Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come assemblare un PC da gaming con 500 euro

di

Dopo una giornata di duro lavoro, hai disattivato la suoneria del cellulare e ti sei seduto davanti al tuo fedele computer, così da poterti rilassare con un buon videogioco in attesa della cena o di andare a letto per la giornata lavorativa successiva. Sfortunatamente, però, quel computer che avevi acquistato qualche anno fa sente ormai tutto il peso dell’obsolescenza e non riesce più a far girare i tuoi giochi preferiti come vorresti.

In questo momento, le finanze da dedicare a un eventuale nuovo aggiornamento non sono così cospicue e, pur volendo comprare un nuovo computer da gioco, non puoi spendere più di 500€. Cosa? Stai rinunciando alla tua passione per i videogiochi per un problema puramente economico? Mettiti comodo e dedicami giusto qualche minuto del tuo tempo: nella seguente guida ti mostrerò, infatti, come assemblare un PC da gaming con 500 euro (o giù di lì), così da poter “rottamare” il PC desktop attuale e sostituirlo con un nuovo computer in grado di reggere decentemente i tuoi titoli preferiti.

Il computer in questione ovviamente non sarà un mostro di potenza, ma offrirà tutto quanto necessario per far girare, con le impostazioni minime, un gran numero di titoli relativamente recenti; inoltre, tieni presente che il PC in questione potrà essere aggiornato anche in futuro: per questo motivo, non appena la situazione economica te lo permetterà, potrai aggiungere una scheda video o altri componenti più prestanti, così da poter giocare senza interruzioni per i prossimi anni. Pronto per partire? OK, iniziamo!

Indice

Assemblare un PC da gaming con 500 euro: componenti fondamentali

Come assemblare un PC da gaming con 500 euro

Anche se potrebbe sembrarti una spesa troppo bassa per un dispositivo dedicato al gaming, nei seguenti capitoli ti mostrerò come sia effettivamente possibile costruire un computer in grado di far girare praticamente qualsiasi gioco moderno (senza esagerare con le impostazioni grafiche!), spendendo circa 500€: una cifra inferiore a quella necessaria per molti smartphone di fascia alta.

Per riuscire nell’impresa, andrò a consigliarti componenti che presentano il giusto compromesso tra qualità e prezzo e, cosa da non sottovalutare, sono perfettamente compatibili tra di essi: non ha senso infatti acquistare una CPU Intel e tentare di inserirla in una scheda madre AMD! Se reputi di non essere all’altezza della questione o di non riuscire a scegliere i componenti giusti per il computer che hai in mente, non esitare a chiedere una mano ad amici, parenti o a qualche tecnico più preparato: così facendo, eviterai di comprare pezzi inutili o incompatibili e velocizzerai il processo di assemblaggio del PC da gaming (di cui ti parlerò nell’ultimo capitolo della guida).

Ti avviso che l’inevitabile oscillazione dei prezzi può portarti a sforare, anche se di poco, il budget di 500€ prefissato per acquistare i componenti indispensabili per il computer: onde evitare sorprese sgradite, quindi, assicurati di avere a disposizione qualche soldo extra al momento dell’acquisto, così da poter compensare prontamente ad eventuali piccole fluttuazioni di spesa.

Al momento in cui ti scrivo questa guida, il prezzo della configurazione più economica si aggira intorno ai 485€: come puoi facilmente intuire, esso è comunque destinato a mutare nel tempo (in giù o in su), quindi meglio non utilizzarlo come riferimento assoluto e calcolare sempre il totale di tutto l’hardware scelto.

Case

Come assemblare un PC da gaming con 500 euro

Per iniziare, puoi scegliere subito il case ossia la “scatola” in cui sono racchiusi tutti i componenti del computer. Su questo elemento hai davvero un ampio margine di scelta, visto che esistono case di varie dimensioni, forme e colori; volendo, puoi anche optare per case spettacolari con luci LED, alloggiamenti per ventole supplementari e più porte USB sulla parte frontale (quella normalmente accessibile semplicemente allungando una mano).

Quando si parla di PC da gaming, la scelta del case non deve prendere in considerazione il solo aspetto estetico: bisogna prestare attenzione anche al fattore di forma delle schede madri, che limitano la scelta ai case con supporto al fattore di forma ATX, il più utilizzato per configurazioni di questo tipo.

Optando un case che supporta le schede madri ATX, avrai la certezza di poter inserire qualsiasi scheda madre moderna, anche se essa si presenta con un fattore di forma più piccolo (microATX per esempio): i case da gaming, infatti, presentano vari punti di attacco per i fattori di forma più comuni. L’errore è dietro l’angolo, quindi fai estrema attenzione: non acquistare, per esempio, un case che supporta solo il fattore di forma microATX, in particolare se hai scelto una scheda madre ATX, poiché non riuscirai a montare quest’ultima al suo interno.

Altra caratteristica da tenere in considerazione in fase di scelta di un case da gaming sono la presenza di un buon numero di porte USB frontali (di tipo USB 3.0, anche se sono disponibili alcuni case dotati di porte USB Type-C), ingressi e uscite per cuffie e microfono (disponibili come jack da 3.5mm) e luci LED (fanno molta scena, ma non sono fondamentali per il funzionamento del computer).

Per il computer da gaming economico che ti sto aiutando a realizzare, puoi prendere in considerazione il case Kolink Nimbus -Case RGB Mid-Tower ATX, in grado di offrire lo spazio adatto a tutti i componenti necessari, un buon numero di porte nella parte superiore e gli alloggiamenti dedicati alle ventole, il tutto senza spendere una fortuna.

Kolink Nimbus -Case RGB Mid-Tower ATX (SECC 1mm)- per PC Gaming con Pa...
Vedi offerta su Amazon

Se cerchi qualcosa di esteticamente più gradevole, ti consiglio di dare uno sguardo anche al Noua Cool G7 e al GOLDEN FIELD – Z21, molto grandi e predisposti per le ventole LED e per i sistemi di raffreddamento più audaci.

Per approfondire l’argomento, ti consiglio di dare un’occhiata alla mia guida all’acquisto dedicata ai case, in cui ti ho fornito altri preziosi consigli da tener presente in fase di scelta.

Scheda madre

Come assemblare un PC da gaming con 500 euro

La scheda madre (chiamata anche motherboard o mobo) è senza ombra di dubbio uno dei componenti più importanti del computer, visto che si occupa di distribuire la corrente elettrica e di far passare velocemente le informazioni tra l’hardware connesso al computer.

Visti i limiti di spesa a cui intendi sottostare, dovrai, per forza di cose, scegliere una scheda madre che presenti un prezzo adeguato, pur senza andare troppo indietro nel tempo: onde evitare l’acquisto di schede madri obsolete, assicurati che quella scelta presenti il supporto alle memorie RAM DDR4, disponga di almeno uno slot per memorie M.2 (ossia gli SSD di ultima generazione), presenti uno slot PCI-e X16 (in cui va inserita la scheda video), vari slot PCI-e X1 e, infine, controlla che siano presenti delle porte USB 3.1, una porta USB Type-C e almeno una porta adibita alla trasmissione del segnale video (HDMI o DisplayPort).

Se vuoi assemblare un computer con processore Intel, puoi ottenere un buon rapporto qualità/prezzo scegliendo una scheda madre con socket 1151 e chipset Z390 come la MSI Z390.

MSI MPG Z390 GAMING PLUS Scheda Madre, Socket LGA 1151, Nero
Vedi offerta su Amazon

Se, invece, desideri utilizzare una CPU AMD, assicurati di scegliere una scheda madre con socket AM4 e chipset B450, come per esempio la Gigabyte B450 Aorus Elite.

Gigabyte B450 Aorus Elite carte Mere AMD B450 – nero
Vedi offerta su Amazon

Processore

Come assemblare un PC da gaming con 500 euro

Il processore (o CPU) è il cuore pulsante del computer, quello che permette di eseguire i calcoli matematici e di far funzionare il sistema operativo e qualsiasi programma verrà mandato in esecuzione, inclusi i giochi.

Visto che ti sto aiutando ad assemblare un PC da gaming con soli 500€, non puoi pretendere di acquistare un processore di fascia alta e rientrare nella spesa prefissata: dovrai fare di necessità virtù e puntare su processore potenti ma non eccessivamente costosi.

A prescindere dalla tipologia della CPU che andrai a scegliere, assicurati che essa presenti almeno 4 core fisici o virtuali (il core è un’unità di elaborazione presente all’interno del processore) e che presenti una frequenza di clock minima di 3 GHz.

Alcuni processori montano anche una tecnologia di sdoppiamento virtuale dei core chiamata HyperThreading (HT), che permette di raddoppiare, virtualmente, il numero di core fisici, aumentando di conseguenza il numero di operazioni che possono essere svolte in contemporanea: si tratta sicuramente di una soluzione da prendere in considerazione per poter raggiungere 4 core virtuali anche su processori che ne presentano solo 2 fisici.

Se, in precedenza, hai optato per una scheda madre compatibile Intel, puoi orientarti verso i processori Pentium Gold G5400 o il più veloce Intel Core i3-9100F. Il primo vanta due core fisici e 4 core virtuali in HT, con frequenza a 3,7 GHz, mentre il secondo presenta 4 core fisici e una frequenza di 3,6 GHz (potenziabile automaticamente fino a 4,2 GHz).

Pentium Gold G5400 4MB Scatola processore, 3,7 GHz, Socket LGA1151
Vedi offerta su Amazon
Intel Core i3-9100F Processore 4x3.6 (Boost 4.2) GHz 6MB-L3 Cache Sock...
Vedi offerta su Amazon

Se invece hai puntato sulla motherboard AMD, ti consiglio di scegliere senza troppe esitazioni la CPU AMD Ryzen 3 3200G, che dispone di 4 core fisici, frequenza di 3,6 GHz incrementabile in boost fino a 4 GHz e chip grafico integrato Radeon Vega 8, in grado di gestire autonomamente gli effetti grafici del sistema operativo o l’accelerazione 3D del browser o dei programmi che ne fanno uso.

AMD Ryzen 3 3200G, Processore PC, 3,6 GHz (frequenza massima: 4,0 GHz)...
Vedi offerta su Amazon

Sistema di raffreddamento

Come assemblare un PC da gaming con 500 euro

Visto il prezzo fissato, non ci sarà sicuramente posto per un sistema di raffreddamento dedicato: dovrai pertanto accontentarti del sistema di raffreddamento incluso nelle confezioni dei processori che ti ho mostrato in precedenza, più che sufficienti per rispondere alle esigenze energetiche del PC.

Inoltre, non temere che la scheda video surriscaldi eccessivamente il computer: come scoprirai tra non molto, le GPU che mi accingo a suggerirti dispongono di sistema di raffreddamento autonomo, sufficiente per reggere anche le situazioni di carico più gravose.

RAM

Come assemblare un PC da gaming con 500 euro

La RAM, come ti ho mostrato nella mia guida dedicata all’argomento, è il componente che memorizza i dati in maniera temporanea, finché il computer non viene spento. Questa memoria, decisamente più rapida di quella di massa (SSD e unità disco), scambia dati con processore e GPU in modo pressoché diretto.

Nel momento in cui sto realizzano questa guida, le memorie RAM più diffuse sono le DDR4: esse presentano velocità di accesso e di scambio adeguati all’utilizzo con qualsiasi tipo di gioco. Tra i parametri da considerare al momento dell’acquisto di nuovi banchi di RAM, bisogna prendere in considerazione la frequenza (che indica la velocità effettiva di scambio dati) e la capienza (la quantità di dati che è possibile immagazzinare).

Per aumentare ulteriormente le prestazioni del computer, è possibile anche affiancare due moduli di RAM identici per frequenza, capienza e tempi d’accesso, così da poter sfruttare la tecnologia Dual Channel, in grado di offrire un sensibile incremento nella velocità di scambio dei dati.

Visto che il budget fissato è molto ristretto, puoi puntare sia sul banco singolo da 8GB sia su un kit da due banchi da 4GB ognuno, così da poter sfruttare il Dual-Channel. Se preferisci optare per il banco unico, puoi prendere in considerazione la memoria Crucial per PC da 8 GB, DDR4 oppure la Corsair Vengeance LPX DDR4 8 GB.

Corsair CMK8GX4M1A2400C14 SSD Interno da (1x8GB), 288-pin DIMM
Vedi offerta su Amazon

Se, invece, preferisci optare per un kit con doppio banco di RAM, puoi optare per il kit Crucial CT2K4G4DFS824A da 8 GB (4 GB x 2) DDR4.

Dischi e memorie di massa

Come assemblare un PC da gaming con 500 euro

Giacché il computer che stai progettando è pensato per far girare i giochi, ti consiglio di puntare su un classico SSD SATA di capienza minima 500GB, così da avere la velocità e lo spazio necessario per ospitare un bel po’ di giochi e per eseguirli rapidamente.

A tal proposito, puoi optare per il Crucial MX500 SSD Interno da 500 GB oppure per il il Silicon Power SSD 3D NAND da 512 GB.

Silicon Power SSD 512GB 3D NAND A55 SLC Cache Performance Boost 2.5 Po...
Vedi offerta su Amazon

Se poi non resisti al desiderio di provare i nuovi SSD in formato M.2, puoi valutare l’acquisto dell’SP Silicon Power Silicon Power SSD PCIe M.2 NVMe da 256 GB, che presenta uno spazio minore ma è molto più veloce rispetto ai drive SSD “tradizionali”.

SP Silicon Power Silicon Power SSD PCIe M.2 NVMe 256GB Gen3x4 R/W up t...
Vedi offerta su Amazon

Se hai bisogno di qualche consiglio in più sulle unità SSD da acquistare, puoi leggere la guida specifica che ho realizzato sull’argomento.

Alimentatore

Come assemblare un PC da gaming con 500 euro

L’alimentatore, conosciuto anche come PSU, è il componente che distribuisce l’energia elettrica verso la scheda madre e verso tutto l’altro hardware presente nel case.

Esso presenta un valore limite di potenza erogata (espressa in Watt), che deve essere sempre superiore alla potenza necessaria a far funzionare, in contemporanea, tutti i componenti del computer: in caso contrario, quest’ultimo potrebbe spegnersi di punto in bianco, per mancanza d’energia.

Onde evitare problemi di questo tipo, bisognerà optare per un alimentatore che fornisca molta più potenza di quella effettivamente richiesta dal restante hardware del computer e che presenti una certificazione sull’efficienza energetica pari a 80 Plus Bronze o superiori, così da poter gestire anche giochi che sfruttano al massimo la potenza del computer e, non da meno, poter aggiornare quest’ultimo in futuro, senza rischiare problemi dal punto di vista energetico.

Inoltre, sarebbe preferibile prendere in considerazione anche la modularità della PSU: scegliendo un modello modulare o semi-modulare, è possibile collegare i soli cavi necessari alla connessione delle periferiche ottenendo un case ordinato e con una maggiore circolazione d’aria, anche se il prezzo sale notevolmente.

A tal proposito, puoi valutare l’acquisto dell’alimentatore Kolink Classic Power da 700W o sulla PSU ITEK Alimentatore TAURUS WN700 da 700W, più che sufficienti a gestire un computer da gioco dalle prestazioni medio-alte.

Kolink Classic Power Alimentatore PC 80 Plus Bronze - 500 Watt
Vedi offerta su Amazon
ITEK Alimentatore TAURUS WN700-700W, 80Plus White, PFC Attivo, Ventola...
Vedi offerta su Amazon

Per maggiori informazioni sull’argomento, ti invito a dare un’occhiata alla mia guida dedicata ai migliori alimentatori per computer.

Scheda video

Come assemblare un PC da gaming con 500 euro

Finalmente ci siamo: la scelta della scheda video influirà in modo a dir poco incisivo sulle prestazioni del tuo futuro computer da gaming! Anche se alcuni moderni processori integrano un chip video all’interno della loro scocca, conviene sempre puntare su una scheda video discreta (cioè dedicata), così da poter giocare alla maggior parte dei titoli moderni senza troppe rinunce.

A tal proposito, assicurati che la scheda video da te scelta disponga di almeno 4 GB di memoria video GDDR5 e che siano presenti le porte in uscita necessarie per collegare il monitor, ossia HDMI e DisplayPort. In commercio esistono sia schede video con chip NVIDIA sia GPU con chip AMD: le differenze di prestazioni, sulla fascia di prezzo considerata, sono tuttavia minime, quindi puoi scegliere indistintamente l’uno o l’altro marchio.

Trovare il giusto compromesso tra prestazioni e prezzo non è molto semplice, poiché la maggior parte delle schede video da gaming ha un prezzo superiore ai 400€. Visto il budget a disposizione, dunque, bisognerà essere estremamente selettivi: un buon esempio di scheda video economica è la XFX RX 550, di dimensioni ridotte ma con ben 4 GB di memoria RAM dedicata.

XFX - Componenti per computer RX 550
Vedi offerta su Amazon

Se, invece, stai valutando di investire qualche euro in più, puoi sforare leggermente il budget e puntare su una più performante MSI Radeon RX 570 ARMOR, che vanta la bellezza di 8 GB di memoria video GDDR5, bus a 256 bit e frequenza di clock a 7000 MHz.

MSI Radeon RX 570 ARMOR - Schede grafiche (8 GB, GDDR5, 256 bit, 7000 ...
Vedi offerta su Amazon

Altre periferiche per PC da gaming

Come assemblare un PC da gaming con 500 euro

Con i componenti fondamentali che ti ho mostrato finora potrai assemblare subito il tuo computer e metterlo in funzione, riciclando magari anche alcune qualche periferica già in tuo possesso, come il monitor, la tastiera e il mouse.

Se non ne disponi, credo di non avere buone notizie per te: aggiungere i suddetti componenti al computer e restare comunque nei 500€ di budget è pressoché impossibile.

Tuttavia, in vista di un acquisto futuro, intendo comunque segnalarti alcuni esempi di componenti aggiuntivi (sempre a prezzo contenuto) da acquistare eventualmente in un secondo momento, diluendo dunque la spesa in un arco di tempo più ampio.

Monitor

Come assemblare un PC da gaming con 500 euro

Le caratteristiche di un monitor low-budget, idealmente, dovrebbero essere le seguenti: diagonale da 22 a 24 pollici, risoluzione Full HD, tempo di risposta inferiore ai 10ms e input HDMI. Con queste peculiarità, dovresti riuscire a non spendere una fortuna e avere comunque un buon monitor per giocare.

Come monitor per il PC economico puoi puntare sul Philips Monitor 223V5LHSB2 LCD-TFT 21,5″ o, in alternativa, sull’HP 22w Monitor per PC 22 Pollici IPS Full HD, identici nelle dimensioni e nella qualità offerta.

Philips Monitor 223V5LHSB2 Monitor LCD-TFT per PC Desktop 21,5" LED, F...
Vedi offerta su Amazon
HP 22w Monitor per PC, Schermo 22 Pollici IPS Full HD, Risoluzione 192...
Vedi offerta su Amazon

Se, invece, preferiresti un monitor più grande, puoi prendere in considerazione questo Samsung S24D330 da 24″ Full HD, che presenta un tempo di risposta da 1ms e un cavo HDMI incluso nella confezione.

Samsung Monitor S24D330 Monitor Computer 24'' Full HD, 1920 x 1080, 60...
Vedi offerta su Amazon

In ogni caso, puoi sempre dare un’occhiata alla mia guida all’acquisto dedicata ai monitor da gaming, nella quale ho trattato l’argomento con dovizia di particolari.

Mouse e tastiera

Come assemblare un PC da gaming con 500 euro

Mouse e tastiera sono fondamentali per poter giocare in modo soddisfacente: in linea di massima, per quanto riguarda la tastiera, dovresti optare per un modello che presenti tasti personalizzabili, da abbinare eventualmente alle sequenze che sei solito usare durante i tuoi gameplay.

Stesso discorso vale per il mouse: tasti aggiuntivi, presa ergonomica e sensibilità (DPI) personalizzabile sono parametri che non dovrebbero mancare in un dispositivo di output di questo tipo.

Nella fascia economica del mercato sono presenti svariate soluzioni di questo tipo ma, in ogni caso, il mio consiglio è di evitare sempre l’acquisto di modelli wireless: essi tendono a interferire con le altre reti senza fili, “soffrono” la presenza di pile (che potrebbero scaricarsi sul più bello) e oltretutto, potrebbero presentare una latenza relativamente elevata.

Personalmente, se non vuoi spendere molto, mi sento di consigliarti i kit mouse e tastiera forniti da Trust e Rehomy, che presentano un design esclusivo, LED colorati ed elevata velocità di reazione. Nel kit di Trust, inoltre, è presente una pratica cuffia con cavo.

Trust Gaming GXT 1180RW USB, Kit Cuffie, Tappetino Antiscivolo, Tastie...
Vedi offerta su Amazon
Rehomy Mouse per Tastiera da Gioco USB Set 104 Tasti Mouse Ergonomico ...
Vedi offerta su Amazon

Se, invece, vuoi dare uno sguardo a soluzioni più avanzate oppure avere una panoramica più chiara in merito ai parametri in considerazione in fase di scelta, ti consiglio di prendere visione dei miei approfondimenti dedicati ai mouse da gioco e alle tastiere da gioco: sono sicuro che troverai ciò che stai cercando.

Controller

Come assemblare un PC da gaming con 500 euro

Il controller è la soluzione ottimale per poter giocare a quei titoli originariamente nati per console e riadattati in seguito sul computer, così da poter ottenere l’esperienza di gioco nativa, senza doverti “accontentare” di mouse e tastiera.

Sebbene sia auspicabile disporre di un controller che offra pieno supporto al sistema operativo in uso (come il controller della Xbox One o quello della PlayStation 4, per esempio), esistono diverse soluzioni economiche e compatibili con la maggior parte dei titoli (e dei sistemi operativi) in circolazione.

A tal proposito, mi sento di consigliarti le soluzioni fornite da Trust, Logitech e JAMSWALL, che offrono tutto il necessario per una spesa assolutamente contenuta.

JAMSWALL Game Controller per Xbox 360,Wired Game Controller Gamepad Co...
Vedi offerta su Amazon
Trust GXT 540 Gamepad Cablato per PC e PS 3, Nero
Vedi offerta su Amazon
Logitech F310 Gamepad, Controller Cablato con Layout Stile Console, Ta...
Vedi offerta su Amazon

Cuffie/Casse

Come assemblare un PC da gaming con 500 euro

Per un’esperienza di gioco immersiva e realistica, sarebbe in genere preferibile ascoltare i suoni del gameplay con delle buone casse esterne che, vista la configurazione low-budget che ti accingi a creare, non dovrebbero però costare un occhio della testa!

Una buona soluzione di questo tipo potrebbe essere il Logitech Z333 2.1, composto da due satelliti, da un grande subwoofer e da un dispositivo di controllo del volume dedicato.

Logitech Z333 2.1 Altoparlanti PC Multimediali con Subwoofer, Suono Vi...
Vedi offerta su Amazon

Se, invece, preferisci riprodurre i suoni di gioco all’interno di un paio di cuffie e/o parlare con i tuoi compagni di gioco, puoi valutare l’acquisto di un paio di cuffie da gioco, come quelle messe a disposizione da ALWUP e Cocoda, entrambe esteticamente accattivanti e dotate di tutto il materiale necessario per collegarle al computer (o a una console da gioco).

ALWUP Cuffie Gaming per PS4, Cuffie Gaming Xbox One PC Auricolare Game...
Vedi offerta su Amazon
Cocoda Cuffie Gaming per PS4, Xbox One, Leggero Over Ear Cuffie con Mi...
Vedi offerta su Amazon

Per ulteriori approfondimenti, ti invito a prendere visione delle mie guide dedicate alle casse per computer e alle cuffie da gioco, nella quale ti ho elencato una serie di interessanti soluzioni di questo tipo.

Webcam

Come assemblare un PC da gaming con 500 euro

Se sei amante del multiplayer e vorresti effettuare videochiamate di gruppo con altri giocatori, trasmettere le tue dirette su Twitch o, in generale, “farti vedere” mentre giochi, puoi prendere in considerazione l’acquisto di una webcam.

Tra le soluzioni appartenenti alla fascia low-budget del mercato puoi prendere in considerazione quelle messe a disposizione da Topcony e LarmTek, entrambe dotate di sensore in grado di acquisire immagini a 1080p e di microfono incorporato.

Per ulteriori informazioni, ti rimando alla lettura della mia guida all’acquisto dedicata alle migliori webcam.

Come costruire il PC

Come assemblare un PC da gaming con 500 euro

Ora che hai finalmente messo insieme tutte le periferiche per il tuo nuovo computer da gioco, non ti resta che svolgere il lavoro più importante e, per certi versi, più divertente: assemblarlo pezzo dopo pezzo, fino al fatidico momento in cui accenderai per la prima volta la tua “creatura”.

Anche se questa fase può essere molto divertente, devi essere consapevole di quello ti accingi a fare: se non hai mai assemblato prima un PC e non conosci la metà dei cavi che ti si parano davanti, dovresti chiedere una mano ad un tecnico informatico o ad un amico che ha già assemblato un computer in passato, così da poter raggiungere insieme l’obiettivo limitando al minimo i rischi.

Se, invece, vuoi proseguire da solo, assicurati di avere a disposizione un kit di cacciaviti adeguatamente fornito e di operare da un piano di lavoro stabile, piatto, isolato (meglio se di legno o rivestito da cartone o plastica pulita) ma, soprattutto, al riparo dalla luce diretta e/o dai fattori ambientali esterni.

Vastar Set Cacciaviti, 66 in 1 Cacciavite di Precisione, Kit Cacciavit...
Vedi offerta su Amazon

Ti consiglio inoltre di lavorare “armato” di guanti di lattice, nitrile, vinile o altro materiale isolante, così da evitare eventuali scariche elettriche accidentali e, non da meno, di toccare con mano i chip e i connettori delle varie periferiche, rischiando di rovinarli.

Fatte queste premesse, rimboccati le maniche e segui attentamente le istruzioni seguenti.

  • Posiziona la scheda madre su un piano isolato, con gli slot e i connettori rivolti verso l’alto.
  • Estrai il processore dalla sua scatola (facendo attenzione ai contatti inferiori, molto delicati) e installalo all’interno del socket della scheda madre, seguendo le istruzioni riportate nei manuali a corredo della scheda madre e della CPU. Effettuato il posizionamento, abbassa, qualora fosse richiesto, la leva accanto al socket, così da assicurare il processore nella giusta posizione.
  • La fase successiva prevede il collegamento della CPU, del dissipatore e della relativa ventola sopra il socket, facendo coincidere i perni sulle apposite fessure sulla scheda madre: raggiunto questo risultato, effettua una discreta pressione sul dissipatore per bloccare il tutto nella corretta posizione. I dissipatori inclusi nella scatola del processore dispongono in genere di uno strato di pasta termica pre-applicato, quindi non dovrai preoccuparti di applicare la pasta direttamente sulla CPU.
  • Posiziona il banco o i banchi di RAM negli appositi slot, in genere posti accanto a quello preposto a ospitare la CPU. Ti consiglio di effettuare questa operazione quando hai ancora molto spazio a disposizione nel case, in modo da facilitare la corretta installazione dei moduli. Se hai puntato su una configurazione Dual Channel, assicurati di posizionare il primo banco di RAM nello slot 1 e il secondo nello slot 3.
  • La scheda madre è quasi pronta, quindi puoi lasciarla un momento da parte per concentrarti sul case. Estrai quest’ultimo dalla confezione e smonta tutti i pannelli laterali, incluso quello che fungerà da “retro” per la scheda madre: questo faciliterà il posizionamento dei cavi e dei componenti interni. Assicurati di rivolgere verso l’alto il lato sul quale poggerà la scheda madre e approfittane subito per installare eventuali ventole a corredo del case, se disponibili.
  • A questo punto, inserisci l’alimentatore nell’apposito alloggiamento dedicato del case (che, in genere, si trova in alto), assicurandoti di fissare correttamente le viti a corredo. Se necessario, districa i cavi di alimentazione da dedicare alle varie periferiche interne.
  • Posiziona ora la scheda madre all’interno del case, assicurandoti di posizionare la CPU verso l’alto e le porte di connessione esterne sulla parte sinistra (devono essere rivolte verso il retro del case). Fai coincidere il tutto con le apposite fessure presenti (le misure sono standard, quindi non dovresti incontrare problemi) e, terminato il posizionamento, assicura la motherboard con le viti e i ganci in dotazione.
  • Collega i cavi dell’alimentatore alla scheda madre (cavi 24 e 4 pin) e connetti a quest’ultima anche la ventola del processore (cavo da 8 PIN) e tutti i cavi necessari a far funzionare gli elementi presenti sulla parte frontale del case (altoparlante interno, eventuali ventole, pulsante d’accensione, jack audio/porte USB già presenti, LED e così via). Se necessario, consulta i manuali d’uso del case e della scheda madre per individuare gli slot corretti.
  • Posiziona il disco nell’apposito alloggiamento e connettilo a una delle porte SATA a bordo della scheda madre, ricordando di alimentarli attraverso uno degli appositi cavi che spuntano dall’alimentatore. Se hai optato per una memoria di tipo M.2, invece, è sufficiente identificare l’apposito slot, inserirla in quest’ultimo e fissare il tutto con le viti fornite in dotazione.
  • Ora tocca alla scheda video discreta: inseriscila nello slot PCI-e X16 e assicurala delicatamente all’interno dello stesso, facendola “scattare”.

Finalmente ci siamo! A questo punto, richiudi tutti i pannelli del case e ultima l’assemblaggio del computer posizionandolo dove preferisci e collegando allo stesso le periferiche esterne da utilizzare (monitor, mouse, tastiera, cuffie/casse e così via).

Infine, collega il cavo di alimentazione alla PSU, inseriscilo nella spina di corrente e, se necessario, sposta su ON l’interruttore di accensione. Adesso, premi il tasto di accensione del computer e il gioco è fatto: se tutto è andato per il verso giusto, dovresti assistere al primo boot dello stesso, durante il quale ti verrà chiesto di configurare la data e l’ora correnti.

Al termine di questa sequenza, dovresti ritrovarti faccia a faccia con un messaggio d’errore relativo all’assenza del sistema operativo: qualora ciò dovesse avvenire, puoi ritenerti soddisfatto della tua opera! Non ti resta quindi che installare sul disco una copia di Windows, seguendo le istruzioni che ti ho fornito in questo tutorial.

Se hai bisogno di ulteriori delucidazioni in merito ai passaggi che ti ho mostrato in questa sezione e necessiti di un feedback visivo in merito a ciò che devi svitare e montare, puoi affidarti ad uno dei tanti video tutorial presenti su YouTube.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.