Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero
Salvatore Aranzulla Day
Evento di formazione SEO con Salvatore Aranzulla. Scopri il programma

Come bloccare siti per adulti

di

Hai paura che i tuoi bambini possano avere accesso a contenuti per adulti mentre navigano su Internet e non sai come fare per impedirlo? Hai provato più volte a controllare le impostazioni Internet di computer e smartphone ma non sei riuscito a trovare una soluzione? Lo so, all’inizio può sembrarti impossibile modificare le impostazioni del browser: ti assicuro, però, che la procedura richiede soltanto pochi clic, dopo i quali sarai al riparo da cattive sorprese.

Al giorno d’oggi, la navigazione su Internet è a portata di tutti, dai giovanissimi alle persone anziane. Un utilizzo non idoneo può comportare seri rischi per le persone che trascorrono sul Web gran parte della propria giornata, specialmente se si tratta di minorenni. Come per i bambini, i pericoli esistono anche per i maggiorenni. L’accesso a un sito che presenta materiale non adatto ai minori, infatti, può esporre facilmente il computer o il cellulare a virus e malware, spesso responsabili di improvvisi malfunzionamenti del proprio device o addebiti indesiderati sul conto telefonico (nel caso dei cellulari).

Nel tutorial odierno ti spiegherò, dunque, come bloccare siti per adulti su tutti i dispositivi e le piattaforme software più diffuse. Ti farò dunque vedere come impedire l’accesso ai siti di dubbia moralità da PC, elencandoti i passaggi da compiere per ogni specifico browser, dopodiché ti mostrerò come ottenere un risultato simile sui dispositivi portatili basati su Android e iOS. Se sei d’accordo, possiamo passare subito all’azione.

Indice

Bloccare siti per adulti su PC

Ti illustrerò adesso, in maniera dettagliata, come impostare la navigazione sicura sui browser Chrome, Firefox, Edge e Safari sfruttando le funzioni integrate del sistema operativo del PC oppure installando componenti aggiuntivi al browser, che ti consentiranno di tenere sotto controllo le attività svolte su Internet dai minori.

Chrome

Chrome è un browser estremamente flessibile: merito delle numerose estensioni che si possono scaricare gratuitamente dal Chrome Web Store e che espandono le potenzialità del programma. Tra le tante estensioni disponibili, non mancano quelle per bloccare siti per adulti: eccone alcune tra le migliori.

Adult Blocker

L’estensione Adult Blocker, disponibile gratuitamente, impedisce l’accesso ai siti con contenuti non adatti ai minori. Per scaricarla, collegati alla pagina dedicata del Chrome Web Store e fai clic prima sul bottone Aggiungi posizionato in alto a destra e poi sulla voce Aggiungi estensione nella nuova schermata comparsa.

Una volta completata l’installazione automatica dell’estensione, comparirà una nuova finestra dove dovrai cliccare sulla voce Ricarica questa pagina. Se il processo è andato a buon fine, dovresti visualizzare l’icona del bambino nella barra degli indirizzi di Google Chrome, accanto alle altre eventuali estensioni che hai installato in precedenza.

Adesso devi impostare una password, che conosci soltanto tu, in modo che tuo figlio (o qualsiasi altro minore) non superi facilmente il divieto. Fai dunque clic sull’icona del bambino, riempi i campi Crea una password e Ripeti password inserendo una chiave di accesso di cui soltanto tu sarai a conoscenza e pigia sul pulsante Salva per completare l’operazione.

In alcuni casi, il plugin Adult Blocker potrebbe negare l’accesso a una pagina Internet nonostante non abbia al suo interno materiale per adulti. Puoi disattivare il divieto aggiungendo il portale alla lista bianca dell’estensione, in modo da consentire a Google Chrome di effettuare il collegamento. Per fare ciò, quando si apre la schermata di accesso negato, fai clic sul bottone Aggiungi alla lista bianca e digita, nella finestra che comparirà in seguito, la password nel campo Enter password, quindi pigia sul pulsante OK e il gioco sarà fatto.

Tiny WebFilter: Anti Porn & Block Adult Sites

Un’altra estensione per Chrome che ti consiglio di prendere in considerazione è Tiny WebFilter: Anti Porn & Block Adult Sites, il cui funzionamento è analogo al plugin Adult Blocker. Puoi scaricarla collegandoti alla pagina dedicata del Chrome Web Store e cliccando prima sul tasto Aggiungi e poi su Aggiungi estensione.

Attendi il completamento dell’installazione, quindi accedi alle sue opzioni pigiando sull’apposita icona posizionata nella barra degli indirizzi di Chrome e cliccando sulla voce Options presente nel menu che si apre. A questo punto, per attivare la protezione tramite password, metti il segno di spunta accanto alla voce Enable Password Protection, pigia quindi sul pulsante Set Password e digita la parola chiave che intendi utilizzare nei campi Please enter a password e Verify password. Completa, infine, l’operazione cliccando sul tasto OK della finestra che si apre e sul tasto Save della schermata principale del plugin (la stessa in cui ti viene chiesto di mettere il segno di spunta nella sezione General Settings).

Se vuoi consentire l’accesso a un sito Internet per cui Tiny WebFilter ha azionato il blocco automatico, clicca sull’icona del plugin e pigia sulla voce Trust presente nel menu a tendina che si apre. Dopo pochi istanti visualizzerai una nuova finestra, all’interno della quale dovrai selezionare la voce OK e digitare, in un’altra finestra che si aprirà in seguito, la password di sblocco dell’addon, per poi pigiare sul tasto OK.

Firefox

Anche il browser Firefox consente di bloccare i siti per adulti con l’aggiunta di estensioni scaricabili in maniera semplicissima: eccone un paio che dovrebbero fare al caso tuo.

 

FoxFilter

Il primo plugin che ti consiglio di scaricare si chiama FoxFilter, il quale permette di bloccare i siti contenenti materiale non adatto ai minori in maniera molto semplice. Non è gratis al 100%: tra le funzionalità incluse nella versione gratuita, è presente un filtro personalizzato in cui poter inserire le keywords per cui si richiede il blocco del sito. Solo con l’upgrade all’abbonamento da 6,99 dollari all’anno il plugin consente di inserire la password per offrire un maggiore controllo da parte dei genitori.

Per installare FoxFilter, collegati alla pagina dedicata del sito Mozilla Addons e clicca sul tasto Aggiungi a Firefox. Terminato il download, fai clic sul bottone Installa della nuova schermata comparsa, quindi pigia sul pulsante OK. Se vuoi avere accesso alle impostazioni del componente aggiuntivo, fai clic sul pulsante e seleziona la voce Componenti aggiuntivi nel menu a tendina che si apre. Adesso fai clic sull’opzione Estensioni e recati nella sezione FoxFilter Edit your settings below.

Puoi attivare il blocco dei siti indesiderati basato sul filtro delle keywords mettendo il segno di spunta accanto alla voce Enable filtering based upon Blocked websites, keywords and Sensitivity Settings. La funzionalità Sensitivity garantisce il controllo di url, titolo, descrizione del sito e contenuto della pagina Web: se viene rivelata la presenza di parole chiave filtrate, FoxFilter blocca automaticamente l’accesso al sito. Nella sezione Blocked puoi aggiungere sia le keywords per cui vuoi negare l’accesso sia gli indirizzi Internet dei portali indesiderati. Se effettui delle modifiche, ricordati di fare clic sul pulsante Save Changes per renderle effettive.

BlockSite

Il secondo componente aggiuntivo per Firefox che ti suggerisco di provare è BlockSite, il quale consente di bloccare i siti che si selezionano. Un’interessante funzione implementata in BlockSite è la possibilità di disabilitare i collegamenti ipertestuali dei siti indesiderati mostrando esclusivamente il link, senza che questo possa essere cliccabile da parte dell’utente. Inoltre, è possibile aggiungere la password per avere un controllo completo sui figli da parte dei genitori.

Per scaricare l’estensione, collegati alla pagina dedicata del sito Mozilla Addons e fai clic sul bottone Aggiungi a Firefox. Attendi il completamento del download, quindi pigia sul tasto Installa nella finestra in cui ti viene chiesto di installare il componente aggiuntivo. Terminata l’installazione, clicca sul pulsante OK nell’ultima finestra visualizzata.

Ora che hai completato l’aggiunta dell’estensione, puoi definire le impostazioni che desideri. Per entrare nella pagina del plugin, clicca sulla nuova icona dello scudo rosso aggiunta alla barra degli indirizzi nel browser. Se desideri aggiungere la password per il parental control, seleziona la voce Protection e digita la chiave di accesso nel campo min 5 characters. Una volta fatto, fai clic sul bottone Set Password per memorizzare la parola d’ordine appena inserita.

Adesso puoi aggiungere manualmente i siti Internet per cui vuoi bloccare l’accesso: ti basterà cliccare sull’opzione Blocked Sites e digitare l’indirizzo Internet desiderato. Quando hai finito, pigia sul pulsante Add Pag per confermare l’aggiunta.

Edge

Se utilizzi Edge, il browser predefinito di Windows 10, puoi attivare la funzione Parental Control di Microsoft accedendo alla sezione Family del tuo account Microsoft. La prima cosa che devi fare è collegarti alla pagina ufficiale di Microsoft, dove dovrai selezionare la voce Famiglia. Se non lo hai fatto prima, Microsoft ti chiederà di aggiungere un account a cui aggiungere le restrizioni. Dunque, clicca sul pulsante Aggiungi un membro della famiglia, per passare alla realizzazione dell’account.

Nella schermata Aggiungi un membro della famiglia, metti la spunta accanto alla voce Figlio/a, riempi il campo Messaggio email o numero di cellulare inserendo l’indirizzo email o il numero di telefono di tuo figlio (o comunque del minore nei confronti del quale vuoi attivare il parental control), completa il captcha test e, infine, clicca sul pulsante Invia invito. Se il minore non ha un account Microsoft, dovrai crearne uno tu cliccando sulla voce creane uno per loro. Per qualsiasi dubbio, consulta il tutorial su come creare un account Microsoft.

Se hai inviato l’invito, nella nuova schermata visualizzata (La tua famiglia) fai clic sulla voce Accetta ora presente accanto al membro della famiglia selezionato, quindi pigia nuovamente sul pulsante Accetta ora nella nuova finestra che comparirà in seguito. Il sistema effettuerà in automatico la disconnessione del tuo account e ti rimanderà al login dell’account per cui si richiede l’accettazione dell’invito. Compila il campo password e fai clic sul tasto Accedi, quindi seleziona il bottone presente nella nuova pagina Entra a far parte della famiglia come bambino.

Una volta completata l’operazione, effettua nuovamente l’accesso con il tuo account, quindi fai clic sulla voce Restrizioni di contenuto. Per bloccare l’accesso ai siti per adulti con l’utilizzo sia del browser Edge che di qualunque altro browser, metti la spunta sotto la voce Blocca i siti Web inappropriati nella sezione Esplorazione del Web. Ottimo, hai appena completato la procedura di attivazione del Parent Control per l’account Microsoft selezionato.

Safari

Safari è il browser predefinito per navigare su Mac, iPhone e iPad. Se vuoi controllare la navigazione di tuo figlio mentre usa il Mac, hai la possibilità di attivare la funzione Controlli parentali, integrata su macOS. La prima cosa che devi fare è aprire Preferenze di Sistema, quindi fai clic sulla voce Controlli parentali.

Nella nuova schermata visualizzata, riceverai l’avviso che non ci sono account utente da gestire. Per applicare i controlli parentali, hai bisogno di creare un nuovo account: metti la spunta accanto alla voce Crea un nuovo account utente con controlli parentali, poi clicca sul tasto Continua.

Ora digita la password nella finestra di avviso Preferenza di Sistema sta provando a sbloccare le preferenze Controlli Parentali e pigia sul pulsante Sblocca, passa dunque alla creazione del nuovo account utente. Comparirà una nuova schermata in cui dovrai riempire i campi Nome completo, Nome account, Password, Verifica e Suggerimento password, oltre a selezionare l’età dell’utente. Quando avrai terminato, clicca sul bottone Crea utente.

A questo punto, non ti resta che selezionare la voce Web nella nuova schermata che si è aperta e apporre il segno di spunta accanto all’opzione Prova a restringere l’accesso ai siti per adulti. Da qui in avanti, l’utente per cui hai attivato i controlli parentali non potrà più accedere ai siti per adulti. Per aggiungere degli indirizzi specifici ai siti da bloccare, clicca sul pulsante Personalizza, poi sul pulsante [+] collocato sotto il campo Non consentire mai questi siti Web e, ad operazione completata, pigia su OK per salvare i cambiamenti.  

Filtri DNS

Esiste anche un altro modo per assicurarsi che i minori non entrino in siti per adulti: mettere mano ai filtri DNS. Come dici? Non ne hai mai sentito parlare? Non ti preoccupare, si tratta di un’operazione semplicissima, oltre ad essere completamente gratuita. Il servizio che ti consiglio per l’applicazione dei filtri DNS si chiama OpenDNS, il quale consente di attivare il Parental Control effettuando una semplice registrazione gratuita e installando un “programmino” sul PC.

Per registrarti a OpenDNS, collegati alla pagina ufficiale del servizio e clicca sul pulsante Sign Up sotto la voce OpenDNS Home. Compila quindi i campi Email address, Confirm email address, Select your country, Create password e Confirm password, per poi pigiare sul pulsante Get a free account. Per la configurazione dei filtri DNS e del software di supporto di OpenDNS ti rimando al mio tutorial su come impostare OpenDNS.

Filtri per la ricerca di Google

Se vuoi bloccare l’accesso a siti per adulti nelle ricerche di Google, sappi che puoi avvalerti di SafeSearh. SafeSearch è un filtro che impedisce la visualizzazione di contenuti per adulti nei risultati delle ricerche di Google. Ad esempio, se si effettua una ricerca contenente una determinata parola chiave, SafeSearch rimuove dai risultati di ricerca i siti indesiderati. Google stessa, però, sottolinea come il filtro non sia affidabile al 100 percento: per questo motivo, se posso darti un consiglio da amico, ti suggerisco di usare le estensioni che ti ho segnalato prima.

Ciò detto, se vuoi attivare il filtro per i contenuti non adatti ai minori nelle ricerche di Google, collegati alla pagina Impostazioni di ricerca di Google e, nella schermata che si apre, metti il segno di spunta accanto alla voce Attiva SafeSearch. Il filtro sarà valido solo se non hai attivato il blocco dei cookie nel browser e solo nel browser in uso.

Bloccare siti per adulti su Android

Puoi bloccare i siti per adulti anche sugli smartphone e sui tablet equipaggiati con Android. Il modo più diretto, ma forse anche più limitato, per fare ciò è attivare il filtro SafeSearch nell’app Google oppure l’opzione Navigazione sicura in Google Chrome, il browser predefinito presente nei dispositivi Android.

Per attivare SafeSearch nell’app Google, apri quest’ultima e fai tap sul pulsante  collocato in basso a destra. Nella nuova schermata visualizzata, fai tap sulla voce Impostazioni e seleziona la voce Account e privacy presente nella sezione Ricerca. Attendi quindi il caricamento della nuova schermata, metti il segno di spunta accanto all’opzione Filtro SafeSearch e il gioco è fatto.

Se vuoi rendere attiva la funzione Navigazione sicura nel browser Chrome, apri l’app e pigia sull’icona dei tre puntini in alto a destra, quindi seleziona la voce Impostazioni che trovi nel menu che si are. Nella nuova schermata, fai tap sulla voce Privacy, metti il segno di spunta alla voce Navigazione sicura e il gioco è fatto.

Le soluzioni appena illustrate sono sufficienti per i bambini molto piccoli, che non sono ancora così smaliziati da riuscire a disattivare manualmente i filtri accedendo alle impostazioni di Google o Chrome. Per ragazzi e ragazze di età superiore ci sono delle applicazioni per il parental contro, che consentono di avere un controllo superiore sulla navigazione Internet: lascia che ti faccia qualche esempio.

Mobile Fence

Mobile Fence è un’applicazione che garantisce il controllo totale su uno o più dispositivi Android utilizzati dagli utenti di cui si vuole controllare la navigazione Internet. L’app permette al genitore di impostare delle regole dettagliate, in modo da evitare qualsiasi potenziale pericolo per una navigazione scorretta. Il blocco all’accesso ai siti per adulti, così come le altre regole, può essere esteso a tutti i browser installati sul dispositivo. L’app è gratis per i primi 30 giorni, poi ha prezzi a partire da 36 dollari all’anno (per un totale di 3 dispositivi). Dalla teoria, ora, passiamo alla pratica procedendo all’installazione di Mobile Fence.

La prima cosa che devi fare è collegarti alla pagina di Mobile Fence sul Play Store e premere sul pulsante Installa. Completata l’installazione, apri l’app e salta l’introduzione pigiando per tre volte consecutive sulla voce Prossimo, quindi premi sul tasto Inizia. Nella schermata Login, riempi i campi Email e Password e fai tap sul bottone Registra.

Nella nuova schermata visualizzata, ti sarà chiesto di creare un account genitore. Compila dunque i campi Nome, Email, Password, Controlla la password e pigia sul pulsante Crea. Per completare la registrazione, fai tap sul bottone Registra che comparirà nella schermata finale della procedura.

Ora puoi effettuare il login digitando l’email e la password selezionate in precedenza e pigiando sulla voce Login. Durante il primo accesso, fai tap sul bottone OK nella schermata Autorizzazioni in vigore. Se hai seguito correttamente i passaggi fino a questo punto, dovresti visualizzare la schermata Collega un dispositivo: da qui, fai tap sul pulsante Aggiungi un figlio e compila i campi Nome, Anno di nascita, Genere, per poi completare l’operazione pigiando sul tasto Aggiungi.

Completata l’aggiunta di tuo figlio, dovrai scegliere l’utente che utilizza il dispositivo su cui hai installato l’applicazione. Per farlo, seleziona con un tap la figura che corrisponde al tuo utente e poi pigia sulla voce Attiva nella schermata Amministratore dispositivo.

Il secondo step da completare si chiama Richiesta Permesso Android, senza il quale Mobile Fence non può funzionare. Fai dunque tap sul pulsante Vai alla schermata delle impostazioni, seleziona l’app Mobile Fence e metti la spunta accanto alla voce Consenti monitoraggio uso nella schermata Accesso Dati Utilizzo.

Fatto questo, torna indietro all’app pigiando per due volte consecutive sul tasto < posizionato in alto a sinistra. Ti attende ora il terzo passaggio, Funzione di monitoraggio potenziata, con cui puoi bloccare i contenuti inappropriati anche quando nel browser Chrome è attivata la modalità in incognito. Pigia sul tasto Impostazioni accessibilità, quindi fai tap sulla voce Mobile Fence nella schermata Accessibilità e metti un segno di spunta accanto alla voce Disattivata nella nuova schermata e seleziona il pulsante OK.

Torna all’applicazione pigiando il tasto Home del tuo smartphone e aprendo nuovamente l’app, quindi fai tap sulla voce OK nella schermata del quarto e ultimo step (Collega un dispositivo). Una volta completata l’intera procedura, visualizzerai la scritta Benvenuto. Mobile Fence deve essere installato in ogni dispositivo che vuoi controllare: quando installi l’app sul dispositivo di tuo figlio, dovrai selezionare come utente l’icona del bambino. Invece, sul tuo smartphone sarà attiva la Modalità Genitori, grazie alla quale potrai tenere traccia di qualsiasi attività su Internet di tuo figlio con le notifiche in tempo reale inviate da Mobile Fence.

Se mi concedi ancora un po’ del tuo tempo libero, ti spiego in pochi secondi come configurare Mobile Fence nel telefono di tuo figlio. Una volta installata e aperta l’app, esegui il login con le credenziali di accesso con cui ti eri registrato in precedenza, quindi fai tap sul tasto Login. Premi quindi il tasto OK nella schermata Autorizzazioni dispositivo e seleziona l’utente di tuo figlio con un tap nella sezione Collega un dispositivo. Dovrai ora ripetere in maniera identica i 4 step affrontati in precedenza per la creazione del tuo account.

Una volta collegato l’account al dispositivo, fai tap sul bottone Modalità Genitore per entrare nella schermata principale di Mobile Fence da cui puoi definire le regole di utilizzo dello smartphone da parte di tuo figlio. Nella nuova schermata visualizzata, pigia sul bottone Imposta regole e fai tap sulla voce Sì, ho capito. Spostare>> che visualizzerai nella schermata Per cortesia conferma.

Adesso pigia sulla voce Siti web e metti la spunta sotto la voce Abilita Blocco per Categoria. Più sotto puoi visualizzerai le categorie che hanno la spunta verde (accessibili) e l’icona del divieto (non accessibili). Puoi modificare una o più categorie facendo tap su ciascuna di essa e selezionando la voce Blocca o Consenti all’interno del menu a tendina.

Puoi inoltre decidere di avere un controllo ancora più maggiore mettendo il segno di spunta accanto alle voci Blocco tutti i siti Web (ad eccezione di quelli consentiti) e Blocco browser eccetto Chrome, se hai paura che tuo figlio possa eludere il blocco del Parental Control scaricando un browser differente da Chrome. Quando hai terminato di impostare le nuove regole, fai tap sul pulsante Finito in basso a sinistra e pigia sulla voce Esci per uscire dall’applicazione.

Come alternativa a Mobile Fence puoi usare anche l’app Mobile Security & Antivirus, tra le più complete presenti su Play Store. Nella versione gratuita, vengono offerte le funzioni Premium (costo da 2,99 a 29,95 euro) per 7 giorni, tra cui la navigazione sicura tramite il Parental Control.

Inoltre, su Android c’è la possibilità di bloccare i siti tramite file hosts. Puoi approfondire l’argomento con la lettura del tutorial su come bloccare un sito su Android. Ricorda che tale procedura funziona soltanto se si è effettuato in precedenza il root. Se non sai come si fa, ti consiglio la lettura della guida su come effettuare il root su Android.

Bloccare siti per adulti su iOS

Su iPhone e iPad bloccare l’accesso ai siti per adulti è un’operazione piuttosto semplice, che non richiede il download di un’applicazione specifica. Se vuoi impedire che tuo figlio entri in un sito non adatto ai minori dal tuo dispositivo iOS, apri Impostazioni dalla schermata home e pigia sulla voce Generali.

Da qui, seleziona l’opzione Restrizioni e fai tap sul comando Abilita restrizioni nella schermata che comparirà pochi istanti più tardi. Ora, nella scheda Imposta codice, digita un codice di 4 cifre che vuoi utilizzare per le restrizioni, per poi confermarlo digitandolo una seconda volta. Una volta fatto ciò, potrai decidere per quali app consentire o meno le restrizioni.

Se vuoi impedire l’accesso ai siti con contenuti non adatti ai minori, dalla scheda Restrizioni seleziona la voce Siti Web e metti il segno di spunta sull’opzione Limita i contenuti per adulti nella nuova schermata che comparirà di seguito. In questa stessa scheda puoi anche aggiungere manualmente un sito Web che vuoi consentire o non consentire sempre: pigia sulla voce Aggiungi un sito Web, quindi riempi il campo Sito Web digitando l’indirizzo Internet del sito e seleziona il pulsante Fine.