Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come impostare la barra di Google

di

Recentemente, hai dato un’occhiata al telefono di un tuo amico e hai notato una cosa molto interessante: nella schermata di Android, questi dispone di una pratica barra di Google, pronta per essere usata per effettuare ricerche rapide di tutti i tipi. Incantato da questa possibilità, gli hai chiesto di insegnarti ad aggiungerla anche al tuo telefono: purtroppo però, il tuo amico non è stato in grado di fornirti una spiegazione esauriente, poiché tale barra era già preimpostata sul suo dispositivo e quindi non ha saputo spiegarti come attivarla.

Senza perderti d’animo, hai iniziato a cercare su Internet una guida su come impostare la barra di Google, finendo, dunque, tra le pagine del mio sito: ebbene, sono molto felice di annunciarti che ti trovi nel posto giusto, in un momento che non poteva essere migliore! In questo tutorial, infatti, ti spiegherò per filo e per segno come aggiungere la barra di ricerca alla schermata principale di Android, fornendoti inoltre indicazioni utili su come liberartene quando non ne avrai più bisogno.

Non preoccuparti se non sei molto esperto in termini di tecnologia, non ne hai bisogno: le procedure che andrò a mostrarti sono di semplicissima applicazione e alla portata di tutti, anche di chi, come te, non ha mai masticato molto bene l’argomento! Dunque, senza esitare oltre, prenditi qualche minuto di tempo libero e leggi con attenzione il contenuto di questa guida: sono sicuro che, nel giro di pochi minuti, riuscirai a portare a termine l’obiettivo che ti sei prefissato. Detto ciò, non mi resta altro da fare, se non augurarti buona lettura e buon divertimento!

Indice

Come impostare la barra di Google su Android

Impostare la barra di Google su Android è estremamente semplice, poiché essa si comporta esattamente come fosse un “comune” widget: tutto ciò che devi fare è accedere alla sezione dedicata del launcher che utilizzi sul tuo dispositivo e aggiungerla alla schermata principale dello stesso.

In che modo? Te lo spiego subito: per prima cosa, effettua un tap prolungato su un punto vuoto della schermata Home di Android (quella che viene visualizzata dopo la pressione del tasto Home) e, quando essa si rimpicciolisce, tocca il pulsante Widget che compare immediatamente dopo nella parte inferiore dello schermo.

A questo punto, scorri la schermata successiva fino a trovare l’icona Google (rappresentata da un’anteprima della barra in questione), effettua un tap prolungato su di essa e trascina la barra in sovrimpressione senza sollevare il dito dal display, scegliendo il punto esatto in cui posizionarla. Una volta effettuata la scelta, togli il dito dallo schermo e il gioco è fatto: la barra di Google verrà così impostata nella posizione da te scelta!

Nota: se non dovessi riuscire a trovare il widget della barra di Google, è molto probabile che la relativa app non sia presente sul dispositivo in tuo possesso. Per ovviare a questo inconveniente, puoi procurarti l’app Google direttamente dal Play Store, in modo assolutamente gratuito.

Se lo desideri, puoi ridimensionare la barra in qualsiasi momento: per farlo, effettua per qualche secondo un tap prolungato sulla stessa (il telefono dovrebbe vibrare), solleva il dito dal display e attendi che il widget venga “circondato” da un rettangolo che ne rappresenta i bordi: premi e tieni premuto uno dei cerchietti bianchi collocati agli estremi del rettangolo e spostalo verso destra o verso sinistra per ingrandire o rimpicciolire la barra in questione.

Su alcuni launcher, puoi, invece, modificare la barra di Google effettuando un tap prolungato su di essa e toccando i pulsanti Modifica/Ridimensiona residenti nel menu visualizzato a schermo.

Come eliminare la barra di Google

Come impostare la barra di Google

Non trovi utile la barra di Google e desideri sapere come liberartene? Allora questa è la sezione del tutorial che fa per te! Prima di passare all’azione, però, lascia che ti faccia una precisazione fondamentale: la barra di Google può essere rimossa dalla schermata principale di Android soltanto se essa non è integrata nativamente nel launcher in uso (cosa che, per esempio, succede sui dispositivi Android One). In tal caso, è sufficiente cancellarla esattamente come si farebbe con qualsiasi altro widget.

Se la barra non può essere eliminata in questo modo, puoi procedere seguendo altre due strade differenti: la prima è quella di cambiare launcher, utilizzandone uno in cui la barra di Google non è inclusa “di serie”, mentre la seconda prevede l’acquisizione dei permessi di root.

Rimuovere il widget

Come primo tentativo, ti consiglio di provare a rimuovere la barra di Google procedendo come faresti per eliminare qualsiasi altro widget. Innanzitutto, effettua un tap prolungato sulla barra stessa senza però sollevare il dito dallo schermo, attendi la comparsa del pulsante Rimuovi/Elimina (che può essere indicato anche attraverso un’icona a forma di cestino oppure di X), sul bordo superiore dello schermo, e trascina la barra di Google esattamente su tale pulsante.

Nota: il pulsante per l’eliminazione dei widget potrebbe comparire anche nell’area inferiore del display.

Quando hai finito, solleva il dito dallo schermo et voilà: come per magia, la barra di Google non sarà più presente nella schermata principale di Android! Tieni ben presente che, su alcuni launcher, potresti, invece, dover toccare l’opzione Rimuovi/Elimina collocata nel piccolo menu mostrato a schermo.

Se lo desideri, puoi reimpostare la barra di Google in qualsiasi momento utilizzando i passaggi che ti ho mostrato nella precedente sezione.

Cambiare lanciatore

Come dici? Non sei riuscito a liberarti della barra di Google utilizzando i passaggi mostrati in precedenza? Allora è molto probabile che essa sia presente “di serie” nel launcher che stai usando. Per tua informazione, il launcher Android non è altro che l’app che si occupa di generare sia la schermata principale del dispositivo (cioè quella che visualizzi pigiando il tasto Home di Android), sia il drawer, ossia la parte del sistema che contiene le icone delle app installate.

Tanto per farti un esempio, i cosiddetti dispositivi Android One, cioè quelli su cui è presente una versione di Android direttamente gestita da Google e non personalizzata dal produttore, includono un launcher che integra in modo nativo la barra di Google, la quale non può essere rimossa come se fosse un semplice widget.

Il modo più semplice per trarti d’impaccio, in questo caso, è quello di affidarti a un launcher alternativo: personalmente ti consiglio di affidarti a Nova Launcher, una delle app più efficienti e complete di questo tipo. Questo launcher, tra le altre cose, offre un livello di personalizzazione davvero molto alto, è semplicissimo da utilizzare e, soprattutto, non integra nativamente la barra di Google (sebbene questa sia visualizzata di default).

La versione di base di questo launcher è gratuita, ma ne esiste anche una versione a pagamento, Nova Launcher Prime, che costa 4,50€ e integra diverse funzionalità aggiuntive: per esempio, è possibile modificare il badge delle notifiche, nascondere le app, utilizzare le gesture, aggiungere le cartelle anche nel drawer e molto, molto altro ancora. Ad ogni modo, se il tuo obiettivo è quello di rimuovere la barra di Google, sappi che la versione gratuita è più che sufficiente per lo scopo.

Dunque, per iniziare, scarica Nova Launcher dal Google Play Store e avvia l’app richiamandola dal drawer di Android; fatto ciò, pigia sul pulsante Successivo e usa le istruzioni mostrate a schermo per personalizzare le impostazioni di base del lanciatore.

Una volta terminata la fase di configurazione iniziale, puoi impostare Nova come launcher predefinito pigiando sul pulsante Home del dispositivo, toccando l’icona di Nova Launcher dal piccolo pannello proposto a schermo e confermando il tutto pigiando sul pulsante Sempre. In alternativa, se utilizzi Android 8.0 o successivi, puoi impostare il launcher predefinito recandoti in Impostazioni > App e notifiche > Avanzate > App predefinite > App Home e impostando il segno di spunta accanto alla voce Nova Launcher.

A questo punto, rimuovere la barra di Google mostrata a schermo è un gioco da ragazzi: effettua un tap prolungato sulla stessa, tocca la voce Rimuovi annessa al menu mostrato a schermo e il gioco è fatto.

Come dici? Hai particolarmente apprezzato Nova Launcher e vorresti qualche informazione in più sul suo funzionamento? Allora ti consiglio di leggere con attenzione la mia guida al miglior launcher Android, nella quale ti ho parlato dettagliatamente sia di Nova che di alcuni altri ottimi launcher disponibili sullo store di Google.

Ottenere i permessi di root

Se non sei soddisfatto dei launcher alternativi e vuoi comunque rimuovere la barra di Google dal tuo dispositivo, allora devi disinstallare la relativa app dal terminale in tuo possesso: per farlo, è assolutamente fondamentale disporre dei permessi di root, in quanto l’app di Google è ritenuta essenziale per il sistema operativo e non può essere cancellata senza intervenire in modo approfondito su di esso.

Sebbene ottenere i permessi di root sia un’operazione relativamente semplice, è bene che io ti metta al corrente dei rischi in cui potresti incappare: innanzitutto, questa procedura invalida la garanzia del dispositivo Android su cui si effettua la modifica. Inoltre, poiché vengono “sbloccate” parti delicate del sistema operativo, le probabilità di effettuare modifiche dannose (e magari involontarie) e/o di rimanere vittima di virus e malware si alzano in modo sensibile.

Come dici? Sei pienamente consapevole dei rischi e vuoi comunque imparare a effettuare il root sul tuo dispositivo? Allora leggi attentamente la guida sull’argomento che ho preparato apposta per te: ne resterai certamente soddisfatto.

Una volta ottenuti i permessi di root, puoi eliminare la barra di Google dal telefono in modo “indolore” (cioè senza toccare, di fatto, i rimanenti servizi Google) utilizzando il modulo Google Search Bar Destroyer di Xposed Framework. Se non ne avessi mai sentito parlare prima d’ora, Xposed Framework è un sistema modulare (che può essere cioè espanso grazie a dei “componenti aggiuntivi”) dedicato ai dispositivi Android con root, che permette di effettuare delicate modifiche di sistema in modo relativamente semplice e senza agire manualmente sui file coinvolti.

Tieni ben presente che installare e utilizzare Xposed Framework comporta dei rischi, in quanto, come ti ho già detto, tale strumento va a toccare delle parti del sistema che, di norma, non dovrebbero essere modificate: se ti senti abbastanza sicuro e vuoi comunque procedere con questa operazione, ti consiglio di far riferimento alla guida ufficiale presente sul forum di XDA per installare il motore Xposed. Agisci con estrema prudenza e solo se sai esattamente cosa stai per fare: non dire che non ti avevo avvisato!

Ad ogni modo, una volta ottenuto Xposed Framework, avvia l’app Xposed Installer, recati nella sezione Download della stessa e, utilizzando il campo di ricerca collocato in alto, digita la chiave Google search bar destroyer. Successivamente, fai tap sul primo risultato ricevuto e, tramite il nuovo pannello visualizzato, tocca il pulsante Download corrispondente alla versione più recente del modulo.

Una volta completato il download, pigia sul pulsante Install per completare l’installazione dello stesso: se tutto è andato per il verso giusto, al termine della procedura dovresti visualizzare una notifica di Android relativa alla richiesta di attivazione del modulo appena installato. Tutto ciò che devi fare, a questo punto, è pigiare sul pulsante Activate and reboot per procedere con l’attivazione e riavviare il sistema: all’accesso successivo, la barra di Google sarà finalmente sparita!