Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero
Settimana del Black Friday
Scopri le migliori offerte dell'Amazon Black Friday 2018. Vedi le offerte Amazon

Come richiamare una mail

di

Cos’è quella faccia disperata? Lasciami indovinare: hai fatto partire un’altra email per sbaglio facendo l’ennesima figuraccia con i tuoi colleghi. È così? Ecco… e allora perché non mi dai retta? Perché non impari a prendere le giuste precauzioni? Come sarebbe a dire che non sai a cosa mi riferisco? Ma ovviamente alla possibilità di richiamare le email dopo averle inviate.

Evidentemente non te ne sei mai accorto, ma molti servizi email e molti client di posta elettronica offrono la possibilità di tornare sui propri passi e annullare l’invio dei messaggi spediti. Abilitando questa funzione, avrai 30 o più secondi entro i quali ripensare sul da farsi e bloccare l’invio dei messaggi che hai spedito per sbaglio o che contengono errori vistosi, che non vuoi far vedere ai tuoi interlocutori.

Coraggio: non perdere altro tempo e, cosa ancora più importante, non rischiare altre figuracce! Prenditi cinque minuti di tempo libero, segui le mie indicazioni e scopri come richiamare una mail usando Gmail, Outlook.com, Mozilla Thunderbird e altri famosi servizi o client di posta elettronica. Ti assicuro che è molto più semplice di quello che immagini. Buona lettura e in bocca al lupo per tutto!

Indice

Come richiamare una mail con Gmail

Come richiamare una mail Gmail

Se utilizzi Gmail, puoi richiamare una mail sfruttando l'apposita funzione disponibile nella versione Web del servizio. Collegati, dunque, alla pagina iniziale di Gmail, effettua l'accesso al tuo account Google (se necessario) e accedi alle impostazioni della casella di posta elettronica facendo clic prima sull'icona dell'ingranaggio (collocata in alto a destra) e poi sulla voce Impostazioni, nel menu che compare sullo schermo.

Nella pagina che si apre, seleziona la scheda Generali, metti il segno di spunta accanto alla voce Abilita Annulla invio e utilizza il menu a tendina collocato accanto alla dicitura Periodo di annullamento dell'invio per specificare il numero di secondi entro i quali poter annullare l'invio di un messaggio (da 5 a 30). Fatto ciò, arriva alla fine della pagina e clicca sul pulsante Salva modifiche per rendere effettive le impostazioni.

Come richiamare una mail su Gmail

Missione compiuta! Da questo momento in poi, potrai annullare l'invio di un messaggio su Gmail semplicemente cliccando sulla voce Annulla presente nel riquadro giallo che compare in alto dopo aver pigiato sul pulsante Invia. L'opzione scomparirà dopo un numero massimo di 30 secondi (cioè dopo il numero di secondi impostato nel menu di configurazione del servizio). Da sottolineare il fatto che non è possibile sfruttare la funzione da client esterni, ma solo dalla versione Web di Gmail.

Da smartphone e tablet

Come richiamare una mail Gmail

Utilizzando l'app di Gmail per Android o iOS, puoi annullare l'invio di un messaggio in maniera leggermente diversa rispetto a quella che abbiamo appena visto insieme per la versione Web del servizio, ma ugualmente efficace.

Se utilizzi un dispositivo Android, ad esempio, non puoi annullare direttamente l'invio di un messaggio, ma puoi attivare le conferma di invio: in questo modo, dopo aver pigiato sul pulsante di inoltro di un'email, dovrai dare una seconda conferma per effettuarne l'invio e quindi potrai evitare invii indesiderati fatti troppo frettolosamente o per sbaglio. Per attivare le conferme di invio in Gmail per Android, avvia l'app ufficiale del servizio, fai tap sull'icona ad hamburger collocata in alto a sinistra e seleziona la voce Impostazioni dalla barra che compare di lato. Successivamente, vai su Impostazioni generali, metti il segno di spunta accanto alla voce Conferma prima di inviare e il gioco è fatto.

Se utilizzi un iPhone o un iPad, puoi annullare l'invio di un messaggio in Gmail semplicemente pigiando sul pulsante Annulla che compare in basso a destra nell'app ufficiale del servizio (dopo l'invio di un'email). Il pulsante scomparirà dopo circa 5 secondi e non c'è modo di attivarne o disattivarne la comparsa dall'interno dell'applicazione.

Come richiamare una mail con Outlook.com

Come richiamare una mail

Anche Outlook.com, il servizio di Web Mail targato Microsoft, offre la possibilità di richiamare una mail dopo averla inviata. Tuttavia, al momento in cui scrivo, questa funzionalità è riservata alla versione classica della piattaforma e non a quella beta, che il colosso di Redmond permette di provare spostando su ON la relativa levetta posizionata in alto a destra nella pagina principale della inbox.

Se, dunque, tu utilizzi la versione beta di Outlook.com e vuoi attivare la funzione per richiamare i messaggi inviati, collegati alla tua casella di posta elettronica, effettua l'accesso (se necessario) e sposta su OFF la levetta Versione beta di Outlook collocata in alto a destra.

A questo punto, fai clic sull'icona dell'ingranaggio collocata in alto a destra nella pagina principale della versione classica di Outlook.com, seleziona la voce Opzioni dal menu che compare e, nella pagina che si apre, utilizza la barra laterale di sinistra per selezionare l'opzione Posta > Annulla invio.

Per concludere, metti il segno di spunta accanto alla voce Consenti annullamento dei messaggi inviati per, usa il menu a tendina collocato sotto quest'ultima per scegliere il lasso di tempo entro il quale annullare l'invio dei messaggi (puoi andare da un minimo di 5 secondi a un massimo di 30 secondi) e clicca sul pulsante Salva che si trova in alto per salvare i cambiamenti.

Missione compiuta! Da questo momento in poi, dopo aver inviato un'email da Outlook.com, potrai annullarne l'invio cliccando sulla voce Annulla invio che comparirà in alto a destra. L'opzione scomparirà dopo il tempo scelto nelle impostazioni del servizio e sarà disponibile solo su Outlook.com, non in client esterni né nelle app mobile di Outlook.

Come richiamare una mail con Outlook

Come richiamare una mail con Outlook

Outlook, il celebre client di posta elettronica per Windows e macOS incluso nel pacchetto Office di Microsoft, offre una funzione per richiamare le email, ma solo a patto che il destinatario delle stesse abbia un account Exchange nella stessa organizzazione. In altre parole è possibile annullare solo i messaggi che sono stati inviati all’interno della propria organizzazione e solo se questi sono diretti a un account di Exchange. Inoltre, i messaggi da ritirare non devono essere stati letti dai rispettivi destinatari. Tutto chiaro? Benissimo, allora vediamo come procedere.

Se vuoi richiamare un messaggio inviato da Outlook, apri il programma, seleziona la cartella Posta inviata dalla barra laterale di sinistra e fai doppio clic sull’email da richiamare. Nella finestra che si apre, seleziona la scheda Messaggio (in alto a sinistra), fai clic sul pulsante Azioni (in alto al centro) e seleziona la voce Richiama il messaggio dal menu che viene visualizzato sullo schermo.

Adesso puoi scegliere se eliminare le copie non lette del messaggio o eliminare le copie non lette e sostituirle con un nuovo messaggio, mettendo il segno di spunta accanto a una delle due opzioni disponibili (scegli la seconda voce se vuoi scrivere un messaggio sostitutivo da inviare al posto di quello richiamato) e clicca sul pulsante OK per procedere.

Nota: il destinatario del messaggio richiamato riceverà una notifica del richiamo nella propria casella di posta elettronica.

Come richiamare una mail con Thunderbird

Come richiamare una mail su Thunderbird

Se utilizzi Thunderbird, il celebre client di posta elettronica prodotto da Mozilla, purtroppo non puoi richiamare le mail come accade su Gmail o Outlook. Tuttavia, puoi installare un’estensione gratuita che permette di abilitare le conferme di invio: in questo modo, prima di inviare un messaggio, dovrai dare conferma e potrai così evitare l’inoltro di email indesiderate.

L’estensione che permette di abilitare le conferme di invio si chiama Invia Dopo (Check and Send in inglese) e puoi scaricarla sul tuo PC collegandoti a questa pagina del sito Mozilla Addons e cliccando sul pulsante Scaricare ora. A download completato, per installare l’add-on, apri Thunderbird, clicca sull’icona ad hamburger collocata in alto a destra e seleziona la voce Componenti aggiuntivi dal menu che compare.

Nella finestra successiva, seleziona l’icona Estensioni dalla barra laterale di sinistra, pigia sull’icona dell’ingranaggio situata in alto a destra, scegli la voce Installa componente aggiuntivo da file dal menu che compare e seleziona il file xpi dell’estensione che hai scaricato in precedenza.

Per finire, clicca su Installa adesso e poi su Riavvia adesso per completare l’installazione di Invia Dopo e riavviare Thunderbird. Al nuovo avvio del programma, ogni volta che proverai a inviare un’email, ti verrà chiesto di confermare l’operazione.

Ti segnalo, inoltre, che recandoti nel menu Estensioni di Thunderbird e selezionando la voce Opzioni collocata accanto al nome di Check and Send puoi scegliere se chiedere le conferme di invio sempre o solo in determinate circostanze (es. se non vengono compilati i campi A: o Cc:). Per eliminare del tutto le conferme di invio, invece, puoi disinstallare l’estensione cliccando sul pulsante Rimuovi collocato accanto al suo nome.

Come richiamare una mail con Mac

Mailbutler

Hai un Mac e utilizzi Mail come client di posta elettronica? In questo caso, puoi attivare la funzione di annullamento delle email inviate tramite Mailbutler: un componente aggiuntivo per il celebre software Apple che si può usare gratis fino a 30 operazioni mensili (oltre ad annullare le email inviate, può anche fornire dei promemoria per gli allegati, rimuovere l’iscrizione dalle mailing list e molto altro ancora) oppure presenta costi a partire da 7,93 euro/mese.

Per creare il tuo account gratuito su Mailbutler, collegati al sito ufficiale del servizio e clicca sul pulsante Try Mailbutler for free. Nella pagina che si apre, compila il modulo che ti viene proposto con email e password da usare per l’accesso (da ripetere nel campo Repeat password), apponi il segno di spunta accanto all’opzione Accept Terms & Conditions e pigia sul bottone Create account.

Mailbutler

Ti verrà inviato un messaggio di conferma via email: aprilo e verifica la tua identità cliccando sul pulsante Confirm email address, dopodiché accedi alla dashboard di Mailbutler, clicca sul tuo nome in alto a destra e seleziona la voce Preferences dal menu che compare sullo schermo.

Nella pagina che si apre, seleziona la voce General dalla barra laterale di sinistra, metti il segno di spunta accanto all’opzione Enable undo send e usa il menu a tendina adiacente per scegliere il numero di secondi entro i quali rendere possibile l’annullamento degli invii ( puoi impostare un massimo di 60 secondi). Infine, clicca sul pulsante Save che si trova in fondo alla pagina per salvare i cambiamenti.

Mailbutler

Ora devi installare l’applicazione di Mailbutler sul tuo Mac (con relativo plugin per Mail). Collegati, dunque, a questa pagina di Mailbutler e clicca sul pulsante di download dedicato ad Apple Mail. A scaricamento completato, apri il pacchetto zip che contiene il programma, trascina quest’ultimo nella cartella Applicazioni di macOS e avvialo facendo doppio clic sulla sua icona (in alternativa, puoi scaricare Mailbutler dal Mac App Store). Una volta avviato il client di Mailbutler, clicca su Apri, poi su Quit Mail (per installare il plugin in Mail), effettua l’accesso al tuo account Mailbutler e riavvia Mail.

A questo punto dovresti essere in grado di richiamare un messaggio di posta elettronica semplicemente pigiando sull’apposito pulsante (Undo send) che compare nel box visualizzato in alto a destra dopo l’invio di un’email.

In caso di ripensamenti, potrai disinstallare il plugin di Mailbutler per Mail cliccando sull’icona di Mailbutler presente nella barra dei menu (accanto all’orologio di sistema), pigiando sull’icona dell’ingranaggio situata in fondo al menu che viene visualizzato su schermo e selezionando, infine, l’opzione Uninstall Mail plugin.