Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come creare HDR

di

L’HDR (High Dynamic Range) è una tecnica che permette di aumentare il livello dei dettagli visualizzati in una foto unendo versioni di una stessa immagine aventi vari tipi di luminosità ed esposizione. L’effetto che si riesce a ottenere con questa tecnica è davvero strabiliante: perché non provi ad applicarlo alle tue foto? Come dici? Non hai idea di come creare foto HDR? Se ti prendi qualche minuto di tempo libero, posso spiegartelo io.

Posso mostrarti come realizzare foto HDR in tempo reale utilizzando le funzioni presenti nell’app Fotocamera del tuo smartphone, come applicare l’effetto HDR in “post-produzione” usando alcune applicazioni per dispositivi mobili e, infine, come ottenere l’effetto HDR con alcuni programmi di photo editing utilizzabili sul PC. Te l’assicuro: anche se non sei esattamente un “mago” del fotoritocco, riuscirai sicuramente nel tuo intento.

Allora, sei pronto per iniziare? Sì? Ottimo! Mettiti bello comodo, prenditi tutto il tempo che ti serve per concentrarti sulla lettura dei prossimi paragrafi e, cosa ancora più importante, attua scrupolosamente le “dritte” che ti darò. Non mi resta altro che augurarti buona lettura e, soprattutto, buon divertimento!

Indice

Come creare HDR su smartphone e tablet

Vuoi applicare l’effetto HDR con lo smartphone o il tablet? In tal caso puoi optare fra due “strade” diverse: accedere alle impostazioni della fotocamera del tuo dispositivo per abilitare la modalità HDR oppure modificare le foto in fase di post-produzione tramite delle app ad hoc.

App Fotocamera (Android/iOS)

Per scattare foto HDR su Android, avvia l’app Fotocamera del tuo smartphone e, nella sua schermata principale, pigia sul pulsante a forma di ingranaggio.

Nel menu che si apre, individua la presenza della dicitura HDR (o High Dynamic Range) e sposta su ON la levetta dell’interruttore situata accanto a essa, oppure pigia sulla voce  (la procedura potrebbe leggermente variare in base alla marca del dispositivo in proprio possesso e alla versione di Android in uso).

Se utilizzi iPhone, invece, avvia l’app Fotocamera, fai tap sulla voce HDR situata in alto e, nel menu che si apre, fai tap sulla voce . Adesso sei finalmente pronto per scattare foto in HDR. Hai visto com’è stato semplice attivare questa modalità?!

Come ti dicevo qualche attimo fa, puoi applicare l’effetto HDR ricorrendo anche a delle soluzioni di terze parti. Di seguito ti descrivo un paio di app che puoi utilizzare a tale scopo: fanne buon uso!

Snapseed (Android/iOS)

Snapseed è una delle migliori app gratuite alle quali puoi rivolgerti per ritoccare foto sul tuo smartphone o sul tuo tablet. Si tratta di una soluzione completamente gratuita sviluppata da Google, compatibile con Android e iOS, che mette a disposizione degli utenti numerosi tool per ritoccare foto in modo facile e veloce.

Dopo aver scaricato e avviato SnapSeed sul tuo device, tocca un punto qualsiasi dello schermo e, nel menu che compare, seleziona l’immagine alla quale vuoi applicare l’effetto HDR. Dopodiché pigia sulla voce Strumenti e, nella schermata successiva, pigia sulla voce HDR.

Se lo desideri, modifica l’intensità del filtro HDR scorrendo il dito verso destra (per  aumentarlo) o verso sinistra (per diminuirlo) ed, eventualmente, pigia su uno dei pulsanti situati nella parte inferiore della schermata per utilizzare un filtro diverso da quello impostato di default: Natura, per ottimizzare l’applicazione dell’effetto HDR a un paesaggio; Persone, per ottimizzare l’effetto tenendo conto della presenza di persone nello scatto; Lieve, per attenuare l’effetto o Forte, per aumentarne l’intensità.

Non appena sarai soddisfatto del risultato ottenuto, pigia sul simbolo (✓) situato in basso a destra e fai tap sulla voce Esporta collocata anch’essa in basso a destra, poi scegli una delle opzioni di esportazione fra quelle proposte: Condividi, per condividere la foto modificata; Salva, per salvarla in locale; Esporta, per crearne una copia con modifiche permanenti e così via.

Adobe Photoshop Lightroom (Android/iOS)

Un’altra applicazione che consente di creare foto con effetto HDR è Adobe Photoshop Lightroom, anch’essa disponibile sia su Android che su iOS. Permette di elaborare e condividere immagini, scattare foto nel formato DNG, importare e modificare file nel formato RAW (funzione disponibile per gli abbonati al piano Fotografia di Adobe Creative Cloud) e scattare foto con la modalità HDR. Questa soluzione, quindi, non ti sarà molto utile per applicare l’effetto HDR (quantomeno in modo automatico) in fase di post-produzione.

Prima di illustrarti il suo funzionamento, ci tengo a dirti anche che la possibilità di scattare foto in HDR è accessibile soltanto se si è in possesso di un dispositivo di ultima generazione (es. Galaxy S8/S8+ e successivi, Google Pixel/Pixel XL e successivi, iPhone 6s/6s Plus e successivi, etc.).

Dopo aver scaricato e avviato Adobe Photoshop Lightroom sul tuo device, scorri le schede informative che compaiono al suo avvio e pigia sul bottone Inizia per effettuare il login e accedere ai suoi strumenti. Effettua, quindi, l’accesso al tuo account pigiando sul bottone Accesso oppure, se preferisci, effettua il login con il tuo account Facebook o Google pigiando sui pulsanti corrispondenti.

A login effettuato, fai tap sul simbolo della fotocamera per scattare una foto, pigia sul simbolo (⌵) situato in basso a sinistra e poi seleziona la voce High Dynamic Range dal menu che si apre. Dopodiché realizza il tuo scatto pigiando sul simbolo dell’anello situato al centro dello schermo e attendi che questo venga elaborato con l’applicazione dell’effetto HDR.

Se desideri modificare ulteriormente la foto, aprila e ritoccala utilizzando gli strumenti collocati in basso, in modo da ritagliarla e correggerne tutti i parametri. A lavoro ultimato, fai tap sul simbolo della condivisione situato in alto e salva il lavoro fatto selezionando una delle opzioni di salvataggio fra quelle proposte.

Come creare HDR su PC

Vuoi creare HDR direttamente sul PC? Beh, allora troverai molto utili i programmi elencati di seguito, alcuni dei quali sono completamente gratuiti. Provali seguendo le istruzioni che ti darò e vedrai che non te ne pentirai!

Picturenaut (Windows)

Una delle prime soluzioni che ti consiglio di provare per applicare l’effetto HDR alle tue foto e Picturenaut, un programma gratuito per PC Windows che punta tutto sulla semplicità d’uso e sulla leggerezza. Supporta tutti i principali formati di file grafici (compresi i file RAW) e permette di creare foto HDR dall’aspetto professionale partendo da più scatti che hanno diversi gradi di esposizione e luminosità.

Per scaricare Picturenaut sul tuo PC, collegati al sito Internet che ospita il programma, e clicca su uno dei link per il download (es. English 64-bit, per scaricare la versione in inglese da 64 bit o English 32-bit, per scaricare la versione in inglese a 32 bit) che, come puoi notare, sono situati all’interno del box Download (sulla destra della pagina).

A download completato, apri il file .msi appena scaricato e segui la procedura guidata per portare a termine l’installazione del programma: clicca sul pulsante Next, metti la spunta sulla voce I accept the terms in the License Agreement, fai di nuovo clic sul pulsante Next per due volte di seguito e premi poi su Install, e Finish.

Una volta che avrai installato e avviato Picturenaut, ti troverai al cospetto della sua finestra principale: fai clic sull’icona raffigurante le tre foto con il simbolo (+) e seleziona le foto che hanno esposizione diverse per realizzare l’effetto HDR. Clicca, quindi, sul pulsante Add situato nella finestra Generate HDRI, seleziona le foto sulle quali vuoi lavorare e, dopo aver eventualmente modificato le impostazioni relative all’applicazione dell’effetto HDR tramite i pulsanti situati nella finestra in questione, fai clic sul pulsante OK.

Se desideri applicare ulteriori correzioni al tuo lavoro, clicca sull’icona raffigurante le tre barre di regolazione e modifica i parametri dell’immagine utilizzando gli strumenti messi a disposizione dal programma. Non appena sarai soddisfatto del risultato ottenuto, fai clic sulla voce Save As… dal menu File.

GIMP (Windows/macOS/Linux)

Se hai abbastanza dimestichezza con il photo editing e vuoi passare a una soluzione più completa, ti consiglio di rivolgerti a GIMP, famosissimo programma di fotoritocco open source, oltre che completamente gratuito, grazie al quale è possibile aggiungere l’effetto HDR alle foto agendo manualmente sui loro parametri.

Per scaricare GIMP sul tuo computer, collegati al suo sito Internet, fai clic sul pulsante rosso Download x.x.xx e poi sul pulsante  arancione Download GIMP x.x.xx directly, che è collocato sulla destra della pagina, sotto la voce GIMP for [sistema operativo del tuo PC].

Al termine del download, apri il file appena scaricato dal sito Internet di GIMP e segui la procedura guidata che ti viene mostrata a schermo per portare a termine la sua installazione: se utilizzi un PC Windows, clicca sul pulsante  e poi su OKInstalla e Fine.

Se utilizzi un Mac, invece, trascina l’icona di GIMP nella cartella Applicazioni di macOS, fai clic destro del mouse sull’icona del programma e, dal menu che compare, seleziona la voce Apri. Questa procedura serve a “bypassare” le restrizioni applicate da macOS nei confronti dei programmi provenienti da sviluppatori non certificati e va effettuata soltanto al primo avvio di GIMP.

Dopo aver finalmente installato e avviato GIMP sul tuo computer, dovrai procedere all’installazione di Exposur Blend, un plugin aggiuntivo che puoi recuperare direttamente sul sito Internet di GIMP (per essere più preciso, dal registro dei plugin di GIMP). Collegati, quindi, a questa pagina Web e poi fai clic sul link exposure-blend-tinyscheme.scm per scaricare il plugin.

A download completato, trascina il file .scm che hai appena scaricato nella cartella scripts di GIMP. Nel mio caso, il percorso di questa cartella è C: > Programmi > GIMP > share > gimp > x.x > scripts. Se avevi già avviato GIMP, ricordati poi di recarti in Filtri > Script > Aggiorna gli script prima di utilizzare il nuovo plugin appena installato.

Adesso puoi finalmente procedere all’applicazione della tecnica HDR tramite il plugin Exposure Blend: fai quindi clic sul menu Filtri e clicca prima sulla voce Photography e poi su Exposure Blend…. Nella finestra di dialogo che si apre, seleziona le tre immagini da utilizzare per l’applicazione dell’effetto HDR, clicca sul pulsante della cartella situato in corrispondenza della voce Normal Exposure, in modo da selezionare l’immagine con l’esposizione normale, e poi ripeti questo passaggio anche per le immagini con l’esposizione scura (Short Exposure Dark) e con l’esposizione luminosa (Short Exposure Bright).

Dopo aver selezionato le tre foto da “fondere” in un’unica immagine (e aver eventualmente personalizzato i parametri relativi al plugin Exposure Blend), fai clic sul pulsante OK e il gioco è fatto.

Nel caso tu non sia soddisfatto del risultato, puoi modificare manualmente il contrasto, la luminosità, il bilanciamento colore e tutti gli altri parametri dell’immagine utilizzando gli strumenti presenti nel menu Colori.

Non appena sarai soddisfatto del risultato ottenuto, salva il tuo lavoro facendo clic sulla voce Esporta come… dal menu File. Per maggiori maggiori informazioni su come modificare le foto con GIMP, leggi pure il tutorial che ho dedicato all’argomento.

Photoshop (Windows/macOS)

I programmi gratuiti di cui ti ho parlato nei paragrafi precedenti non ti hanno soddisfatto? In tal caso potresti ricorrere al programma di photo editing più famoso in assoluto, ovvero Photoshop. Sono sicuro che avrai già sentito parlare di questo software professionale, dal momento che è ampiamente apprezzato dai professionisti che lavorano nel campo della fotografia e della pubblicità.

Trattandosi di una soluzione pensata in special modo per i professionisti, Photoshop è a pagamento: per utilizzarlo bisogna abbonarsi al servizio Adobe Creative Cloud, il cui piano base parte da 12,19 euro al mese. Se lo desideri, prima di procedere all’abbonamento, puoi provare gratuitamente la trial di Photoshop per 7 giorni. Una volta terminato il periodo di prova, potrai decidere se abbonarti o meno per continuare ad utilizzare il programma.

Se deciderai di utilizzare Photoshop, dai un’occhiata alle guide in cui spiego in modo approfondito come usare Photoshop e come fare HDR con Photoshop: lì troverai alcuni suggerimenti che ti saranno utili per utilizzare gli strumenti messi a disposizione dal programma sviluppato da Adobe.