Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Programmi per estrarre file

di

Hai bisogno di estrarre degli archivi compressi in formato ZIP o RAR che hai scaricato da Internet ma non sai quale software usare per riuscirci? Vorresti estrarre dei file ISO, in modo tale da poterne visualizzare il contenuto, ma non hai la più pallida idea di quale programma impiegare per fare ciò? Direi allora che, per tua grande fortuna, sei capitato sulla guida giusta, al momento giusto. Se vuoi, infatti, posso indicarti io le soluzioni di cui hai bisogno.

Ti va’? Sì? Grandioso. Suggerirei allora di non perdere altro tempo in chiacchiere e di cominciare subito a darci da fare. Posizionati bello comodo, prenditi qualche minuto libero soltanto per te e inizia pure a concentrati sull’individuazione dei programmi per estrarre file più adatti alle tue esigenze, che ho provveduto a segnalarti proprio qui di seguito.

Nelle righe successive, infatti, trovi elencate ed esplicate quelle che, a mio modesto avviso, rappresentano le migliori soluzioni di questo tipo, sia per quel che concerne Windows che per quanto riguarda macOS. Puoi servirtene sia per estrarre archivi compressi che file immagine. Ad ogni modo, non temere, non dovrai fare nulla di particolarmente complesso. Allora… che aspetti a provarli?

Indice

Programmi per estrarre file ZIP

Cerchi dei programmi per estrarre file ZIP e non sai a quale soluzione rivolgerti? Allora prova quelli che trovi segnalati proprio qui sotto. Sono disponibili sia per Windows che per macOS e sono anche abbastanza semplici da impiegare, te lo assicuro.

Gestore archivi predefinito di Windows

Gestore archivi compresso predefinito di Windows

Se quello che stai usando è un PC con su installato Windows, la prima soluzione che ti suggerisco di prendere in considerazione per estrarre i file ZIP è il gestore di archivi predefinito già incluso nel sistema operativo, che puoi sfruttare senza dover installare ulteriori programmi per estrarre. È molto semplice da utilizzare e consente anche di creare nuovi file compressi.

Per servirtene, fai clic destro sull’icona file ZIP relativamente al quale ti interessa andare ad agire, scegli l’opzione Estrai tutto dal menu contestuale che si apre e, nella finestra che compare sul desktop, fai clic sul bottone Estrai.

Se il file ZIP è protetto da password, ti verrà inoltre chiesto di digitare quest’ultima, per poter procedere con l’estrazione. Successivamente, i file contenuti nell’archivio compresso verranno estratti nella medesima posizione di quest’ultimo.

In alternativa a come ti indicato poc’anzi, puoi estrarre i file ZIP anche facendoci doppio clic sopra e premendo sul pulsante Estrai tutto situato che trovi nella barra degli strumenti della finestra di Esplora File che si apre.

Ti segnalo che, eventualmente, è anche possibile estrarre soltanto alcuni dei file presenti nell’archivio. Per riuscirci, fai doppio clic sull’archivio ZIP e trascina le icone dei file in esso presenti dalla finestra che si apre alla posizione di output.

Gestore archivi predefinito di macOS

Utility Compressione macOS

Anche su macOS è presente un gestore di archivi compressi predefinito, il quale può essere usato per estrarre i file ZIP (e altri formati di archivi compressi) senza dover installare programmi di terze parti. Lo strumento in questione si chiama Utility Compressione ed è molto semplice da usare.

Per servirtene, ti basta fare doppio clic sull’icona dell’archivio ZIP relativamente al quale ti interessa andare ad agire e i file in esso contenuti saranno immediatamente estratti nella posizione corrente. Tieni presente che se il file ZIP è protetto da password, ti verrà chiesto di digitare quest’ultima per fare in modo che la procedura possa andare a buon fine.

In alternativa a come ti ho già indicato, puoi estrarre gli archivi ZIP anche facendoci clic destro sopra e selezionando la voce Apri dal menu contestuale che compare.

7-Zip (Windows)

7-Zip

Quando si parla di programmi per estrarre file, e più precisamente di soluzioni in grado di intervenire sugli archivi compressi in formato ZIP, è praticamente impossibile non fare il nome di 7-Zip. Nel caso in cui non ne avessi mai sentito parlare, si tratta di un software gratuito, di natura open source e per soli sistemi operativi Windows, grazie al quale è possibile decomprimere tutti i più diffusi formati di archivi compressi (ZIP, 7z, DMG, RAR ecc.). Supporta anche gli archivi protetti da password e quelli multi-volume e permette anche di creare nuovi file compressi.

Per scaricare il programma sul tuo computer, visita il relativo sito Internet e fai clic sul collegamento Download posto nella parte in alto della pagina, in corrispondenza della dicitura 32-bit x86 (se stai usando Windows a 32 bit) oppure 64-bit x64 (se stai usando Windows a 64 bit).

Completata la procedura di download, apri il file .exe ottenuto e, nella finestra che ti viene mostrata sul desktop, fai clic sui pulsanti , Install e Close.

Completato il setup, puoi quindi servirti del programma per estrarre i tuoi file ZIP. Per riuscirci, fai clic destro sull’icona del file compresso relativamente al quale ti interessa andare ad agire e seleziona, dal menu contestuale che ti viene mostrato, prima la voce 7-Zip e poi quella Apri.

Nella finestra che successivamente ti viene mostrata, fai clic sul bottone Estrai, indica la posizione sul tuo computer in cui vuoi salvare i file estratti e clicca sul pulsante OK. Se il file ZIP risulta essere protetto da password, ti verrà altresì chiesto di digitare quest’ultima per poter proseguire.

Oltre che così come ti ho indicato poc’anzi, puoi servirti di 7-Zip per estrarre un file ZIP facendoci clic destro sopra, selezionando la voce 7-Zip dal menu contestuale che ti viene mostrato e scegliendo l’opzione Estrai qui, per estrarre i file nella posizione corrente, oppure quella Estrai i files, per specifica una posizione precisa in cui estrarre i file.

Se, invece, hai necessità di estrarre soltanto alcuni dei file presenti nell’archivio compresso, fai clic destro sull’archivio ZIP di tuo interesse, seleziona la voce 7-Zip dal menu contestuale che si apre e poi quella Apri, dopodiché trascina i file di tuo interesse fuori dalla finestra visualizzata e rilasciali nella posizione che preferisci. In alternava, puoi impostare 7-Zip come programma predefinito per aprire gli archivi compressi sul tuo computer e avere così la possibilità di azionarlo con un semplice doppio clic sul file da estrarre.

Keka (macOS)

Keka

Se stai usando macOS e non reputi soddisfacente il gestore di archivi compressi predefinito, ti suggerisco di affidarti all’uso di Keka. Si tratta di un’applicazione per soli computer Apple che consente di estrarre i file ZIP (anche quelli protetti da password), oltre che i più diffusi formati di archivi compressi (7Z, ZMA, ZIP ecc.), in maniera incredibilmente semplice e veloce: mediante un semplice drag and drop. È gratis, ma sul Mac App Store ne è disponibile una versione a pagamento (costa 3,49 euro) che può essere acquistata per supportare il lavoro degli sviluppatori.

Per scaricare Keka gratis sul tuo Mac, visita il sito Internet del programma e clicca sul pulsante Scarica vx.x.xx. Completata la procedura di download, apri il pacchetto .dmg ottenuto e trascina l’icona di Keka nella cartella Applicazioni di macOS. In seguito, fai clic destro su di essa e seleziona la voce Apri dal menu contestuale, in modo tale da da aprire il software andando ad aggirare le limitazioni imposte da Apple verso gli sviluppatori non certificati (operazione che va eseguita solo al primo avvio).

Ora che visualizzi la finestra di Keka sulla scrivania, trascinaci sopra l’icona del file ZIP che desideri estrarre, rilasciandolo in corrispondenza della dicitura Rilascia qui per estrarre. A procedura di estrazione ultimata, il contenuto dell’archivio verrà salvato nella stessa posizione del file ZIP d’origine. Tieni presente che se l’archivio compresso che intendi estrarre è protetto da password, ti verrà chiesto di digitare quest’ultima per proseguire.

In alternativa a come ti ho appena indicato, puoi estrarre un archivio ZIP con Keka facendo clic destro sul file, selezionando la voce Apri con dal menu contestuale che compare e scegliendo da quest’ultimo il nome del programma. In alternava, puoi impostare Keka come programma predefinito per aprire gli archivi compressi sul tuo computer e ottenere la possibilità di azionarlo con un semplice doppio clic sul file da estrarre.

Programmi per estrarre file RAR

Passiamo ora ai programmi per estrarre file RAR, un altro formato ampiamente usato per quel che concerne gli archivi compressi. Per scoprire quali sono i più interessanti software di questo tipo, sia per Windows che per macOS, prosegui pure nella lettura.

7-Zip (Windows)

7-Zip

Se stai usando Windows, ti segnalo innanzitutto che anche per estrarre gli archivi compressi in formato RAR puoi usare 7-Zip, il software di cui ti ho parlato nelle righe precedenti. Il funzionamento per quel che concerne l’estrazione degli archivi RAR è praticamente lo stesso di quello che ti ho già illustrato nel passo dedicato agli archivi in formato ZIP.

WinRAR (Windows)

WinRAR

È davvero difficile non conoscerlo: WinRAR è il programma ufficiale per estrarre file e gestire gli archivi compressi in formato RAR, ma supporta anche i file ZIP e tantissimi altri archivi, anche quelli autoestraenti e/o protetti da password. Viene distribuito come trialware, per cui si può scaricare gratis e a ogni avvio mostra un avviso che invita ad acquistarne una licenza entro 40 giorni. Trascorso tale arco di tempo, in realtà, il software continua a funzionare, ma mostra gli inviti all’acquisto in maniera più insistente e non consente di sfruttare delle funzioni avanzate (es. la crittografia sicura con logaritmo AES-256-bit per gli archivi da creare).

Per scaricare WinRAR sul tuo computer, visita il sito Internet del programma e fai clic sul pulsante Preleva che trovi in corrispondenza della voce WinRAR per Windows Xp/2003/Vista/2008/7/8/10 a 64 bit (se usi una versione di Windows a 64 bit) oppure della dicitura WinRAR per Windows Xp/2003/Vista/2008/7/8/10 a 32 bit (se usi Windows a 32 bit).

Completata la procedura di download, apri il file .exe ottenuto e, nella finestra che ti viene mostrata sul desktop, fai clic sui pulsanti , Installa, OK e Chiudi, per concludere il setup.

A setup ultimato, per estrarre l’archivio RAR di tuo interesse, fai clic destro sulla relativa icona e seleziona la voce Estrai file dal menu contestuale che ti viene mostrato. Nella finestra che in seguito compare sulla scrivania, specifica la posizione di output nel campo in alto, indica la modalità di aggiornamento e di sovrascrittura e fai clic sul bottone OK posto in basso. Se l’archivio è protetto da password, dovrai altresì provvedere a digitare quest’ultima nel campo dedicato.

Se, invece, preferisci estrarre gli elementi presenti nell’archivio RAR direttamente nella posizione corrente, fai clic destro sul file di tuo interesse e seleziona la voce Estrai qui, mentre se desideri visualizzare il contenuto dell’archivio senza estrarlo, puoi riuscirci selezionando l’opzione Apri con WinRAR che trovi sempre nel menu contestuale visibile dopo aver fatto clic destro sul file. Eventualmente, puoi anche estrarre l’archivio in una cartella con lo stesso nome, facendo clic destro sul file e scegliendo l’opzione Estrai i file in [nome archivio] dal menu. Inoltre, per aprire i file con WinRAR al doppio clic, puoi impostarlo come programma predefinito sul tuo PC.

Keka (macOS)

Keka

Keka, il programma per estrarre archivi compressi specifico per macOS che ti ho segnalato nelle righe precedenti relativamente ai file in formato ZIP, può essere usato anche per estrarre gli archivi RAR. Per servirtene per lo scopo in questione, non devi far altro che attenerti alle indicazioni che ti ho già fornito nel passo dedicato agli archivi in formato ZIP, non cambia assolutamente nulla.

Programmi per estrarre file ISO

Adesso ti segnalo quelli che sono i migliori programmi per estrarre file ISO presenti su piazza, sia per quanto riguarda Windows che macOS. Li trovi qui di seguito. Individua quello che ritieni possa fare maggiormente al caso tuo e usalo subito.

7-Zip (Windows)

7-Zip

7-Zip, il software per estrarre file ZIP di cui ti ho parlato nel passo presente a inizio guida, può essere sfruttato anche per estrarre i file in formato ISO. Per servirtene per compiere quest’operazione, dopo aver installato il programma come ti ho già spiegato, devi preoccuparti di associare il formato ISO a 7-Zip, per far sì che i file immagine di CD e DVD si aprano automaticamente con esso

Per fare ciò, apri 7-Zip File Manager cercandolo nel menu Start e seleziona, nella finestra che ti viene mostrata sul desktop, il menu Strumenti, dopodiché fai clic sulla voce Opzioni, in modo tale da accedere al pannello con le impostazioni del programma. Seleziona, dunque, il formato ISO facendo clic su di esso e poi fai clic sui pulsanti Applica e OK per salvare i cambiamenti.

Successivamente, potrai aprire il file ISO di tuo interesse semplicemente facendo doppio clic sulla sua icona. Il contenuto del file immagine risulterà quindi visibile in una nuova finestra sul desktop. Tutto qui!

DIskImageMounter (macOS)

DIM

macOS include l’utility DiskImageMounter, che permette di aprire i file ISO e di montarli in drive virtuali, con un semplice doppio clic sulla loro icona (o usando il menu Apri con). Per estrarre i file, basta trascinarli dalla finestra in cui sono in origine.

Anche Keka, il software per macOS di cui ti ho parlato a inizio guida, relativamente ai programmi per estrarre file ZIP, può essere sfruttato per estrarre i file in formato ISO. Per servirtene per lo scopo in oggetto, devi attenerti alle indicazioni che ti ho già fornito nel passo dedicato agli archivi in formato ZIP, le operazioni da compiere sono sempre le stesse. In ogni caso, sappi che puoi

Programmi per montare file ISO

Montare ISO su Windows

Se ciò che stavi cercando non erano dei software utili per estrarre i file immagine, ma dei programmi per montare file ISO, creando dei drive virtuali, le soluzioni alle quali devi appellarti sono differenti da quelle che ti ho indicato nelle righe precedenti. Gli strumenti a cui, in tal caso, devi fare riferimento, infatti, sono quelli che ho provveduto a segnalarti nel mio tutorial specifico sull’argomento.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.