Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

App per non perdersi nei boschi

di

Da grande amante della natura e dell’avventura quale sei, da un po’ di tempo a questa parte hai cominciato a fare escursioni nei boschi. Considerando però che perdere l’orientamento sotto le chiome degli alberi non è poi così difficile, ti sei precipitato sul Web per cercare di capire se esiste qualche app per smartphone e tablet che può tornare utile allo scopo e sei finito qui, su questo mio tutorial.

Come dici? La situazione è precisamente questa e vorresti allora capire se posso effettivamente fornirti qualche dritta al riguardo? Ma certo che sì, non temere. Se mi concedi un minimo della tua attenzione, infatti, posso segnalarti tutte quelle che a mio modesto avviso rappresentano le migliori app per non perdersi nei boschi.

Ce ne sono sia per Android che per iOS/iPadOS e che nella maggior parte dei casi si tratta di soluzioni facilmente fruibili da parte di chiunque, anche da chi non si reputa propriamente un grande esperto in fatto di informatica e nuove tecnologie. Se vuoi saperne di più, prosegui nella lettura.

Indice

Wikiloc (Android/iOS/iPadOS)

Wikiloc

La prima tra le app per non perdersi nei boschi che ti consiglio di prendere in considerazione è Wikiloc. Permette di scoprire nuovi percorsi per fare escursioni cercando nel suo immenso database e di registrare i propri su mappa, aggiungendo waypoint e scattando foto lungo l’itinerario. È disponibile sia per Android che per iOS/iPadOS ed è gratuita, ma propone acquisti in-app (al costo base di 4,99 euro) per sbloccare funzioni aggiuntive.

Per scaricare e installare l’app sul tuo dispositivo, procedi nel seguente modo: se stai usando Android, visita la relativa sezione del Play Store e premi sul bottone Installa (se stai usando un device su cui non è disponibile il Play Store, puoi scaricare l’app tramite uno store alternativo); se stai usando iOS/iPadOS, accedi alla relativa sezione dell’App Store, premi sul bottone Ottieni, su quello Installa e autorizza il download tramite Face ID, Touch ID o password dell’ID Apple. In seguito, avvia l’app, selezionando la relativa icona che è stata aggiunta alla schermata home.

Ora che visualizzi la schermata principale di Wikiloc, registra il tuo account per usufruire del servizio, selezionando la dicitura Profilo in basso a destra, decidendo se accedere con l’indirizzo email, l’account Google o quello Apple e fornendo i dati richiesti.

Ad accesso avvenuto, se vuoi evitare di perderti nei boschi tenendo traccia del tuo percorso, fai tap sulla voce Registra percorso che si trova in basso, scegli dal menu a fondo schermata l’attività più idonea (es. Escursionismo) e premi sul bottone Inizia a registrare che si trova sotto la mappa. Concedi quindi i permessi richiesti dall’app per usare il GPS.

Se necessario, durante l’escursione puoi avvalerti della bussola premendo sul pulsante a forma di bussola, appunto, sulla destra, puoi visualizzare le statistiche relative al percorso facendo tap sul pulsante Statistiche adiacente e puoi aumentare o diminuire lo zoom usando i bottoni preposti. Puoi inoltre cambiare il tipo di mappa usata, sfiorando il pulsante con il mappamondo.

Puoi altresì scattare delle foto del bosco direttamente dall’app, usando il pulsante con la macchina fotografica e la bandierina che si trova in basso, mentre per visualizzare l’altitudine ti basta fare tap sulla dicitura Mostra altitudine.

Quando opportuno, potrai mettere in pausa la registrazione del percorso premendo sul bottone Stop collocato in basso a sinistra. Per riprenderlo, ti basta sfiorare il bottone Riprendi. Se poi vuoi smettere definitivamente di tracciare la tua escursione nel bosco, premi sul bottone Termina.

Tutti i percorsi da te creati e salvati risulteranno accessibili tramite la sezione dell’app dedicata al tuo profilo. Invece, se vuoi visualizzare ed eventualmente anche ripetere i percorsi salvati da altri utenti, non devi far altro che accedere alla sezione Esplora di Wikiloc e selezionarli da lì.

Locus Map (Android)

Locus Map

Anche Locus Map è una soluzione che può rientrare a pieno titolo tra le app per non perdersi nei boschi. Si tratta di una soluzione solo per Android, specifica per tracciare le attività all’aria aperta, tramite cui è possibile creare, pianificare, registrare e condividere i propri percorsi. È gratis, ma propone acquisti in-app (con costi a partire da 1,19 euro) per sbloccare funzioni extra.

Per utilizzare Locus Map sul tuo dispositivo, scarica e installa l’app accedendo alla relativa sezione del Play Store e premendo sul bottone Installa (se stai usando un device su cui non è disponibile il Play Store, puoi scaricare l’app tramite uno store alternativo). In seguito, avvia Locus Map premendo sul pulsante Apri comparso sullo schermo o selezionando la relativa icona che è stata aggiunta alla schermata home e/o al drawer.

Ora che visualizzi la schermata principale dell’applicazione, spunta la casella per accettare i termini di utilizzo del servizio e sfiora il pulsante Inizia situato in basso a destra. Accetta quindi l’informativa sulla privacy e concedi all’app i permessi per accedere ai contenuti multimediali sul dispositivo e alla posizione.

Successivamente, per accedere alle funzioni offerte da Locus Map utili per registrare il percorso da compiere, pianificarlo, aggiungere e gestire punti su mappa, attivare la localizzazione in tempo reale ecc., premi sul pulsante con le tre linee in orizzontale situato in alto a sinistra e seleziona la funzione che ti interessa dal menu che si apre.

Per esplorare la mappa corrente, invece, ti basta recarti sulla schermata principale dell’app ed effettuare degli swipe sullo schermo. Puoi anche aumentare o ridurre lo zoom, usando i pulsanti appositi collocati in basso.

Sempre a fondo schermata, trovi il pulsante con il mirino che serve a visualizzare la tua posizione attuale, quello con la freccia che ti permette di regolare la vista, il pulsante con il lucchetto che permette di bloccare lo zoom, lo schermo e visualizzare la lente d’ingrandimento e il bottone con i fogli che è utile per cambiare il tipo di mappa.

Se devi cercare una località specifica puoi premere sulla lente d’ingrandimento in alto a destra e digitare il nome del luogo di riferimento nel campo di testo che compare, mentre per gestire il GPS e usare la bussola devi premere sul pulsante raffigurante un satellite che trovi in basso.

Maps 3D (iOS/iPadOS)

Maps 3D

Se possiedi un dispositivo iOS/iPadOS, puoi altresì valutare di affidarti all’uso di Maps 3D. È un’applicazione gratuita che permette di tenere traccia di escursioni e attività varie svolte all’aperto e di condividere i percorsi creati. Di conseguenza, può tornare utile anche per non perdersi nei boschi. Come facilmente intuibile dallo stesso nome, offre una grafica tridimensionale per le mappe. Inoltre, integra un altimetro di precisione.

Per scaricare e installare Maps 3D sul tuo iPhone o iPad, visita la relativa sezione sull’App Store e fai tap sul bottone Ottieni, quindi su quello Installa e autorizza il download tramite Face ID, Touch ID o password dell’ID Apple. In seguito, avvia l’app premendo sul pulsante Apri comparso sul display oppure sfiorando la relativa icona che è stata aggiunta in home screen e/o alla Libreria App.

Una volta visualizzata la schermata principale di Maps 3D, concedi all’app i permessi necessari per poter accedere alla tua posizione, e fai tap sul bottone OK in risposta all’avviso che compare, dopodiché se vuoi iniziare a registrare il tuo percorso premi sul pulsante con il quadrato all’interno del cerchio collocato in basso a sinistra. Per mettere in paura la registrazione o interromperla, premi nuovamente sullo stesso pulsante e sui bottoni Pausa o Azzera.

Puoi anche decidere di esplorare la mappa effettuando degli swipe sul display e di aumentare e diminuire lo zoom tramite il pinch to zoom. Man mano che ti sposti, nella parte in alto del display ti vengono indicati i metri di altitudine.

Invece, se vuoi visualizzare la tua attuale posizione premi sul pulsante con il mirino, mentre per cambiare la modalità di visualizzazione ti basta fare tap sul pulsante con la freccia. Se poi desideri usare la mappa in 2D premi sul bottone 2D, mentre sfiorando il pulsante con i fogli puoi cambiare il tipo di mappa e facendo tap sul pulsante con la bussola in basso a destra puoi accedere, appunto, alla bussola.

Per usufruire delle altre funzioni offerte dall’applicazione, premi sul pulsante con l’elenco puntato situato in alto a sinistra e intervieni tramite il menu che si apre. Da quest’ultimo, puoi visualizzare l’elenco dei percorsi, quello delle mappe, puoi visionare i punti d’interesse e molto altro.

Altre app per non perdersi nei boschi gratis

Gaia GPS

Nessuna delle app per non perdersi nei boschi che ti ho già segnalato ti ha convinto in maniera particolare e vorresti allora che ti suggerissi qualche soluzione alternativa? Detto, fatto. Nell’elenco sottostante, dunque, trovi segnalate ulteriori applicazioni utili allo scopo a cui puoi valutare di rivolgerti.

  • Gaia GPS (Android/iOS/iPadOS) – app per Android, iPhone e iPad che permette di pianificare viaggi e facilitare l’esplorazione di  boschi e altre aree incontaminate. Offre mappe topografiche fruibili anche offline, la possibilità di registrare percorsi, aggiungervi punti d’interesse, foto e molto altro. È gratis, ma vengono proposti acquisti in-app (al costo base di 19,99 euro) per fruire di maggiori funzionalità.
  • ViewRanger (Android/iOS/iPadOS) – si tratta di un’applicazione multipiattaforma, abbastanza leggera e che consuma poca batteria, grazie alla quale è possibile registrare e condividere le proprie escursioni e passeggiate e scoprire percorsi e sentieri altrui. È gratuita, ma propone acquisti in-app (al costo minimo di 1,09 euro) per sbloccare contenuti aggiuntivi.
  • Terra Map (Android/iOS/iPadOS) – app a costo zero in grado di soddisfare tutte le esigenze per il trekking e il biking, che risulta utilissima anche per non perdersi nei boschi. Consente infatti di scaricare mappe topografiche, di tenere traccia del percorso fatto, sfruttando il GPS e tenendo conto di altitudine e velocità, di trovare nuovi itinerari interessanti ecc. Eventualmente, propone acquisti in-app (al costo base di 4,99 euro) per sbloccare altre funzioni.
  • My Tracks (Android) – applicazione gratuita per soli dispositivi Android che consente di tenere traccia del percorso fatto durante le passeggiate nei boschi e più in generale durante una qualsiasi escursione, sia a piedi che non. Permette di registrare la posizione corrente, di ottenere un grafico dinamico relativo a velocità e altitudine, di aggiungere marcatori su mappa e molto altro. Da notare che propone acquisti in-app (al costo base di 1,29 euro) per sbloccare funzioni extra.
  • AlpineQuest (Android) – è un’altra app solo per Android che torna utile per realizzare qualsiasi genere di attività all’aperto e ogni tipo di sport, in special modo nei boschi e in montagna. Permette, infatti, di definire e monitorare i propri spostamenti, ma anche di accedere ad un enorme numero di mappe topografiche, che si possono eventualmente salvare per averle sempre a disposizione. Di base è gratis, ma è disponibile anche una variante a pagamento (costa 7,99 euro) comprensiva di un maggior numero di funzioni.
  • Topo Mappe+ (iOS/iPadOS) – funziona solo su iOS/iPadOS e consente di scaricare dettagliate mappe topografiche di qualsiasi zona, di stamparle, di tracciare percorsi e aggiungere punti di riferimento. È a costo zero, ma propone acquisti in-app (a partire da 4,49 euro) per sbloccare l’accesso a contenuti aggiuntivi.
Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.