinvolge l’uso dei dati cellulare, ti suggerisco di prenderti cinque minuti o poco più di tempo libero, di metterti ben comodo e di concentrarti sulla lettura delle seguenti righe. Sono certo che alla fine avrai le idee molto più chiare e che qualora necessario sarai anche pronto e ben disponibile a fornire eventuali spiegazioni ai tuoi amici bisognosi di ricevere informazioni analoghe. Scommettiamo?

Roaming dati: cos’è

Roaming dati

Il roaming dati, come ti ho già spiegato nelle battute introduttive di questa guida, è la pratica che prevede la possibilità del proprio operatore di telefonia di “appoggiarsi” all’infrastruttura di rete di un altro operatore, al fine di garantire la navigazione su Internet anche al di fuori della copertura nativa.

In particolare, il roaming dati nazionale è quel tipo di roaming che avviene nello stesso territorio di riferimento dell’operatore principale, usato dagli operatori cosiddetti MVNO (cioè quelli che offrono servizi di rete cellulare, senza però possederne fisicamente l’infrastruttura). Fino a qualche tempo fa, l’uso del roaming nazionale poteva comportare dei sovrapprezzi rispetto al proprio piano tariffario ma, in tempi moderni, ciò non succede più.

Passiamo ora al roaming dati internazionale, quello che avviene al di fuori dei confini nazionali e che prevede regole differenti rispetto a quanto visto poc’anzi. Quasi tutti gli operatori di telefonia mobile sono costretti all’uso del roaming per voce e dati, quando ci si trova al di fuori dei confini della propria nazione d’appartenenza: nello specifico, è previsto il pagamento di un sovrapprezzo per chiamate, SMS e traffico dati che può variare in base al piano attivo sulla propria numerazione e alla nazione in cui ci si trova.

Considerando che nella maggior parte dei casi si tratta di tariffe davvero molto poco convenienti, è possibile far fronte alla cosa attivando specifiche offerte spesso inserite dai gestori “locali” nei loro listini e pensate appositamente per l’estero. Tuttavia, per quanto concerne il roaming internazionale in zona UE, le cose stanno fortunatamente in maniera diversa: lascia che ti dia qualche informazione in più al riguardo.

Roaming dati: Europa

Roaming dati

Allo stato attuale delle cose, a seguito di un decreto varato lo scorso dicembre 2015, è possibile telefonare, mandare SMS e navigare in rete nei Paesi dell’Unione Europa esattamente come si farebbe in Italia, usufruendo delle promo e delle tariffe attive nel Bel paese e senza affrontare sovrapprezzo alcuno.

Tuttavia, va tenuto conto del fatto che, nel caso dei piani tariffari comprensivi di bundle e/o traffico dati particolarmente corposi, gli operatori potrebbero applicare delle soglie massime oltre le quali è comunque prevista una tariffazione speciale, onde evitare l’uso scorretto del pacchetto voce-dati disponibile. La cosa, comunque, viene riportata dai singoli gestori nelle condizioni contrattuali delle offerte interessante e, in caso contrario, viene comunicata al singolo cliente in tempo utile.

Poiché l’Europa come entità geografica e l’Unione Europea come entità politico-economica non combaciano, al fine di evitare fraintendimenti, è poi bene tenere conto del fatto che le nazioni in cui è possibile usufruire del roaming a costo zero sono le seguenti: Austria, Belgio, Bulgaria, Cipro, Croazia, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Repubblica Ceca, Romania, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia e Ungheria.

I legislatori europei hanno inoltre firmato degli accordi individuali con alcuni Paesi che non fanno parte dell’Unione: Islanda, Liechtenstein e Norvegia; la situazione non è invece sempre chiara in merito alle modalità di roaming attive in Regno Unito: a causa della Brexit, l’applicazione o meno dei sovrapprezzi dipende sia dalle condizioni imposte dal gestore italiano, sia da quelle relative all’operatore al quale ci si “appoggia” in UK.

Offerte roaming dati

Chiarita la differenza tra le varie tipologie di navigazione al di fuori del territorio italiano, è arrivato il momento di vedere quali sono le più convenienti offerte roaming dati messe a disposizione dai protagonisti del settore.

Roaming dati: TIM

Roaming TIM

Iniziamo dando un’occhiata alle tariffe per il roaming dati appartenenti all’operatore TIM. Per quanto concerne la zona EU, come specificato a chiare lettere sul sito ufficiale di TIM, l’utilizzo delle offerte nazionale nei Paesi dell’Unione Europea, senza alcun sovrapprezzo, è consentito nell’ambito di viaggi occasionali nel rispetto delle politiche di utilizzo corretto […]. Il traffico generato sul territorio nazionale dovrà essere prevalente rispetto al traffico roaming effettuato dai Paesi UE e la presenza sul territorio nazionale prevalente rispetto alla presenza in altri Stati Membri dell’Unione. […] Dettagli circa le politiche di uso corretto e le modalità di applicazione dell’eventuale sovrapprezzo, sono disponibili sul sito nelle informative riguardanti le singole offerte”.

Per quanto riguarda, invece, l’uso di Internet in zona extra UE, puoi trovare l’informativa sulle tariffe base applicate nei vari Paesi del mondo direttamente su questa pagina; ti segnalo inoltre che l’operatore mette a disposizione dei propri clienti alcuni pacchetti in bundle: di seguito ti elenco i più apprezzati.

  • TIM in Viaggio Pass: prevede 10 GB di Internet in 4G, 500 minuti e 500 SMS. La tariffa è valida in Europa, USA, Canada e Brasile e costa 20€/30 giorni.
  • TIM in Viaggio Pass MONDO: prevede 2 GB di Internet in 4G, 100 minuti e 100 SMS. La tariffa è valida in oltre 80 Paesi extra UE e costa 30€/30 giorni.
  • TIM Opzione Svizzera: è un’offerta specifica per il roaming Svizzera e prevede 5 GB di Internet in 4G e 500 minuti. La tariffa è valida soltanto nella Confederazione Elvetica e costa 5€/mese.
  • TIM in viaggio Internet: prevede 4 GB di Internet. È valida in Europa e USA e costa 25€/10 giorni.

Per saperne di più, ti invito a consultare questa pagina del sito di TIM.

Roaming dati: Vodafone

Roaming dati: Vodafone

Per calcolare i Giga che puoi usare in zona UE da SIM Vodafone, collegati a questa pagina Web e inserisci l’importo della tua tariffa, al netto dei costi relativi a Vodafone Exclusive, Rete Sicura ed Europe Key, nell’apposito campo; in alternativa, seleziona la tua offerta dal menu a tendina situato poco più in basso. Dopo alcuni istanti visualizzerai, sempre nel medesimo riquadro, la quantità di Giga utilizzabili in Roaming gratuitamente, in base alla scelta fatta.

Se poi ti interessa ottenere informazioni in merito alla navigazione per i paesi della zona extra UE, oppure ai “bundle” attivabili, recati su questa pagina Web, inserisci la tua destinazione all’interno dell’apposito campo e dai Invio. Tra le offerte con “bundle” voce+dati messe a disposizione da Vodafone e attivabili in alcune parti del mondo ti segnalo Travel Mondo (per 3 GB, 200 minuti e 10 SMS al costo di 29,99€/10 giorni) e Vodafone Smart Passport+ (per 200 MB, 60 minuti e 10 SMS al costo di 3€/giorno). Entrambe le offerte, se disponibili, vengono attivate e rinnovate soltanto in caso di effettivo utilizzo.

Roaming dati: WINDTRE

Roaming dati: WINDTRE

Anche WINDTRE applica dei limiti per l’uso di Internet in zona UE, variabili a seconda dell’offerta attiva sulla propria SIM: per conoscerli, collegati a questa pagina Web, inserisci il costo mensile della tua offerta nel campo dedicato e attendi qualche istante affinché, subito sotto, compaia la quantità di GIGA a disposizione in UE. Per quanto riguarda, invece, l’uso di Internet in zona extra UE, WINDTRE dispone di alcuni pacchetti specifici.

  • Travel Svizzera: prevede 10 GB utilizzabili in Svizzera, 50 minuti in Svizzera (25 in ingresso e 25 in uscita) e 10 minuti dall’Italia verso la Svizzera. Costa 4,99€/mese.
  • Travel Weekly: prevede 600 MB di Internet, 200 minuti (100 in ingresso e 100 in uscita) e 200 SMS a settimana. Costa 9,99€/settimana.
  • Travel Daily: prevede 100 MB di Internet, 30 minuti (15 in ingresso e 15 in uscita) e 30 SMS al giorno. Costa 6€/giorno.
  • GIGA Travel Weekly: prevede 1 GB di Internet a settimana e costa 10€/settimana.

Per maggiori informazioni in merito alle tariffe appena menzionate e per conoscere le tariffe base nel Mondo per navigazione, chiamate ed SMS, ti invito a prendere visione di questa pagina Web disponibile sul sito di WINDTRE.

Roaming dati: Iliad

Roaming dati

A differenza di quanto visto per gli operatori menzionati in precedenza, Iliad non prevede alcun pacchetto in bundle, almeno per il momento, dedicato alla navigazione in zona extra UE.

Consultando questa pagina del sito Web dell’operatore e cliccando poi sul nome del piano tariffario attivo sulla tua SIM (ad es. Roaming offerta iliad Flash 100 5G a 9,99€), puoi consultare le soglie dati in zona UE utilizzabili gratuitamente per le varie offerte; per conoscere, invece, quali sono i prezzi per chiamate, SMS e consultazione di Internet in zona extra UE, dopo esserti recato nella pagina specifica dedicata alla tua offerta, premi sul link Brochure prezzi, che trovi nel paragrafo conclusivo della pagina (quello scritto a caratteri più piccoli, per intenderci).

Roaming dati: Fastweb

https://www.aranzulla.it/come-passare-a-fastweb-mobile-1002466.html

Nel momento in cui scrivo questa guida, Fastweb potrebbe applicare dei limiti sull’utilizzo dei minuti e dei Giga inclusi nella propria offerta se ci si trova in zona UE (la quale include anche il Regno Unito); questi ultimi dipendono dalla tariffa attiva per la propria SIM e sono espressi a chiare lettere nelle condizioni contrattuali del piano stesso.

Non sono invece disponibili piani specifici per l’uso di Internet su rete cellulare in zona extra-UE: da questa pagina, però, puoi effettuare il calcolo dei costi per chiamate, SMS e uso di Internet, a seconda del Paese in cui ti trovi (o nel quale hai deciso di recarti). Attualmente, Fastweb è tra i pochi gestori a seguire, per il roaming dati Svizzera, lo stesso regolamento in vigore per l’uso del proprio bundle voce/dati per tutti i paesi della zona UE.

Attivare roaming dati: iPhone e Android

Attivare roaming dati: iPhone e Android

Stai per recarti all’estero e vuoi capire come fare per poter usufruire del roaming dati una volta giunto a destinazione? Niente di più semplice: non devi far altro che attivare (o verificare che sia attiva) l’apposita funzione presente sul tuo smartphone. Adesso ti spiego subito come fare.

Se il tuo è uno smartphone animato dal sistema operativo Android, apri le Impostazioni del dispositivo facendo tap sul simbolo dell’ingranaggio visibile sulla schermata Home oppure sul drawer delle app, recati nelle sezioni Rete e Internet > Rete mobile e, se hai un telefono oppure un tablet dual-SIM, fai tap sul nome della scheda SIM per la quale attivare il roaming.

Adesso, individua la voce Roaming all’interno del pannello successivo e sposta da OFF a ON la levetta posta in sua corrispondenza. Puoi disattivare il roaming in qualsiasi momento, ripetendo la stessa procedura e riportando la levetta relativa all’uso del roaming in posizione OFF. Ti rammento che, a causa delle differenze tra una versione e l’altra di Android, i nomi delle voci che vedi sul tuo schermo potrebbero differire da quanto detto finora.

Per esempio, se il tuo è un telefono a marchio Xiaomi, puoi trovare le opzioni relative al roaming recandoti in Impostazioni > Schede SIM e reti mobili > Impostazioni avanzate > Roaming dati; da lì, oltre che attivare/disattivare il roaming, puoi impostare una soglia dati limite dopo la quale ricevere un avviso oppure fornire/negare il permesso a determinate app di usare i dati in roaming. Sui dispositivi Samsung, il menu dedicato si trova in Impostazioni > Connessioni > Reti mobili > Roaming dati; sui device HUAWEI, devi invece recarti nelle sezioni Impostazioni > Rete mobile > Dati mobili > [nome SIM] > Dati roaming.

Attivare roaming dati: iPhone e Android

Se hai un iPhone oppure un iPad, puoi attivare il roaming dati accedendo alla Home screen oppure alla Libreria app del dispositivo, facendo tap sul pulsante Impostazioni e, in seguito, selezionando la voce Cellulare dalla schermata che si apre. Fatto ciò, è sufficiente premere sulla voce Opzioni dati cellulare e portare su ON l’interruttore collocato accanto all’opzione Roaming dati. Anche in questo caso, si può disattivare il roaming seguendo la stessa procedura vista poc’anzi e riportando la levetta Roaming dati in posizione di OFF.

Nota: l’opzione Roaming dati è visibile soltanto se la connessione dati cellulare del dispositivo è abilitato: puoi verificarlo recandoti nel menu Impostazioni > Cellulare di iOS e iPadOS.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.