Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come bloccare notifiche indesiderate

di

Con l’avvento dell’era di Internet, ci siamo ritrovati in un mondo altamente interconnesso, spesso più di quanto avremmo mai potuto immaginare. Oltre agli indubbi vantaggi, ti sarai sorpreso più volte, però, a notare quanto l’essere a distanza di clic possa essere, talvolta, anche controproducente. Hai capito bene, sto parlando proprio delle notifiche indesiderate! Essere facilmente raggiungibili significa ricevere un’infinità di segnali acustici e/o visivi sul computer, sullo smartphone, sul tablet, dovendoli spesso poi gestire in contemporanea a quello che stavi già facendo. E se invece ti spiegassi come bloccare le notifiche indesiderate, liberando la tua mente e il tuo schermo? Sarebbe sicuramente un’occasione da non perdere, non credi?

Ebbene sì, fortunatamente esiste un modo per interrompere il flusso incontrollato di notifiche non richieste, praticamente per ognuno dei dispositivi che possiedi: devi solo scoprire come applicarlo, leggendo attentamente la seguente guida. Nel caso, ad esempio, che tu possieda un PC Windows o un Mac, esiste una modalità definita "Non disturbare" che consente di sospendere momentaneamente le notifiche, permettendoti di focalizzarti su ciò che ritieni più opportuno. Se invece sei annoiato e distratto dalle notifiche del tuo browser Web, anche a quello c’è rimedio: stesso dicasi per le miriadi di notifiche che quotidianamente giungono sul tuo cellulare, Android o iPhone che sia.

Ciò detto, ti rassicuro subito sul fatto che le seguenti operazioni sono estremamente semplici e alla portata di tutti: non richiedono particolari competenze tecnologiche o informatiche; anzi, vedrai che le comprenderai senza fare troppi sforzi. Naturalmente, ci vorrà un po’ di tempo prima che queste divengano parte della tua quotidianità ma se le applicherai con costanza, tornerai padrone del tuo tempo e della tua concentrazione in men che non si dica. Molto bene: direi che a questo punto possiamo mettere da parte le chiacchiere e passare all’azione. Ti auguro una buona lettura e ti faccio un grosso in bocca al lupo per tutto quanto!

Indice

Come bloccare notifiche indesiderate su PC

Come bloccare notifiche indesiderate su PC

Come avrai già intuito, a seconda del tipo di computer che utilizzi, cambiano le modalità d’intervento per poter bloccare le notifiche indesiderate. Ad esempio, Windows 10 possiede una funzionalità apposita, definita Assistente notifiche, mentre macOS ha "di serie" la modalità Non disturbare. Adesso ti illustro nel dettaglio come funzionano.

Modalità non disturbare

Assistente notifiche su Windows 10

Il sistema operativo Windows 10 include di default un programma denominato Assistente notifiche (definito Non disturbare nelle versioni precedenti di Windows), il quale consente di configurare e automatizzare la gestione delle notifiche.

Per poterlo abilitare o disabilitare, seleziona l’icona del centro notifiche a forma di vignetta, posizionata sulla barra delle applicazioni, in fondo a destra. Se necessario, clicca sulla dicitura a fondo pagina denominata Espandi, per consentire al resto del menu di comparire: fai clic poi sul riquadro denominato Assistente notifiche. Ogni volta che cliccherai su questo riquadro, potrai modificarne la modalità tra Solo priorità, Solo sveglie o Disattivato.

Eventualmente, puoi modificare le impostazioni di Assistente notifiche anche cliccando sul pulsante Start (l’icona della bandierina collocata nell’angolo in basso a sinistra dello schermo), poi su Impostazioni (l’icona dell’ingranaggio), Sistema, Assistente notifiche, o in alternativa digitando Assistente notifiche nella barra di ricerca in basso a sinistra, accanto al pulsante Start, e selezionando infine Impostazioni Assistente notifiche.

Da qui potrai configurare le stesse impostazioni nominate qui sopra: se clicchi su Disattivato, visualizzerai tutte le notifiche dalle applicazioni e dai contatti; se clicchi su Solo priorità, visualizzerai solo le notifiche selezionate dall’elenco delle priorità (personalizzabile cliccando su link sottostante Personalizza il tuo elenco delle priorità), mentre le altre notifiche passeranno al centro notifiche; mentre cliccando su Solo sveglie nasconderai tutte le notifiche, eccetto le sveglie.

Dallo stesso menu puoi inoltre impostare delle Regole automatiche, ovvero puoi scegliere delle ore in cui non vuoi essere disturbato: momento in cui Assistente notifiche si attiverà in automatico. Maggiori informazioni sono disponibili nella pagina di supporto ufficiale di Microsoft.

Non disturbare su macOS

Anche i Mac ospitano una funzionalità per disattivare le notifiche, denominata Non disturbare. Nel caso in cui avessi bisogno di concentrazione o di sospendere le notifiche sul Mac, puoi facilmente attivarla: una volta avviata, non vedrai né sentirai notifiche in arrivo, poiché verranno reindirizzate al Centro Notifiche, dove potrai visualizzarle con calma in seguito.

Per attivare la suddetta funzione, clicca sull’icona del Centro Notifiche collocata in alto a destra, sulla bara dei menu (quella con le tre linee orizzontali); dopodiché scorri con il mouse verso l’alto, fino a visualizzare l’icona con la luna attenuata, denominata Non disturbare, quindi fai clic sopra alla levetta al suo fianco. Una volta accesa, la luna sarà diventata più scura, segno che l’opzione sarà attiva fino alla mezzanotte del giorno stesso, oppure fino all’ora di disattivazione programmata, o ancora finché non la disattiverai manualmente.

Per programmare Non disturbare, clicca sul menu Apple (quello con il simbolo della mela), in alto a sinistra, poi vai su Preferenze di Sistema > Notifiche > Non disturbare. Qui puoi programmare la funzione per un periodo di tempo limitato, quando il monitor è in stop o, ancora, durante una duplicazione dello schermo su TV o su proiettori. Puoi approfondire l’argomento consultando le linee guida ufficiali sul sito di Apple.

Centro Notifiche su macOS

Gestione notifiche del browser

Gestione notifiche del browser

I browser, ovvero i rinomati programmi utilizzati per la navigazione in Internet, danno la possibilità di poter scegliere se ricevere notifiche o meno, a seconda delle preferenze dell’utente. Adesso analizzerò le modalità per la gestione delle notifiche per ciascuno dei più usati.

  • Google Chrome, il browser Web creato dal motore di ricerca più famoso al mondo, consente un’ampia e diversificata gestione delle notifiche. Una volta aperto, fai clic sul pulsante , in alto a destra, poi vai su Impostazioni > Privacy e sicurezza > Impostazioni sito > Notifiche. Da qui puoi decidere se lasciare la spunta o meno sulla dicitura I siti possono chiedere di inviare notifiche, modificando così le opzioni per tutte le notifiche; bloccare un sito, cliccando sul pulsante Aggiungi posizionato accanto alla dicitura Blocca, inserendo l’indirizzo del sito nel campo apposito e premendo su Aggiungi, o consentire un sito, cliccando sul pulsante Aggiungi collocato accanto alla dicitura Consenti, poi inserendo l’indirizzo del sito e cliccando infine su Aggiungi. In ogni caso, sappi che Chrome ti avvisa in tempo reale quando un sito, un’applicazione o un’estensione vuole inviarti notifiche; se navighi con la modalità in incognito attivata, inoltre, non riceverai invece alcuna notifica di default.
  • Mozilla Firefox, ossia il popolarissimo browser gratuito e open source disponibile per Windows, macOS e Linux, prende molto seriamente in considerazione il funzionamento delle notifiche push. Dopo averlo avviato, fai clic sul pulsante ≡, in alto a destra, quindi vai su Preferenze > Privacy e sicurezza. Scendendo un po’ lungo la pagina che si apre, fai clic sul bottone Impostazioni, a destra della voce Notifiche, nella sezione Permessi. Ti si aprirà una finestra dalla quale potrai scegliere manualmente quale sito Web può inviarti notifiche; se desideri bloccarne uno, selezionalo dall’elenco, poi fai clic su Rimuovi sito web e il gioco è fatto. Per bloccarli tutti, invece, clicca direttamente su Rimuovi tutti i siti web. Per impostazione predefinita, Firefox visualizza la richiesta di notifica di un sito; puoi però impedire nuove richieste di notifiche, mettendo la spunta accanto alla dicitura Blocca nuove richieste di inviare notifiche, quindi cliccando su Salva modifiche.
  • Microsoft Edge, il browser Web concepito da Microsoft e preinstallato su Windows 10, è attualmente disponibile in due versioni: Edge Legacy, cioè la vecchia versione del browser, e il nuovo Edge basato su Chromium, con la stessa tecnologia di Chrome. Entrambi offrono interessanti possibilità di gestione delle notifiche. Se utilizzi la versione Legacy di Edge, premi il pulsante collocato in alto a destra, poi clicca sulla voce Impostazioni, quindi sulla scheda Avanzate posta a sinistra. Premi poi il pulsante Gestisci autorizzazioni, trova il sito Internet che intendi bloccare, clicca sul suo nome e sposta su Disattivato la levetta relativa alla voce Notifiche. Se, invece, usi la versione di Edge basata su Chromium, clicca il pulsante , in alto a destra, quindi sulla voce Impostazioni, poi sulla scheda Autorizzazioni sito collocata a sinistra. Dopodiché premi sul pulsante Notifiche, scegli se lasciare la spunta sulla voce Chiedi prima dell’invio (scelta consigliata, se la disabiliti bloccherai tutte le notifiche); in alternativa, per bloccare un sito alla volta, clicca sulla voce Aggiungi posta a destra della dicitura Blocco, inserisci l’indirizzo del sito Web e poi fai clic su Aggiungi. Ripeti la stessa procedura per consentire a un sito di inviarti notifiche, cliccando sulla voce Aggiungi, situata a destra della dicitura Consenti.
  • Safari, il rinomato browser Web sviluppato da Apple (già preinstallato su tutti i dispositivi della "mela morsicata") fornisce una procedura di gestione delle notifiche davvero molto semplice. Innanzitutto, dopo aver avviato il browser, clicca sul menu Safari, collocato in alto a sinistra, poi seleziona la voce Preferenze… da quest’ultimo e clicca sul bottone Siti Web, posizionato in alto nella finestra che si è appena aperta. Dopo aver fatto ciò, individua la pagina di tuo interesse, nel riquadro dei siti Web che hanno chiesto il permesso di mostrare avvisi in Centro Notifiche, e, dopo averla trovata, usa il menu a tendina relativo ad essa, impostandolo sulla voce Rifiuta. L’effetto sarà immediato. Se lo ritieni necessario, puoi disattivare le richieste d’invio delle notifiche di ogni sito Web, semplicemente togliendo il segno di spunta dalla casella Consenti ai siti web di chiedere il permesso per inviare notifiche.

Come bloccare notifiche indesiderate sul cellulare

Come bloccare notifiche indesiderate sul cellulare

La vita quotidiana è sempre più dominata dagli squilli e dalle vibrazioni dello smartphone, al punto da arrivare a chiedersi come bloccare le notifiche indesiderate sul cellulare. Leggi con attenzione i seguenti capitoli per capire come gestire al meglio il tuo tempo e la tua concentrazione, sia che tu sia un utente Android o un utente di iPhone (o anche iPad).

Come bloccare notifiche indesiderate su Android

Come bloccare notifiche indesiderate su Android

Esistono diversi modi per bloccare le notifiche indesiderate su Android; questi, oltretutto, variano a seconda del dispositivo e della versione del sistema operativo in uso.

Un’opzione comune alla maggior parte dei device in circolazione, alquanto efficace, comporta l’attivazione della modalità Non disturbare: questa permette di disattivare l’audio, bloccare la vibrazione e sospendere le interruzioni visive (ma puoi sempre scegliere cosa bloccare e cosa consentire).

Per attivarla, recati in home screen e richiama il menu delle notifiche, scorrendo verso il basso con un dito partendo dalla parte superiore dello schermo; dopodiché tocca la dicitura Non disturbare. A partire dallo stesso menu, puoi facilmente gestire le eccezioni, come ad esempio le chiamate, i messaggi, gli eventi e i promemoria. Tocca poi nuovamente sul tasto Non disturbare, per disattivare la modalità. Per maggiori approfondimenti in merito, consulta le linee guida ufficiali di Android, a seconda della versione del tuo sistema operativo.

Per quanto riguarda invece le possibilità di bloccare le notifiche di una singola app, vai nel menu Impostazioni > App, quindi seleziona l’app di tuo interesse e, dalla voce Notifiche, metti la spunta sull’opzione Blocca tutto. Puoi inoltre far riferimento all’articolo ufficiale di Android, sempre a seconda della versione del tuo sistema operativo.

Come bloccare notifiche indesiderate su iPhone

Come bloccare notifiche indesiderate su iPhone

Per quanto riguarda iPhone, anche in questo caso esiste una funzione, denominata Non disturbare, che assolve all’utile compito di bloccare la maggior parte delle notifiche ricevute, ossia disattivare l’audio delle chiamate, degli avvisi e delle notifiche che ricevi (puoi comunque programmarlo in modo da ricevere chiamate solo da alcune persone).

Tale procedura è la stessa anche nel caso in cui si utilizzi un iPad o un iPod touch, ed è attivabile in due modi: in primis, accedendo alle Impostazioni L’icona dell’ingranaggio collocata in home screen), poi premendo su Non disturbare, quindi spostando la levetta verso destra, appunto, sulla voce Non disturbare.

In alternativa, puoi procedere aprendo il Centro di Controllo (scorrendo con un dito dall’angolo in alto a destra dello schermo verso il basso, se usi iPhone X o successivi, oppure dal fondo dello schermo verso l’alto, sulle versioni precedenti dello smartphone) e premendo il simbolo a forma di lunetta bianca. Puoi premere nuovamente il pulsante in questione per disattivare la modalità, oppure tenerlo premuto per esplorarne le impostazioni d’orario. Per ulteriori informazioni, ti invito a leggere il mio tutorial su come risultare irraggiungibile con iPhone.

Se desideri invece bloccare singolarmente le notifiche di un’app, vai nel menu Impostazioni > Notifiche, quindi tocca l’app desiderata e disattiva l’opzione Consenti notifiche. Per maggiori approfondimenti, tieni presente le linee guida pubblicate in merito da Apple.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.