Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come velocizzare la connessione dati

di

Ti trovi lontano da casa, stai navigando su Internet e guardando contenuti in streaming grazie alla connessione dati del tuo telefono. L’esperienza di utilizzo, tuttavia, non risulta godibile come avresti sperato e, anzi, noti che tutto, dal caricamento dei contenuti alla visualizzazione delle varie pagine Web procede a rilento con continui intoppi.

L’indicatore in alto sul display, vicino alla batteria, mostra che il tuo telefono riesce a scaricare solo qualche esigua manciata di KB al secondo. Se le cose stanno così, e se me lo permetti, posso aiutarti io a capire come velocizzare la connessione dati del tuo smartphone (o anche del tuo tablet). Ti proporrò in questo tutorial un’ampia varietà di soluzioni e accorgimenti che, in qualche caso, potrebbero veramente aiutarti a tirare fuori il meglio dalla rete dati del tuo dispositivo.

Ti assicuro che si tratta di rimedi veramente semplicissimi e attuabili nel giro di qualche istante. Ti basta seguire attentamente le indicazioni che ti fornirò. Cosa fai ancora lì fermo allora? Non vuoi tornare a navigare su Internet e guardare i tuoi contenuti preferiti in tutta velocità? Mettiti comodo e prosegui con le prossime righe. Ti auguro una buona lettura e ti faccio un grosso in bocca al lupo per tutto!

Indice

Come velocizzare la connessione dati Android

Connessione dati 5G

Nei capitoli che seguiranno andrò ad elencarti varie soluzioni per incrementare la velocità della connessione di rete del tuo smartphone Android. Qualora ti stessi chiedendo anche come velocizzare la connessione dati TIM, come velocizzare la connessione dati Vodafone o quella di qualsiasi altro operatore, non preoccuparti: i suggerimenti che ti fornirò sono validi a prescindere da quale sia il tuo operatore telefonico. Ora, se sei d’accordo, direi di non dilungarci oltre e passare all’azione.

Cambiare tipo di rete

Cambiare connessione dati

Le connessioni dati 4G e, quelle ancora più moderne, 5G permettono di scaricare dati in quantità molto maggiori e più velocemente rispetto alle connessioni 3G. Android, solitamente, imposta come predefinita la rete dati più veloce a cui il tuo dispositivo può avere accesso. Prima di procedere con i prossimi capitoli del tutorial, dunque, accertati innanzitutto che sul tuo smartphone sia effettivamente impostata come predefinita la connessione dati più prestante.

Per fare questo, apri le Impostazioni facendo tap sull’icona dell’ingranaggio che trovi nel menu delle notifiche in alto a destra (puoi richiamare questo menu facendo scorrere il dito verso il basso partendo dal bordo superiore dello schermo), nella Home screen, o nel drawer delle app (il “cassetto virtuale” che puoi visualizzare facendo scorrere verso l’alto il dito partendo dal bordo inferiore o premendo il pulsante bianco con sei puntini al centro, nella parte bassa del Dock).

Premi, quindi, sulla voce Connessioni o Configurazione SIM (a seconda della tua versione di Android), dopodiché fai tap sulla voce Reti mobili e, infine, premi sulla voce Tipo di rete predefinito. Seleziona quindi l’opzione 5G (se presente) o 4G. Come dici? Vorresti sapere come effettuare quest’operazione su un telefono Xiaomi? Ti accontento subito. Apri le Impostazioni (l’icona dell’ingranaggio) come ti ho indicato sopra.

Premi, quindi, sulla voce Schede SIM e reti mobili e fai tap sul nome della tua SIM. Fai tap, quindi, sulla voce Tipo di rete preferita e, infine, premi sulle opzioni Preferisci reti 5G o Preferisci reti 4G. Oltre a quanto detto finora, ti consiglio anche di accertarti che sul tuo dispositivo non siano attive opzioni per il controllo del traffico dati.

Per fare questo premi sulla voce Connessioni o Configurazione SIM, nelle Impostazioni di Android, e premi sulla voce Controllo traffico dati. Disabilita, quindi, tutte le eventuali limitazioni e non impostare alcun tipo di soglia nei campi di compilazione.

Soglia dati connessione

Per fare questo su un telefono Xiaomi, apri il menu delle notifiche scorrendo con il dito verso il basso partendo dal bordo superiore dello schermo, fai tap sulla voce Oggi e Questo mese sotto le icone (e sopra le notifiche nella metà inferiore dello schermo), dopodiché, premi sul pulsante Limite utilizzo dati e, premendo sulla voce Soglia dati mobili, accertati che non sia impostato nessun valore nel campo di compilazione.

Cambiare DNS

1.1.1.1 Faster Internet

Per velocizzare la tua connessione dati puoi modificare i server DNS usati per la “traduzione” degli indirizzi che visiti. Qualora non lo sapessi, i server DNS sono quelli che convertono gli indirizzi delle varie pagine Web visitate (es. aranzulla.it) nelle reali coordinate di queste ultime, che sarebbero dei lunghi indirizzi IP numerici.

Il tuo dispositivo utilizza i server DNS predefiniti dell’operatore e, modificando questi ultimi, la tua connessione potrebbe guadagnarne discretamente in termini di velocità (difatti, usando dei server DNS più veloci da raggiungere, risulteranno ottimizzati anche i tempi di accesso alle risorse consultate online).

Per modificare i server DNS sotto rete Wi-Fi, basta andare nelle impostazioni apposite di Android (come ti ho spiegato nel mio tutorial dedicato); per farlo su rete dati bisogna invece usare un piccolo escamotage e installare un profilo VPN che instradi automaticamente tutte le richieste verso dei server DNS veloci.

L’applicazione che ti consiglio per questo scopo è 1.1.1.1: Faster & Safer Internet, un’app completamente gratuita che, tramite un profilo VPN, ti permette di utilizzare in modo automatico i server DNS di Cloudflare (tra i più rapidi e sicuri attualmente disponibili). Utilizzando quest’app, tuttavia, dovrai rinunciare a utilizzare in contemporanea altri servizi VPN.

Ciò detto, per scaricare l’app di 1.1.1.1, ti basta aprire la pagina ufficiale dell’app sul Play Store di Android (o uno store alternativo se sul tuo telefono non dovessero essere disponibili i servizi Google) e premere sul pulsante Installa.

Una volta completato il download, apri l’applicazione, premi sul pulsante Avanti e fai tap sul pulsante Accetta. A questo punto, premi sull’icona ≡ collocata in alto a destra e, quindi, premi sulla voce 1.1.1.1.

Torna alla schermata principale dell’app e premi sul grande interruttore grigio al centro della pagina. Fai tap sul pulsante Installa profilo VPN e, infine, premi sul pulsante OK (i passaggi in questo frangente possono variare da device a device, comunque basta conferire all’app i permessi necessari a installare il profilo VPN).

Ecco fatto! Controlla subito se noti miglioramenti. Se il tuo dispositivo non ti dovesse permettere di premere sul pulsante OK per attivare l’interruttore, apri le Impostazioni (l’icona dell’ingranaggio) e vai su App > Gestisci App > 1.1.1.1 > Risparmio energetico > Nessuna restrizione, per disattivare le restrizioni dovute al risparmio energetico.

Se l’idea di non poter usare una VPN non ti va a genio, puoi usare dei DNS personalizzati anche solo nel browser, usando Chrome e impostando i server DNS che preferisci nel menu ⋮ > Impostazioni > Privacy e sicurezza > Usa DNS sicuro.

Disattivare o cambiare VPN

VPN

Le VPN (acronimo di Virtual Private Network, cioè reti private virtuali), sono degli strumenti molto utili che permettono di “mascherare” il proprio indirizzo IP, quello che identifica il dispositivo che si utilizza per navigare in Rete, rendendo di fatto privata la connessione, camuffando la propria località geografica ed evitando così tracciamenti, censure e restrizioni regionali.

Ciò, tuttavia, se non si utilizzano server VPN particolarmente prestanti può comportare una riduzione della velocità di connessione dovuta a un innalzamento del ping (ossia lo scarto temporale che si ha tra quanto si contatta una risorsa online e si riceve risposta). Accertati, dunque, che sul tuo dispositivo non sia attiva una VPN lenta.

Per farlo, apri le Impostazioni, (l’icona dell’ingranaggio nell’area notifiche, in Home screen o nel drawer), premi sulla voce Altro e vai su VPN. Premi, dunque, sul nome della VPN in uso e disconnettiti.

Se utilizzi un telefono Xiaomi e non vedi la voce VPN nel menu delle Impostazioni, vai su Impostazioni > Connessione e condivisione > VPN e premi sull’interruttore (se attivo).

Se, così facendo, noti un netto miglioramento delle prestazioni nella navigazione online, significa che usavi dei server VPN lenti. Per mantenere la tua privacy online, puoi dunque provare a cambiare VPN: tra le più affidabili ti consiglio NordVPN (la mia recensione qui) e Surfshark (la mia recensione qui) che sono molto economiche, offrono tantissimi server veloci disseminati in tutto il mondo e cifrano le connessioni in tempo reale.

Cambiare browser

Chrome modalità Lite

Non è da escludere l’ipotesi che parte della lentezza della connessione dati che stai riscontrando sia dovuta al tuo browser di navigazione. Se per navigare utilizzi Chrome, il popolare browser di Google, c’è un’opzione che ti permette di comprimere i dati delle pagine Web per risparmiare tempo in fase di caricamento.

Una volta che hai aperto il browser in questione, fai tap sull’icona dei tre punti verticali, in alto a destra, dopodiché premi sulla voce Impostazioni, scorri la pagina e premi sulla voce Modalità Lite. Infine, premi sull’interruttore in alto a sinistra per attivarlo (se disattivato).

Un altro suggerimento che voglio darti è quello di utilizzare un browser che permetta di comprimere i dati ottimizzando maggiormente i tempi di caricamento: Opera Mini, disponibile sul Play Store e su store alternativi, pre i device senza servizi Google.

Verificare copertura di rete

Opensignal

Quando navighi utilizzando la connessione dati, la velocità di quest’ultima sarà determinata, in buona parte, dalla prossimità del tuo dispositivo alle antenne o i ripetitori del segnale radio telefonico nella tua aerea. C’è un semplice modo per verificare quali sono le antenne radio e i ripetitori che trasmettono il segnale del tuo operatore nella tua area: ti basta utilizzare l’app Test di velocità Opensignal.

Lo strumento è completamente gratuito e semplicissimo da utilizzare. È disponibile sia su Play Store che su store alternativi. Una volta installato, avvialo e autorizza l’accesso alla posizione.

A questo punto, quello che devi fare per controllare la copertura della tua area è premere sul pulsante con il simbolo di un triangolo e andare su Ripetitori. Se dovessi avere problemi con l’applicazione che ti ho appena consigliato, ti invito a dare un’occhiata al mio tutorial su come verificare la copertura degli operatori telefonici in Italia.

Altre soluzioni

Dati in background

Come dici? Le soluzioni che ti ho proposto finora in questa mia guida su come velocizzare la connessione dati del tuo smartphone non hanno avuto l’esito sperato? In tal caso, potresti provare alcuni rimedi all’apparenza più banali ma che potrebbero proprio fare al caso tuo.

Il primo suggerimento è quello classico di spegnere e riaccendere il tuo dispositivo. All’avvio, quest’ultimo eseguirà infatti una nuova ricerca del segnale telefonico utilizzato per la connessione dati e le cose potrebbero dunque migliorare.

Allo stesso modo, potresti provare a estrarre e reinserire la scheda SIM del tuo telefono. Fai quest’operazione con attenzione e avendo cura di spegnere prima il dispositivo (di solito è presente una piccola chiavetta metallica nella confezione dello smartphone che va inserita in un foto laterale dello stesso e premuta dentro per estrarre il carrellino della SIM; per un esempio pratico puoi leggere il mio tutorial su come estrarre la SIM nei device Samsung). Se, pur avendo messo in pratica questi accorgimenti, noti che il tuo telefono impiega ancora troppo tempo a caricare le pagine Web con la connessione dati, cerca di evitare qualsiasi tipo di download e limita l’utilizzo dei dati in background delle varie app.

Per compiere quest’ultima operazione, fai tap sull’icona dell’ingranaggio (le Impostazioni) che trovi in Home screen, nel menu delle notifiche o nel drawer delle app e premi sulla voce Utilizzo dati o Rete dati (a seconda della tua versione di Android). Fai tap, quindi, sul nome delle varie app e premi sull’interruttore accanto alla voce Dati in background (se attivo). Ripeti questi passaggi per tutte le applicazioni.

Se utilizzi un telefono Xiaomi, vai su Impostazioni > App > Gestisci app a questo punto seleziona il nome delle varie app in lista e fai tap sulla voce Limita l’utilizzo dei dati e, infine, premi sulla casella posta accanto alla voce Dati mobili.

Come velocizzare la connessione dati iPhone

Connessione dati iPhone

Ti spiegherò ora come migliorare la connessione dati di un iPhone. Come vedrai a breve, i suggerimenti che andrò a proporti sono del tutto analoghi a quelli che ti ho mostrato nel caso di Android. Non ti prometto “miracoli”, dato che alcuni problemi potrebbero essere dovuti alla scarsa copertura di rete o a qualche malfunzionamento dell’hardware del tuo dispositivo. Ad ogni modo, mettendo in pratica le varie indicazioni riuscirai senz’altro ad ottenere qualche beneficio. Ecco i dettagli.

Cambiare tipo di rete

iPhone

Per prima cosa ti suggerisco di accertarti che sul tuo “melafonino” sia impostata la connessione di rete più veloce disponibile (5G o 4G a seconda del tuo modello). Per fare questo è sufficiente fare tap sull’icona dell’ingranaggio (quella delle Impostazioni) che trovi nella schermata Home o nella Libreria App. Premi, quindi, sulla voce Cellulare e, successivamente, premi sulla voce Opzioni dati cellulare. Fai tap, quindi, sulla voce Voce e dati e seleziona l’opzione 5G Auto o 4G (l’opzione 5G è sconsigliata, in quanto mantiene il 5G sempre attivo e ciò porta a un consumo elevato della batteria) e torna indietro.

Ti invito, inoltre, a controllare che sul tuo telefono non sia attiva la funzione per limitare l’utilizzo della connessione dati. Per fare questo torna alla voce Opzioni dati cellulare che ho nominato sopra e controlla che non sia attivo l’interruttore accanto alla voce Consumo limitato di dati (se così non fosse premi sull’interruttore per disattivarlo). Per altri dettagli su come connettere iPhone alla rete dati guarda qui.

Cambiare DNS

1.1.1.1 iPhone

Come spiegato nel capitolo su Android, per modificare il server DNS predefinito che il tuo telefono utilizza per tradurre gli indirizzi sotto rete dati, devi ricorrere a un’applicazione di terze parti che installi un profilo VPN dedicato.

Il mio consiglio, anche questa volta, è quello di utilizzare l’app gratuita 1.1.1.1: Faster Internet che sfrutta i server DNS rapidi e sicuri di Cloudflare. Per scaricare l’app di cui ti parlo, apri la relativa pagina su App Store, premi sul pulsante Ottieni/Installa, dopodiché, verifica la tua identità con Face ID, Touch ID o password dell’ID Apple (se necessario).

Una volta ultimati questi passaggi, apri l’app, premi sul pulsante Avanti e poi premi sul pulsante Accetta. A questo punto, nella schermata principale, fai tap sull’icona ≡ collocata in alto a destra e premi sulla voce 1.1.1.1.

Ora, non ti resta che tornare alla pagina principale dell’app e premere sul grande interruttore al centro di quest’ultima, per avviare la connessione. Premi sul pulsante Allow alla richiesta di autorizzazione, digita quindi il codice di sblocco del tuo telefono e il gioco è fatto.

Installando il profilo VPN di 1.1.1.1, non potrai usare contemporaneamente altri servizi VPN. Per ovviare al problema, puoi pensare di installare dei profili di configurazione .mobileconfig rilasciati da un fornitore di DNS affidabile (es. NextDNS).

Disattivare o cambiare VPN

VPN

I servizi VPN (Virtual Private Network) permettono di “coprire” l’indirizzo IP del tuo dispositivo rendendo la tua connessione privata ma, in alcuni casi, se non si utilizzano server abbastanza prestanti, più lenta, dato che tendono a fare innalzare il ping.

Su iPhone/iPad, per verificare le VPN attive, vai nel menu Impostazioni > Generali > VPN e rete e disattiva la levetta relativa alla connessione. In alternativa, puoi aprire l’app della VPN che utilizzi e spegnere l’apposito interruttore.

Se disattivando la VPN noti un miglioramento nelle prestazioni nella navigazione online, significa che usavi dei server VPN lenti. Ti consiglio, dunque, di usare un servizio alternativo, come ad esempio NordVPN (la mia recensione qui) o Surfshark (la mia recensione qui).

Cambiare browser

Chrome iPhone

Un rimedio potenzialmente valido alla lentezza di connessione (soprattutto se noti che quest’ultima tende a verificarsi regolarmente quando visiti le pagine Web) potrebbe essere quello di utilizzare un browser diverso da Safari, quello predefinito su iPhone. Generalmente, quest’ultimo strumento è decisamente affidabile e piuttosto immediato nei caricamenti.

Inoltre, su iOS/iPadOS non si può fare tantissimo, visto che tutti i browser usano lo stesso motore di rendering, a causa delle restrizioni imposte dal sistema operativo. Tuttavia, in alcuni casi, i browser alternativi potrebbero riuscire a caricare le pagine più velocemente grazie a una efficace compressione dei dati. Ti invito, dunque, a fare una prova installando qualcuno tra quelli che ti propongo qui sotto.

  • Mozilla Firefox – un vero classico dei browser di navigazione. Firefox è considerato da molti utenti uno dei browser più affidabili. Ti permette di avere accesso immediato ai siti più visitati direttamente dalla homepage e include varie scorciatoie per collegarti a siti particolarmente visitati, come Amazon e Wikipedia.
  • Google Chrome – ad oggi uno dei browser di navigazione più utilizzati. Ha integrato nella barra di ricerca il motore di ricerca Google. Viene aggiornato regolarmente per migliorare le prestazioni e la stabilità generale. Ti offre, inoltre, anche la possibilità di effettuare ricerche vocali senza il bisogno di dover digitare nulla su schermo.
  • Microsoft Edge – il browser di Microsoft è apprezzato per l’interfaccia moderna ed essenziale e le ottime prestazioni generali. Grazie all’integrazione di Bing ti dà la possibilità di effettuare rapidamente ricerche per immagini o con la voce. Inoltre con Edge hai la possibilità di accedere rapidamente con pochi tocchi alla lista dei tuoi preferiti.
  • Opera Touch – ai tratta di un browser decisamente apprezzato per l’interfaccia grafica moderna e la velocità di connessione. Inoltre è ottimizzato per l’uso ad una mano e permette di stabilire connessioni sicure. Dispone di un tasto di azione rapida (sempre visualizzato su schermo) che permette di effettuare ricerche sul Web in modo istantaneo.

Verificare copertura di rete

OpenSignal

Se noti difficoltà nell’utilizzo della connessione dati del tuo dispositivo il problema potrebbe essere dovuto al fattore “esterno” della copertura di rete. Non tutte le aree sono coperte allo stesso modo e, soprattutto, in alcune zone, a volte, sono totalmente assenti antenne e ripetitori che trasmettono il segnale radio telefonico del tuo operatore.

Accertati, dunque, che nella tua area sia disponibile la copertura di rete (in linea di massima, più ti troverai in prossimità di un’antenna o un ripetitore e migliore sarà la tua connessione dati). Per fare questa verifica, puoi tranquillamente utilizzare la stessa comoda app gratuita che ho consigliato nel capitolo su Android: Test di velocità Opensignal.

Per installare l’applicazione sul tuo iPhone collegati a questa pagina dell’App Store, fai tap sul pulsante Ottieni/Installa e, successivamente, verifica la tua identità con Face ID, Touch ID o password dell’ID Apple (se necessario). Al termine dell’installazione, apri l’app, accetta le condizioni d’uso e l’accesso alla posizione.

Per procedere e controllare se le antenne e i ripetitori del tuo gestore telefonico sono presenti nella tua area ti basta, a questo punto, premere sul pulsante con il simbolo del segnaposto e navigare nella mappa che ti viene proposta. Per altri dettagli sulla copertura telefonica in Italia ti consiglio di leggere la guida specifica che ho scritto sull’argomento.

Altre soluzioni

Rimuovere SIM iPhone

Oltre a quanto ti ho detto finora, ci sono altri accorgimenti che puoi adottare da subito per provare a ottenere dei benefici. La prima operazione che ti invito a fare è semplicemente spegnere e riaccendere il tuo dispositivo. Al nuovo avvio, quest’ultimo effettuerà una ricerca automatica del segnale radio telefonico e, quindi, potresti notare dei miglioramenti per quanto riguarda la velocità di connessione.

L’altro tentativo che puoi provare a fare è estrarre e reinserire la scheda SIM del tuo “melafonino”. Per evitare malfunzionamenti e problemi di sorta, prima di effettuare quest’operazione, spegni il telefono e procedi con molta cura inserendo l’estremità della piccola chiavetta metallica (che trovi nella confezione del tuo dispositivo) nel piccolo foro al lato dello stesso.

Qualora dovessi continuare a riscontrare problemi con la connessione dati puoi procedere a limitare l’utilizzo dei dati in background delle varie app installate sul tuo iPhone. Per fare questo, fai tap sull’icona delle Impostazioni (quella con l’ingranaggio che trovi in Home screen o nella Libreria app) e premi sulla voce Cellulare. Scorri, quindi, in basso la pagina e premi sugli interruttori accanto al nome di ogni app (se attivi, altrimenti non premere nulla). Quando navighi su Internet con la connessione dati, inoltre, ti invito a evitare download che potrebbero rallentare quest’ultima.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.