Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Migliori monitor gaming: guida all’acquisto

di

Hai appena finito di assemblare il tuo PC da gioco e vuoi completarlo con un monitor che sia all’altezza delle tue aspettative? Ti sei accorto che il tuo monitor non è soddisfacente con i giochi di ultima generazione e vorresti qualcosa in più in termini di qualità delle immagini o di fluidità nei movimenti? Insomma, vuoi un monitor che dia il massimo con i videogiochi ma non sai che pesci prendere? Direi allora che sei capitato sulla guida giusta, al momento giusto!

Con questo mio articolo, infatti, desidero aiutarti a capire quali sono le caratteristiche peculiari dei migliori monitor gaming, oltre che guidarti nella scelta del prodotto della categoria più adatto per le tue esigenze. Ci sono diversi termini che devi conoscere prima di fiondarti sull’acquisto di un monitor da gioco, motivo per cui ti consiglio di metterti comodo e di spendere cinque minuti di tempo in modo che tu possa districarti per bene fra i concetti base che ti permetteranno di fare autonomamente tutte le valutazioni del caso.

Se è la prima volta che leggi termini come IPS, Tn, frequenza di aggiornamento e/o non hai mai sentito parlare di tecnologie come G-Sync e FreeSync, allora ti suggerisco di proseguire con la lettura. La scelta di un monitor da gaming non è poi così diversa da quella di un monitor tradizionale, tuttavia devi prestare attenzione a un paio di caratteristiche in più che definiscono in termini numerici quale sarà l’esperienza visiva con i contenuti ludici, di produttività, o di intrattenimento in generale.

Indice

Come scegliere un monitor gaming

La scelta di un buon monitor gaming passa per diversi concetti che sono in realtà comuni con i monitor tradizionali. Prima di iniziare, infatti, è doveroso sottolineare che in realtà non c’è una chiara distinzione fra monitor e monitor da gaming. Si definisce un monitor da gaming, infatti, un monitor che ha alcune caratteristiche – spesso relativamente alla frequenza di aggiornamento o ad alcune funzionalità specifiche – che consentono di ottenere una buona esperienza d’uso con i videogiochi.

Nulla ti impedisce, chiaramente, di giocare ai videogiochi con un monitor che non è il massimo negli ambiti appena citati ma, se vuoi la migliore esperienza, devi selezionare molto bene il modello in base a quelle che sono le tue esigenze. Non dimenticare che valgono tutte le considerazioni che ho già fatto nella guida relativa ai migliori monitor per quanto riguarda la qualità generale.

IPS, VA o Tn

Una delle prime cose che leggerai nella descrizione dei monitor, sia nei negozi di elettronica di consumo che online, è relativa alla tecnologia utilizzata dal pannello. In realtà i tipi di pannello che puoi trovare in un monitor da gaming non sono molte, ed è molto facile districarsi fra le varie nomenclature. Molti si chiedono ancora oggi la differenza fra LCD e LED, ma in realtà non sono due tecnologie antitetiche fra di loro: anzi, ti dico pure che molti monitor da gaming (quasi tutti) sono sia l’una che l’altra cosa contemporaneamente.

Migliori monitor gaming

Come è possibile? Perché LCD (Liquid Crystal Display, in italiano display a cristalli liquidi) è la tecnologia utilizzata dal pannello per quanto concerne la struttura dei pixel (i punti che compongono l’immagine sullo schermo), mentre il termine LED indica la tecnologia utilizzata per la retroilluminazione, che è per l’appunto a Light Emitting Diode (LED). Come ti scrivevo prima, infatti, quasi tutti i monitor in commercio sono degli LCD retroilluminati a LED, ma ci sono alcune differenze nelle tecnologie utilizzate. Di seguito trovi descritta la differenza fra quelle maggiormente impiegate.

  • Monitor da gaming Tn – questo acronimo sta per Twisted Nematic ed è utilizzato su quelli che, fino a poco tempo fa, venivano considerati gli unici monitor adatti al videogioco. Si caratterizzano infatti per i bassissimi tempi di risposta (il tempo che impiega il pixel a cambiare il suo stato), che possono essere anche di un solo millisecondo, fattore che può dare una marcia in più al “gamer” con i giochi più veloci. In termini di qualità dell’immagine e, soprattutto, di angoli di visione non sono il massimo.
  • Monitor da gaming IPS – ultimamente stanno prendendo sempre più piede i monitor IPS, cioè In Plane Switching, modelli che offrono un’ottima qualità dell’immagine (anche a livelli professionali) e angoli di visione molto estesi. Soffrono, però, con le animazioni più veloci e possono presentare effetti di motion blur (come una sorta di scia) con le animazioni più rapide. Proprio per i tempi di risposta un po’ lenti non sono tipicamente consigliati con i giochi più veloci, ma alcuni modelli soffrono poco di questa problematica.
  • Monitor da gaming VA – i monitor Vertical Aligment sono una sorta di via di mezzo fra i Tn e gli IPS e prendono diversi punti di forza e di debolezza dai due dispositivi, rappresentando spesso un ottimo compromesso. Offrono buoni angoli di visione, un buon contrasto, ma possono soffrire di effetto ghosting e i tempi di risposta possono essere superiori ai Tn, senza raggiungere però i livelli degli IPS.

Un discorso a parte lo meritano i monitor da gaming OLED. Al momento non ci sono molti modelli in vendita che utilizzano questa tecnologia, tuttavia sulla carta rappresenta il massimo per i videogiochi. Gli OLED non hanno una retroilluminazione e si caratterizzano per il rapporto di contrasto estesissimo grazie alla possibilità di spegnere i pixel. Hanno tempi di risposta molto bassi, una qualità delle immagini elevata e ottimi angoli di visione. I modelli più vecchi soffrivano di burn in (cioè della visualizzazione di una “immagine fantasma” dopo aver visualizzato la stessa immagine su schermo per molto tempo), ma adesso, grazie all’uso di diverse tecniche (alcune addirittura software), si può dire che il problema è facilmente aggirabile. Il costo di produzione è purtroppo molto elevato ed è per questo che è difficile trovare in commercio monitor da gaming con tecnologia OLED a prezzi accettabili.

Qualità dell’immagine

La qualità dell’immagine è sicuramente una caratteristica importante nella scelta di un monitor generico, ma spesso passa in secondo piano per quanto riguarda la selezione di un monitor da gaming. Questo perché spesso per i videogiochi sono necessari altri fattori che possono essere ottenuti dai produttori di monitor sacrificando fedeltà cromatica, rapporto di contrasto o campi di visione.

Ci sono alcuni concetti base che devi conoscere per intuire la qualità di un display già dalle targhette delle specifiche tecniche dei singoli prodotti: ad esempio, la luminosità si misura in cd/m² o nits e ovviamente è meglio se il valore è più alto possibile (200 nits è già un valore più che accettabile). Altri termini che incontrerai nel tuo “cammino” saranno anche il rapporto di contrasto o la profondità del nero e gli angoli di visione: il primo e il secondo influiscono in ogni momento sulla qualità delle immagini, il terzo invece ne indica la qualità solo quando si guarda il pannello da una posizione laterale e non centrale.

Scendendo più nel dettaglio, nelle targhette delle specifiche tecniche dei monitor è possibile trovare termini come sRGB o DCI-P3: sono due dei profili colore di cui sentirai maggiormente parlare, con il secondo che è più esteso del primo (offrendo colori più “vividi”). Senza scendere in troppi tecnicismi, indicano la saturazione massima dei colori primari e complementari all’interno dello spettro cromatico visibile. La copertura del triangolo viene indicata in percentuale, con il 100% di copertura dei vari spazi colori che indica una calibrazione (sulla carta) perfetta.

Attenzione, però, la copertura più o meno ottimale di un profilo colore non basta per indicare la qualità generale delle immagini di un monitor! Ci sono poi i monitor da gaming HDR (che sta per High Dynamic Range), standard che indica la capacità del monitor di riprodurre immagini dalla gamma dinamica estesa. Rispetto a un monitor SDR (acronimo di Standard Dynamic Range), un monitor HDR può ad esempio riprodurre nella stessa scena luci molto forti e ombre molto scure senza perdere i dettagli né delle prime, né delle seconde.

Dimensioni, formati e risoluzione

Dimensioni e risoluzione non sono concetti strettamente legati tra loro. Inoltre, un monitor da gaming può disporre di un formato (cioè il rapporto che c’è fra il lato lungo del pannello e quello corto) che può essere più o meno “wide”.

Migliori monitor gaming

Le dimensioni dei monitor si misurano in pollici (indicato con , ad esempio 27″) e possono variare da circa 18,5″ fino a un massimo di oltre 30″. Per quanto riguarda il formato, una volta si usava molto il 4:3, mentre adesso lo standard più diffuso è il 16:9. Ci sono parecchi monitor che però si estendono maggiormente in larghezza, offrendo un formato di 21:9. Non sono così rari, infine, i monitor 32:9 che, sostanzialmente, racchiudono in un solo pannello il formato che si otterrebbe unendo due monitor uno al fianco dell’altro. Ti ricordo, infatti, che nulla ti vieta di collegare a un solo computer due o più monitor creando una configurazione multi-monitor.

Ci sono inoltre diverse risoluzioni, termine che indica il numero di pixel che possono essere usati per comporre le immagini sullo schermo. La risoluzione viene indicata con il numero dei pixel presenti nel lato lungo per il numero di pixel presenti nel lato corto. Moltiplicando i due numeri, si ottiene il numero complessivo dei pixel presenti sullo schermo. Considera sempre che più è alto il numero dei pixel da elaborare sullo schermo, più è “pesante” per il computer (e la scheda video in generale) generare un numero di frame per secondo elevato.

Migliori monitor gaming

In poche parole, ad alte risoluzioni serve una scheda video molto potente, soprattutto con i giochi di ultimissima generazione. Di seguito trovi elencate le risoluzioni più diffuse.

  • Monitor da gaming HD – la risoluzione HD è ormai quasi del tutto introvabile sui monitor da gaming, ed è pari a 1280 x 720 pixel. Ti consiglio di puntare sempre su monitor più definiti.
  • Monitor da gaming Full HD – si tratta della risoluzione ad oggi più diffusa sui monitor da gaming perché rappresenta il giusto compromesso fra definizione e potenza di calcolo necessaria per generare frame al secondo soddisfacenti per il gaming. È pari a 1920 x 1080 pixel.
  • Monitor da gaming Quad HD (2K) – questa risoluzione è un ottimo compromesso se hai una scheda video di fascia medio-alta o alta. È pari a 2560 x 1440 pixel e te la consiglio per monitor dai 27″ in su.
  • Monitor da gaming Ultra HD (4K) – non è facile trovare monitor da gaming con una risoluzione più elevata di questa, pari a 3840 x 2160 pixel. Gestire un gioco con grafica tridimensionale a questa risoluzione non è semplice nemmeno per le schede video più costose, quindi se vuoi giocare a questa risoluzione assicurati di avere un sistema adeguato o una console compatibile.

Frequenza di aggiornamento

La frequenza di aggiornamento, definita in inglese refresh rate (si misura in Hz), è un parametro importantissimo nella scelta dei monitor da gaming, visto che stabilisce la fluidità massima che può raggiungere qualsiasi contenuto su schermo. Tipicamente, i monitor hanno un refresh rate di 60 Hz ma, negli ultimi anni, si sono diffusi pannelli capaci di raggiungere i 120 Hz e spingersi anche molto oltre. Ci sono, infatti, display da 144 Hz e anche modelli da 240 Hz che non costano più un occhio della testa!

Una frequenza d’aggiornamento maggiore non solo migliora l’esperienza di gioco, ma spesso diminuisce i tempi di risposta del pannello e consente di incrementare le performance di gioco. In breve, come tempi di risposta (misurati in ms, millisecondi) intendo il tempo che impiega il pixel a cambiare il suo stato, mentre la frequenza di aggiornamento indica il numero di volte che l’immagine viene disegnata su schermo.

Ma fai attenzione! Frequenza di aggiornamento e frame rate sono due concetti diversi: se la prima infatti è indipendente da quello che viene rappresentato sullo schermo e il valore è stabile in ogni momento, il frame rate indica il numero di fotogrammi che la scheda video riesce a renderizzare per comporre una scena animata ed è variabile in base a quanto è complessa la stessa scena e alle tecnologie applicate.

Migliori monitor gaming

La differenza fra refresh rate e frame rate genera artefatti di diversa natura (spesso tearing o stuttering) e quindi i produttori di schede video e monitor implementano tecnologie come nVidia G-Sync e AMD FreeSync che consentono di aggirare i problemi sincronizzando frame rate e refresh rate al fine di ottenere un’immagine più fluida senza introdurre ulteriore latenza.

Caratteristiche

Ci sono poi diverse caratteristiche in un monitor da gaming da prendere in considerazione. Spesso si tratta di opzioni che possono essere più o meno utili in base a dove installare lo schermo. Le trovi elencate di seguito.

  • Porte – questa è sicuramente la caratteristica più importante nella scelta di un monitor da gaming. La maggior parte dei prodotti in commercio dispone di porte HDMI e DVI, ma sono molto diffusi anche i modelli DisplayPort (necessaria per raggiungere frequenze di aggiornamento elevate). Sono più rari i modelli con porte VGA o Thunderbolt. In ogni caso, verifica che le porte del monitor siano compatibili con l’uscita video del computer o della console. Per quanto riguarda HDMI e DisplayPort, ci sono diverse versioni che supportano risoluzioni e refresh rate massimi ben specifici. Online trovi tutte le informazioni di cui puoi avere bisogno per compiere la scelta giusta! Non è difficile, inoltre, trovare anche un Hub USB fra le porte di un monitor da gaming, attraverso il quale puoi collegare le tue periferiche da gioco o qualsiasi altra periferica USB.
  • Display lucido o opaco – tutti i display vengono forniti con una sorta di finitura che copre la struttura dei pixel. Quelle lucide migliorano spesso la resa dei colori e il contrasto, tuttavia affaticano maggiormente gli occhi e hanno qualche problema con i riflessi delle luci nell’ambiente circostante. Invece, i monitor opachi evitano i riflessi generando un’immagine talvolta di minore impatto.
  • Supporto e pivot – tutti i monitor utilizzano uno stand che può avere diverse forme e fornire una stabilità al monitor più o meno accentuata. In alcuni casi, il supporto può garantire la funzione pivot, che permette di utilizzare il monitor ruotato di 90° (con orientamento verticale). Si tratta di una funzione utile soprattutto negli ambiti di produttività, ma non è indispensabile per i videogiochi.
  • Altre caratteristiche – ti consiglio di dare un’occhiata, prima dell’acquisto, anche alle specifiche tecniche in termini di consumi energetici (meglio se bassi, ovviamente). Se non hai cuffie o diffusori esterni, considera anche l’acquisto di un monitor con speaker integrati. Inoltre, ti segnalo che sono disponibili in commercio anche monitor con supporto al touch-screen (non è utilissimo con i giochi, però).

Quale monitor gaming comprare

Adesso che conosci le informazioni di base, ti sarà molto più semplice scegliere quale monitor da gaming comprare per la tua postazione di gioco. Qui sotto trovi una rassegna dei migliori monitor da gaming per il tuo PC o per la tua console, suddivisi fra modelli economici, di fascia media e di fascia alta. Ti auguro una buona lettura e un buon divertimento!

Miglior monitor gaming economico (meno di 200 euro)

LG 24GN53A-B

LG 24GN53A

L’LG 24GN53A-B è uno dei monitor da gaming più economici attualmente in commercio. Ha un pannello da 24″ a risoluzione Full HD realizzato con tecnologia Tn, il tempo di risposta è molto basso (pari a 1 ms), il refresh rate massimo è di 144 Hz e supporta anche la tecnologia FreeSync, per evitare fastidiosi artefatti quando il frame rate non è costante. Adotta connettori HDMI, è dotato di un ingresso DisplayPort ed è retroilluminato a LED.

LG 24GN53A UltraGear Gaming Monitor 24" FULL HD LED, 1920x1080, 1ms, A...
Vedi offerta su Amazon

Samsung C24RG52FQU

Samsung C24RG52FQU

Il Samsung C24RG52FQU è un monitor da gioco dotato di un pannello curvo (1800R), per offrire un’esperienza di gioco suggestiva e realistica. È da 24″ con risoluzione Full HD, la frequenza d’aggiornamento è pari a 144 Hz e il tempo di risposta è di 4 ms. Supporta la tecnologia FreeSync, quella Flicker Free che elimina lo sfarfallio dello schermo e la modalità Eye Saver che riduce la luce blu. Supporta inoltre la Game Mode, che regola contrasti, nitidezza e colore per immagini migliori. L’angolo di visione è di 178/178° rispettivamente in orizzontale e in verticale. Dispone di ingressi HDMI e DisplayPort.

Samsung C24RG52FQU Monitor Gaming Curvo da 24 pollici, Full HD,1800R, ...
Vedi offerta su Amazon

Acer KG241Qbii

Acer KG241Qbii

Un altro monitor da gioco da prendere in considerazione in questa fascia di prezzo è l’Acer KG241Qbii. È con risoluzione Full HD e diagonale di 23,6″ ed è caratterizzato da un tempo di risposta di 1 ms, grazie alla presenza di un pannello Tn, mentre la frequenza di aggiornamento è di 75 Hz. Dispone di un elegante supporto a tre rebbi, il quale consente di risparmiare spazio sul piano di lavoro senza sacrificare lo stile, favorisce l’ergonomia grazie all’inclinazione di -5° e 15° e supporta il montaggio VESA. C’è anche la modalità Flickerless, che elimina lo sfarfallio dello schermo. Inoltre, dispone di porte HDMI e VGA.

Philips 248E9QHSB

Philips 248E9QHSB

Un altro monitor economico che mi sento di consigliarti per i videogiochi è il Philips 248E9QHSB, che ha la particolarità di disporre di un pannello curvo (1800R). La diagonale è di 24″ e supporta la risoluzione Full HD, con un refresh rate massimo di 75 Hz e supporto alla tecnologia FreeSync. Inoltre, offre un ampio angolo di visione di 178°, ha cornici estremamente sottili e supporta le connessioni HDMI e VGA. Attento, però! Questo modello utilizza un pannello VA che offre una buona qualità dell’immagine a discapito dei tempi di risposta. Il response time, infatti, è di 4 ms.

Philips 248E9QHSB 24" Gaming Monitor Curvo Freesync 75 Hz LED IPS FHD,...
Vedi offerta su Amazon

MSI Optix G241VC

MSI Optix G241VC

Sempre restando nella fascia bassa, ti posso consigliare l’MSI Optix G241VC. È dotato di diagonale da 24″ con supporto alla risoluzione Full HD e pannello curvo (1800R), è capace di restituire un tempo di risposta di 1 ms e la frequenza di aggiornamento è pari a 75 Hz. Supporta la tecnologia Anti-Flicker che riduce la quantità di sfarfallio, la tecnologia FreeSync e la funzione FPS Crosshair che consente di mirare a obiettivi molto più facili nei giochi. Dispone di 1 porta HDMI, 1 ingresso VGA e offre un ampio angolo di visione di 178˚.

MSI Optix G241VC Monitor Gaming 24" Curvo, Display 16:9 Full HD (1920x...
Vedi offerta su Amazon

Acer Nitro VG270bmiix

Acer Nitro VG270bmiix

Anche l’Acer Nitro VG270bmiix è un monitor da gaming da prendere in considerazione. Monta un pannello IPS da 27″, offre un angolo di visione fino a 178° e supporta la risoluzione Full HD. La frequenza d’aggiornamento è pari a 75 Hz e i tempi di risposta sono di 1 ms. Inoltre, supporta la tecnologia FreeSync ed è possibile modificare rapidamente le impostazioni grazie all’utility software Display Widget. Dispone poi di porte HDMI e VGA. Per quanto riguarda il design, non ha cornici su tre lati e dispone di un pratico supporto a tre piedi che riduce l’ingombro sul piano di lavoro.

Acer Nitro VG270bmiix Monitor Gaming FreeSync, 27", Display IPS Full H...
Vedi offerta su Amazon

Miglior monitor gaming di fascia media (fra 200 euro e 500 euro)

AOC 24G2U/BK

AOC 24G2U/BK

AOC è uno dei nomi più importanti per quanto riguarda i monitor dedicati al gaming e l’AOC 24G2U/BK è uno dei modelli più interessanti del produttore in questa fascia di prezzo. Presenta, infatti, delle specifiche particolarmente allettanti: 144 Hz di frequenza di aggiornamento, 1 ms di tempo di risposta e supporto alla tecnologia FreeSync. Dispone di connettori DisplayPort e HDMI, ha 4 porte USB e gli altoparlanti sono incorporati. Il pannello utilizzato è un IPS, con diagonale da 23,8″ a risoluzione Full HD.

AOC 24G2U/BK Monitor da Gaming Flat 23.8" IPS, Frameless, FHD 1920 x 1...
Vedi offerta su Amazon

Samsung C27RG50

Samsung C27RG50

Se sei alla ricerca di un monitor curvo di qualità un po’ più alta rispetto a quelli che ti ho proposto fino ad ora ti consiglio il Samsung C27RG50. Infatti, monta un pannello con curvatura 1500R da 27″, supporta la risoluzione Full HD, ha un refresh rate massimo di 240 Hz e un tempo di risposta di 4 ms. Inoltre, supporta la tecnologia G-Sync, la modalità Eye Saver per ridurre le emissioni di luce blu, la Game Mode, il mirino Virtual Aim Point che aumenta l’affidabilità della mira e la tecnologia Flicker Free. Presenta un design privo di cornici su tre lati, facilitando quindi la messa in piedi di una configurazione con doppio monitor. Dispone inoltre di porte HDMI e DisplayPort.

Samsung C27RG50 Monitor Gaming Curvo, 27 Pollici, 240 Hz, G-sync, FHD,...
Vedi offerta su Amazon

ASUS VG278QR

ASUS VG278QR

Un monitor molto interessante sotto i 300 euro, è l’ASUS VG278QR. La diagonale è di 27″, supporta la risoluzione Full HD ed è dotato di un pannello Tn da 165 Hz di frequenza d’aggiornamento e 1 ms di tempo di risposta. Supporta il FreeSync e può essere collegato tramite DisplayPort, HDMI o DVI. Supporta inoltre la tecnologia proprietaria GameVisual che offre sette modalità di visualizzazione preimpostate per soddisfare diversi tipi di scenario, quella denominata GameFast che consente di ridurre ulteriormente il ritardo di input e la tecnologia Extreme Low Motion Blur che rende gli oggetti in movimento ancora più nitidi.

ASUS VG278QR 27'' FHD (1920 x 1080) Esports Gaming Monitor per PC, 0.5...
Vedi offerta su Amazon

BenQ ZOWIE XL2411K

BenQ ZOWIE XL2411K

Il BenQ ZOWIE XL2411K è un monitor progettato sulle esigenze dei “pro-player”, dei giocatori professionisti. Utilizza un pannello Tn da 24″ che supporta la risoluzione Full HD e che è capace di raggiungere una frequenza di aggiornamento di 144 Hz. Il tempo di risposta è di 1 ms e il supporto da scrivania è regolabile in altezza. Fra le caratteristiche più evidenti abbiamo gli Shield laterali che aiutano a concentrarsi sul gioco eliminando ai minimi termini distrazioni e riflessi sul monitor. Il monitor supporta inoltre le tecnologie DyAc/ DyAc+ che rendono meno sfocate le azioni in-game più intense e la tecnologia Black eQualizer che aumenta la visibilità nelle aree più scure. Dispone di porte HDMI e DisplayPort.

BenQ ZOWIE XL2411K Monitor da Gaming 24 pollici 144 Hz, 1080p, Base Co...
Vedi offerta su Amazon

LG 27GL850

LG 27GL850

L’LG 27GL850 è un monitor da gioco molto interessante sotto diversi aspetti, capace di garantire prestazioni piuttosto elevate. Monta un pannello IPS da 27″ con supporto alla risoluzione QHD, ha un refresh rate di 144 Hz e i tempi di risposta sono pari a 1 ms. La caratteristica più interessante è l’adesione allo standard HDR10, che consente di raggiungere un’elevata gamma dinamica mantenendo su schermo una riproduzione ottimale di luci e ombre contemporaneamente. Supporta lo Screen Split, la tecnologia FreeSync è compatibile con il G-Sync e offre funzionalità quali Dynamic Action Sync che minimizza il ritardo delle immagini, Black Stabilizer che garantisce la massima visibilità anche nelle scene più scure e Chrossair che assicura la massima precisione del mirino nei giochi sparatutto. Dispone inoltre di 2 connettori HDMI, 1 DisplayPort e 3 porte USB.

LG 27GL850 UltraGear Gaming Monitor 27" QuadHD Nano IPS 1ms HDR, 2560x...
Vedi offerta su Amazon

Miglior monitor gaming di fascia alta (più di 500 euro)

Samsung LC27G73TQSUXEN

Samsung LC27G73TQSUXEN

Il Samsung LC27G73TQSUXEN è un monitor da gioco da 27″ che si caratterizza per il raggio di curvatura di 1000R, che offre un’esperienza visiva ancora più confortevole e immersiva. Supporta la risoluzione WQHD e lo standard HDR600, che garantisce un picco di luminosità di 600 nits. Il tempo di risposta è pari a 1 ms, mentre il refresh rate massimo è di 240 Hz. Ha ingressi HDMI, DisplayPort e porte USB e non mancano tecnologie quali Freesync2, G-Sync e QLED, che permette di visualizzare una gamma completa di sfumature realistiche.

Samsung Monitor LC27G73TQSUXEN - Monitor Gaming Curvo G73 da 27 Pollic...
Vedi offerta su Amazon

LG 27GL83A

LG 27GL83A

Un altro monitor dalle ottime qualità in questa fascia di prezzo è l’LG 27GL83A. Si tratta di un modello con pannello IPS da 27″ avente risoluzione QHD, con supporto all’HDR10. Il tempo di risposta è pari a 1 ms, mentre il refresh rate massimo è di 144 Hz. Dispone di 2 HDMI e 1 DisplayPort ed è compatibile con tecnologie quali G-Sync e FreeSync. Offre altresì una funzione denominata Black Stabilizer, la quale garantisce la massima visibilità anche nelle scene più scure. Per quanto riguarda il design, l’assenza della cornice su tre lati consente di immergersi completamente nell’azione del gioco e la regolazione della base in altezza, inclinazione e orientamento permette di ottimizzare la posizione sulla scrivania a seconda delle singole esigenze.

LG 27GL83A UltraGear Gaming Monitor 27" QuadHD IPS 1ms HDR, 2560x1440,...
Vedi offerta su Amazon

Samsung C49RG90

Samsung C49RG90

Il Samsung C49RG90 è un monitor enorme, da 49″, che si sviluppa in larghezza. Adotta il formato Ultra-Wide da ben 32:9, quindi è come se si trattasse di due monitor 16:9 messi l’uno al fianco dell’altro. Il pannello è un Quantum Dot curvo (1800R) con supporto alla risoluzione Dual WQHD e frequenza d’aggiornamento di 120 Hz, mentre il tempo di risposta è di 4 ms. Supporta l’HDR1000, la luminosità massima dichiarata è di 1000 nits, sfrutta la tecnologia FreeSync e offre la Modalità Gioco, che è utile per regolare automaticamente il contrasto e le impostazioni di colore per ogni scena. A livello di connettori abbiamo ingressi HDMI, DisplayPort e porte USB.

Samsung C49RG90 Monitor Gaming Curvo, Super Ultrawide, 49 Pollici, Dua...
Vedi offerta su Amazon

AOC CU34G2X/BK

AOC CU34G2X/BK

Un altro ottimo monitor di fascia alta è l’AOC CU34G2X/BK. Dispone di un pannello VA opaco da 34″ con curvatura 1500R, supporto alla risoluzione 3440 x 1440, frequenza d’aggiornamento di 144 Hz e tempi di risposta di 1 ms. Il monitor può essere regolato in altezza, ha la base removibile, il telaio estremamente sottile e ci sono gli altoparlanti incorporati, oltre che 2 ingressi HDMI, 2 DisplayPort e 3 USB 3.0. C’è anche il supporto alla tecnologia FreeSync.

AOC Monitor Italia CU34G2X/BK Monitor Gaming Serie G2 Curvo da 34", WQ...
Vedi offerta su Amazon

ASUS VG35VQ

ASUS VG35VQ

L’ASUS VG35VQ è un altro monitor curvo (1800R) concepito per offrire un’esperienza altamente immersiva ai videogiocatori. È da ben 35″, supporta la risoluzione WQHD e il formato 16:9, la frequenza d’aggiornamento è di massimo 100 Hz e i tempi di risposta sono di 1 ms. È inoltre compatibile con lo standard HDR10 ad alta gamma dinamica. Supporta poi la tecnologia Shadow Boost che schiarisce le aree scure migliorando la visione generale, quella Flicker Free che riduce lo sfarfallio e quella denominata GameVisual che offre sette modalità di visualizzazione preimpostate da usare a seconda degli scenari. Offre anche varie opzioni sul fronte connettività: 2 HDMI, 1 DisplayPort e 3 USB.

ASUS TUF Curved VG35VQ 35" UWQHD (3440x1440) Gaming monitor, VA, fino ...
Vedi offerta su Amazon
Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.