Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come formattare un PC portatile

di

Sono giorni che vaghi per il Web alla ricerca di una soluzione alla lentezza e ai malfunzionamenti che affliggono il tuo PC portatile, ma fino a questo momento non sei riuscito a trovare dei risultati validi. Prima di gettare completamente la spugna e prima di dare definitivamente per perso il tuo computer, puoi però provare con una “sana” formattazione.

Formattare un PC portatile può infatti essere un ottimo sistema per riportare alle vecchie glorie il proprio fido computer e per aggirare la maggior parte delle grane a cui si va inevitabilmente incontro nel corso del tempo. Generalmente, a seguito della formattazione del computer, vengono cancellati tutti i dati presenti sul suo disco e bisogna installare da zero sistema operativo, programmi e driver per dispositivi come stampanti, scanner, webcam ecc. In questo modo, al netto dell’usura e della lentezza dovuta all’età dei componenti, se non ci sono danni hardware particolari, il computer dovrebbe tornare a funzionare come quando appena acquistato.

Vuoi provarci? Sì? Benissimo. Ti suggerisco allora di metterti comodo e di leggere con attenzione le indicazioni che sto per fornirti, in modo da metterle in pratica. Sono sicuro che, alla fine, potrai reputarti più che soddisfatto del risultato ottenuto. Scommettiamo?

Indice

Come formattare un PC portatile Windows

Se il notebook da formattare è animato dal sistema operativo Windows, questo è il capitolo del tutorial che fa al tuo caso: nelle sezioni a venire, mi appresto infatti a spiegarti come effettuare il ripristino del dispositivo in tutta sicurezza.

Operazioni preliminari

Come formattare un PC portatile

Prima ancora di formattare il PC portatile, il mio consiglio è quello di realizzare un backup preliminare dei dati: sebbene Windows 10 consenta anche di procedere con il solo ripristino del sistema operativo, lasciando inalterati i file personali, è sempre buona norma creare una copia di sicurezza degli stessi, da conservare e ripristinare in caso di problemi.

Per creare rapidamente un backup backup dei dati su disco esterno, puoi sfruttare le funzionalità “di serie” integrate nei sistemi operativi Microsoft: su Windows 10, l’utility di sistema è denominata Cronologia File e può essere richiamata dal menu Start > Impostazioni > Aggiornamento e sicurezza > Backup; su Windows 8.x e Windows 7 il programma risiede invece nel menu Start > Pannello di controllo > Sistema e sicurezza > Backup e ripristino.

Per indicazioni precise riguardo le funzionalità di backup incluse in Windows 10 e Windows 7, consulta pure i tutorial disponibili sul mio sito; se, invece, hai bisogno di copiare soltanto alcuni file o ritieni opportuno usare un apposito programma per backup, ti consiglio di prendere visione della mia guida generica su come effettuare un backup del computer, nella quale ti ho parlato di soluzioni simili.

Dopo aver creato un backup dei dati, assicurati di avere a disposizione i driver specifici per il notebook in tuo possesso; sebbene la maggior parte degli stessi, specie su Windows 10, venga installata in maniera automatica insieme al sistema operativo, può capitare che per alcune periferiche (per esempio le schede video dedicate, le schede audio, alcune schede di rete Wi-Fi e i componenti “esterni” connessi al computer) sia necessaria l’installazione di driver specifici, non disponibili insieme al sistema operativo.

Dunque, prima ancora di passare al “sodo”, collegati al sito Internet dell’azienda produttrice del notebook e scarica tutti i driver che potrebbero servirti. Se ne hai bisogno, qui sotto trovi i link ad alcune mie guide specifiche, nelle quali ti ho spiegato come scaricare i driver di hardware prodotti da alcuni dei brand più famosi del mondo.

Nota: se intendi formattare il computer avvalendoti del sistema di ripristino integrato “di serie” dal produttore, non dovrebbe essere necessario installare i driver di ciascun componente del notebook, in quanto essi vengono ripristinati insieme al sistema operativo.

Come formattare un PC portatile: Windows 10

Come formattare un PC portatile: Windows 10

Formattare un PC portatile dotato di Windows 10 è davvero semplicissimo! Se il computer è in grado di avviarsi correttamente, infatti, puoi avviare il ripristino di sistema direttamente dalle impostazioni di Windows, senza usare supporti esterni.

Per riuscirci, apri il menu Start di Windows 10, cliccando sul simbolo della bandierina residente nell’angolo inferiore sinistro dello schermo, pigia sulla voce Impostazioni e, in seguito, sull’icona Aggiornamento e sicurezza, visibile nella nuova finestra apertasi.

Adesso, clicca sulla voce Ripristino (si trova a sinistra) e premi sul pulsante Inizia, sottostante la dicitura Reimposta il PC: adesso, se vuoi reinstallare il sistema operativo cancellando soltanto i programmi (e, in alcuni casi, anche i driver), senza toccare i tuoi file personali, clicca sulla voce Mantieni i miei file; se, invece, desideri formattare completamente il computer e reinstallare Windows 10, cancellando l’intero contenuto del disco (file personali inclusi), clicca sul pulsante Rimuovi tutto.

Come formattare un PC portatile: Windows 10

Ora, attendi alcuni istanti affinché Windows svolga alcuni controlli preliminari e, quando richiesto, specifica se scaricare una copia del sistema operativo da cloud (verrà scaricata da Internet e poi installata la versione più aggiornata di Windows), oppure effettuare la reinstallazione locale (verrà ripristinata la stessa versione di Windows al momento presente sul computer).

Fatta la tua scelta, premi sul pulsante Avanti, attendi che vengano effettuati ulteriori verifiche e, quando sei pronto, clicca sul pulsante Reimposta per ripristinare Windows oppure formattare l’intero disco. Se hai optato in precedenza per l’installazione da cloud, l’intero processo potrebbe protrarsi per alcune ore, in base alla velocità della tua connessione a Internet.

A installazione ultimata, dovrai riconfigurare Windows daccapo, indicando la lingua, il layout di tastiera e il fuso orario specifici per la tua posizione, le opzioni d’accesso, le impostazioni di Cortana e i parametri sulla privacy. Qualora volessi rivendere il notebook, spegni invece il notebook e lascia che sia il nuovo proprietario a configurarlo. Per maggiori dettagli, puoi consultare la mia guida specifica su come formattare Windows 10.

Nota: qualora non riuscissi più ad accedere a Windows, puoi tentare di formattare il computer mediante la sua console di diagnostica, usando un supporto d’installazione oppure avvalendoti del sistema di ripristino integrato nel portatile, se disponibile. Più avanti ti spiegherò come fare.

Come formattare un PC portatile: Windows 7

Come formattare un PC portatile: Windows 7

Se è tuo interesse formattare un notebook con Windows 7, devi innanzitutto creare una chiavetta USB oppure un DVD dal quale installare il sistema operativo; inoltre, non è possibile mantenere file, programmi o driver precedentemente installati: tutti i dati presenti sul disco, a seguito della formattazione, verranno cancellati.

Chiarito questo aspetto, vediamo insieme come procedere: procurati il disco d’installazione di Windows insieme al relativo codice Product Key. Generalmente, quest’ultimo è impresso sull’etichetta appiccicata sulla parte inferiore del notebook, oppure sulla confezione di vendita; se non ce l’hai, puoi acquistarne uno da un sito come Mr Key Shop, che consente di acquistare chiavi di licenza legali a ottimi prezzi.

Qualora non avessi più il disco d’installazione del sistema operativo, puoi realizzarlo autonomamente: procurati un DVD vuoto oppure una chiavetta USB da almeno 4 GB e l’immagine ISO dell’edizione di Windows 7 per la quale possiedi regolare licenza.

Se hai acquistato quest’ultima in negozio o su uno store virtuale (e non ti è stata fornita con il computer), visita il sito Internet di Microsoft, digita il Product Key in tuo possesso nell’apposita casella e clicca sul pulsante Verifica, per avviare il download del sistema operativo.

Qualora non riuscissi a scaricare Windows in questo modo, puoi far fronte al problema usando Windows and Office ISO Download Tool, un programma gratuito (ma non ufficiale) che consente di scaricare una copia di Windows 7 direttamente dai server di Microsoft. Chiaramente, in fase d’installazione, il sistema operativo così ottenuto dovrà essere attivato con regolare Product Key.

Come formattare un PC portatile: Windows 7

Per scaricare l’utility in questione, visita questa pagina Web e clicca sul link Windows ISO Downloader .exe; a download ultimato, apri il file ottenuto e, alla comparsa della schermata principale del programma, apponi il segno di spunta accanto alla voce Windows 7 (2018) e serviti del menu a tendina Seleziona l’edizione, visibile a sinistra, per scegliere la versione di Windows 7 di tuo interesse.

Fatto ciò, seleziona la lingua del prodotto mediante l’apposito menu (se non è disponibile, usa pure l’inglese, poiché potrai cambiare la lingua del sistema operativo in un secondo momento, seguendo le istruzioni presenti in questo tutorial), clicca sul pulsante Download e attendi che il file ISO di Windows venga completamente scaricato.

Superato anche questo step, masterizza l’immagine ottenuta su un DVD vuoto, oppure copiala su una chiavetta USB avvalendoti di un programma specifico come Rufus: se non sai come fare, attieniti alle indicazioni che ti ho fornito in questa guida.

Finalmente sei pronto per iniziare: inserisci il DVD o la chiavetta USB appena creati nel notebook da formattare, riavvia quest’ultimo e, quando ti viene richiesto, premi un tasto qualsiasi per avviare da DVD/USB. Qualora il computer continui ad avviare dalla copia di Windows già presente, potresti dover accedere al BIOS/UEFI del notebook e cambiare la sequenza di avvio, impostando il DVD o la chiavetta USB come dispositivo di boot primario: per informazioni più precise sul da farsi, da’ pure un’occhiata al mio tutorial su come entrare nel BIOS del PC.

Ad ogni modo, quando visualizzi la schermata d’installazione di Windows 7, imposta tutti i menu a tendina su Italiano, premi i pulsanti Avanti e Installa e, se previsto, indica l’edizione di Windows 7 che vuoi installare, mediante l’apposito menu. Successivamente, clicca ancora su Avanti, accetta la licenza d’uso del sistema operativo selezionando l’apposita casella, premi il pulsante Avanti e clicca sulla voce Personalizzata.

Come formattare un PC portatile: Windows 7

Ora, indica la partizione o il disco su cui vuoi installare Windows 7, cliccando sulla relativa “barra”, pigia sulla voce Opzioni unità visibile in basso a destra e premi il pulsante Formatta; consapevole che questa operazione cancellerà in modo irreversibile tutti i dati presenti sul disco, dai conferma cliccando sul pulsante OK.

Il grosso è fatto: clicca ora sul pulsante Avanti per due volte consecutive e attendi che l’installazione di Windows 7 venga portata a termine in modo automatico. Durante la procedura, che potrebbe durare anche alcune decine di minuti, il computer si riavvierà diverse volte.

Concluso il setup di Windows, portane a termine la configurazione iniziale: indica il nome utente da usare per il tuo account personale, specifica una password da impiegare per l’accesso e, quando necessario, immetti il codice Product Key nell’apposito casella di testo. Infine, concludi la configurazione delle impostazioni di rete e attendi qualche minuto, affinché il desktop venga reso accessibile. Per approfondimenti, consulta il mio tutorial specifico dedicato all’installazione di Windows 7.

Come formattare un PC portatile che non si avvia

Come formattare un PC portatile che non si avvia

Hai bisogno di formattare un PC portatile che non si avvia? In questo caso, hai diverse strade da poter percorrere: se il tuo computer è dotato di sistema operativo Windows 10, accendi il computer e attendi che il sistema operativo tenti di avviarsi e fallisca, per almeno due volte consecutive. Al terzo riavvio, Windows dovrebbe inizializzare il ripristino automatico: attendi dunque che il sistema operativo effettui i controlli necessari e, a seguito degli stessi, ti mostri la schermata delle opzioni di opzioni di ripristino del computer.

Adesso, fai clic sulle voci Opzioni avanzate > Risoluzione dei problemi > Reimposta il PC e concludi il tutto effettuando la stessa procedura vista nella sezione precedente di questa guida.

Se questa procedura dovesse fallire, provvedi a creare una chiavetta USB avviabile o un DVD di Windows 10 partendo dal suo file ISO, seguendo le indicazioni che ti ho fornito in questo tutorial; una volta realizzato il supporto d’installazione, collegalo al notebook da formattare, accendi quest’ultimo e attendi la comparsa della scritta Premere un tasto per avviare da USB/DVD.

Alla comparsa di questa dicitura, premi un qualsiasi tasto della tastiera per avviare il programma d’installazione di Windows 10, specifica la lingua, il formato orario e il layout di tastiera da utilizzare in seguito, clicca sul pulsante Avanti e poi sulla voce Ripristina il computer.

Ora, se preferisci mantenere inalterati i dati e reinstallare il solo sistema operativo, segui la stessa procedura della quale ti ho parlato poco fa; se, invece, vuoi formattare completamente il disco e reinstallare Windows, fai clic sull’opzione Installazione personalizzata, poi sul disco/partizione su cui installare Windows e, successivamente, sui pulsanti Formatta e OK, in modo da avviare l’installazione del sistema operativo.

Se il notebook non dovesse avviarsi dalla chiavetta USB o dal DVD d’installazione di Windows (qualora si bloccasse o tentasse di avviare il sistema operativo già installato), devi entrare nel sistema UEFI o BIOS del computer e configurarlo per il boot da USB: ti ho spiegato come procedere in questo tutorial.

Come formattare un PC portatile che non si avvia

In alternativa, a prescindere dal sistema operativo installato sul notebook, puoi tentare di accedere agli strumenti di ripristino precaricati “di serie” su una partizione nascosta del disco: essi consentono, di fatto, di effettuare operazioni di emergenza sul computer (inclusa la formattazione e il ripristino dello stesso) anche senza accedere alla copia di Windows già installata. A formattazione conclusa, il computer viene riportato allo stato di fabbrica e vengono reinstallati gli stessi programmi e driver presenti alla primissima accensione dello stesso.

Per accedere a tali strumenti, è necessario premere una precisa combinazione di tasti all’avvio del computer ma, ahimè, ciascun produttore adotta una procedura differente: per avere indicazioni precise sul modello in tuo possesso, prova a cercare su Google frasi come strumenti di ripristino [marca e modello notebook], oppure segui le indicazioni specifiche disponibili di seguito, relative ai più noti produttori di PC portatili.

Come formattare un PC portatile HP

Come formattare un PC portatile HP

Per esempio, se il tuo notebook è prodotto da HP, devi premere ripetutamente il tasto F11 subito dopo l’accensione: se tutto è filato liscio, dovresti veder comparire su schermo la schermata delle opzioni di avvio avanzato (sui portatili dotati di Windows 10) oppure dell’utility Recovery Manager (su quelli equipaggiati con Windows 7). Nel primo caso, per poter accedere all’utilità di ripristino, devi prima selezionare la voce Risoluzione dei problemi e, successivamente, l’opzione Recovery Manager.

Ad ogni modo, una volta avviato lo strumento apposito, clicca sul pulsante System Recovery/Ripristino del sistema e attieniti alle indicazioni che compaiono su schermo, per potare a termine la formattazione del computer. Maggiori informazioni sono disponibili nel mio tutorial su come ripristinare un PC HP e sul sito ufficiale di HP, più precisamente sulle pagine dedicate a Windows 10 e 8.x e Windows 7.

Come formattare un PC portatile Lenovo

Come formattare un PC portatile Lenovo

Generalmente, per poter accedere al sistema di ripristino integrato nei notebook a marchio Lenovo, bisogna premere il tasto Invio subito dopo l’accensione, in modo da interrompere la sequenza d’avvio, e schiacciare poi la combinazione di tasti Alt+F11 (oppure soltanto F11, su alcuni modelli).

In seguito, specifica la lingua e il layout di tastiera da usare per gli step successivi, inserisci la password di amministratore di Windows, se richiesto, e scegli la voce Lenovo Product/Factory Recovery, dalla finestra visualizzata successivamente. Segui dunque le indicazioni che ricevi su schermo per riportare il computer allo stato di fabbrica.

Alcuni modelli di notebook non dispongono di una partizione di ripristino avviabile, ma Lenovo mette comunque a disposizione una serie di strumenti per la creazione di una chiavetta USB di ripristino: trovi tutto spiegato su questo sito Web.

Come formattare un PC portatile ASUS

Come formattare un PC portatile ASUS

Dopo aver spento il notebook, riaccendilo, attendi che venga visualizzato il logo di ASUS e premi più volte il tasto F9, fino ad accedere alle opzioni d’avvio. Se non funziona, prova a premere la combinazione di tasti Alt+F9.

In seguito, scegli la voce Windows Setup [EMS Enabled], seleziona la lingua che desideri utilizzare e specifica la modalità di formattazione che preferisci: Ripristinare Windows sulla prima partizione, per intervenire esclusivamente su C: lasciando intatte tutte le altre partizioni; Ripristinare Windows sull’intero disco, per cancellare tutti i dati presenti sul disco e creare una sola partizione; oppure Ripristinare Windows sull’intero disco con due partizioni, per cancellare tutti i dati presenti sul disco e creare automaticamente due partizioni, una per il sistema operativo e l’altra per i dati.

Fatta la tua scelta, attieniti alle indicazioni che ti vengono fornite, per portare a termine la procedura; per approfondimenti, consulta il capitolo 6 della guida ufficiale scaricabile dal sito di ASUS.

Come formattare un PC portatile DELL

Come formattare un PC portatile DELL

Se disponi di un notebook a marchio DELL, procedi in questo modo: subito dopo l’accensione del computer, alla comparsa del logo del produttore, premi ripetutamente il tasto F8, finché non giungi alla schermata contenente le opzioni d’avvio.

Adesso, fai clic sulla voce Ripristina il computer, premi il pulsante Invio, scegli la lingua da usare per i passaggi successivi e, se richiesto, inserisci la password di amministratore di Windows. A questo punto, per formattare del tutto il notebook e riportarlo allo stato di fabbrica, clicca sulla dicitura Dell Backup & Restore, poi su Dell Factory Image Restore/Ripristino immagine iniziale di DELL e segui le indicazioni che ti vengono proposte, per portare a termine il ripristino. Maggiori info qui.

Come formattare un Mac portatile

Come formattare un Mac portatile

Hai deciso di formattare il tuo MacBook? Non preoccuparti, i passaggi da compiere per riuscire nell’impresa sono estremamente semplici. Come misura preventiva, collega un disco esterno al Mac e utilizza l’utility Time Machine per realizzarne un backup: se non hai ancora avuto modo di configurarla, apri le Preferenze di sistema (l’icona a forma d’ingranaggio che risiede sul Dock), clicca sull’icona di Time Machine e segui le indicazioni che ti ho fornito in questa guida, per configurare il tutto.

Una volta messi in sicurezza i dati, non ti resta che accedere alle Utility di macOS e reinstallare il sistema operativo da lì: per riuscirci, spegni il MacBook e, se questo è dotato di processore Intel, riaccendilo e premi immediatamente la combinazione di tasti cmd+r. Continua a tenere premuti i tasti finché non vedi il logo della mela morsicata comparire sullo schermo.

Qualora avessi in dotazione un MacBook con processore Apple Silicon (ad es. M1), dopo averlo acceso, continua a tenere premuto il tasto d’accensione e, quando vedi le opzioni d’avvio, fai clic prima sul simbolo dell’ingranaggio e poi sul bottone Continua.

Se tutto è filato liscio, dovrebbe esserti chiesto di specificare la lingua da usare in séguito e poi la password del MacBook; fornite queste informazioni, se vuoi soltanto ripristinare il sistema operativo senza alterare i dati personali, clicca sull’opzione Reinstalla macOS; qualora volessi azzerare del tutto il contenuto del computer, fai clic sulla voce Utility Disco, poi sul nome del disco che ospita macOS (ad es. Macintosh HD) e premi sul pulsante Inizializza per formattarlo.

Se lo ritieni opportuno, ripeti l’operazione con tutte le altre partizioni configurate sul MacBook; ultimata la fase di inizializzazione, ritorna al menu precedente, seleziona la voce Installa macOS e segui le indicazioni fornite su schermo, per installare una nuova copia del sistema operativo.

Qualora alcuni passaggi non ti fossero chiari, o se preferisci avere sott’occhio una guida passo-passo dedicata alla formattazione del MacBook, puoi far riferimento al tutorial specifico, disponibile sul mio sito.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.