Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come aumentare gli FPS su PC

di

Possiedi un computer molto recente e, dopo aver effettuato svariati esperimenti sulle opzioni di gioco, ti sei reso conto che le azioni non sono molto fluide e che, qualche volta, i videogame vanno addirittura “a scatti”. In casi come questi, potrebbe essere estremamente importante il parametro FPS, cioè il valore che indica il numero di fotogrammi che vengono visualizzati su schermo ogni secondo e che determina la fluidità delle immagini viste su schermo.

Contrariamente a quanto si potrebbe pensare, una dotazione hardware di ultima generazione potrebbe non garantire, da sola, l’ottenimento di un FPS elevato (diciamo maggiore di 60): su questo parametro, infatti, influiscono in modo notevole anche le attività in corso sul sistema operativo, le impostazioni di driver e periferiche e, non da meno, le impostazioni specifiche di ciascun gioco.

Dunque, se è tuo interesse capire come aumentare gli FPS su PC senza modificarne l’hardware, faresti bene a leggere con attenzione il contenuto di questa mia guida, all’interno della quale ti porterò a conoscenza di alcuni piccoli “trucchetti” in grado di migliorare – in alcuni casi anche in maniera evidente – le prestazioni che si riescono a ottenere dal computer. Allora, pronto per provarci? OK, iniziamo subito!

Indice

Informazioni preliminari

Prima di entrare nel vivo di questa guida e spiegarti, nel concreto, come aumentare gli FPS su PC per giochi e altri software ad alta elaborazione grafica, lascia che ti dia qualche indicazione in più in merito all’argomento.

La parola FPS è l’acronimo di frames-per-second (o fotogrammi per secondo, in italiano) e indica il numero di immagini che vengono mostrate su schermo ogni secondo. Per definizione, quindi, un valore più alto di FPS ha come diretta conseguenza un’immagine più fluida, le cui interruzioni sono difficilmente percepibili dall’occhio umano.

Sebbene all’interno di numerosi giochi sia possibile intervenire manualmente sugli FPS massimi che possono essere generati (valore altresì denominato framerate), la resa potrebbe non essere ottimale: impostare un framerate estremamente alto, infatti, potrebbe nuocere alla qualità del gioco, in quanto il computer potrebbe entrare “in affanno” a causa dell’elevatissima quantità di risorse necessarie per generare le immagini.

Per questo motivo, l’hardware gioca un ruolo fondamentale per quanto riguarda il numero di FPS ottenibili in-game: teoricamente, più la scheda video e il processore sono potenti, maggiore è la resa finale in fase di gioco.

Tuttavia, esistono anche dei fattori software che possono influenzare, in modo notevole, il framerate massimo ottenibile: ottimizzare le impostazioni del sistema operativo e quelle dei giochi, così come chiudere i programmi e i servizi non necessari, può avere come conseguenza diretta un incremento, anche importante, in termini di FPS.

Tema di questa mia guida sarà, per l’appunto, guidarti a quelle che sono le ottimizzazioni software che è possibile apportare al fine di incrementare gli FPS e, in generale, aumentare le prestazioni dei giochi: ti anticipo fin da subito che non assisterai a un vero e proprio miracolo ma ti garantisco che, in alcuni casi, il miglioramento può essere davvero notevole!

Come aumentare gli FPS su PC

Fatte le dovute premesse del caso, è arrivato il momento di spiegarti come aumentare gli FPS su PC andando a intervenire su parametri ben specifici del computer, del sistema operativo e dello stesso gioco.

Installare i driver della scheda video

Come aumentare gli FPS su PC

Senza ombra di dubbio, il modo più semplice e immediato per aumentare gli FPS su PC senza apportare modifiche hardware alla macchina consiste nell’utilizzare i driver specifici più recenti per la propria scheda video. In tal modo, infatti, è possibile sfruttare appieno tutte le risorse che l’unità di elaborazione grafica mette a disposizione e, in alcuni casi, applicare delle impostazioni specifiche per ottimizzarle ulteriormente.

Nella maggior parte dei casi, è possibile ottenere le versioni più aggiornate dei driver per la propria scheda video recandosi sul sito Web del produttore, accedendo alla pagina di supporto dedicata alla GPU in proprio possesso e, in seguito, visitando l’area dedicata al download di software e driver.

Se non sai come portare a termine questa operazione, ti rimando alla lettura della mia guida su come installare i driver della scheda video, nella quale ti ho elencato i passaggi da compiere per identificare il modello esatto dell’hardware in tuo possesso e procedere con il download del software più appropriato.

Come ti accennavo poc’anzi, in alcuni casi, è possibile usare il pannello di configurazione hardware (spesso installato insieme ai driver) per ottenere un discreto guadagno di FPS: per esempio, se possiedi una GPU NVIDIA, puoi modificare la modalità di gestione dell’alimentazione e ottimizzarla per ottenere le massime prestazioni, in fase di elaborazione 3D.

Come aumentare gli FPS su PC

Per agire in tal senso, fai clic destro su un punto vuoto del desktop di Windows, seleziona la voce Pannello di controllo NVIDIA dal menu contestuale proposto e, giunto nella schermata principale del software di gestione della scheda video, espandi la sezione relativa alle Impostazioni 3D (si trova a sinistra), dopodiché clicca sulla voce Gestisci le impostazioni 3D.

Ora, se ti interessa applicare la modifica globalmente (cioè per tutti i software che effettuano elaborazione 3D), clicca sulla scheda Impostazioni globali, assicurati che il menu a tendina Processore grafico preferito sia impostato sul Processore NVIDIA e individua la voce dedicata alla Modalità di gestione dell’alimentazione, all’interno del box sottostante.

Quando l’hai trovata, clicca sul menu a tendina a essa corrispondente (recante, per impostazione predefinita, la dicitura Potenza ottimale) e impostalo sulla voce Preferisci le prestazioni massime.

Se, invece, vuoi applicare questa modifica soltanto in fase di esecuzione di determinati giochi (o programmi), clicca invece sulla scheda Impostazioni programma e, dopo aver scelto il programma da personalizzare e il processore grafico preferito per lo stesso, individua la voce dedicata alla Modalità di gestione dell’alimentazione dal box collocato in basso e spostalo su Preferisci le prestazioni massime. Ripeti dunque la medesima operazione su tutti i programmi per i quali vuoi ottenere un aumento degli FPS.

Terminate le modifiche, clicca sul pulsante Applica per renderle effettive e, se necessario, riavvia il computer.

Nota: se utilizzi un portatile, bada bene ad attivare le impostazioni di cui sopra, in quanto, come facilmente intuibile, potrebbero portare a un rapido esaurimento dell’autonomia della batteria.

Chiudere i programmi non in uso

Come aumentare gli FPS su PC

Un altro piccolo trucchetto per “guadagnare” risorse di sistema e consentire ai giochi di “girare” a valori maggiori di FPS consiste nel chiudere i programmi aperti e non più necessari o, quantomeno, non utili al gioco. Così facendo, il sistema operativo andrà a rilasciare le risorse precedentemente occupate dagli stessi, assegnandole ai software che ne faranno richiesta (in questo caso, al gioco che ci si appresta ad eseguire).

Ricorda, inoltre, di controllare anche la presenza di processi in background sul computer e di chiudere quelli non necessari: alcuni software, infatti, vengono avviati automaticamente in fase di accesso a Windows e, sebbene le relative finestre non siano visibili, tendono comunque a occupare preziose risorse di sistema.

Pertanto, prima ancora di aprire il gioco di tuo interesse, dai un’occhiata alla barra di sistema di Windows e, in particolare, alle icone che si trovano nei pressi dell’orologio: individua quelle relative ai software non necessari, fai clic destro su ciascuna di esse e scegli la voce Esci/Exit o Chiudi/Close, collocata nel menu contestuale visualizzato, per chiudere il relativo processo. Infine, clicca sul simbolo a forma di freccia verso l’alto per visualizzare eventuali icone nascoste e ripeti, anche su queste ultime, la medesima operazione.

L’unica raccomandazione che voglio farti, in questo caso, è quella di non interrompere processi che potrebbero essere utili al gioco: per esempio, ricorda di lasciare in esecuzione il software di gestione della scheda video e, ovviamente, l’eventuale lanciatore del gioco di tuo interesse (ad es. Steam, Launcher Epic Games, Origin o UPlay).

Ottimizzare le impostazioni in-game

Come aumentare gli FPS su PC

Come ti ho spiegato nel capitolo introduttivo di questa guida, l’aumento degli FPS (e della fluidità delle immagini) può essere determinato, oltre che dall’hardware e dalle impostazioni del sistema operativo, anche dai parametri grafici specifici dei singoli giochi.

Dunque, al fine di migliorare la resa finale del motore di gioco, ti consiglio di intervenire sulle impostazioni del titolo di tuo interesse e di modificarne la risoluzione, la qualità dei dettagli e, se necessario, il frame rate massimo.

Per esempio, nel caso di Fortnite, puoi tentare di migliorare le prestazioni in-game (andando quindi ad aumentare leggermente gli FPS) nel seguente modo: dopo aver fatto partire il gioco, seleziona una delle modalità disponibili (ad es. Battaglia Reale) e, a caricamento terminato, clicca prima sul pulsante ☰, collocato in alto a destra, e poi sul simbolo a forma d’ingranaggio, collocato nel menu che ti viene proposto.

Successivamente, clicca sul pulsante raffigurante un monitor, imposta un limite frame rate pari o inferiore a 60 fps e disabilita le voci V-sync e Motion blur, specie se impieghi un computer non particolarmente recente. Infine, per migliorare ulteriormente le prestazioni di gioco, abbassane la qualità grafica, impostandola su un valore Medio o Basso, Infine, clicca sul pulsante Applica per salvare le modifiche apportate. Se sei interessato a capire, nello specifico, come aumentare gli FPS su PC Fortnite, ti invito a prendere visione del tutorial che ho dedicato, nello specifico, ai miglioramenti specifici per il celeberrimo titolo di Epic Games.

Abilitare la “Modalità gioco” di Windows 10

Come aumentare gli FPS su PC

Introdotta a partire da Windows 10 Creators Update (versione 1703), la Modalità gioco di Windows 10 consente di ottimizzare le risorse di CPU, GPU e RAM, andando ad agire sulle impostazioni di sistema e chiudendo, in modo del tutto automatico, i processi e i programmi non fondamentali all’esecuzione del titolo in questione. Inoltre, la Modalità gioco impedisce l’aggiornamento/installazione automatica dei driver e l’invio delle notifiche di riavvio.

Abilitare questa funzionalità è semplicissimo: per prima cosa, fai clic destro sul pulsante Start (l’icona della bandierina collocata nell’angolo in basso a sinistra dello schermo), seleziona la voce Impostazioni dal menu visualizzato su schermo e clicca sull’icona dedicata ai Giochi (quella con il logo di Xbox).

Ora, raggiungi la sezione Modalità gioco, facendo clic sull’omonima voce posta sulla barra laterale di sinistra, e sposta su Attivato la levetta relativa alla Modalità gioco, posta in cima alla schermata proposta. Per uscire da questa modalità, disabilita la levetta precedentemente attivata.

Al fine di risparmiare qualche risorsa in più, ti consiglio inoltre di disattivare la Xbox Game Bar, ossia la barra che consente di monitorare “al volo” le risorse in uso dal computer e di effettuare una serie di operazioni in-game, mediante gli strumenti integrati di Windows 10 (acquisizione/registrazione dello schermo, regolazione dell’audio, chat Xbox Social e così via). Anche se nascosta, infatti, questa funzionalità resta attiva in background, in attesa di comandi.

Per agire in tal senso, sempre dal menu delle impostazioni dedicato ai Giochi, fai clic sulla voce Xbox Game Bar situata a sinistra e sposta su Disattivato la levetta collocata in cima allo schermo.

Usare un booster

Come aumentare gli FPS su PC

Se le modifiche di cui ti ho parlato finora non sono state per te sufficienti, puoi valutare l’impiego di un programma in grado di ottimizzare “al volo” le prestazioni del PC (e, in alcuni casi, le impostazioni in-game), nel giro di un paio di clic: software di questo tipo sono denominati booster e sono abbastanza comuni nell’ambito gaming.

Uno dei migliori booster attualmente disponibili in rete è Razer Cortex: se non ne avessi mai sentito parlare, si tratta di un software, messo a disposizione dalla celebre azienda produttrice di prodotti da gaming, gratuito e compatibile con Windows 10, Windows 8.1 e Windows 7. Esso consente di ottimizzare le risorse del computer per l’esecuzione dei giochi in un solo clic, oltre che di applicare alcune specifiche impostazioni in-game, ma solo per i titoli compatibili, al fine di aumentarne gli FPS e, in generale, la resa grafica.

Per ottenerlo, collegati al suo sito Web ufficiale, clicca sul pulsante Download Now e attendi che il pacchetto di setup venga scaricato sul computer; a download ultimato, esegui il file ottenuto (ad es. RazerCortexInstaller.exe) e clicca sui pulsanti , Install e Get Started!, per portare a termine l’installazione e avviare il programma.

Al primo accesso, ti verrà chiesto di creare un nuovo Razer ID mediante email, Facebook o Google, così da poter “trasferire”, in seguito, le impostazioni personali anche su altri PC; se non intendi avvalerti di questa possibilità, clicca sui pulsanti Login as guest e Continue as guest, per evitare l’iscrizione al portale.

A questo punto, clicca sulla scheda Game Booster collocata in alto e, in seguito, raggiungi la sezione Boost, mediante l’apposita voce situata sulla barra verde. Tramite questa schermata, potrai decidere quali miglioramenti apportare all’hardware e al sistema operativo, al fine di ottimizzare le prestazioni di gioco, apponendo il segno di spunta accanto a ciascuna delle voci proposte.

Come aumentare gli FPS su PC

Queste ultime sono suddivise in quattro ulteriori sezioni: Special, nella quale sono presenti gli elementi di ottimizzazione relativi alla CPU, alle impostazioni sul risparmio energetico e agli elementi fondamentali del sistema operativo; Processes, nella quale è possibile specificare eventuali processi da interrompere; Services, che serve, invece, per disabilitare eventuali servizi di Windows; e Non-Windows Services, utile per disattivare automaticamente servizi esterni al sistema operativo. Se non hai ben chiara l’utilità di ciascuna delle opzioni presenti, ti consiglio di lasciare selezionate quelle predefinite.

A questo punto, per far sì che le ottimizzazioni vengano apportate automaticamente quando lanci un gioco, sposta su ON la levetta relativa alla voce Auto-boost; per applicare subito un “boost”, cioè per mettere subito in pratica tutti i miglioramenti selezionati, clicca invece sul pulsante Boost Now, collocato in alto a destra.

Altra parte interessante di Cortex Razer è la sezione Booster Prime: essa consente di ottimizzare le prestazioni dei giochi compatibili, andando a intervenire in maniera diretta sulle impostazioni in-game: dopo aver cliccato sul nome del gioco di tuo interesse, visualizzerai una serie di opzioni e menu, mediante i quali applicare le modifiche desiderate. Inoltre, è presente un grafico in grado di prevedere, con uno scarto di 10 unità, eventuali miglioramenti/peggioramenti degli FPS. Attualmente, la sezione Booster Prime supporta Fortnite e pochi altri giochi.

Come aumentare gli FPS su PC

In alternativa, se possiedi una scheda video a marchio NVIDIA, ti farà piacere sapere che il software NVIDIA GeForce Experience, solitamente fornito insieme ai driver video (oppure scaricabile come software indipendente, tramite questo link), è in grado di fungere anche da booster per un gran numero di giochi supportati.

Dunque, dopo aver avviato il summenzionato programma, clicca sul pulsante Continua ed effettua l’accesso al network GeForce mediante una delle reti supportate (NVIDIA, Google, Facebook, WeChat o QQ) e, a login ultimato, apponi il segno di spunta accanto alla dicitura Ottimizza automaticamente i giochi appena aggiunti e clicca sui pulsanti Continua e Fatto.

Mi raccomando: scarica solo software prodotti da aziende di comprovata affidabilità e provenienti da fonti sicure. Il pericolo di beccarsi qualche malware o, comunque, di usare software scadenti in grado di compromettere il corretto funzionamento del sistema operativo è dietro l’angolo!

Altre soluzioni utili

Come aumentare gli FPS su PC

Come dici? Hai seguito pedissequamente le indicazioni che ti ho fornito nel corso di questa guida ma, in ogni caso, non sei riuscito ad aumentare gli FPS su PC nella misura in cui desideravi?

In questo caso, come misura estrema, puoi provare ad aggiornare il BIOS del computer: se disponibili, gli update di BIOS/UEFI consentono di ottimizzare le modalità con cui l’hardware del computer “comunica” con il sistema operativo, aumentando le probabilità di ottenere un discreto guadagno in termini di prestazioni.

Tieni comunque presente che si tratta di un’operazione alquanto delicata e che un imprevisto in fase di update (ad es. l’interruzione di alimentazione oppure il tentativo di installazione di un firmware errato) potrebbe provocare danni irreversibili alla scheda madre, rendendola inutilizzabile.

Se, nonostante ciò, intendi comunque percorrere questa strada, ti rimando alla lettura della mia guida su come aggiornare il BIOS e, se possiedi un computer a marchio ASUS, al tutorial dedicato nello specifico al produttore. Una volta portato a termine l’aggiornamento di BIOS/UEFI, riprova a mettere in pratica i suggerimenti precedenti e verifica di aver effettivamente ottenuto l’incremento di FPS desiderato.

Qualora la situazione non dovesse migliorare, ahimè, non c’è molto altro su cui tu possa intervenire, sul lato software: se ti rendi conto che la scheda video in tuo possesso non è più adatta alla qualità di gioco che vuoi ottenere, ti consiglio di acquistarne una nuova. Se hai bisogno di una mano in tal senso, ti rimando alla lettura della mia guida dedicata alle migliori schede video, nella quale ti ho fornito preziosi consigli in merito all’hardware da preferire, in base alle proprie esigenze.

Infine, se hai un po’ di denaro da parte e vuoi dare una “svolta” alla tua esperienza di gioco, puoi prendere in considerazione l’idea di costruirti un PC da gaming da zero: ti garantisco che, scegliendo con cura l’hardware da usare, riuscirai a ottenere una macchina di tutto rispetto, anche con una spesa di soli 500 euro. In alternativa, se non ritieni di avere l’esperienza necessaria per optare per una soluzione fai-da-te, puoi sempre fare affidamento ai tanti computer da gioco pre-assemblati, disponibili sul mercato: sono certo che, con un pizzico di attenzione, riuscirai a scegliere quello che più si adatta alle tue esigenze!

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.