Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come capire se ha cancellato la chat

di

Sospetti che il tuo partner intrattenga delle conversazioni a te sgradite in chat, per poi cancellarle? Ritieni che qualcuno abbia avuto accesso al tuo smartphone o tablet e abbia eliminato dei messaggi che non avevi ancora letto? Se ti trovi in una situazione simile e ti piacerebbe avere le idee chiare su come capire se ha cancellato la chat, direi che ti trovi proprio nel posto giusto per ottenere le risposte che cerchi.

Ritengo però doveroso fare subito una precisazione: i metodi di cui ti parlerò in questa guida presuppongono che tu possa accedere alle app di messaggistica (e agli account) direttamente dal dispositivo del “sospettato”. Non esistono, infatti, metodi “miracolosi” per accedere a informazioni sensibili senza avere sottomano lo smartphone, il tablet o il computer che dovrebbe — o non dovrebbe, a seconda dei punti di vista — ospitarle.

Chiarito questo aspetto, non ti resta che metterti bello comodo e leggere con attenzione tutto quanto ho da spiegarti sull’argomento: sono sicuro che, al termine della lettura di questa guida, avrai ben chiaro il da farsi e sarai in grado di sciogliere anche i tuoi sospetti più profondi. Detto ciò, non mi resta altro da fare, se non augurarti buona lettura e buona fortuna!

Indice

Come capire se ha cancellato la chat: Instagram

Come capire se ha cancellato la chat

Sospetti che qualcuno abbia cancellato dei messaggi su Instagram che avresti dovuto leggere o, comunque, riguardanti la tua persona? Non ho buone notizie.

Il grosso vantaggio dei servizi come Instagram Direct e, in generale, di tutte quelle app che consentono di chattare da molteplici dispositivi, risiede nel fatto che i messaggi vengono archiviati quasi sempre su un server e possono essere visualizzati in qualsiasi momento, a patto di effettuare l’accesso al proprio account.

Per lo scopo di questa guida, però, si tratta di un enorme svantaggio, poiché i messaggi conservati online, a seguito della loro eliminazione, vengono cancellati completamente dai server e non lasciano alcuna traccia sulla memoria del dispositivo, né sui server che li ospita. Insomma: se la chat “incriminata” è stata effettivamente cancellata, le speranze di ritrovarla da qualche parte rasentano lo zero.

Tuttavia, devi sapere che le foto e i video scaricati da Instagram Direct vengono salvati in automatico nella cartella Instagram di Android e iOS, dove restano anche dopo l’eliminazione delle chat.

Dunque, per tentare di recuperare foto provenienti da chat sospette (e prontamente cancellate) da Instagram, procedi come segue: se utilizzi Android, apri l’app Galleria (o qualsiasi altra applicazione dedicata alla gestione della galleria), fai tap sulla scheda Raccolta e poi sulla voce Visualizza tutto, situata in corrispondenza della voce Foto sul dispositivo. Infine, individua l’album Instagram e fai tap su di esso: gli elementi multimediali scaricati dalle chat di Direct si trovano lì.

Se la cartella non risulta visibile nella galleria fotografica, puoi accedervi servendoti di un gestore file, come Files di Google: dopo aver aperto quest’ultima app, tocca la scheda Sfoglia e naviga nelle cartelle Memoria interna > Pictures > Instagram: qui troverai tutti gli elementi scaricati da Instagram, inclusi quelli provenienti dalle chat di Direct.

Se, invece, il tuo è un iPhone, avvia l’app Foto e tocca l’icona Tutte le foto, situata in basso a sinistra, per visionare l’intero rullino fotografico di iOS, incluse le immagini provenienti da Direct. Se sospetti che le foto delle chat siano state appositamente nascoste o, peggio ancora, cancellate manualmente, da’ un’occhiata agli album denominati Nascosti ed Eliminati di recente, ai quali puoi accedere facendo tap sulla scheda Album.

In particolare, il primo contiene le foto per le quali è stata selezionata l’opzione “Nascondi”, mentre il secondo, così come ti ho spiegato nella mia guida dedicata al recupero delle foto eliminate da iPhone, include le immagini cancellate nei precedenti 40 giorni.

Per maggiori informazioni riguardo il recupero delle chat di Instagram, ti invito a prendere visione del tutorial che ho sviluppato appositamente per questo scopo.

Come capire se ha cancellato la chat: WhatsApp

Come capire se ha cancellato la chat: WhatsApp

Se stai cercando di sapere se una persona ha cancellato la chat di WhatsApp, questa è la sezione del tutorial che più fa al tuo caso. Sfortunatamente, anche in questo caso, non esiste un metodo “semplice” per recuperare i messaggi di chat cancellati, in quanto essi non vengono salvati (almeno non “in chiaro”) nella memoria del dispositivo. Tuttavia, puoi percorrere una serie di strade alternative, in grado di aiutarti a comprendere se di recente sono stati eliminati messaggi o intere conversazioni compromettenti.

Come primo accorgimento, ti consiglio di dare un’occhiata alle chat archiviate, cioè alle conversazioni che non figurano più nella schermata principale di WhatsApp, ma che possono essere recuperate da un’area ben precisa dell’applicazione.

Per accedere alle chat archiviate, se stai usando WhatsApp per Android, devi raggiungere il pannello che racchiude tutte le conversazioni attive, scorrere l’elenco fino in fondo e selezionare la voce Archiviate: così facendo, accederai a tutte le conversazioni archiviate, che potrai visionare facendo tap sulle rispettive anteprime.

Se, invece, impieghi WhatsApp per iPhone, fai tap sulla scheda Chat ed effettua uno swipe deciso dall’alto verso il basso, in modo da far comparire la voce Chat archiviate.

Su WhatsApp per PC o WhatsApp Web, devi invece cliccare sul pulsante (…) collocato in alto a sinistra e poi sulla voce Archiviate, residente nel menu che compare.

Qualora non fossi riuscito a individuare la chat “incriminata”, puoi cercare le sue tracce nella galleria fotografica del dispositivo: per impostazione predefinita, infatti, le immagini ricevute tramite WhatsApp vengono archiviate automaticamente nella memoria dello smartphone e non vengono eliminate insieme alla chat, se non espressamente indicato.

Dunque, se sospetti che la persona in questione abbia cancellato una conversazione in fretta e furia, ci sono ottime probabilità che le immagini siano rimaste inalterate in memoria.

Le foto di WhatsApp, per tua informazione, vengono salvate nell’album WhatsApp Images di Android o WhatsApp di iOS: per visualizzarle, apri l’app di gestione foto presente sul tuo dispositivo, fai tap sulla scheda Album e poi sul nome della cartella dedicata alle immagini di WhatsApp.

Se utilizzi Android e non riesci a vedere l’album dedicato alle foto di WhatsApp, puoi altresì accedere allo stesso mediante un qualsiasi gestore file, come Files di Google: dopo aver aperto quest’ultimo, fai tap sulla scheda Sfoglia (in basso) e poi sulle voci Memoria Interna > WhatsApp > Media > WhatsApp Images per visualizzare tutte le immagini ricevute tramite WhatsApp. Per vedere quelle inviate, apri la cartella Sent.

Se neppure in questo modo sei riuscito a “stanare” il colpevole, non ti resta che valutare l’opzione più drastica in assoluto: il ripristino di un backup precedente di WhatsApp. Questa operazione, però, non è esente da conseguenze: in primo luogo, potrai vedere soltanto le conversazioni aggiornate dopo l’ultimo backup effettuato. Dunque, se la chat è stata creata in data antecedente allo stesso, non potrai recuperarla.

In secondo luogo, ripristinando un backup, tutte le chat successive alla data di creazione dello stesso verranno eliminate: tieni ben presente questo aspetto, prima di fare qualsiasi cosa.

Ad ogni modo, per procedere con il ripristino del backup più recente, è sufficiente disinstallare WhatsApp dal dispositivo, installarlo nuovamente e seguire la procedura di configurazione iniziale del numero di telefono. Al termine della stessa, ti sarà chiesto se ripristinare o meno l’ultimo backup disponibile: tutto ciò che devi fare è rispondere in maniera affermativa, per veder “ricomparire” eventuali chat cancellate in passato.

Solo su Android, sfruttando la funzionalità di ripristino dai backup locali, è possibile risalire anche a backup precedenti rispetto all’ultimo salvato dall’applicazione sul cloud.

Per saperne di più, ti rimando alla lettura della mia guida su come ripristinare un backup di WhatsApp, nella quale ti ho spiegato tutto con dovizia di particolari.

Come capire se ha cancellato la chat: Messenger

Come capire se ha cancellato la chat: Messenger

Sospetti che un tuo conoscente abbia cancellato una chat Messenger compromettente? Sfortunatamente, se l’eliminazione è definitiva, non hai modo di recuperarla: i messaggi di chat, infatti, vengono archiviati sui server del servizio e raramente vengono salvati in memoria.

Tuttavia, ci sono alcune strade che puoi percorrere per tentare di confermare il tuo sospetto: per esempio, anziché cancellare completamente un messaggio, si può scegliere di silenziarlo e archiviarlo. In tal modo, la conversazione resterà salvata in Messenger, ma non sarà visibile immediatamente nella lista delle chat attive e non genererà notifiche alla ricezione di nuovi messaggi.

Dunque, per verificare la presenza di chat archiviate, procedi in questo modo: apri Messenger per Android o iOS/iPadOS, fai tap sulla barra di ricerca che si trova in alto e inserisci il nome della persona “sospettata” di aver parlato con il tuo conoscente. Per finire, fai tap sul risultato più pertinente e attendi qualche istante: se la chat è stata archiviata in precedenza, la vedrai subito comparire, come per magia.

Su Messenger per Windows 10 e Messenger.com, il tutto è ancora più semplice: tutto ciò che devi fare, infatti, è cliccare sul simbolo dell’ingranaggio oppure sul pulsante (…) situato in alto a sinistra e selezionare la voce Chat nascoste/Chat archiviate dal menu che compare.

Qualora la tua ricerca non avesse avuto esito positivo, se stai usando un dispositivo animato da Android, puoi cercare eventuali tracce di messaggi eliminati nella cache di Messenger per Android: a seguito dell’eliminazione, una copia delle chat potrebbe essere presente nella cartella dedicata all’app. Il risultato non è garantito, in quanto non sempre Messenger crea copie cache dei messaggi, ma tentar non nuoce.

Dunque, per procedere, apri un gestore file a tuo piacere (ad es. Files di Google), fai tap sulla scheda Sfoglia/Cartelle e raggiungi il percorso Memoria interna > Android > data > com.facbook.orca > cache > fb_temp: con un pizzico di fortuna, potresti riuscire a recuperare porzioni di chat eliminate. Maggiori info qui.

Come capire se ha cancellato altre chat: suggerimenti generali

Come capire se ha cancellato altre chat: suggerimenti generali

Come hai avuto modo di comprendere leggendo i capitoli precedenti di questa guida, capire se qualcuno ha cancellato una chat di Instagram, WhatsApp o Messenger in modo furtivo (e con il preciso intento di non essere “beccato”) non è poi così difficile, né richiede competenze avanzate in materia informatica.

Le indicazioni che ti ho fornito in precedenza, fortunatamente, sono spesso valide anche per tutte le altre app e i programmi di messaggistica: tali software potrebbero, in maniera neppure molto velata, lasciare in giro tracce di messaggi eliminate.

Dunque, per prima cosa, controlla la cartella dei messaggi archiviati, alla ricerca di eventuali conversazioni nascoste ma non del tutto cancellate; in secondo luogo, verifica con attenzione la natura dell’app di tuo interesse e affidati a Google, cercando frasi come dove vengono salvati messaggi [nome app], per capire se essa lascia “tracce tangibili” di chat eliminate.

Inoltre, da’ sempre un’occhiata alla galleria fotografica del dispositivo, alla ricerca di fotografie compromettenti o, meglio ancora, di screenshot che mostrano in chiaro conversazioni ormai eliminate: se sospetti che, insieme alle chat, siano state cancellate manualmente anche le foto provenienti da esse, puoi sempre tentare di recuperare queste ultime, seguendo le indicazioni che ti ho fornito in questo mio tutorial.

Per finire, ti invito a diffidare dalle applicazioni e dai programmi che promettono di recuperare chat e messaggi cancellati da un determinato account, soprattutto se richiedono l’inserimento delle credenziali d’accesso del profilo: quasi sempre, si tratta di software nocivi, progettate con il solo intento di rubare i dati personali dell’utente o di infestare lo smartphone, il tablet oppure il computer con software estremamente pericolosi. Poi non dire che non ti avevo avvisato!

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.