Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come aprire file exe su Mac

di

Hai recentemente acquistato un nuovo Mac e non potresti esserne più contento: le caratteristiche del sistema operativo desktop di Apple ti soddisfano appieno, e ormai riesci a padroneggiare le funzionalità offerte dal nuovo computer senza sforzo alcuno. Proprio qualche giorno fa, però, hai scoperto di dover necessariamente utilizzare un programma progettato per Windows: di norma, questo tipo di applicazione ha estensione .exe, e non è compatibile in modo nativo con il sistema operativo a tua disposizione.

Di quel programma proprio non puoi fare a meno, dunque sei disperatamente alla ricerca di un metodo che ti permetta di aprirlo su macOS, onde evitare l’acquisto di un nuovo computer su cui poter lavorare con Windows. Ebbene, sappi che ti trovi proprio nella guida giusta: di seguito, infatti, ti insegnerò come aprire file exe su Mac illustrandoti tutti i passaggi necessari per eseguirli.

Seguendo le istruzioni che mi appresto a fornirti, imparerai a gestire i file eseguibili di Windows attraverso alcuni programmi adatti allo scopo, creando un “livello intermedio” che permette di utilizzarli anche su Mac; inoltre, ti segnalerò alcune pratiche applicazioni che ti permettono di virtualizzare Windows su Mac, eseguendo una copia completa del sistema operativo Microsoft. Non aver timore, posso garantirti che è molto più semplice a farsi che a dirsi!

Indice

Aprire file exe su Mac: programma

Ci sono molti modi in cui un file con estensione .exe può essere eseguito su un un Mac. A breve ti spiegherò in dettaglio come funzionano alcuni dei più validi programmi che permettono di eseguire Windows su Mac con una virtual machine, così da usare contemporaneamente entrambi i sistemi operativi, senza dover partizionare il disco fisso.

Parallels Desktop

Schermata di avvio di Parallels Desktop

Parallels Desktop è un software estremamente potente, in grado di semplificare oltremodo la creazione di macchine virtuali con Windows, Linux o con lo stesso macOS fornendo prestazioni non pareggiate dalla concorrenza. Se si ha un Mac abbastanza potente, lo si può usare anche per task impegnativi come il gaming. Inoltre propone una procedura guidata molto comoda che si occupa di scaricare, installare e creare una VM con Windows 11.

Al momento in cui scrivo, Parallels Desktop è l’unico software di virtualizzazione per Mac che nella sua versione stabile offre piena compatibilità con i Mac con chip Apple Silicon (es. M1 o M2). Attenzione, però, sebbene sia possibile installare Windows e aprire file exe su Mac M1 ed M2, Parallels — per obblighi tecnici dovuti al tipo di processore montato sui Mac con Apple Silicon — consente solo di eseguire le versioni di Windows per processori ARM, le quali consentono a loro volta di virtualizzare i classici software progettati per processori Intel/AMD: questo doppio passaggio, però, rende le prestazioni generali delle VM con Windows più basse rispetto a quelle che si ottengono sui Mac Intel, e in alcuni casi si verificano errori/problemi nell’installazione di alcuni software, che nonostante l’emulazione interna di Windows non riescono ad essere eseguiti correttamente sui Mac con chip M1, M2 e simili.

Come facilmente intuibile, Parallels Desktop è un programma a pagamento, ma con un periodo di prova gratuito di 14 giorni: al termine dello stesso il costo sarà di 99,99 euro/anno, per l’acquisto di una nuova licenza domestica, o 69,99 euro/anno per aggiornare una licenza scaduta. La versione Parallels Desktop Pro Edition, adatta a sviluppatori e utenti esperti, ha invece un prezzo di 119,99 euro/anno, con la possibilità di acquistare anche la Business Edition a 149,99 euro/anno per l’uso in ambienti di lavoro.

Per attivare la prova gratuita, collegati alla home page di Parallels Desktop e clicca su Scarica la versione di prova gratuita, dunque inserisci il tuo indirizzo email e dai conferma. Apri poi l’email che hai ricevuto e premi sul pulsante Scarica adesso contenuto nella stessa, per scaricare la trial di Parallels. Fatto ciò, non ti resta che aprire il file dmg e avviare l’eseguibile ivi contenuto.

Il tuo Mac ti avviserà con un popup che è un’applicazione scaricata da Internet: clicca su Apri e poi su OK, infine Accetta il contratto di licenza. Fatto ciò l’installazione di Parallels Desktop partirà in automatico e ti chiederà di inserire la tua password di amministratore, poi premi OK e attendi che sia terminata l’inizializzazione del programma.

A questo punto nella nuova schermata fai clic su Avanti, poi su OK per tre volte, per permettere al software di accedere alle cartelle Scrivania, Documenti e Download del tuo computer Mac, e in ultimo su Fine.

Nella finestra successiva, clicca su Installa Windows, per procedere ora all’installazione del sistema operativo Microsoft sulla virtual machine. Per prima cosa, Parallels Desktop procederà a scaricare la tua copia di Windows 11: puoi vedere lo stato di avanzamento del download direttamente dalla finestra del programma, alla fine del quale inizierà la procedura di installazione vera e propria.

In questa fase, fai clic su OK nei due popup che si aprono, i quali permetteranno a Windows 11 l’accesso al microfono e alla webcam del tuo Mac, e aspetta che il processo sia terminato. Quando si aprirà una nuova finestra dove ti viene richiesto di registrarti e accedere a Parallels Desktop: puoi anche evitare la registrazione ed effettuare l’accesso con le credenziali Apple, FaceboOK o Google, poi premi su Avanti e infine Accetto l’informativa sulla privacy dei dati.

Parallels Desktop Schermata di Windows

Ora sei nella finestra principale del programma, dove puoi vedere qual è la data di scadenza della prova gratuita. Per usare Parallels Desktop in prova fai clic su Continua il periodo di valutazione, in basso a destra, e poi su Accetta il contratto di licenza Windows. A questo punto Windows 11 è correttamente installato e aperto sul tuo Mac, ma ti resta un’ultima operazione da compiere per utilizzare appieno il sistema operativo Microsoft.

Nella finestra popup che si è aperta al centro dello schermo, premi su Apri Preferenze di sistema e sarai riportato al sistema operativo macOS: fai clic sul lucchetto in basso a sinistra, inserisci la password di amministratore e premi Sblocca, poi spunta la casella accanto a Parallels Desktop nell’elenco e chiudi le Preferenze di sistema.

La procedura di installazione e configurazione del sistema operativo è terminata e, d’ora in poi, puoi accedervi in qualsiasi momento facendo doppio clic sull’icona Windows 11 che si trova sulla scrivania del tuo Mac: una volta avviato puoi aprire i file exe e installare programmi proprio come faresti sul tuo PC.

Quando stai usando Windows 11 con Parallels Desktop puoi tornare al sistema operativo macOS all’istante semplicemente premendo, nella barra in basso, il simbolo di Windows e poi Arresta il programma.

Altra cosa da sottolineare è che Parallels offre un alto livello di integrazione delle VM con macOS (disattivabile): questo significa che, se vuoi, puoi aprire i file .exe direttamente da macOS con un doppio clic e questi, in automatico, verranno aperti nella virtual machine con Windows. Comodo, vero?

VirtualBox

Schermata di avvio di VirtualBox

Un altro strumento valido e per giunta gratuito (oltre che open source) per aprire file exe su Mac è VirtualBox, soltanto che la versione corrente non è compatibile con i Mac con chip Apple Silicon.

Ciò detto, per procedere con il download del software, collegati alla sua pagina ufficiale e clicca sul link OS X hosts. Dopodiché apri il file dmg ottenuto, lancia il file pkg ivi contenuto e segui le indicazioni su schermo per terminare il setup (ti basta cliccare sempre su avanti e inserire la password del Mac quando richiesto).

Devi poi procurarti una ISO di Windows, da usare per installare il sistema operativo nella tua virtual machine: puoi scoprire come fare leggendo i miei tutorial su come scaricare Windows 11 e come scaricare Windows 10.

Una volta ottenuta la ISO di Windows, apri VirtualBox e preparati a creare la tua macchina virtuale: io ti mostrerò come installare Windows 11, che richiede qualche passaggio in più rispetto a Windows 10. Nella schermata di benvenuto del software, clicca dunque nella barra in alto su Nuova e, nella finestra che si apre, dai il nome che vuoi alla tua macchina virtuale, poi alla voce Version seleziona dal menu a tendina l’opzione più adatta (es. Windows 11 64 bit), quindi premi Continua.

Nella nuova finestra devi scegliere quanta RAM vuoi che Windows utilizzi, spostando il cursore sulla barra al centro dello schermo e facendo in modo di non posizionarlo mai sulla parte rossa o comprometterai le prestazioni di macOS, destinando troppa memoria a Windows; continua premendo nuovamente su Continua.

VirtualBox : installazione Windows 11

Assicurati ora che sia selezionata l’opzione Crea subito un disco fisso virtuale e fai clic su Crea, successivamente seleziona VDI (Virtual Box Disk Image) e premi Continua. Ora, seleziona Allocato dinamicamente, così che la dimensione del nuovo disco fisso si modifichi automaticamente in base alle esigenze, e di nuovo su Continua.

Sei giunto al momento di impostare la dimensione massima del disco fisso, cioè decidere quanta parte del disco del tuo Mac può utilizzare Windows: puoi fare questo muovendo il cursore sulla barra che vedi nello schermo, ma se non sei pratico lascia le impostazioni di default e premi semplicemente Crea.

Il disco fisso è stato creato e dobbiamo ora installarvi Windows 11 che abbiamo precedentemente scaricato: per prima cosa fai clic su Impostazioni nella schermata iniziale di VirtualBox e nel nuovo popup premi in alto su Archiviazione.

A sinistra della schermata, nella sezione Dispositivi di archiviazione, seleziona Vuoto e poi a destra, nella sezione Attributi, fai clic sull’immagine del disco e dal nuovo menu a tendina seleziona Scegli/Crea un disco ottico virtuale. Si aprirà un nuova finestra dove devi premere in alto Aggiungi e selezionare dal percorso del tuo Mac il file ISO di Windows, che hai scaricato in precedenza, poi clicca su Apri e infine su Scegli, così tornerai nella schermata delle impostazioni dove puoi premere OK.

Sei di nuovo nella schermata principale di VirtualBox, dove devi fare clic in alto a destra sul pulsante con la freccia verde, Avvia: si aprirà la classica finestra di installazione di Windows.

Se stai installando Windows 11 e visualizzi un messaggio di errore che ti dice che “questo PC non può eseguire Windows 11 perché non soddisfa i requisiti richiesti”, assicurati di star usando la versione più recente di VitualBox o, se i problemi persistono, bypassa i problemi di compatibilità disattivando il controllo del TPM da parte di Windows 11 come spiegato qui. Procedi poi cliccando su Avanti e completa l’installazione con l’ausilio delle mie guide su come installare Windows 10 e Windows 11.

Finita l’installazione di Windows, ogni volta che vorrai cambiare sistema operativo sul tuo Mac non dovrai far altro che avviare il programma VirtualBox, selezionare la macchina virtuale a sinistra e premere la freccia verde Avvia: si aprirà una schermata dove puoi tranquillamente lavorare su Windows, quindi aprire e installare file exe sul tuo Mac.

CrossOver

Schermata di avvio CrossOver

Un altro programma, utilissimo per eseguire i file con estensione .exe su Mac, è CrossOver, che supporta nativamente i chip Apple Silicon Si tratta di un programma diverso dagli altri, in quanto non permette di eseguire una virtual machine completa, ma solo le singole applicazioni che vengono installate al suo interno. È a pagamento, però accorda una prova gratuita di 15 giorni (dopo la quale il costo della licenza è di 74 euro/anno o 484 euro/a vita).

CrossOver non richiede alcuna installazione completa del sistema operativo Microsoft, ma è in grado di comunque di aprire i file exe e le applicazioni compatibili con Windows 10 a 64 bit. Per attivare la prova gratuita basta collegarsi alla home page del programma e cliccare su Free Trial, qui inserire nome e indirizzo email e cliccare su Download Trial Now per scaricare il file.

Dopo aver fatto ciò, avvia semplicemente il programma con doppio clic sul file scaricato, premi Apri e poi Sposta nella cartella applicazioni; nella piccola finestra popup che si apre clicca Prova Ora per avviare CrossOver.

Per aprire un applicazione Windows precedentemente scaricata sul Mac, fai clic nella schermata d’inizio di CrossOver su Installa un’applicazione non elencata e successivamente sul bottone Modifica -.. in corrispondenza della scritta Sarà necessario fornire il file o il disco di installazione — poi seleziona il file exe da aprire e vai su Scegli Installatore.

Dove leggi Sarà necessario selezionare una bottiglia, premi sempre sul pulsante corrispondente Modifica, scegli un nome a piacere e fai clic su Fatto, poi sul bottone blu in alto a destra Installa. A questo punto CrossOver eseguirà la schermata di installazione del software scelto, terminata la procedure l’applicazione sarà sempre eseguibile dal menu a sinistra nella schermata iniziale della virtual machine, con un semplice doppio clic.

Altri programmi per aprire file exe su Mac

WineBottler schermata di avvio

Oltre ai programmi che ti ho appena descritto in dettaglio ci sono altre soluzioni che puoi utilizzare per aprire un file exe su Mac ed eseguire Windows. Ti segnalo perciò altri software utili e altrettanto validi a questo scopo.

  • Boot Camp — si tratta di una soluzione integrata sui Mac con chip Intel che permette, attraverso una procedura guidata, di dividere il disco fisso in due partizioni e installare su una Windows e sull’altra macOS. Tale opzione è però stata eliminata sui computer dotati di un processore Apple Silicon, che richiedono per forza l’utilizzo di una macchina virtuale. Maggiori info qui.
  • VMware Fusion Player — ottimo software di virtualizzazione free per Mac. Nel momento in cui scrivo, non supporta i chip Apple Silicon, ma nella beta della versione a pagamento il supporto è stato introdotto, quindi dovrebbe essere solo questione di tempo.
  • WineBottler — un software gratuito e facilissimo da usare che può eseguire molti file con estensione .exe, senza la necessità di dover installare l’intero sistema operativo Windows.

Come aprire file exe su Mac online

TeamViewer schermata download

Se sei alla ricerca di un tutorial che ti insegni come aprire i file exe su Mac online, devi sapere che purtroppo non esistono macchine virtuali online con prezzi ragionevoli lato consumer; tuttavia, se hai un PC con Windows puoi comandarlo dal tuo Mac, anche da remoto, utilizzando soluzioni di desktop remoto come il celebre TeamViewer, di cui ti ho parlato nel tutorial appena linkato.

Se, invece, hai dei file exe “sospetti” e vuoi verificarne l’integrità dal tuo Mac perché devi trasferirli su un PC Windows, puoi eseguire una scansione antivirus online con soluzioni quali VirusTotal, di cui ti ho parlato nella guida appena linkata.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.