Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come formattare il PC senza CD

di

Hai la necessità di “rimettere a nuovo” il tuo PC e reinstallare il sistema operativo ma non sai come fare perché il lettore DVD del computer si è rotto? Non temere, formattare il PC senza CD è possibile e io posso spiegarti come procedere. Ricorrendo all’uso degli strumenti che sto per segnalarti e seguendo passo-passo le mie indicazioni riuscirai a superare questo ostacolo in maniera più che brillante, hai la mia parola.

Come dici? Non sei molto esperto in informatica e temi che il procedimento da mettere in atto per formattare il PC senza CD sia troppo complicato per te? Ma no, non hai assolutamente motivo di allarmarti, davvero! Per riuscire “nell’impresa” ti basta avere un minimo di pazienza e di attenzione. Tutto quello che devi fare è riversare il disco d’installazione del sistema operativo su una chiavetta USB e utilizzare quest’ultima per formattare il computer al posto del classico CD/DVD.

In alternativa, puoi ricorrere all’uso degli appositi strumenti di ripristino annessi al sistema. Ad ogni modo non preoccuparti, provvederò a indicarti tutto nel dettaglio, sia per quanto concerne Windows che per quanto riguarda Linux. Buona lettura e in bocca al lupo per tutto!

Indice

Come formattare PC Windows 10 senza CD

Ripristino Windows 10

Se il tuo PC con Windows 10 si accende e funziona, anche se con magari qualche piccolo problema, non ti serve nulla a parte il sistema operativo stesso. Windows 10, infatti, permette di avviare la procedura di formattazione direttamente durante il normale utilizzo del PC. La procedura che sto per descriverti, inoltre, funziona in modo pressoché identico anche su Windows 11.

Prima di iniziare a descriverti come procedere con la formattazione vorrei però consigliarti di effettuare un backup. Anche se alcune modalità di formattazione di Windows 10/11 non prevedono la perdita dei dati presenti, è comunque una buona idea creare dei backup: se non sai come riuscirci, consulta il tutorial che ti ho appena linkato.

Quando sei pronto a ripristinare Windows senza CD, premi sul pulsante Start (la bandierina collocata in basso) e poi sull’icona delle impostazioni (l’icona dell’ingranaggio). Spostati quindi nella scheda Aggiornamento e sicurezza e premi su Ripristino. A questo punto vedrai davanti a te una serie di opzioni: quella che ti interessa è Reimposta il PC. Premi, quindi, sul pulsante Inizia sotto di essa.

La schermata successiva ti chiede se vuoi mantenere i tuoi file o se desideri cancellare ogni cosa presente sul computer. Mantenere i tuoi file può essere utile se il tuo computer non ha grossi problemi o se devi assolutamente preservare dei documenti o foto. Tieni presente però che se scegli questa opzione i programmi installati rimarranno presenti sull’hard disk ma potrebbero non funzionare una volta terminata la reinstallazione di Windows e dovrai molto probabilmente procedere comunque a reinstallarli o cancellare manualmente le loro cartelle. Rifletti quindi attentamente prima di decidere quale delle due opzioni ti serve davvero di più!

Se decidi di cancellare tutti i file presenti sul tuo hard disk l’ultima scelta che dovrai operare riguarda il tipo di formattazione, ma se non hai esigenze particolari lascia l’impostazione di default (la formattazione veloce) e vai semplicemente avanti. Da questo momento la procedura è automatica e la sua durata può variare da una decina di minuti a molto di più, a seconda delle prestazioni del PC.

Se ti stai chiedendo che differenza c’è tra la formattazione veloce e quella profonda è presto detto: una formattazione veloce non cancella in modo approfondito i file, è il motivo per cui i vari programmi di recupero di dati cancellati funzionano bene in questi casi. Inoltre non controlla il disco per la presenza di errori o problemi.

La formattazione profonda, invece, sovrascrive la memoria del disco e si assicura che davvero non rimanga nulla, inoltre ogni settore del disco viene controllato alla ricerca di errori o problemi. In linea generale se il PC non sembrava avere problemi specifici alla memoria e rimane in tuo possesso ti conviene fare la formattazione veloce, mentre se sospetti problemi all’hard disk o devi venderlo a sconosciuti è meglio procedere con la formattazione più completa.

Ciò detto, se vuoi approfondire la procedura relativa alla formattazione di Windows 10, ti invito a leggere la mia guida che ti spiega come ripristinare Windows 10.

Ripristino Windows 11

Su Windows 11, come ti dicevo, la procedura è molto simile: i passaggi da compiere sono premere sul pulsante Start in basso, poi su Impostazioni. Da qui bisogna spostarsi a sinistra nella scheda Sistema e quindi su Ripristino.

Infine, basta premere sul pulsante Ripristina il PC e si avrà davanti le stesse opzioni che ci sono su Windows 10.

Come formattare il PC dal BIOS senza CD

A volte il computer non si accende, o hai esigenze particolari, o magari stai cambiando proprio il sistema operativo presente sulla tua macchina. Quale che sia la tua situazione, potresti trovarti nella necessità di dover formattare il tuo PC e non avere a disposizione né un CD né le impostazioni di sistema. Come fare? Fortunatamente ci sono soluzioni piuttosto semplici a tua disposizione, e procederò ora a illustrartele, e al termine della lettura saprai come formattare un PC fisso senza CD, e naturalmente anche un portatile (i passaggi da compiere sono i medesimi)!

Creare una chiavetta USB del sistema operativo

Media Creation Tool

La prima opzione a tua disposizione è creare una chiavetta USB eseguibile che contenga il sistema operativo. Puoi utilizzare sia Media Creation Tool di Microsoft sia usare programmi indipendenti che permettono copiare un’immagine disco (ISO) su una normale chiavetta.

Media Creation Tool è la soluzione che ti consiglio per creare una chiavetta avviabile di Windows, anche perché come dicevo è il programma Microsoft creato appositamente a questo scopo. Ciò che ti permette di fare è di creare in modo automatico e molto semplice una chiavetta avviabile che potrai utilizzare per reinstallare Windows 10/11 sul tuo o su altri PC.

Tieni presente che per sfruttare questa soluzione ti serve una chiavetta USB dotata di almeno 8GB di capienza. Al giorno d’oggi si tratta di un formato molto economico e naturalmente niente ti impedisce di usare chiavette più capienti se ne hai a disposizione. Se devi comprarne una ho scritto una guida all’acquisto che ti sarà certamente d’aiuto.

Se intendi utilizzare una immagine ISO per Windows o per delle distribuzioni di Linux ti sarà utile il programma RUFUS, si tratta di un’applicazione gratuita che ti permette di creare chiavi USB avviabili, ovvero che se rilevate dal PC all’accensione verranno utilizzate al posto del sistema operativo presente sull’hard disk. Puoi scaricarlo dal sito ufficiale cliccando sull’opzione Rufux 3.xx Portatile nella sezione Download. Una volta scaricato e avviato potrai utilizzarlo facilmente per creare una chiavetta avviabile contenente una versione di Windows o di Linux. Puoi trovare dei dettagli in più in questa guida dove spiego come creare chiavetta USB avviabile.

Come formattare il PC senza CD: Windows

Bios

Le istruzioni per formattare un PC Windows senza CD sono rimaste in realtà invariate da molti anni, quindi imparare cosa fare in questi casi ti permetterà di comprendere anche, ad esempio, come formattare il PC senza CD con Windows 7. Se hai dei portatili di vari produttori a sua volta non ha importanza. In altre parole sapere come formattare PC Asus senza CD ti permetterà di fare la stessa operazione anche su un Lenovo o un Dell senza particolari problemi.

Per poter procedere devi semplicemente spegnere il tuo PC, inserire la chiavetta avviabile che hai creato, e quindi riaccendere il computer. A questo punto partirà automaticamente la procedura di installazione di Windows. Per conoscerne i vari passaggi con maggior precisione ti invito a leggere la mia guida che ti spiega come installare Windows 10 da USB.

Se riavviando il PC con una chiavetta inserita parte il sistema operativo normalmente, questo significa che il BIOS non è configurato per cercare di avviare il computer da chiavetta per prima cosa quando questa è inserita. Fortunatamente è una situazione che ha una soluzione piuttosto semplice, e te la descrivo in questo tutorial.

Una volta che la chiavetta avviabile viene correttamente rilevata e letta all’avvio del PC partirà automaticamente la procedura di installazione di Windows 10. Microsoft ha reso l’installazione del suo sistema operativo il più semplice possibile, ogni schermata ti darà delle istruzioni molto chiare su ciò che sta succedendo. La scelta più importante che dovrai prendere in questa fase è, se hai più di un hard disk sul tuo PC, su quale installare Windows. Il mio consiglio è di utilizzare il disco rigido più veloce a tua disposizione, questo è particolarmente vero per alcuni portatili e PC fissi preassemblati che sono dotati magari di un SSD di piccole dimensioni (128 o 256GB) e un hard disk meccanico per i dati. In linea di massima conviene sempre scegliere l’SSD come sede di installazione del sistema operativo.

Se non sei molto pratico o pensi che istruzioni precise ti possano aiutare, ho scritto svariati tutorial che spiegano come scaricare Windows 11, come installare Windows 10, come installare Windows 8 o come installare Windows 7.

Come formattare il PC senza CD: Linux

Installare Linux

Se devi installare Linux la procedura è in realtà molto simile a quanto già descritto per Windows. Devi avere la tua distribuzione di Linux pronta su chiavetta, spegnere il PC, inserirla e riavviare il computer.

Le distribuzioni di Linux sono moltissime e molto diverse tra loro, ma ti descrivo comunque vari metodi e procedure nella mia guida come installare Linux da USB.

Se riavviando il PC con la chiavetta USB inserita parte normalmente Windows (o comunque il sistema operativo già presente sull’hard disk) ricorda di verificare le impostazioni del BIOS, come descritto nel capitolo precedente.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.