Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

App per ascoltare musica su iPhone

di

Hai appena comprato il tuo primo “melafonino” e vorresti sapere quali sono le migliori app per ascoltare musica su iPhone? Scommetto che hai già fatto una ricerca su App Store ma ti sei “perso” tra le tantissime soluzioni disponibili. D’altronde ci sono soluzioni per tutti i gusti e tutte le esigenze: dai player più semplici per chi cerca qualcosa di semplice e gratuito da usare offline, ai servizi di streaming per chi, sottoscrivendo un apposito abbonamento, desidera avere accesso ai migliori cataloghi musicali online.

Per facilitarti la scelta e aiutarti individuare le app più adatte a te, lascia che ti illustri alcune delle soluzioni più interessanti che ci sono attualmente nello store di Apple. Qualunque siano le tue necessità e i tuoi gusti in termini di generi musicali, non dovresti faticare a trovare delle applicazioni da installare sul tuo iPhone.

Coraggio, prenditi cinque minuti di tempo libero, dai un’occhiata alle applicazioni che sto per segnalarti e cerca di individuare quelle più adatte alle tue esigenze. Per capire come utilizzarle al meglio, ti basterà leggere attentamente le indicazioni che trovi qui sotto. Sei pronto allora? Sì? Benissimo! Iniziamo! Ti auguro una buona lettura e… un buon ascolto!

Musica (Apple Music)

Musica è una delle migliori applicazioni per ascoltare canzoni e album musicali sul tuo iPhone. Si tratta del player musicale predefinito di iOS che permette di ascoltare i brani presenti nella libreria del proprio dispositivo e di accedere ad Apple Music: il servizio di streaming musicale messo a disposizione da Apple che permette di accedere a un catalogo composto da milioni di album, playlist e brani da ascoltare sia in streaming che in modalità offline.

Apple Music si distingue dai servizi di streaming concorrenziali, oltre che per un catalogo leggermente migliore, per la possibilità di integrarsi a meraviglia con gli altri servizi e dispositivi di casa Apple, in primis Siri. È possibile provarlo gratuitamente per 90 giorni, poi il costo dell’abbonamento è pari a 9,99 euro/mese o 99 euro/anno con incluso la Libreria musicale di iCloud che consente di caricare online dal computer i propri brani e sincronizzarli su tutti i device connessi al proprio ID Apple.

Per ascoltare musica in locale sul tuo smartphone, non devi sottoscrivere alcun abbonamento. Non devi far altro che importare le tue canzoni preferite sul “melafonino” in iTunes, il player multimediale di Apple preinstallato su tutti i Mac e disponibile gratuitamente anche per Windows, e poi sul telefono. Sei hai un computer con sistema operativo Windows, ti saranno utili le mie guide su come scaricare iTunescome installare iTunes.

A prescindere dall’ambiente operativo in cui operi, la procedura per importare brani sul tuo iPhone è la seguente: avvia iTunes, fai clic sulla voce File, premi l’opzione Aggiungi alla libreria e seleziona i brani che vuoi importare. Provvedi dunque a collegare il tuo iPhone al computer tramite il cavo Lightning in dotazione e premi la voce Autorizza che compare a schermo (operazione necessaria solo se è la prima volta che effettui tale procedura).

Come ultimo passo, premi l’icona dell’iPhone collocata in alto a sinistra e seleziona Musica nel menu a tendina adiacente. Scegli dunque quali contenuti audio importare sul telefono – li trovi suddivisi per Playlist, Artisti, Generi e Album – e premi il pulsante Sincronizza presente in basso a destra. Se preferisci importare tutte le canzoni presenti, seleziona la voce Tutta la libreria musicale.

Per visualizzare le canzoni importate, fai tap sull’icona Musica presente nella home screen del tuo iPhone e premi la voce Libreria presente in basso. Alla sezione Aggiunti di recente sono visibili i brani importati. Per avviare la riproduzione scegli una delle voci tra Playlist, Artisti, Album e Brani e premi sul titolo della canzone.

Le funzioni Per te, Scopri e Radio, sono disponibili solo per utenti che hanno sottoscritto un abbonamento Apple Music e permettono di visualizzare delle selezioni di brani, album, playlist e stazioni radio generate automaticamente dal servizio.

Spotify

Tra le applicazioni per ascoltare musica più diffuse vi è sicuramente Spotify, servizio di streaming audio che ha avuto molto successo negli ultimi anni e che vanta un catalogo in continuo aggiornamento con milioni di brani, con la possibilità di ascoltare le ultime hit e brani storici della musica italiana e internazionale.

Spotify si può scaricare e usare gratis, ma con molte limitazioni, soprattutto in ambito mobile. Su iPhone e smartphone Android, ad esempio, è disponibile solo la modalità shuffle che permette di ricercare un brano o un artista e avviare la riproduzione in ordine casuale di una playlist creata in automatico dal servizio (in pratica non si possono scegliere liberamente i brani da riprodurre). Inoltre ci sono degli intermezzi pubblicitari che di tanto in tanto interrompono la riproduzione delle canzoni.

Per eliminare le limitazioni e le interruzioni pubblicitarie, puoi decidere di sottoscrivere un abbonamento scegliendo tra quelli elencati di seguito.

  • Premium (9,99€/mese): vengono eliminate le interruzioni pubblicitarie e tutte le limitazioni imposte nella versione gratuita. Inolre, offre la possibilità di ascoltare i brani in modalità offline, scaricandoli sul dispositivo. La qualità audio è migliore.
  • Premium for Family (14,99€/mese): oltre alle funzionalità del piano Premium, permette l’accesso multiplo fino a sei persone residenti allo stesso indirizzo. Una soluzione utile per condividere il proprio account e abbassare i costi di abbonamento.

Se vuoi provare Spotify, scarica la app sul tuo iPhone, avviala e premi il pulsante Crea account per effettuare la registrazione al servizio, che può avvenire via email o tramite profilo Facebook. Premi dunque sul pulsante Iscriviti con Facebook per collegare il tuo profilo social a quello di Spotify, altrimenti inserisci Email, Scegli password, Scegli username, Data di nascita, Sesso, fai tap sul pulsante verde Iscriviti e il gioco è fatto.

Successivamente potrai cercare album, artisti e playlist “manualmente” usando la scheda Ricerca, oppure potrai navigare tra i contenuti presenti nella sezione Naviga della app (classifiche, nuove uscite e via discorrendo). Una volta individuati i brani di tuo interesse, potrai ascoltarli pigiando sul loro titolo o aggiungerlo alla tua libreria pigiando sul simbolo “+”. Se desideri ottenere maggiori informazioni riguardo il funzionamento di Spotify, ti suggerisco di leggere i miei tutorial come funziona Spotify e come avere Spotify Premium gratis su iOS.

Amazon Music

Amazon Music è il servizio di streaming audio lanciato dal colosso di Jeff Bezos. Nella versione gratuita permette di ascoltare gli album o i singoli acquistati su Amazon, sia in copia fisica che in digitale. Almeno che tu non sia un grande appassionato di musica e hai acquistato decine e decine di dischi, la libreria di Amazon Music è limitata alle tracce già in tuo possesso.

Infatti, è la versione a pagamento Amazon Music Unlimited che si propone come vera alternativa a Spotify e Apple Music. Sottoscrivendo l’abbonamento al costo di 9,99 euro/mese, avrai accesso a un catalogo che conta 50 milioni di titoli e a tutte le funzionalità, in particolare la possibilità di scaricare i brani in locale e ascoltarli offline senza bisogno di una connessione Internet.

Per utilizzare Amazon Music, devi scaricare l’app sul tuo dispositivo e accedere tramite il tuo account Amazon: se non hai ancora un account Amazon e vuoi sapere come crearne uno, ti sarà utile la mia guida su come acquistare su Amazon, nella quale puoi trovare anche la procedura per registrarti al servizio.

A questo punto, avvia l’app Amazon Music, inserisci Email e Password Amazon e premi sul pulsante Accedi. Per iniziare ad ascoltare i tuoi brani preferiti, fai tap sull’icona Musica presente in basso e scegli se riprodurre Playlist o dividere i titoli per Artisti, Album, Brani o Generi. Premi sul titolo della canzone da riprodurre e sul pulsante ▶︎ per avviare l’ascolto. Puoi scorrere al brano precedente o successivo usando i comandi del player o più semplicemente facendo swipe verso sinistra o destra sull’immagine di copertina del brano.

Se vuoi sapere più in dettaglio come funziona Amazon Music Unlimited, puoi leggere il mio precedente tutorial in cui te ne ho parlato approfonditamente.

SoundCloud

SoundCloud è la piattaforma ideale per chi ama la musica emergente o i generi di nicchia. Permette, infatti, di ascoltare musica postata da numerosi artisti e band, anche indipendenti, senza limitazioni e senza effettuare alcuna registrazione.

Per cominciare ad utilizzare SoundCloud, devi scaricare la app sul tuo iPhone e avviarla. Premi dunque sulla voce Continua senza accedere per accedere alla schermata iniziale dell’applicazione e iniziare ad ascoltare musica. Nella Home sono presenti le playlist popolari della community di SoundCloud, mentre facendo tap sul pulsante fulmine, presente in basso, puoi accedere alla sezione Musica di tendenza. Premi l’icona lente di ingrandimento per cercare un artista o una canzone per nome. Rintracciato il brano da ascoltare, premi sul suo titolo per avviarne la riproduzione.

Puoi aggiungere un brano nei preferiti facendo tap sul pulsante cuore o seguire un artista premendo la voce Segui, ma è necessario effettuare la registrazione gratuita. Per creare un account, se hai già avviato l’applicazione, premi il pulsante login presente in basso (l’icona dell’omino) e scegli la voce Crea un account. Premi dunque sul pulsante Accedi con Facebook o Accedi con Google + per effettuare la connessione tra SoundCloud e il tuo profilo social, altrimenti compila i campi Email e Password e premi i pulsanti Avanti e Fine per registrarti via email. Conferma l’attivazione del tuo account facendo tap sulla voce Conferma la tua email contenuta nel messaggio di posta elettronica ricevuto.

Oltre a poter seguire artisti e inserire brani tra i preferiti, con la registrazione puoi creare playlist personalizzate. Inoltre, su SoundCloud è possibile scaricare i brani che gli artisti hanno reso disponibili in download gratuito: nel momento in cui scrivo la funzione non è supportata su iOS ma puoi agire tramite il browser del tuo computer.

Jamendo Music

Il miglior portale per la musica libera è Jamendo Music, una piattaforma che raccoglie artisti e band che propongono brani a costo zero. Se vuoi evitare applicazioni che richiedono abbonamenti, se ti piace la musica emergente e sei sempre alla ricerca di nuovi artisti da ascoltare, questa è la soluzione ideale.

L’applicazione non ha limitazioni e puoi ascoltare tutta la musica che vuoi. Alcune funzionalità come salvare un brano nei preferiti e interagire con l’artista, richiedono la registrazione gratuita. Premi dunque sul pulsante presente in alto a sinistra e seleziona la voce Crea account. Puoi velocizzare l’operazione decidendo di connettere il tuo account Facebook o Google premendo i pulsanti Crea un account tramite Facebook o Crea un account tramite Google, altrimenti compila i campi Inserisci la tua email e Inserisci una password, fai tap su Crea Account e premi il pulsante Attiva account nel messaggio ricevuto via email.

Ad iscrizione e accesso effettuati, scegli il brano da riprodurre per genere facendo tap sulla voce Tutti i generi posizionata in alto, quindi premi sul titolo della canzone scelta e fai tap sul pulsante ▶︎ per avviare l’ascolto. Se è di tuo gradimento puoi aggiungerla ai preferiti premendo il pulsante cuore. Per il momento su iOS non è possibile scaricare la canzone sul dispositivo.

Altre app per ascoltare musica su iPhone

Le app che ti ho appena segnalato sono tra le migliori per ascoltare musica su iPhone, ma non sono le uniche. Come già accennato, ce ne sono centinaia tra cui scegliere, quindi adesso te ne segnalo altre che potrebbero risultare interessanti per le tue necessità e i tuoi gusti musicali. Buon divertimento!

  • YouTube: è stato uno dei primi portali Web ad ospitare musica e video musicali. Il celebre portale di videosharing di Google permette di ascoltare brani senza limitazioni e senza registrazione. Grazie alla riproduzione automatica e alle playlist, è possibile ascoltare musica per ore senza dover intervenire. Attenzione al traffico dati però! Lo streaming video consuma molto di più rispetto al solo streaming audio.
  • Vevo: è una piattaforma lanciata nel 2009 e che offre un catalogo di oltre 200.000 canzoni e video di proprietà delle etichette discografiche Universal Music Group, Sony Music Entertainment ed EMI. Anche in questo caso si tratta di video musicali, quindi fai attenzione al traffico dati.
  • Deezer: tra le applicazioni per ascoltare musica in streaming è da tenere in considerazione anche Deezer che propone un catalogo con 35 milioni di tracce musicali. Nella versione gratuita permette di ascoltare i brani solo in modalità causale con interruzioni pubblicitarie, limitazioni che possono essere tolte sottoscrivendo un abbonamento Deezer Premium (9,99€/mese) o Deezer Family (14,99€/mese per 6 profili).
  • Google Play Music: è il servizio di streaming musicale di Google, lanciato nel 2013. Nella versione gratuita permette di ascoltare musica sul proprio smartphone ma solo in modalità Shuffle e con interruzioni pubblicitarie. Per usufruire di tutte le funzionalità e accedere all’intero catalogo musicale, è possibile sottoscrivere l’abbonamento Unlimited al costo di 9,99 euro/mese (14,99 euro/mese per la versione Famiglia).
  • Cloud Music Player: è un’applicazione gratuita che permette di accedere alla musica memorizzata su Google Drive, DropBox e OneDrive, scaricarla sul proprio dispositivo e ascoltarla offline.
  • TuneIn: un’app gratuita (nella versione base) molto popolare tra gli amanti della radiofonia. Raccoglie le stazioni radio italiane e internazionali sfruttando la connessione Internet del dispositivo. Oltre a consentire l’ascolto della diretta streaming, sono disponibili numerosi podcast. Da menzionare alcune utili funzionalità come poter impostare il timer di spegnimento o la possibilità di utilizzare una stazione radio come sveglia.