Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come ricaricare Netflix

di

I tuoi amici ti hanno parlato di Netflix, la famosa piattaforma di streaming per guardare film, serie TV e documentari tramite Internet. Incuriosito dalla cosa, hai registrato anche tu un account, usufruendo del mese gratuito di prova, in modo da godere dei contenuti offerti dal servizio. Avviando l’applicazione o accedendo al sito Web, ti sei accorto però che non ti è possibile più continuare a utilizzare Netflix, in quanto il servizio non riesce a eseguire il prelievo anticipato del canone d’abbonamento tramite il metodo di pagamento che avevi registrato.

Non possiedi altri strumenti di pagamento oltre a quello che hai utilizzato (almeno così credi) e non sai come risolvere questo problema. Rilassati, perché niente e nessuno può ostacolare le tue sessioni di “binge watching”, soprattutto dopo che Netflix ha annunciato i nuovi contenuti in arrivo! In questa mia guida, infatti, ti illustrerò come ricaricare Netflix utilizzando tutti i metodi di pagamento consentiti, come ad esempio le carte di credito, le carte regalo e l’addebito sul conto telefonico.

Prenditi giusto qualche minuto di tempo libero, mettiti bello comodo e leggi le indicazioni che trovi di seguito. Scegli quindi il metodo di pagamento che trovi più comodo e scopri come sfruttarlo in modo da prolungare la tua sottoscrizione a Netflix. A me non resta altro che augurarti buona lettura e, soprattutto, una buona visione dei tuoi contenuti preferiti!

Indice

Tipologie di abbonamento

Prima di addentrarci nel vivo di questa guida e scoprire tutti i metodi di pagamento per ricaricare l’account Netflix, voglio farti una breve premessa su quelli che sono i piani in abbonamento sottoscrivibili sulla celebre piattaforma di streaming.

Effettuando la prima iscrizione a Netflix (procedura di cui ti ho parlato in dettaglio in questa mia guida), hai selezionato uno tra i piani in abbonamento disponibili, che si differenziano tra loro per la qualità della definizione dei contenuti e per il numero di dispositivi che possono riprodurre contemporaneamente i prodotti del catalogo.

Qui di seguito, ti riporto l’elenco dei piani in abbonamento, così da valutare l’ammontare della cifra che ti viene addebitata ogni mese, tramite il mezzo di pagamento da te scelto, di cui ti parlerò nel prossimo paragrafo.

  • Base – tra i piani sottoscrivibili, è quello più economico. Al costo di 7,99 euro al mese, permette di visualizzare i contenuti soltanto su un dispositivo con una definizione standard (SD).
  • Standard – se vuoi condividere l’account con qualcuno, questo potrebbe essere il piano che fa per te, in quanto permette di riprodurre i contenuti su due dispositivi alla volta contemporaneamente. La qualità dell’immagine comprende sia quella standard che quella ad alta definizione (Full HD), con un costo pari a 10,99 euro al mese.
  • Premium – se i tuoi amici o più membri della tua famiglia utilizzano Netflix, questo è l’abbonamento più completo. Con la sua sottoscrizione, puoi raggiungere una definizione dell’immagine fino all’Ultra HD (UHD), con la possibilità di riprodurre i contenuti fino a quattro dispositivi contemporaneamente. Il suo costo è maggiore rispetto ai piani menzionati nelle righe sopra e richiede un pagamento di 13,99 euro al mese.

Non sono previste differenze in termini di catalogo o di contenuti disponibili tra i vari piani disponibili. Alcuni contenuti possono essere scaricati offline per la riproduzione su smartphone, tablet e PC Windows quando non si ha copertura a Internet.

Il piano che hai scelto nella fase di prima registrazione può essere cambiato in qualsiasi momento, accedendo alle impostazioni dell’account. Per effettuare quest’operazione, ti basta accedere da browser Web sul sito ufficiale di Netflix, sposta il mouse sull’icona con il simbolo (▼), in alto a destra, e scegli l’opzione Account, nel menu contestuale.

Su smartphone e tablet ì la procedura è simile: avvia l’app Netflix, fai tap sull’icona (☰) e, nel menu contestuale, pigia la voce Account. Dopo aver eseguito l’accesso alle impostazioni dell’account Netflix, fai clic sulla voce Modifica piano, in corrispondenza della dicitura Informazioni sul piano. Scegli, quindi, il nuovo piano che si adatta alle tue esigenze e premi il pulsante Continua.

Adesso che conosci gli importi degli abbonamenti che ti vengono addebitati ogni mese, è il momento di vedere come ricaricare il credito su Netflix.

Ricaricare Netflix

Come già detto in apertura del post, Netflix offre diverse possibilità per ricaricare il proprio account, in base agli strumenti di pagamento in proprio possesso: nelle prossime righe, ti elencherò tutti quelli supportati e che potrebbero fare al caso tuo.

Carte di credito e PayPal

Uno tra gli strumenti per ricaricare Netflix prevede l’utilizzo di carte di credito o di debito, anche prepagate. I sistemi supportati sono Visa, MasterCard, American Express e PostePay. Inoltre, se possiedi un conto PayPal, puoi decidere di impostarlo come metodo predefinito per l’addebito dell’abbonamento mensile.

Per aggiungere questi strumenti di pagamento al tuo account Netflix, raggiungi il sito Web ufficiale e accedi con le tue credenziali. Fai quindi clic sull’icona con il simbolo (▼), che trovi nell’angolo in alto a destra, e scegli l’opzione Account, nel menu contestuale. Se stai usando uno smartphone, invece, avvia l’applicazione per Android o iOS, fai tap sull’icona (☰) e scegli la voce Account, nella schermata che visualizzi.

Dopo aver eseguito l’accesso alle impostazioni dell’account, premi sulla dicitura Aggiorna dati di pagamento e scegli poi la voce Cambia metodo di pagamento. Nella nuova schermata, puoi selezionare le due soluzioni Carta di credito di debito oppure PayPal.

Se scegli la prima opzione, devi indicare i dati che si trovano sulla carta (il tuo nome e cognome, il numero di carta, la data di scadenza e il codice di sicurezza). Se scegli, invece, di utilizzare la seconda opzione, nella nuova pagina che ti viene visualizzata premi sul pulsante Continua su PayPal e accedi con le credenziali del tuo conto PayPal; segui le istruzioni a schermo per confermare l’aggiornamento del nuovo sistema di pagamento.

Se hai sottoscritto l’abbonamento tramite iTunes o tramite conto telefonico, per utilizzare i sistemi di pagamento indicati nelle righe precedenti, devi eseguire prima la disdetta. A tal proposito ti consiglio di leggere il paragrafo di questa mia guida dedicato all’argomento.

Carte regalo Netflix

Per chi non possiede sistemi di pagamento elettronici, è possibile utilizzare le carte regalo Netflix, disponibili in tantissimi punti vendita. Esistono di diversi tagli: da 15, 25 e 50 euro.

Dopo aver acquistato la carta regalo Netflix, devi grattare la pellicola argentata che trovi sul suo retro, così da scoprire il PIN da 11 cifre. Accedi poi al sito Web di Netflix con le tue credenziali, fai clic sull’icona con il simbolo (▼), situata in alto a destra, e premi sull’opzione Account, dal menu contestuale.

Su smartphone o tablet, avvia l’app di Netflix, fai tap icona (☰) e pigia sulla dicitura Account. Inserisci quindi il PIN di 11 cifre della carta regalo Netflix nel campo Inserisci codice o PIN, situato sotto la dicitura Riscatta carta regalo o codice promozionale. Dopo averlo digitato, premi sul pulsante Riscatta.

In alternativa, puoi accedere direttamente al sito netflix.com/redeem, previo accesso, inserire il codice nel campo di testo che vedi a schermo e confermare l’operazione, premendo sul pulsante Riscatta.

Puoi utilizzare le carte regalo Netflix insieme ad altri strumenti di pagamento. Verrà usato prioritariamente l’importo del credito residuo dell’account, poi l’altro sistema di pagamento da te registrato. Se utilizzi, però, il tuo account iTunes o il conto telefonico, non ti è possibile usare le carte regalo. È necessario, come prima cosa, eseguire la disdetta dell’abbonamento, per scollegare l’account iTunes da Netflix.

iTunes

Se usi l’applicazione di Netflix sui tuoi dispositivi iOS, puoi ricaricare l’abbonamento con il tuo account iTunes. Questo sistema di pagamento può essere registrato nella fase iniziale di creazione dell’account oppure riattivando un abbonamento disdetto dal device Apple.

Dopo aver scaricato e installato Netflix sul tuo iPhone, iPad o sulla tua Apple TV, tramite il link che ti ho fornito, avvia l’app tramite la sua icona presente in home screen e premi sul pulsante Abbonati Gratis per un mese e poi su Continua. Digita poi l’indirizzo email e una password a tua scelta per registrare un account. Premi poi sul pulsante Continua, scegli il piano in abbonamento tra quelli che ti ho indicato nel paragrafo precedente e seleziona poi iTunes come metodo di pagamento.

Se, invece, vuoi riattivare un abbonamento a Netflix disdetto, avvia l’applicazione su iOS e accedi con le tue credenziali. Premi poi sul pulsante Riattiva il tuo abbonamento e segui le operazioni indicate sullo schermo per la conferma del piano. Scegli infine la voce Abbonati con iTunes, per confermare questo strumento come metodo di pagamento principale.

Utilizzando iTunes come metodo di fatturazione, non puoi utilizzare gli altri sistemi disponibili, come la carta di credito, il conto PayPal, le carte regalo o il conto telefonico. Per utilizzare metodi di pagamento alternativi, devi eseguire prima la disdetta dell’abbonamento, di cui ti ho parlato in questo paragrafo.

Conto telefonico

Oltre ai metodi che ti ho indicato nei paragrafi precedenti, puoi utilizzare il tuo conto telefonico come metodo di pagamento per ricaricare l’account Netflix. Infatti, alcuni operatori telefonici, come Wind Tre, TIM e Vodafone, hanno stipulato degli accordi di partnership con questa piattaforma di streaming per arricchire le proprie offerte telefoniche.

Ad esempio, sottoscrivendo un abbonamento 3Fiber e 3Fiber Plus di Wind Tre, si possono ottenere tre mesi gratuiti di Netflix, con una connessione in fibra fino a 1000 Mega e, solo per 3 Fiber Plus, chiamate illimitate ai numeri fissi e mobili nazionali. Al termine del periodo gratuito di Netflix, vengono addebitati 10,99 euro al mese per il piano Standard, direttamente sul conto telefonico.

TIM, invece, offre l’esperienza di Netflix all’interno di TIM BOX, il decoder per visualizzare i contenuti multimediali offerti dal noto operatore nazionale. È possibile aggiungere Netflix alla propria offerta, raggiungendo questa pagina Web di TIM e sottoscrivendo uno dei piani disponibili, di cui ti ho parlato in un paragrafo precedente. Inoltre, si può usufruire di questa offerta sottoscrivendo una tra le offerte TIM Connect e aggiungendo l’opzione TIM BOX.

Infine, Vodafone sui propri contratti di telefonia mobile e fissa, permette di aggiungere Netflix tramite l’offerta Vodafone Entertainment, che prevede il primo mese gratuito e, allo scadere, il pagamento anticipato di 6 mesi del piano in abbonamento in definizione HD.

Utilizzando il conto telefonico come metodo per ricaricare l’account Netflix, non si possono registrare gli altri sistemi sopra descritti, a meno che si effettui la disdetta dell’abbonamento (di cui ti parlerò nel prossimo paragrafo) e riattivandolo poi tramite gli altri strumenti di cui ti ho già parlato.

Disdire l’abbonamento

Quando si sottoscrive un abbonamento a Netflix, non viene stipulato alcun contratto vincolante, quindi è possibile effettuare la disdetta in qualsiasi momento. La disdetta comporta la fine della sottoscrizione al termine del mese di fatturazione in corso.

Questa procedura è semplice, ma varia se si utilizza l’account iTunes o un altro metodo di pagamento per ricaricare Netflix. Se vuoi sapere come effettuare la disdetta per tutti i sistemi di pagamento di cui ti ho parlato nei precedenti paragrafi, ti consiglio di leggere la mia guida su come disdire l’abbonamento a Netflix.