Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

TIM modulo disdetta

di

Hai sottoscritto un abbonamento TIM con smartphone incluso, vorresti disdirlo ma non sai bene come procedere? Vuoi disattivare una SIM TIM ricaricabile ma non sai come richiedere la restituzione del credito residuo? Hai deciso di passare ad un altro operatore telefonico per la tua linea di casa ma non sai come fare la diretta? Se la risposta è affermativa, sono ben lieto di comunicarti che sei capitato nel posto giusto al momento giusto. Con la guida di oggi provvederò infatti ad indicarti, passo dopo passo, come ottenere il modulo disdetta TIM e come fare per recapitarlo a chi di dovere.

Di seguito trovi indicati i link per scaricare il modulo disdetta TIM per i piani in abbonamento, le offerte ricaricabili e per la linea fissa, con le istruzioni per compilarlo e farlo arrivare a destinazione nei tempi giusti. Sostanzialmente dovrai scaricare un documento PDF da Internet, compilarlo adeguatamente con i dati dell’intestatario del contratto telefonico e spedire il tutto all’indirizzo indicato secondo le varie modalità disponibili.

Se sei quindi effettivamente interessato a saperne di più, ti suggerisco di prenderti qualche minuto di tempo libero, di metterti ben comodo e di concentrarti sulla lettura delle indicazioni che trovi qui sotto. Sono sicuro che alla fine potrai dirti più che soddisfatto e che in caso di necessità sarai anche pronto e ben disponibile a fornire tutte le spiegazioni del caso ai tuoi amici bisognosi di ricevere una dritta analoga.

Indice

TIM: modulo disdetta Internet

Modem TIM

Iniziamo questa disamina vedendo il modulo disdetta Internet di TIM per quanto concerne la linea fissa. Prima di procedere, ti raccomando di leggere le condizioni generali di contratto, la pagina relativa alla trasparenza tariffaria di TIM e quella relativa alla restituzione delle apparecchiature.

La cosa varia da contratto a contratto, ma in linea generale si è tenuti al pagamento di un costo di disattivazione che può ammontare a 30 euro in caso di cessazione della linea e a 5 euro in caso di passaggio verso un altro gestore (la disattivazione è gratis solo se si effettua entro i primi 14 giorni dalla stipula del contratto e solo se l’offerta è stata sottoscritta telefonicamente oppure online).

Per quanto concerne la restituzione delle apparecchiature, invece, solitamente bisogna effettuarla entro 30 giorni dall’avvenuta disdetta.

Ripensamento entro 14 giorni

Modulo recesso 14 giorni TIM

Se il tuo abbonamento è in vigore da meno di 14 giorni, puoi fare disdetta senza dover sostenere alcun costo usufruendo del “diritto di ripensamento” previsto dalla legge. Per usufruire di questa possibilità, è però indispensabile che il tuo contratto con TIM sia stato stipulato a distanza o, comunque, al di fuori dei locali commerciali dell’azienda.

Se rispetti tutti i requisiti, recati su questa pagina presente sul sito di TIM, clicca sul pulsante Vedi tutti (nella sezione Fisso) e poi clicca sul bottone Scarica annesso alla dicitura Modulo di recesso da attivazione nuova linea (ripensamento entro 14 giorni), Modulo di recesso da attivazione linea per passaggio da altro operatore (ripensamento entro 14 giorni) o Modulo di recesso da attivazione offerta/servizio (ripensamento entro 14 giorni) (a seconda della modalità con cui hai sottoscritto l’offerta).

Dopodiché clicca sull’icona del floppy disk o su quella della freccia rivolta verso il basso, così da avviare il download del modulo. Infine, compilalo in ogni sua parte, firmalo e spediscilo (allegando una copia di un tuo documento di identità valido) all’indirizzo e-mail documenti187@telecomitalia.it.

Come ti ho già accennato, nel caso dell’invio del modulo disdetta TIM entro 14 giorni dall’attivazione della linea non dovrai sostenere alcun costo ma, chiaramente, dovrai provvedere a restituire eventuali apparecchi ricevuti in comodato d’uso dall’operatore. Per ulteriori dettagli, puoi consultare la pagina Web annessa al sito Internet di TIM dedicata alla restituzione dei prodotti che ti ho indicato nelle righe precedenti.

Cessazione della linea

Modulo recesso cessazione linea TIM

Se vuoi ottenere il modulo disdetta TIM per cessazione completa della linea, collegati alla sezione dedicata alla modulistica del sito Internet dell’operatore e scarica il modulo corretto.

Provvedi, dunque, a recarti sul sito di TIM, clicca sul pulsante Vedi tutti collocato sotto la voce Fisso e scarica il modulo di recesso più adatto al contratto che hai sottoscritto. Se hai sottoscritto un abbonamento che prevedeva la presenza di un telefono a noleggio, ad esempio, effettua il download del modulo Modulo recesso linea telefonica con telefono a noleggio, altrimenti scegli il Modulo recesso linea telefonica senza telefono a noleggio.

Per effettuare il download di un modulo, clicca sul pulsante Scarica collocato accanto al suo titolo e poi sul primo link cliccare qui presente in fondo alla pagina che si apre. Se il modulo non viene scaricato sul computer ma aperto direttamente nel browser, clicca sull’icona della freccia o su quella del floppy disk per avviarne il download.

Un volta scaricato il modulo, stampalo, compilalo, firmalo e spediscilo (allegando una copia di un tuo documento di identità in corso di validità) tramite raccomandata A/R all’indirizzo TIM Servizio Clienti Residenziali, Casella Postale 111 – 00054 Fiumicino (Roma). La cessazione effettiva della linea dovrebbe avvenire entro 15 giorni.

Passaggio ad altro operatore

TIM modulo disdetta

Se invece vuoi passare a un altro operatore mantenendo il tuo numero, contatta il servizio clienti dell’azienda con la quale desideri sottoscrivere il nuovo contratto telefonico e lascia che sia quest’ultima ad occuparsi della questione. In tal caso, tu non dovrai toccare alcun modulo per fare disdetta con TIM.

Affinché la transizione da un provider all’altro avvenga con successo, dovrai però preoccuparti di comunicare il codice di migrazione che trovi nella bolletta di TIM al tuo nuovo gestore. Nel caso in cui non riuscissi a trovare il codice di migrazione nella bolletta del telefono, prova a contattare il 187 di TIM e chiedi a un operatore di fornirtelo oppure consulta la mia guida su come verificare codice di migrazione.

Secondo i più recenti termini di legge, il passaggio verso il nuovo operatore dovrebbe avvenire entro 10 giorni lavorativi. Durante tale arco di tempo dovresti ricevere anche dei documenti da firmare e spedire nuovamente all’operatore secondo le indicazioni che riceverai da parte del tuo nuovo gestore.

Per maggiori informazioni circa la procedura da seguire per effettuare il passaggio ad un altro operatore, puoi dare un’occhiata alla guida su come cambiare operatore telefonico. Lì trovi illustrati in dettaglio tutti i passaggi da compiere a prescindere dal provider di partenza o destinazione.

Per quanto concerne invece la questione costi e restituzione apparecchiature, valgono le medesime regole della cessazione completa della linea.

TIM: modulo disdetta linea mobile

Passiamo adesso al versante mobile e vediamo come scaricare il modulo necessario per effettuare la disdetta del proprio piano TIM mobile. Trovi tutto spiegato qui sotto.

Abbonamento

Disdire abbonamento TIM

Se hai sottoscritto un abbonamento telefonico TIM e vuoi annullare il contratto, recati sempre nella sezione dedicata ai moduli presente sul sito di TIM e scarica quello relativo alle offerte in abbonamento.

Recati, dunque, sul sito di TIM, clicca sul pulsante Vedi tutti posto sotto la dicitura Clienti con abbonamento (nella sezione Mobile) e poi clicca sul pulsante Scarica situato in corrispondenza della voce Richiesta di cessazione contratto d’Abbonamento oppure Richiesta di disdetta Contratto di Abbonamento e poi fai clic sull’icona della freccia oppure su quella del floppy disk per avviarne il download.

A download completato, stampa il modulo, compilalo, firmalo e invialo via e-mail documenti119@telecomitalia.it (ricordandoti di allegare anche una copia del tuo documento di identità valido).

La pratica verrà presa in esame entro 30 giorni. Quanto ai costi di disattivazione, questi variano a seconda dell’abbonamento sottoscritto. Se nell’offerta è compreso anche l’acquisto di uno smartphone a rate al momento del recesso va saldato l’importo rimanente per il dispositivo. Per maggiori informazioni, puoi consultare la sezione dedicata all’assistenza del sito di TIM.

Ricaricabile

Disdire TIM ricaricabile

Vuoi disattivare una SIM TIM sul quale è attivo un piano ricaricabile e richiedere la restituzione del credito residuo? Nessun problema.

Tanto per cominciare, provvedi a scaricare il modulo per la richiesta di cessazione ed autocertificazione di possesso per utenze prepagate con richiesta di restituzione traffico acquistato e non utilizzato che trovi sul sito ufficiale dell’operatore.

Anche in questo caso, puoi effettuare il download del modulo recandoti sul sito di TIM, cliccando sul pulsante Vedi tutti posto sotto la dicitura Clienti ricaricabile (nella sezione Mobile) e poi clicca sul pulsante Scarica posto in corrispondenza della dicitura Richiesta di cessazione ed autocertificazione di possesso linea. Dopodiché clicca sull’icona della freccia oppure su quella del floppy disk per avviarne lo scaricamento.

A download completato, devi stampare il modulo, compilarlo, firmarlo e inviarlo all’indirizzo e-mail documenti119@telecomitalia.it (allegando anche una copia del tuo documento di identità valido).

Nota: La restituzione del credito prevede un costo standard di 5,00 euro.

TIM: modulo disdetta per decesso

Disdetta TIM per decesso

Sei interessato a sapere quale modulo per la disdetta usare in caso di decesso di un famigliare a cui era intestata una linea TIM? In questo caso sappi che è possibile scaricare un documento apposito dalla sezione moduli del sito di TIM e procedere direttamente da lì.

Recati, quindi, sul sito di TIM, fai clic sul pulsante Vedi tutti posto nella sezione Fisso e scarica il Modulo recesso linea telefonica con telefono a noleggio oppure il Modulo recesso linea telefonica senza telefono a noleggio (dipende dalla tipologia di linea interessata dalla disdetta).

Per scaricare il modulo, fai clic sul pulsante Scarica posto in corrispondenza di quello di tuo interesse e, nella pagina che si apre, fai clic sul secondo link cliccare qui (in fondo). Se il modulo non viene scaricato sul computer, in quanto viene semplicemente aperto nel browser, fai clic sul simbolo della freccia o su quello del floppy disk per effettuarne il download.

Un volta scaricato il modulo, stampalo, compilalo, firmalo e spediscilo, insieme a una fotocopia di un documento di identità valido, all’indirizzo TIM Servizio Clienti Residenziali, Casella Postale 111 – 00054 Fiumicino (Roma).

Per maggiori informazioni su come disdire TIM per decesso, dai un’occhiata alla guida che ho dedicato all’argomento. Spero che possa tornarti utile.

TIM: modulo disdetta business

Persona che usa il computer

Se sei un professionista oppure rappresenti un’azienda e desideri fare la disdetta TIM business, puoi redigere tu stesso un documento in cui indichi i dati della linea e i dati del professionista o dell’impresa a cui è intestata la linea, inviando poi il tutto nelle seguenti modalità.

  • Raccomandata A/R agli indirizzi che seguono: casella postale N. 456 – 00054 Fiumicino (RM) per le utenze di rete fissa e casella postale N. 333 – 00054 Fiumicino (RM) nel caso di utenze di rete mobile.
  • PEC — agli indirizzi telecomitalia@pec.telecomitalia.it per professionisti e partite IVA e agli indirizzi di Posta Elettronica Certificata in uso per le consuete comunicazioni nel caso di medie e grandi aziende, indicando in entrambi i casi il contratto e/o l’offerta da disdire e allegare copia del documento di identità del Rappresentante Legale o del Titolare del contratto.

Per maggiori informazioni in merito alla disdetta di un’utenza business, ti rimando alla guida che ho dedicato all’argomento e ti invito a contattare il numero 191 (per professionisti e partite IVA) oppure il numero 800 191 101 per le medie e grandi aziende.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.