Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

App per tracciare percorsi

di

Sei un appassionato di mountain bike e vorresti organizzare un percorso da fare in sella alla tua bici? Hai la necessità di pianificare un percorso da fare in auto o in moto, ma non sai come riuscirci? Sei un amante del trekking o del running e vorresti organizzare al meglio i tuoi prossimi cammini? Se hai risposto in modo affermativo ad almeno una di queste domande, sappi che ti trovi nel posto giusto al momento giusto!

Nel corso di questa guida, infatti, trovi elencate alcune app per tracciare percorsi che consentono di monitorare tutte le attività sopraccitate. Naturalmente, non mi limiterò a fare un semplice elenco di applicazioni utili allo scopo, ma ti illustrerò anche in dettaglio il funzionamento di alcune di esse.

Allora, sei pronto per partire? Sì? Alla grande! Mettiti bello comodo, prenditi tutto il tempo di cui necessiti per concentrarti sulla lettura dei prossimi paragrafi e, cosa ancora più importante, cerca di attuare le “dritte” che ti darò. A me non resta altro da fare, se non augurarti buona lettura e buon divertimento!

Indice

App per tracciare percorsi: trekking

Se sei un amante dell’avventura, non potrai fare a meno di provare una delle seguenti app per tracciare percorsi di trekking. Provale e non te ne pentirai!

Strava GPS (Android/iOS/iPadOS)

App per tracciare percorsi

La prima soluzione che ti consiglio di provare è Strava GPS, un’app gratuita che permette di monitorare le statistiche dei percorsi fatti in bici (e non solo). È disponibile sia per device Android (disponibile anche sugli store alternativi per device senza i servizi di Google) che per dispositivi iOS (dove è disponibile anche l’app companion per Apple Watch). Di base Strava GPS è gratis, ma l’accesso ad alcune feature avanzate (es. i dati sulla frequenza cardiaca, l’accesso a piani di allenamento personalizzati, e così via) richiede la sottoscrizione di un abbonamento, che parte da 5 euro/mese dopo un periodo di prova gratuito di un mese.

Dopo aver scaricato e avviato Strava GPS sul tuo device, accedi con il tuo account Facebook, il tuo account Google o, se preferisci, registrati con il tuo indirizzo e-mail: basta premere su una delle opzioni di accesso/registrazione disponibili e seguire le indicazioni su schermo.

Superato questo step, premi sulla voce Registra (in basso), fai tap sul simbolo della scarpetta e seleziona la tipologia di sport che intendi praticare (es. Corsa, Camminata, Escursione, etc.). Dopodiché premi sul bottone Inizio (in basso) per avviare l’attività e poi sui pulsanti Stop, Arrivo e Salva per fermarla.

Nel caso tu voglia analizzare le tue statistiche, premi sulla voce Tu (in basso a destra) e analizza la tua attività, i tuoi progressi e il tuo profilo premendo sulle relative schede, che si trovano nella parte superiore della schermata. Pigiando sul bottone Mappe (in basso a sinistra), puoi vedere anche i percorsi fatti e tracciati sulla mappa.

Altre app per tracciare percorsi di trekking

App per tracciare percorsi

Ci sono tante altre app per tracciare percorsi di trekking alle quali potresti rivolgerti, come quelle elencate qui sotto.

  • RunKeeper (Android/iOS/iPadOS) — come intuibile dal suo nome, quest’app è stata ideata con l’obiettivo di aiutare l’utente a monitorare dati riguardanti la propria attività fisica durante camminate e corse. Può essere utile anche per tenere traccia dei percorsi di trekking. Di base è gratis, ma l’accesso a tutte le sue funzioni richiede l’abbonamento, che parte da 9,99 euro/mese.
  • A-GPS Tracker (Android) — quest’app dall’interfaccia un po’ retrò permette di tracciare i percorsi fatti durante le proprie camminate in modo decisamente semplice.
  • Topo Mappe+ (iOS/iPadOS) — è un’app per dispositivi Apple che consente discaricare dettagliate mappe topografiche di qualsiasi zona, stamparle, tracciare percorsi e aggiungere i propri punti di riferimento. Di base è gratuita, ma effettuando acquisti in-app a partire da 4,49 euro cadauno è possibile sbloccare tutte le sue mappe e funzionalità.

Per maggiori informazioni circa l’uso di queste e altre app per trekking, ti rimando all’articolo che ho dedicato al tema. Sono certo che ti interesserà.

App per tracciare percorsi a piedi

Ti piace la corsa e/o fare lunghe camminate a piedi? Beh, allora prova le seguenti app per tracciare percorsi a piedi: sono certo che ti saranno utilissime per monitorare i tuoi spostamenti.

Adidas Running (Android/iOS/iPadOS)

App per tracciare percorsi

Se sei alla ricerca di un’app per tracciare percorsi corsa, non posso che consigliarti Adidas Running, sviluppata da Adidas in collaborazione con Runtastic, software house divenuta celebre per varie app dedicate allo sport. Adidas Running è disponibile sia per Android (se hai un device senza Play Store, è disponibile anche su store alternativi) che per iOS (dove è disponibile l’app companion per Apple Watch). Di base è gratuita, ma sottoscrivendo l’abbonamento alla versione Premium, che parte da 9,99 euro, è possibile usufruire di alcune funzioni extra.

Dopo aver scaricato e avviato Adidas Running sul tuo dispositivo, premi sul bottone Continua e provvedi a registrarti con il tuo account Facebook, Google o, eventualmente, con il tuo indirizzo e-mail, facendo tap in quest’ultimo caso sul pulsante Registrati e compilando il modulo di registrazione che ti viene proposto.

Quando avrai eseguito l’accesso, fornisci negli appositi campi di testo tutte le informazioni necessarie (es. altezza, peso, etc.), pigiando poi sul pulsante Continua e concedendo ad Adidas Running i permessi necessari per funzionare. Infine, premi nuovamente sul bottone Continua, crea il tuo obiettivo personale seguendo le istruzioni che vedi sullo schermo e, quando necessario, premi sul pulsante Continua per andare avanti.

Fatto ciò, pigia sul bottone Ci siamo!, seleziona l’attività che vuoi monitorare premendo sulla dicitura apposita che vedi in basso, premi sull’icona dell’ingranaggio situata in basso a destra e, quindi, scegli l’attività nello specifico (es. Corsa, Camminata, etc.).

Dopodiché personalizza eventualmente le impostazioni dell’attività, quali l’utilizzo dell’assistente vocale, il live tracking, il conto alla rovescia, e così via. Inoltre, se hai uno smartwatch compatibile con Adidas Running, premi sulla voce Connetti orologio GPS e collegalo all’app selezionando il nome del dispositivo (es. Garmin, Apple Watch, etc.) e seguendo le indicazioni che vedi sullo schermo per completare anche questo step.

Quando sei pronto per iniziare a tracciare il tuo percorso a piedi, premi sul bottone Inizia [nome attività] (in fondo alla schermata) e, quando vuoi stoppare l’attività, premi sull’icona del lucchetto (in basso) per fermarla momentaneamente con un tap sulla voce Pausa oppure stoppala definitivamente con un tap sulla voce Fine. Nella scheda Progressi di Adidas Running, potrai vedere tutti i progressi e i percorsi fatti.

Google Maps (Android/iOS/iPadOS)

App per tracciare percorsi

Un’altra ottima app per tracciare percorsi di viaggio a piedi è Google Maps. Quest’app disponibile per Android e iOS/iPadOS, permette infatti di organizzare le tappe del proprio viaggio mediante la sua funzione di pianificazione dei percorsi.

Per utilizzarla, una volta scaricata e avviata, basta fare tap sul pulsante situato in basso a destra, inserire il punto di partenza e la propria destinazione negli appositi campi di testo e selezionare il percorso a piedi premendo sull’icona dell’omino che cammina. Dopodiché premi sul bottone Avvia, così da ottenere le indicazioni stradali per raggiungere la tua destinazione a piedi.

Per tracciare percorsi già fatti, invece, premi sul pulsante (≡) posto in alto a sinistra, seleziona la voce Cronologia dal menu che si apre e seleziona la data di tuo interesse mediante il menu Mostra calendario. Se non ti viene mostrato alcun percorso, evidentemente hai disattivato la funzione relativa alla cronologia delle tue posizioni.

Per riattivarla, premi sulla miniatura della foto del tuo account Google in alto a destra (se non hai ancora eseguito l’accesso a quest’ultimo, fallo ora) e seleziona la voce Spostamenti dal menu successivo, così da analizzare i percorsi fatti di recente (a piedi e non).

Se non dovessi vedere i tuoi spostamenti recenti in Maps, evidentemente hai disattivato la funzione sul tuo account Google. Per riattivarla, segui le indicazioni che ti ho fornito in quest’altra guida.

Altre app per tracciare percorsi a piedi

RunKeeper

In conclusione, ecco altre app per tracciare percorsi a piedi che possono tornarti utili per monitorare la tua attività sportiva.

  • Strava GPS (Android/iOS) — app di cui ti ho già parlato nei capitoli precedenti e che ti ripropongo perché può essere utile anche per tracciare semplici passeggiate e, più in generale, qualsivoglia percorso venga fatto a piedi.
  • RunKeeper (Android/iOS/iPadOS) — l’app in questione può essere adoperata sia per monitorare i percorsi fatti con attività sportive intensive, come la corsa, che per attività più leggere, come le camminate a passo veloce o le semplici passeggiate.
  • Runmeter (Android/iOS/iPadOS) — si tratta di una soluzione che è pensata soprattutto per tracciare i percorsi fatti durante le sessioni di corsa, ma volendo va bene anche per le semplici passeggiate. Di base è gratis, ma alcune sue funzioni avanzate richiedono l’abbonamento, che parte da 10,99 euro/mese.

Se vuoi avere qualche delucidazione in più circa queste e altre app per camminare e per correre, dai un’occhiata ai due approfondimenti che ti ho linkato.

App per tracciare percorsi: bici

Se ti serve un’app per tracciare percorsi in bici, sono sicuro che apprezzerai tantissimo quelle di cui sto per parlarti.

Strava GPS (Android/iOS/iPadOS)

App per tracciare percorsi

Strava GPS, di cui ti ho già ampiamente parlato precedentemente, può essere utile anche per tracciare percorsi di trekking grazie a una sua funzione dedicata a questa tipologia di attività. Per avvalertene, avvia l’app sul tuo dispositivo Android o sul tuo iPhone/iPad e seleziona un’opzione tra quelle disponibili (es. Ciclismo, Giro con e-bike, Handbike, etc.) nel menu di scelta dello sport da tracciare.

Dal momento che ti ho già illustrato ampiamente il funzionamento dell’app, ti invito a consultare il capitolo che ho già dedicato a quest’ultima, per capire come usarla al meglio.

Altre app per tracciare percorsi in bici (iOS/iPadOS)

App per tracciare percorsi

Se vuoi provare altre app per tracciare percorsi in bici, dai pure un’occhiata alle soluzioni elencate qui sotto.

  • Cyclemeter (Android/iOS/iPadOS) — è un’app gratuita (con acquisti in-app per sbloccare alcune funzioni extra), che permette di monitorare il tempo di percorrenza dei tragitti fatti in bici.
  • BikeMap (Android/iOS/iPadOS) — quest’app è perfetta per chi vuole scoprire e tracciare nuovi percorsi in sella alla propria bici. È gratuita, ma offre acquisti in-app per accedere a funzioni extra.
  • Naviki (Android/iOS/iPadOS) — si tratta di una soluzione mediante la quale è possibile tracciare i percorsi fatti tramite la propria bici, individuando anche la destinazione da raggiungere sfruttando la feature per ottenere indicazioni stradali. Di base è gratuita, ma alcune funzioni avanzate vanno sbloccate con acquisti in-app a partire da 3,79 euro ciascuno.

Per maggiori informazioni in merito alle applicazioni per andare in bici, ti rimando alla lettura della mia guida sull’argomento.

App per tracciare percorsi in auto e in moto

Hai bisogno di qualche app per tracciare percorsi in auto e moto? Allora ecco qualche soluzione che può fare al caso tuo.

Google Maps (Android/iOS/iPadOS)

App per tracciare percorsi

Google Maps è senza ombra di dubbio una delle migliori app per tracciare percorsi in auto e moto (oltre che, eventualmente, a piedi). La celebre app di navigazione di “Big G”, disponibile sia per Android che per iOS/iPadOS, infatti, può essere usata sia per pianificare percorsi da fare che per tracciare quelli già fatti.

Dopo averla scaricata e avviata sul tuo dispositivo, fai tap sul pulsante (in basso a destra), inserire il punto di partenza e la destinazione sfruttando gli appositi campi testuali e scegli il percorso stradale da fare in auto (o eventualmente in moto), pigiando sul simbolo della macchina.

Come potrai notare, Google Maps traccerà in modo automatico il percorso da fare in auto o in moto e, quando possibile, te ne segnalerà più di uno: non ti resta che scegliere quello di tuo interesse e premere sul pulsante Avvia, per raggiungere la meta di tuo interesse.

Dal momento che ti ho già ampiamente illustrato il suo funzionamento, evito di ripetermi e ti rimando alla lettura del capitolo dedicato all’app.

Altre app per tracciare percorsi in auto e in moto

Waze

Se vuoi provare altre app per tracciare percorsi in auto e moto, dai un’occhiata alle soluzioni indicate qui sotto.

  • Waze (Android/iOS/iPadOS) — famosissima app di navigazione che, oltre a fornire informazioni sul traffico e di altro genere, permette di pianificare e tracciare i percorsi da fare con il proprio mezzo di trasporto. Maggiori info qui.
  • HERE WeGo (Android/iOS/iPadOS) — altra famosissima app di navigazione molto semplice da utilizzare. Supporta il download delle mappe consultabili offline, così da tracciare i percorsi da fare anche in mancanza di connessione Internet.
  • TomTom Navigator GPS (Android/iOS/iPadOS) — quando si parla di tracciare percorsi, non si può non menzionare TomTom, brand leader nel settore della navigazione. La sua app per dispositivi mobili permette di tracciare percorsi, ma la sua versione free prevede il limite di utilizzo di 75km/mese. Per abbattere questo limite è necessario sottoscrivere un abbonamento mensile, a partire da 3,99 euro.

Per maggiori informazioni circa l’utilizzo di queste e altre app-navigatore, ti rimando alla guida dedicata.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.