Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come trasferire file pesanti

di

Nella maggior parte dei casi, quando risulta necessario trasferire file ad amici, parenti o colleghi è possibile inviare il tutto tramite email, sotto forma di allegati. Tuttavia se di recente hai riscontrato qualche problema nell’effettuare tale procedura molto probabilmente è perché hai la necessità di trasferire file pesanti. Se le cose stanno effettivamente così e al momento sei ancora alla ricerca di una valida soluzione al tuo problema, ti suggerisco di soffermarti sull’attenta lettura di questa guida e di mettere in pratica le indicazioni che sto per fornirti.

Per riuscire nel tuo intento e, dunque, trasferire file pesanti, puoi ricorrere a uno o più servizi adibiti allo scopo. Difatti, con il passare del tempo, sono state rese disponibili sempre più risorse online grazie alle quali inviare file di grandi dimensioni in maniera semplice e anche veloce.

Se è quindi tua intenzione scoprire che cosa bisogna fare per riuscire a trasferire file pesanti, ti invito a prenderti qualche minuto di tempo libero e a dedicarti alla lettura di questa guida. Sicuramente, alla fine, sarai riuscito a risolvere il tuo problema e potrai dirti più che soddisfatto. Scommettiamo?

Indice

Come trasferire file pesanti gratis

In Rete, esistono numerose piattaforme che consentono di trasferire file pesanti gratis in modo semplicissimo: basta caricare il file sul server e distribuire il link di download ai destinatari. Di seguito ti elenco quelli che, a mio avviso, sono i migliori servizi di questo tipo.

WeTransfer

Come trasferire file pesanti gratis

Un ottimo servizio dedicato al trasferimento dei file pesanti è WeTransfer: di base, si tratta di un portale gratuito, che non richiede alcuna registrazione, sul quale è possibile caricare file (o insiemi di file) della dimensione massima di 2 GB. I file restano sul server per un massimo di una settimana, trascorsa la quale vengono eliminati.

Per bypassare queste limitazioni e aggiungere altre funzioni al servizio (ad es. la possibilità di ricondividere vecchi file o di visualizzare chi ne ha effettuato il download), è invece necessario abbonarsi alla versione Pro del servizio, che costa 12€ al mese. Essa consente, tra le altre cose, di ampliare il limite di download a un massimo di 20 GB e di disporre di 1 TB di spazio d’archiviazione.

Se ti interessa utilizzare WeTransfer, dopo esserti collegato al suo sito Web, clicca sul pulsante Accetto e, se necessario, clicca sul pulsante Portami alla versione Free per accedere alla versione gratuita del servizio. Giunto alla pagina successiva, clicca sul pulsante (+) collocato alla dicitura Aggiungi file, se intendi caricare un singolo contenuto, oppure scegli il link seleziona una cartella per avviare l’upload di un’intera directory.

Quando hai finito, clicca sul pulsante (…) collocato in basso a sinistra e apponi il segno di spunta accanto alla voce Ottieni il link di trasferimento. Se hai scelto di abbonarti a un piano Pro, puoi usare questa schermata per impostare la durata del file (che, nella versione gratuita, è pari a 1 settimana), oppure per specificare una password d’accesso.

Per concludere, clicca sul pulsante Ottieni un link e il gioco è fatto! Dopo qualche istante, dovresti visualizzare un link di download, che puoi usare per scaricare, o far scaricare, il file. Per copiare il link ricevuto, utilizza l’apposito pulsante che trovi su schermo.

MEGA

Come trasferire file pesanti gratis

Anche MEGA è un ottimo servizio dedicato all’upload e alla distribuzione di file di grandi dimensioni, con un occhio di riguardo verso la privacy e la cifratura dei dati. Si tratta di un portale utilizzabile gratuitamente previa registrazione, la quale dà diritto, inoltre, a ben 50 GB di spazio di archiviazione. Se si opta invece per un account Pro, con prezzi che partono da 4,99€/mese, è possibile ampliare lo spazio a disposizione (insieme alla banda di download).

Per utilizzarlo, collegati al sito Web del servizio, clicca sul pulsante Crea un account che si trova in alto e compila il modulo proposto con le informazioni richieste: nome, cognome, email e password. Infine, apponi il segno di spunta accanto alle caselle Capisco che se perdo la mia password, potrei perdere i miei datiSono d’accordo con i Termini di Servizio MEGA e, quando hai finito, clicca sul pulsante Crea un account, per passare allo step successivo.

Ora, apri il messaggio di posta elettronica che dovresti aver intanto ricevuto da MEGA, clicca sul pulsante Verifica la mia email contenuto al suo interno e, per concludere, conferma il tuo account digitando il tuo indirizzo di posta elettronica e la password specificata in precedenza.

A login ultimato, indica di voler usare la versione free del servizio cliccando sull’apposito riquadro, clicca dunque sulla voce Salta questo step per evitare l’installazione del programma desktop e attendi che la procedura di creazione dell’account venga ultimata (potrebbero volerci alcuni minuti). Se lo ritieni opportuni, clicca sul pulsante Chiave di recupero, per scaricare un file di testo contenente la chiave da usare in caso di smarrimento della password (che, altrimenti, non potrà essere recuperata), da conservare in un luogo sicuro.

Finalmente ci siamo! Giunto alla schermata principale del servizio, utilizza i pulsanti situati in alto per effettuare l’upload di una nuova cartella o di un nuovo file. Concluso il caricamento, fai clic destro sull’icona del file appena aggiunto e seleziona la voce Ottieni link annessa al menu contestuale che ti viene proposto, in modo da generare un link mediante il quale scaricare il file. Se previsto, clicca sul bottone Accetto, per confermare la presa visione delle normative in termini di copyright. Infine, pigia sul pulsante Copia e condividi il collegamento nella maniera che ritieni più opportuna.

Per maggiori informazioni riguardo le modalità d’impiego di MEGA, ti rimando alla lettura della mia guida dedicata al tema.

Altri servizi per trasferire file pesanti gratis

Altri servizi per trasferire file pesanti gratis

Quelli di cui ti ho parlato finora sono soltanto alcuni dei migliori servizi gratuiti per trasferire file pesanti, ma non sono gli unici: se le soluzioni precedenti non sono riuscite a soddisfarti, puoi prendere in considerazione uno dei portali alternativi che ti propongo di seguito.

  • File Dropper – è un portale di file hosting gratuito che consente di trasferire file dal peso massimo di 5 GB. È gratuito e non necessita di alcuna registrazione per poter essere usato.
  • Dropbox – si tratta di uno dei più longevi servizi di archiviazione cloud, che mette a disposizione degli utenti ben 2 GB di spazio d’archiviazione gratuita (che possono essere espansi a 2 o 3 TB sottoscrivendo un piano Pro, con prezzi che partono da 9,99€/mese). Maggiori info qui.
  • Google Drive – è il servizio cloud di Google, che mette a disposizione ben 15 GB d’archiviazione in forma totalmente gratuita e consente di generare link condivisibili dei file caricati. È possibile aumentare lo spazio a disposizione acquistando uno o più pacchetti a pagamento, con prezzi che partono da 1,99€/mese per 100 GB. Maggiori info qui.

Come trasferire file pesanti via email

Se preferisci trasferire file pesanti via email, sotto forma di allegato, puoi invece valutare l’impiego di uno dei servizi che ti propongo di seguito.

Gmail

Come trasferire file pesanti via email

Non credo che Gmail abbia bisogno di presentazioni: il servizio di posta elettronica messo a disposizione da Google consente di condividere link a file di grandi dimensioni, utilizzando di Google Drive. Chiaramente, affinché il tutto funzioni, è necessario disporre di un account Google: se non lo possiedi, puoi crearlo gratuitamente seguendo queste istruzioni.

Inoltre, ritengo doveroso farti una precisazione: per poter generare il link di download, il file da trasferire viene caricato automaticamente su Google Drive, operazione che va a influire sullo spazio totale a disposizione sul servizio.

Ad ogni modo, per inviare un allegato “pesante” mediante Gmail, collegati per prima cosa alla pagina Web del servizio e, quando richiesto, effettua l’accesso utilizzando le credenziali del tuo account Google.

Ora, clicca sul pulsante Scrivi, per avviare la composizione di un nuovo messaggio, specifica il suo destinatario, l’oggetto e il corpo del messaggio negli appositi campi e clicca sull’icona di Google Drive (quella a forma di triangolo composto da tre barre) posta in basso, in modo da avviare l’inserimento di un allegato di Drive.

Ora, se il file è già presente sullo spazio cloud, non devi fare altro che richiamarlo dalla schermata che ti viene proposta; se, invece, devi procedere con l’upload di un nuovo file, clicca sulla scheda Carica, poi su Seleziona file dal dispositivo e utilizza la schermata che ti viene proposta per scegliere l’allegato di tuo interesse.

Una volta terminata la selezione dei file, assicurati che il pulsante Link di Drive sia selezionato e premi il bottone Carica, per effettuare l’upload dei file e l’inserimento del relativo link come allegato (l’operazione potrebbe durare diverso tempo). Terminato anche questo passaggio, non ti resta che premere sul pulsante Invia per spedire il messaggio di posta elettronica contenente il link al file di tuo interesse. Per approfondire l’uso di Gmail, consulta pure il tutorial specifico che ho dedicato al servizio.

Libero JumboMail

JumboMail

Se possiedi una casella email di Libero, puoi inviare allegati di grosse dimensioni (fino a 2 GB) usufruendo del servizio JumboMail: per farlo, collegati alla home page di Libero Mail, clicca sul pulsante Entra ed effettua l’accesso specificando le credenziali in tuo possesso.

Ora, clicca sull’icona della lettera collocata in alto, in modo da accedere alla tua casella di posta elettronica, quindi clicca sul pulsante Scrivi, poi sulla voce Allega file fino a 2 GB. Passa a JumboMail e componi l’email così come faresti di solito.

Fatto ciò, clicca sulla voce Allega file fino a 2 GB, scegli l’opzione File locale dal menu che ti viene proposto e seleziona il file da inviare mediante la finestra visualizzata a schermo. A upload completato, non ti resta che inviare il messaggio così composto, cliccando sul pulsante Invia con JumboMail. Contento?

Altri servizi per trasferire file pesanti via email

Altri servizi per trasferire file pesanti via email

Come dici? Le soluzioni che ti ho indicato poc’anzi non sono per te soddisfacenti? Allora ti farà piacere sapere che esistono anche altri sistemi per creare allegati pesanti da inviare tramite posta elettronica: di seguito te ne elenco alcuni.

  • Apple Mail Drop – l’applicazione Mail della “mela morsicata” include una specifica funzione che quale consente di inviare allegati con peso fino a 5 GB, che restano disponibili al download per 30 giorni, trascorsi i quali vengono eliminati. Il limite di archiviazione di Mail Drop è di 1 TB e la funzionalità, che si può usare da Mac, iPhone, iPad e iCloud Web, va abilitata dalle Preferenze di Mail. Maggiori info qui.
  • Files2U – è un servizio di posta elettronica che consente di inviare file, il cui peso totale non deve superare i 3 GB, a un massimo di 3 indirizzi email contemporaneamente. È gratuito e non richiede registrazione.
  • Filemail – si tratta di un servizio che consente di inviare, in forma completamente gratuita, allegati dal peso massimo di 30 GB. Nella sua versione gratuita, link di condivisione restano attivi per 7 giorni.

Come trasferire file pesanti da PC a PC

Come trasferire file pesanti da PC a PC

Se hai bisogno di trasferire file pesanti da PC a PC perché, per esempio, vuoi “spostare” il tuo lavoro su un’altra macchina di produzione, ti farà piacere sapere che puoi impiegare uno dei metodi visti poc’anzi per creare il link (o l’email) dal computer dal quale prelevare i file, per poi visitarlo dal PC sul quale intendi archiviarli.

Come dici? Vorresti una soluzione più rapida? In tal caso, ti consiglio di collegare in rete i computer coinvolti: a collegamento effettuato, puoi creare una cartella condivisa sul PC d’origine, nella quale inserire tutti i file che intendi spostare. Fatto ciò, non devi fare altro che spostarti sul PC di destinazione, accedere alla cartella creata poc’anzi e copiare tutto il necessario sul suo disco.

Se non hai la più pallida idea di come creare una rete e come configurare le cartelle condivise, ti invito a dare un’occhiata alla mia guida dedicata alla creazione di una rete domestica, nella quale ti ho fornito tutte le informazioni del caso.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.