Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero
Salvatore Aranzulla Day
Evento di formazione SEO con Salvatore Aranzulla. Scopri il programma

Come controllare un cellulare a distanza gratis

di

Tre le numerose richieste che ricevo, vi sono frequenti domande su come sia possibile controllare a distanza in maniera del tutto gratuita. Al fine di rispondere a questo quesito, devi sapere che esistono applicazioni che, se installate sul dispositivo mobile della persona da controllare, sono in grado di monitorare gli spostamenti di una persona. Questi strumenti possono rivelarsi utili anche in caso di furto del proprio cellulare. Esistono inoltre applicazioni pensate come strumento di parental control che sono in grado di svolgere un controllo approfondito di un cellulare.

L’argomento è di tuo interesse e vorresti saperne di più? Ti consiglio allora di prenderti qualche minuto di tempo libero da dedicare alla lettura di questa mia guida. Ti parlerò nel dettaglio di quelle che considero le migliori applicazioni che ti permetteranno di controllare un cellulare a distanza. Tieni quindi sotto mano il tuo smartphone Android o iOS e prova a installare le applicazioni che ti consiglio in questo tutorial. Come al solito, prima di iniziare, ti auguro una buona lettura.

Nota bene. Prima di entrare nel vivo di questo argomento bisogna precisare che controllare un cellulare a distanza è da considerare genericamente come un’attività illecita, oltre che un’operazione moralmente discutibile. Visto che non è mia intenzione incoraggiare tali scopi, in questa guida affronterò l’argomento parlandoti di strumenti in grado di svolgere l’obiettivo richiesto in maniera legale. Non mi assumo però alcuna responsabilità in caso di un uso scorretto degli strumenti da me indicati.

Cerberus (Android)

Tra le migliori applicazioni in grado di monitorare un dispositivo Android a distanza vi è senza ombra di dubbio Cerberus. Si tratta di uno strumento che può essere utilizzato anche per monitorare il proprio cellulare in caso di furto, con funzionalità complete che richiedono i permessi di root anche se non obbligatoriamente.

Cerberus è un’applicazione scaricabile gratuitamente dal PlayStore di Android ma il suo utilizzo è vincolato ad una licenza della durata di 6 giorni. Scaduto tale termine, per continuare ad utilizzarla, è richiesto il pagamento di un abbonamento annuale del costo di 5 euro. Volendo associare più di un dispositivo bisogna sottoscrivere un abbonamento più costoso: si va dai 14 euro all’anno per 3 dispositivi fino ai 43 euro all’anno per poter associare fino a 10 dispositivi.

Per incominciare a utilizzare Cerberus dovrai scaricare e installare l’applicazione dal PlayStore sul dispositivo da controllare. Una volta avviata dovrai effettuare la registrazione al servizio in maniera del tutto gratuita premendo sul pulsante Crea un account Cerberus presente nella principale dell’app.

Una volta compilati i campi di testo visibili a schermo, dovrai poi accettare i termini di servizio premendo sul pulsante Crea account. La creazione di un account è indispensabile per poter accedere allo strumento di controllo remoto del dispositivo.

Adesso non ti resta che configurare l’applicazione di Cerberus per il monitoraggio remoto. Per farlo, premi sul pulsante Abilita amministratore dispositivo e poi su Attiva. Se il dispositivo che vuoi controllare è dotato dei permessi di root, premi sulla voce Concedi permesso Superuser. Alcuni strumenti avanzati di Cerberus sono disponibili soltanto su smartphone e tablet Android con i permessi di root. Agendo in questo modo avrai terminato la configurazione di Cerberus sul dispositivo da controllare.

Per controllare lo smartphone o il tablet in remoto collegati ora al sito Internet dell’applicazione ed effettua il login digitando il nome utente e la password registrati in precedenza. Premi poi sul pulsante Login per accedere.

Tutti gli strumenti per il controllo remoto di Cerberus sono visibili nella schermata principale del suo sito Internet. Tramite il menu a tendina che puoi vedere a sinistra e la cartina geografica che indica la posizione del dispositivo, avrai la possibilità di controllare il cellulare da remoto. Cerberus offre diverse funzionalità interessanti tra cui la possibilità di partire un allarme sonoro, tenere traccia della localizzazione e molto altro ancora. Ti ho parlato nel dettaglio di quest’applicazione nella mia guida su come rintracciare un cellulare Android.

Mobile Fence (Android)

Un’applicazione che voglio consigliarti di utilizzare per controllare un cellulare distanza è Mobile Fence. In questo caso si tratta di un’applicazione pensata esclusivamente per il parental control. L’applicazione in questione offre infatti diversi strumenti che ti permetteranno di tenere sotto controllo il dispositivo, mostrandoti dati relativi alle applicazioni utilizzate e al tempo di utilizzo delle stesse.

Tieni però presente che Mobile Fence necessita di una procedura di configurazione adeguata e che alcune funzionalità sono presenti soltanto sui dispositivi che presentano i permessi di root attivi. Bisogna inoltre prendere in considerazione il fatto che l’app è scaricabile gratuitamente ma accessibile soltanto come versione di prova.

Per un utilizzo illimitato è necessario sottoscrivere un abbonamento annuale. I prezzi variano a seconda del numero di dispositivi che si desidera monitorare. Si parte da un minimo di 28,80$ all’anno per il monitoraggio di 3 dispositivi (Piano Famiglia 3) fino all’abbonamento da 96$ all’anno che permette di monitorare fino a 5 dispositivi (Piano Famiglia 10).

L’applicazione Mobile Fence va obbligatoriamente configurata nel dispositivo da controllare. Eventualmente può essere installata anche sul dispositivo dell’utente controllore per usufruire della modalità genitore. Dal momento in cui l’app è disponibile soltanto su Android, lo strumento di controllo di Mobile Fence è accessibile anche tramite una comoda interfaccia Web. Nelle righe che seguono ti spiego come procedere per configurare l’app sul dispositivo da controllare.

Installa l’app e avviala. Crea un account genitore in maniera del tutto gratuita, registrandoti all’interno dell’app stessa che hai installato sul dispositivo da controllare. Effettua quindi l’accesso con i dati che hai creato e premi sul pulsante Aggiungi un figlio per collegare il dispositivo in questione all’app Mobile Fence. Indica quindi i dati anagrafici del bambino o della bambina e premi su Aggiungi per aggiungerlo alla lista dei dispositivi che saranno monitorati.

Adesso seleziona l’utente con il nome del figlio creato e premi sul pulsante Attiva: in questo modo farai sì che l’app abbia i diritti da amministratore per poter effettuare il monitoraggio. Inoltre, al fine di indicare all’applicazione che il dispositivo in uso è quello da monitorare, premi sul pulsante OK.

Per monitorare il dispositivo a distanza ti consiglio vivamente di utilizzare la comoda interfaccia utente del sito Web, la quale è ottimizzata anche alla visualizzazione su dispositivi mobili. Potrai così avere sempre sotto controllo tutte le attività eseguite dalla persona sui cui l’app Mobile Fence è stata configurata.

Recati quindi al sito Internet ufficiale di Mobile Fence ed effettua il login tramite i dati registrati in precedenza. Alle voci Sommario e Cronologia avrai la possibilità di analizzare diverse voci per monitorare diversi tipi di attività effettuate.

Lookout (iOS/Android)

Su dispositivi iOS, l’applicazione che ti consiglio di scaricare per monitorare un cellulare a distanza è Lookout. Si tratta di un’applicazione utile per le sue funzionalità da antifurto e permette quindi di rintracciare la posizione del dispositivo da remoto.

L’applicazione è gratuita ed è disponibile sia su iOS che su Android e tra le altre caratteristiche aggiuntive vi è la sua funzionalità da antivirus. L’app è infatti in grado di scansionare le app ed avvisare dell’eventuale presenza di virus e/o malware.

Per poter utilizzare tutti gli strumenti dell’app, scaricala e installala sul tuo dispositivo. Segui poi il tour guidato ed effettuare la registrazione al servizio tramite la schermata Sign Out.

Le funzionalità di Lookout sono presenti nella schermata principale: attivando la localizzazione su dispositivi Android e iOS potrai tenere traccia della posizione del cellulare da remoto e attivare un allarme sonoro. Tali opzioni sono disponibili nella schermata Missing Device, in corrispondenza delle voci Locate, Scream e Message Lost Device. Alla voce Security, l’applicazione mostrerà lo stato del monitoraggio virus e monitoraggio app (System Advisor e App Monitor) mentre alla voce Backup l’app ti permetterà di creare una copia di backup dei tuoi contatti, da utilizzare in caso di telefono smarrito.

Il monitoraggio remoto del dispositivo può essere effettuato tramite il sito Internet di Lookout, una volta effettuato il login al servizio con i propri dati.

Alcune funzionalità avanzate di quest’applicazione sono però a pagamento. Per un utilizzo della stessa come applicazione antifurto e antivirus dovrai sottoscrivere la versione premium. Il costo è di 2,99 euro al mese, 29,99 euro all’anno su iOS mentre su Android il costo è di 2,49 euro al mese o 24,99 euro all’anno.

Altri strumenti per controllare un cellulare a distanza

  • Find My Device (Android) – L’applicazione predefinita dei dispositivi Android per il monitoraggio del proprio cellulare in caso di furto. Sviluppata da Google, l’app è scaricabile gratuitamente. Va configurata sul dispositivo da localizzare e il monitoraggio può essere effettuato anche tramite apposito sito Internet. Per saperne di più leggi la mia guida dedicata all’argomento.
  • Trova il mio iPhone (iOS) – È l’applicazione predefinita per dispositivi iOS per il monitoraggio remoto del proprio dispositivo Apple. L’app va configurata sul dispositivo da monitorare mentre il monitoraggio andrà effettuato tramite il sito Internet di iCloud. Per saperne di più leggi questa mia guida; troverai spiegazioni dettagliate sul suo funzionamento.
  • Trova il mio telefono (Windows Phone) – Se intenti controllare a distanza il tuo cellulare Windows Phone per tutelarti in caso di furto, ti consiglio di utilizzare Trova il mio telefono, strumento predefinito degli smartphone dotati del sistema operativo Windows. Te ne ho parlato nella mia guida dedicata all’argomento.