Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come modificare le foto con GIMP

di

Quante volte te lo devo dire? Se hai voglia di sperimentare con il tuo PC e avventurarti in campi a te completamente nuovi, provaci. Non stare ad ascoltare i tuoi amici criticoni. Se ci metti passione e usi le soluzioni giuste, puoi fare praticamente di tutto con il computer, persino modificare le foto gratis. Ti stai chiedendo in che modo? Utilizzando dei programmi gratuiti come GIMP, famosissimo software open source disponibile sia per Windows che per macOS e Linux.

Se mi dedichi qualche minuto del tuo tempo libero, ti spiegherò come modificare le foto con GIMP e come mettere a tacere tutti i tuoi amici “sapientoni”. Ti sorprenderai nello scoprire quanto sia semplice utilizzare questo programma considerato da molti la migliore alternativa gratuita a Photoshop (che in ambito professionale rimane comunque il “re” indiscusso dei software di fotoritocco). Nella prima parte del tutorial ti mostrerò come scaricare GIMP sul tuo computer, mentre nella seconda ti darò qualche “dritta” che ti sarà utile per prendere confidenza con i suoi principali strumenti.

Allora, sei pronto per iniziare? Fantastico! Mettiti comodo, concentrati sulla lettura dei prossimi paragrafi e vedrai che riuscirai a modificare foto con GIMP senza alcuna difficoltà. Buona lettura e, soprattutto, buon divertimento!

Indice

Scaricare GIMP

Prima di entrare nel vivo del tutorial illustrandoti il funzionamento di GIMP, devo innanzitutto guidarti nella procedura per scaricare il programma sul tuo computer. Segui i passaggi indicati di seguito e vedrai che riuscirai a effettuare il download del programma in men che non si dica.

Per prima cosa, collegati al sito Internet di GIMP, fai clic sul pulsante rosso Download x.x.xx (al posto delle “x” troverai dei numeri che corrispondono all’ultima versione del programma) e poi sul bottone arancione Download GIMP x.x.xx directly, che è collocato sulla destra della pagina, sotto la voce GIMP for [nome del sistema operativo in uso].

Al termine del download, apri il file appena scaricato dal sito Internet di GIMP e segui la semplice procedura guidata che visualizzi a schermo per procedere all’installazione vera e propria del programma. Se utilizzi un PC Windows, clicca quindi sul bottone  e poi su OKInstalla e Fine.

Screenshot di GIMP

Se utilizzi un Mac, invece, trascina l’icona di GIMP nella cartella Applicazioni di macOS, fai clic destro del mouse sull’icona del programma e seleziona la voce Apri dal menu che compare così da “bypassare” le restrizioni applicate da macOS nei confronti dei software provenienti da sviluppatori non certificati. Naturalmente, sarai chiamato a compiere questa operazione soltanto al primo avvio di GIMP.

Modificare le foto con GIMP

Come modificare le foto con GIMP

Dopo aver effettuato l’installazione di GIMP sul tuo computer, dovrai attendere che venga completata la procedura di configurazione iniziale, necessaria per ottimizzare le sue componenti; ma non spaventarti, gli avvii seguenti saranno decisamente più rapidi!

Non appena GIMP sarà finalmente avviato, potrai notare che la sua interfaccia è strutturata in tre “sezioni” principali.

  • Il pannello degli strumenti situato sulla sinistra, nel quale sono inclusi i principali strumenti di GIMP, come la matita per disegnare; gli strumenti di selezione, per selezionare le aree dell’immagine da modificare; gli strumenti di distorsione per ridimensionare, mettere in prospettiva e inclinare le foto; lo strumento di riempimento di colore e così via.
  • Il riquadro situato al centro, nel quale verrà visualizzata la foto da modificare.
  • La finestra Pennelli – Livelli collocata sulla destra dello schermo, nella quale è presente il gestore dei livelli (i vari “strati” da cui è composta un’immagine), la cronologia delle operazioni compiute (per annullare e/o ripristinare le modifiche fatte alle foto) e altro ancora.

Per aprire una foto che desideri modificare con GIMP, non devi far altro che selezionare la voce Apri dal menu File (in alto a sinistra) e poi selezionare l’immagine che desideri modificare. A questo punto, in base alle modifiche che devi apportare alla foto, serviti degli strumenti inclusi in GIMP per ritoccarla.

Mettiamo il caso che desideri migliorare i colori, la luminosità e altri parametri della foto caricata. In questo caso specifico, recati nel menu Colori e seleziona uno degli strumenti disponibili (es. Bilanciamento colore, per regolare i colori; Tonalità-saturazone, per modificarne la tonalità o la saturazione; Luminosità-contrasto, per regolare luminosità e il contrasto, etc.).

Una volta selezionato uno di questi strumenti, si apriranno delle finestre con le opzioni e le barre di regolazione dei vari filtri (che dovrai spostare a tuo piacimento). Per ottenere dei risultati ottimali, aiutati con le anteprime in tempo reale messe a disposizione da GIMP. Se durante il tuo lavoro commetti degli errori, annulla le modifiche fatte alla foto premendo la combinazione di tasti Ctrl+Z (su Windows) o cmd+z (su macOS).

Vuoi dare un tocco artistico alle tue foto? Sbizzarrisciti con gli strumenti presenti nel menu Filtri > Artistici (o in Distorsione) della finestra principale di GIMP. Grazie a essi, puoi trasformare la tua foto in un fumetto, in un quadro cubista (cubismo), in una pittura ad olio o in una fotocopia. Sfruttando gli strumenti presenti nel menu Filtri > Decorativi, invece, puoi aggiungere delle originalissime macchie di caffè, dei simpaticissimi bordi e un affascinante effetto vecchia foto alle tue immagini in non più di un paio di clic.

Puoi anche arricchire le tue foto con ombreggiature e stupendi effetti di luce recandoti nel menu Filtri > Luce e ombra. Seleziona, quindi, la voce proietta ombra per aggiungere un’ombra al livello della foto selezionato, Supernova per aggiungere una luce colorata all’immagine o Chiarore a gradiente per aggiungere un chiarore personalizzato alla foto.

GIMP permette anche di ridimensionare le proprie foto utilizzando una funzione ad hoc. Per sfruttarla, seleziona la voce Scala immagine dal menu Immagine, imposta le nuove dimensioni da far assumere all’immagine nella finestra che si apre e clicca sul pulsante Scala. Per maggiori informazioni su come ridimensionare foto con GIMP, leggi pure l’approfondimento che ti ho appena linkato.

Vuoi ritagliare una porzione di foto? Nulla di più semplice: seleziona la porzione da mantenere utilizzando gli strumenti di selezione collocati nel pannello situato sulla sinistra e fai clic sulla voce Ritaglia alla selezione dal menu Immagine. Più facile di così?!

GIMP può tornare utile anche per scrivere sulle foto: puoi farlo servendoti dello strumento testo (puoi richiamarlo cliccando sulla lettera A collocata nella toolbar di sinistra) e disegnando sulla foto la casella di testo in cui digitare il testo. Puoi anche personalizzare il carattere e il colore del testo utilizzando le opzioni che compaiono nella parte bassa della finestra di sinistra di GIMP (il pulsante Caratteri e il menu a tendina Dimensioni).

Puoi spostare il testo digitato, così come qualsiasi livello della foto, cliccando prima sul pulsante Strumento sposta (la croce blu presente nella toolbar di sinistra) e poi sull’elemento da spostare. Se vuoi avere maggiori informazioni circa l’utilizzo dello strumento testo di GIMP, leggi i tutorial in cui mostro come scrivere sulle foto e come firmare le immagini con GIMP.

Vuoi utilizzare GIMP per creare delle divertenti caricature? In tal caso puoi utilizzare gli strumenti di distorsione facendo clic sul menu Filtri, selezionando poi lo strumento di Distorsione e poi facendo clic sulla voce IWarping.

Nella finestra che si apre, seleziona una delle tipologie di distorsione fra quelle proposte nella sezione Modalità di deformazione (es. Sposta, Allarga, Torci in antiorario, Torci in senso orario, etc.), sposta i cursori situati sulle barre di regolazione per regolare il grado di applicazione dell’effetto sulla foto, clicca nei punti dell’anteprima della foto che vuoi modificare e, quando sei soddisfatto del risultato ottenuto, fai clic sulla voce OK per salare il lavoro.

Se qualche passaggio non ti è chiaro, leggi pure gli articoli in cui spiego più dettagliatamente come distorcere foto con GIMP o come modificare l’espressione del volto con GIMP: lì troverai altre “dritte” utili per sfruttare al meglio queste funzioni specifiche.

Un altro strumento molto utile messo a disposizione da GIMP è il Cerotto, che permette di rimuovere dalle foto imperfezioni cutanee, (es. un neo, una macchia, una ruga, etc.) e scritte. Per utilizzarlo, clicca sul simbolo dei due cerotti gialli che formano una “x” collocato nel pannello degli strumenti di GIMP (sulla sinistra), tieni premuto il tasto Ctrl (su Windows) o cmd (su macOS) e clicca nel punto della foto circostante all’imperfezione o la scritta per scegliere un campione di immagine da utilizzare per coprirla.

Dopodiché, lascia il tasto Ctrl (su Windows) o cmd (su macOS) e clicca ripetutamente nel punto della foto in cui è presente l’elemento da rimuovere finché non raggiungi il risultato desiderato. Se non ti è chiaro qualche passaggio, puoi trovare informazioni utili su come rimuovere un elemento da una foto con GIMP nell’approfondimento che ti ho appena linkato.

Non appena avrai finito di modificare la tua foto, salva il tuo lavoro selezionando la voce Salva dal menu File. Nella finestra che si apre, digita il nome che vuoi assegnare alla foto nel campo Nome, seleziona la cartella in cui salvarla tramite il menu Salva nella cartella, imposta il formato di destinazione (es. JPG) cliccando sulla voce Seleziona tipo di file e fai clic sul pulsante Salva.

Se vuoi approfondire la conoscenza di altre funzionalità specifiche di GIMP, leggi pure gli articoli in cui mostro come sfumare foto con GIMPcome clonare con GIMPcome sovrapporre foto con GIMPcome opacizzare con GIMPcome animare le immagini con GIMPcome creare puzzle di foto con GIMP, come zoomare foto con GIMP e come vettorializzare foto con GIMP. Sono certo che anche queste letture ti saranno di grande aiuto.

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a errori@aranzulla.it