Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come pagare Netflix

di

Hai sentito tanto parlare di Netflix e ora vorresti qualche informazione in più perché ti sembra un servizio molto interessante? Non posso biasimarti. Oggi Netflix è una delle migliori soluzioni alle quali possono affidarsi tutti gli appassionati di film e serie TV. È un servizio pensato davvero per tutti, sia perché è semplicissimo creare un abbonamento sia perché può essere usato su una vasta gamma di dispositivi differenti (anche in contemporanea).

Come dici? Ho solleticato la tua curiosità e ora non vedi l’ora di scoprire nel dettaglio sia come funziona che come pagare Netflix? Allora sappi che hai avuto la fortuna di capitare nel posto giusto al momento giusto! Nei prossimi capitoli, infatti, ti fornirò alcune informazioni su Netflix, su come funziona e su quali sono le tipologie di abbonamento disponibili. Dopodiché ti indicherò nel dettaglio come gestire i pagamenti necessari per usufruire di questo famoso servizio di streaming.

Mi stai dicendo che sei spaventato perché non sei molto pratico d’informatica e hai usato poche volte la carta di credito su Internet? Stai tranquillo perché, come ti accennavo poco fa, Netflix è un servizio davvero alla portata di tutti e progettato per essere facile da usare anche da chi non mastica molto la tecnologia o i pagamenti online. Ora che sei finalmente tranquillo e convinto di voler continuare, mettiti comodo e continua a leggere quanto segue. Sono sicuro che, grazie ai miei consigli, riuscirai a capire come pagare Netflix in tutta semplicità e, sempre se lo vorrai, abbonarti in men che non si dica. Non mi resta che augurarti buona lettura e, soprattutto, buona visione!

Indice

Cos’è Netflix e come funziona

Logo Netflix

Sono certo che a grandi linee sai già cos’è Netflix ma, si sa, quando si ha a che fare con dei servizi a pagamento, è sempre meglio approfondire per bene l’argomento e capire perfettamente a cosa ci si sta per abbonare.

Netflix è un servizio di streaming online completamente legale, disponibile ormai nella maggior parte dei Paesi del mondo, che consente di guardare film, serie TV, documentari, show e tante altre tipologie di contenuti on-demand.

Nel suo catalogo è possibile trovare contenuti originali prodotti da Netflix, ma anche altre famose produzioni di terze parti, come i grandi film che sono stati distribuiti nei cinema, serie TV di successo e molto altro ancora.

Il catalogo di Netflix viene aggiornato molto spesso con contenuti sempre nuovi e interessanti. La particolarità di questo servizio è di essere disponibile sulla maggior parte dei dispositivi connessi a Internet. Giusto per farti qualche esempio, puoi guardare il catalogo di Netflix su computerSmart TV, ma anche tramite app per smartphone, tablet, TV Boxconsole per videogiochi. Inoltre è disponibile su Chromecast, Fire TV Stick, NOW TV Smart Stick e decoder Sky Q. Per alcuni contenuti, Netflix permette anche il download sul dispositivo per la visualizzazione offline (solo se si utilizzano le app per Android, iOS/iPadOS e Windows 10).

Netflix è un servizio a cui puoi abbonarti e che puoi utilizzare facilmente: devi disporre di una connessione a Internet (almeno 0,5 Mbps) che ti permetta quanto meno di goderti film, video e show anche a bassa definizione.

Una volta creato l’abbonamento, ti sarà sufficiente aprire il browser o installare l’app di Netflix sul dispositivo che decidi di usare, accedere con le tue credenziali e, semplicemente, iniziare a guardare i contenuti che più stuzzicano il tuo interesse.

Non c’è nessun limite di tempo o di visualizzazioni ma, a seconda del tipo di abbonamento che viene sottoscritto, Netflix pone dei limiti sul numero di dispositivi connessi contemporaneamente e sulla definizione dei contenuti (ti parlerò di questo aspetto nel dettaglio nel capitolo successivo).

Come dici? Hai ancora delle domande in merito al funzionamento di Netflix? Ti suggerisco allora di visitare la mia guida approfondita su come funziona Netflix per saperne di più su questo servizio di streaming on-demand.

Tipi di abbonamento

Prezzi di Netflix

Ora che hai ben chiaro il funzionamento di Netflix, sono sicuro che sei curioso di sapere che tipi di abbonamento sono disponibili. Anche questa volta sono pronto a placare la tua curiosità e darti la risposta che cerchi.

Netflix offre diversi piani sottoscrivibili, adatti a scenari differenti e che variano per prezzo, numero di dispositivi connessidefinizione dei contenuti. Per la precisione, i piani per l’abbonamento a Netflix sono tre e te li illustro rapidamente di seguito.

  • Base – è il piano che costa meno. Con esso è possibile guardare i contenuti di Netflix su un solo dispositivo per volta, a definizione standard (SD). Il piano Base permette anche di scaricare i contenuti su smartphone o tablet per guardarli in un secondo momento anche senza connessione a Internet. Questo tipo di abbonamento costa 7,99 euro/mese.
  • Standard – è il piano “intermedio”. Con esso è possibile guardare i contenuti di Netflix su due dispositivi contemporaneamente, sia a definizione standard che ad alta definizione (HD). Il piano Standard permette di scaricare i contenuti su smartphone o tablet, per poi guardarli anche senza connessione a Internet. Questo tipo di abbonamento costa 11,99 euro/mese.
  • Premium – questo è il tipo di abbonamento più costoso e che offre il massimo della qualità disponibile. Con il piano Premium è possibile guardare i contenuti a definizione standard, ad alta definizione e in UltraHD/4K. Tieni però presente che quest’ultima tipologia di risoluzione non è disponibile per tutti i contenuti di Netflix. Questo piano permette di guardare contenuti su quattro dispositivi contemporaneamente, con la possibilità di scaricarli e guardarli successivamente anche senza collegamento a Internet. L’abbonamento Premium ha un costo di 15,99 euro/mese.

A seconda dei periodi, possono essere disponibili delle prove gratuite di 14/30 giorni dei vari piani. Per ogni account è possibile creare fino a 5 profili diversi, ognuno dei quali avrà le sue preferenze, la sua cronologia e i suoi suggerimenti personali. Per esempio, si può creare un profilo Netflix dedicato ai figli e uno dedicato al partner, sfruttando sempre lo stesso account.

Come vedi, ce n’è davvero per tutti i gusti e a te non resta che scegliere. Ti consiglio di valutare la tipologia di dispositivi che userai per guardare i contenuti e considerare il numero di persone del tuo nucleo familiare con le quali, eventualmente, condividerai questo servizio. Giusto per farti un esempio, non ha senso sottoscrivere un abbonamento Premium se siete soltanto in due a utilizzare questo servizio e non avete dispositivi che supportano l’UltraHD.

Come pagare Netflix

Come pagare Netflix

Hai scelto il tipo di abbonamento più adatto alle tue esigenze e adesso non vedi l’ora di sapere come pagare Netflix per concludere il tutto? Prepara la tua carta di credito oppure uno dei tanti altri metodi di pagamento supportati e mettiti comodo, perché sto per spiegarti come procedere nel dettaglio. Seguendo i miei consigli riuscirai ad abbonarti in pochi minuti!

Prima di continuare, lascia che ti indichi le modalità di rinnovo del servizio. Sappi, innanzitutto, che puoi disattivare e riattivare l’abbonamento a Netflix in qualsiasi momento. Se, per esempio, ti abboni nel mese di ottobre ma a dicembre vai fuori per lavoro e resti fuori tre mesi, puoi disattivare in pochi secondi il tuo abbonamento e interrompere così il pagamento della quota mensile, senza perdere le tue preferenze e la cronologia di visione (resteranno salvate per dieci mesi). Quando avrai la possibilità di fruire nuovamente di questo servizio, ti basterà un solo clic per attivarlo di nuovo.

Di seguito, ti spiego come pagare Netflix usando tutti i metodi di pagamento e i dispositivi supportati. Non devi far altro che scegliere le soluzioni più adatte alle tue esigenze e mettere in pratica le indicazioni che sto per darti.

Pagare Netflix con carta

Pagare Netflix con carta

I principali metodi di pagamento supportati da Netflix sono: carta di credito o debito, conto PayPal e carta regalo Netflix. Per quanto riguarda questi due ultimi sistemi, te ne parlerò nel dettaglio nei prossimi capitoli. Nei prossimi paragrafi, invece, ti illustrerò come pagare l’abbonamento a Netflix usando le carte di credito e debito.

Le carte supportate sono tutte quelle dei circuiti Visa, MasterCard e American Express, comprese le le carte prepagate (es. Postepay, YAP e HYPE).

Durante la fase di registrazione di un account Netflix, di cui ti ho ampiamente parlato in questa mia guida, completa la procedura d’attivazione dell’abbonamento, scegliendo l’opzione Carta di credito o di debito, tra i metodi di pagamento disponibili.

Nella schermata successiva, compila quindi le informazioni richieste sul metodo di pagamento selezionato, indicando il nome dell’intestatario della carta, il numero della carta, la data di scadenza e il codice di sicurezza.

Fatto ciò, premi sul pulsante rosso che trovi in basso e segui le semplicissime istruzioni a schermo, per finalizzare l’intera procedura d’attivazione: in men che non si dica, sarai finalmente abbonato a Netflix!

Pagare Netflix con PayPal

Pagare Netflix con PayPal

Un altro metodo di pagamento che puoi impiegare per pagare l’abbonamento a Netflix è PayPal. Se non conosci questo servizio, sappi che è un sistema di pagamento che consente di creare un conto virtuale, grazie al quale pagare prodotti e servizi con i soldi presenti nel saldo o utilizzando una carta di credito o un conto bancario collegato.

Se non possiedi un conto PayPal, puoi crearne uno facilmente in pochi clic, direttamente dal suo sito Web ufficiale. Puoi anche seguire le procedure che ti ho indicato in questa mia guida, nel caso in cui dovessi avere dei dubbi su qualche passaggio da effettuare.

Se adesso sei in possesso di un conto PayPal, puoi aggiungerlo facilmente come metodo di pagamento dell’abbonamento a Netflix, direttamente in fase di attivazione del servizio, avendo cura di scegliere l’opzione PayPal nella schermata Imposta pagamento e, poi, di cliccare sul pulsante Continua su PayPal.

Ti verrà dunque richiesto di eseguire l’accesso con il tuo account PayPal e di seguire la breve procedura a schermo tramite la quale confermerai i pagamenti pre-autorizzati che avverranno ogni mese.

Se vuoi aggiungere PayPal come metodo di pagamento, sostituendo quello che hai impostato in fase d’attivazione e creazione dell’account, puoi procedere seguendo i consigli che ti indicherò in un capitolo successivo di questa guida.

Pagare Netflix con carta regalo

Pagare Netflix con codice

Non hai una carta di credito, una prepagata o un conto PayPal? In tal caso, puoi abbonarti a Netflix anche tramite delle carte regalo che possono essere acquistate sia in formato fisico, in tagli da 1525 o 50 euro, che in formato digitale (anche in tagli personalizzati) disponibili su alcuni store online, come Euronics e Startselect.

Dopo aver acquistato una di queste carte, tutto quello che devi fare è avviare la procedura di registrazione su Netflix e, nella schermata Imposta pagamento, scegliere l’opzione Codice regalo Netflix. Inserisci, quindi, il codice PIN di 11 cifre associato alla tua carte nel campo PIN o codice della carte regalo e clicca sul pulsante Riscatta codice regalo.

In alternativa, collegati alla pagina Riscatta il tuo buono regalo del sito di Netflix, inserire il codice della tua carta nel campo Codice o PIN e clicca sul pulsante Riscatta. In entrambi i casi, l’importo della tua carta regalo sarà aggiunto al tuo account e verrà usato (come metodo di pagamento principale) per il pagamento del tuo abbonamento.

Infine, ti segnalo che le carte regalo non hanno scadenza e puoi aggiungerle al tuo account in qualsiasi momento. Per saperne di più, ti lascio alla mia guida su come ricaricare Netflix con carta regalo.

Pagare Netflix con abbonamento telefonico

Immagine di un telefono

Oltre ai “classici” metodi di pagamento che ti ho mostrato nei paragrafi precedenti, devi sapere che alcuni operatori italiani hanno in passato stipulato degli accordi con Netflix per includere l’abbonamento nelle proprie tariffe Internet.

Nel momento in cui scrivo questa guida, l’unica offerta telefonica che include anche Netflix è TIM Super Fibra WiFi TV che consente di navigare su Internet alla velocità massima di 1 Gigabit in download e fino a 100 Mega in upload. Inoltre, comprende le chiamate a 19 centesimi/minuto e 19 centesimi di scatto alla risposta e consente di avere gratis l’opzione Navigazione Sicura e, soprattutto, la certificazione Wi-Fi da parte dei tecnici TIM, a patto che si acconsenta ad acquistare il modem TIM HUB+, che presenta la tecnologia Wi-Fi 6, al costo di 240 euro (da pagare in un’unica soluzione oppure a rate da 5 euro/mese per 48 mesi).

Infine, ti sarà utile sapere che oltre a Netflix, con TIM Super Fibra WiFi TV è possibile vedere i contenuti presenti su Disney+ e TIMVISION Plus tramite il dispositivo TIMVision Box.

In linea generale, però, i principali operatori di telefonia consentono ai clienti idonei di pagare l’abbonamento a Netflix con addebito sul conto telefonico, risultando un grande vantaggio per coloro che non sono pratici con i pagamenti online. Per esempio, con Vodafone, grazie al servizio Vodafone TV, che comprende un set-top box da collegare alla TV, è possibile effettuare l’addebito dei canoni di Netflix sul conto telefonico.

Per una lista delle offerte Fibra che comprendono Vodafone TV, dai un’occhiata qui sotto.

Se vuoi maggior dettagli sulle modalità di fatturazione di Netflix tramite le offerte degli operatori telefonici, consulta le pagine del supporto ufficiale Netflix dedicate alla fatturazione TIM, Vodafone e Wind Tre.

Pagare Netflix con Sky

App Netflix su Sky Q

Se vuoi abbonarti a Sky o sei già un cliente di questo servizio di Pay TV, sarai felice di sapere che puoi richiedere l’attivazione dell’opzione Intrattenimento Plus, che ti consente di guardare Netflix tramite il decoder Sky Q ed effettuare il pagamento dell’abbonamento direttamente sul conto Sky.

Questa opzione ha un costo di 6,99 euro/mese, se sei cliente da più di 3 anni e possiedi Sky Q con il pacchetto Sky Famiglia e Sky Cinema, oppure 9,99 euro/mese per tutti i clienti Sky Q con Sky Famiglia.

Il piano che viene attivato è quello Standard, se sei cliente Sky Q Black e Sky Q Fibra, oppure Premium, se sei un cliente Sky Q Platinum con servizio Sky Q Plus attivo. Per saperne di più su questo servizio offerto da Sky, ti consiglio di consultare questa mia guida dedicata all’argomento.

Come cambiare metodo di pagamento su Netflix

Aggiornare metodo di pagamento su Netflix

Vuoi cambiare il metodo di pagamento che hai impostato su Netflix e/o il tipo di abbonamento che hai sottoscritto? Nulla di più facile. Collegati alla pagina principale di Netflix, effettua l’accesso al tuo account, seleziona il tuo profilo di visione, soffermati con il puntatore del mouse sul tuo avatar, in alto a destra, e seleziona la voce Account dal menu che compare.

Nella nuova pagina aperta, clicca sull’opzione Gestisci dati di pagamento, scegli la voce Cambia metodo di pagamento e seleziona uno dei metodi di pagamento disponibili tra Carta di credito o di debitoPayPalcarta regalo. Se, invece, vuoi modificare il piano del tuo abbonamento, torna nel menu Account e fai clic sulla voce Modifica piano.

Preferisci agire da smartphone o tablet? Se hai un dispositivo Android, avvia l’app ufficiale di Netflix, accedi al tuo account (se non hai impostato l’accesso automatico) e scegli il tuo profilo divisione. Fatto ciò, premi sul pulsante collocato in basso a destra e seleziona la voce Account dalla nuova schermata che visualizzi. Nella nuova pagina aperta, accedi alla sezione Gestisci dati di pagamento, premi sulla voce Cambia metodo di pagamento e seleziona il metodo di pagamento che preferisci.

Se, invece, hai un iPhone/iPad, mi dispiace dirti che dall’app di Netflix non è possibile accedere alla sezione Account e, di conseguenza, non è consentito cambiare il metodo di pagamento. Per farlo, puoi utilizzare il browser installato sul tuo dispositivo (es. Safari) e seguire le indicazioni che ti ho fornito in precedenza.

Gestire l’abbonamento a Netflix

Se sei arrivato a leggere questa parte della mia guida è perché Netflix non ti ha soddisfatto o non è il prodotto che fa per te, dunque vorresti disattivare l’abbonamento e non pagare più il servizio. Beh, niente di più semplice! Puoi procedere sia da computer (anche utilizzando l’app per Windows 10) che da smartphone e tablet.

  • Da browser Web – collegati alla pagina principale di Netflix, effettua l’accesso inserendo il tuo indirizzo email e la tua password. Passa quindi con il cursore del mouse sull’immagine di profilo associata al tuo account (in alto a destra) e, nel menu che compare, clicca sulla voce Account. Premi ora sul pulsante Disdici Abbonamento che trovi a sinistra, poi sul pulsante Conferma disdetta e il gioco è fatto.
  • Da Android/Windows 10 – apri l’app Netflix sul tuo dispositivo, premi sul pulsante e, dal menu che compare, seleziona la voce Account. Attendi che la pagina Web venga caricata, poi scorri verso il basso e fai tap sui pulsanti Disdici Abbonamento e Conferma disdetta. Se, invece, hai un iPhone/iPad, per disdire Netflix è necessario procedere da browser, così come ti ho indicato nelle righe precedenti.

Hai visto? Non è stato difficile. Seguendo i miei consigli, hai imparato a pagare Netflix con tutte le modalità disponibili e a disattivare il tuo abbonamento qualora non ne avessi più bisogno. Se hai ancora dubbi o domande, o necessiti ulteriori chiarimenti, consulta la pagina del supporto ufficiale di Netflix dedicata alla fatturazione.

Ora che hai scoperto come pagare Netflix e che hai finalmente sottoscritto il tuo abbonamento, sono sicuro che hai anche una gran voglia di goderti tutto ciò che questo magnifico servizio può offrirti. A tal proposito, se vuoi indicazioni su come goderti Netflix dal tuo browser o sugli altri dispositivi supportati, ti consiglio una lettura del mio tutorial su come guardare Netflix. Il risultato è garantito, non te ne pentirai.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.