Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero
Salvatore Aranzulla Day
Evento di formazione SEO con Salvatore Aranzulla. Scopri il programma

Come bloccare un sito con Chrome

di

Hai scelto di usare Google Chrome come browser predefinito sul tuo computer, ma ora hai l’esigenza di bloccare l’accesso ad alcuni siti e non sai come fare? Impostazioni ad hoc nel programma purtroppo per ora non ce ne sono, ma per tua fortuna è possibile rimediare in maniera semplice e veloce ricorrendo all’uso di alcune apposite estensioni. Non dovrai dunque installare nuovi programmi sul tuo PC e soprattutto non dovrai metter mano a complicati settaggi, hai la mia parola.

Utilizzando tali risorse, potrai dunque vietare all’istante l’accesso a qualsiasi sito Web, servizio online e social network creando una blacklist totalmente personalizzata. Sono gratuite, non rallentano in alcun modo la navigazione e dispongono di un buon numero di impostazioni garantendo così il massimo della personalizzazione. Insomma, come puoi constatare tu stesso bloccare un sito con Chrome non è per nulla impossibile.

Come dici? L’idea di utilizzare delle estensioni non ti aggrada affatto e vorresti capire se è possibile riuscire nell’impresa in altro modo? Beh, un sistema in effetti c’è e non richiede l’installazione di ulteriori risorse sul computer, basta modificare il file hosts ed il gioco è fatto. Ma (ebbene si, c’è un “ma”) ti avviso, in questo caso il blocco avviene a livello generale, nel senso che i siti Web indicati saranno si inaccessibili non solo da Chrome ma anche dagli altri browser. Per saperne di più continua pure a leggere, qui di seguito trovi tutte le info di cui hai bisogno.

Vai subito a ▶︎ Estensioni per bloccare un sito con Chrome | Bloccare un sito con Chrome tramite file hosts

Estensioni per bloccare un sito con Chrome

Come ti ho anticipato nelle righe precedenti, per bloccare un sito con Chrome è sufficiente ricorrere all’uso di alcune apposite estensioni. Qui di seguito trovi indicate quelle che a parer mio sono le migliori della categoria con le relative indicazioni d’uso. Buona lettura.

Block site

La prima tra le estensioni che voglio suggerirti di utilizzare per bloccare un sito con Chrome è Block site. Permette di bloccare un sito Internet semplicemente visitandolo e facendo poi clic sull’apposita voce che viene aggiunta al menu contestuale del browser. Insomma, provala subito e vedrai che non te ne pentirai.

Per servirtene, collegati alla pagina dell’estensione presente sul Chrome Web Store, clicca sul bottone Aggiungi presente in alto a destra e poi pigia sul bottone Aggiungi estensione. Fatto! L’estensione è stata installata ed è praticamente già pronta all’uso.

Adesso, recati sul sito Internet che è tua intenzione andare a bloccare (es. Facebook.com), fai clic destro in un qualsiasi punto della pagina Web visualizzata, porta il cursore sulla voce Block site nel menu che ti viene mostrato e poi seleziona l’opzione Add current site to blacklist. Il blocco verrà applicato immediatamente senza bisogno di riavviare il browser Web.

Come bloccare un sito con Chrome

A partire da questo momento, ogni qual volta tu o un qualsiasi altro utente che utilizza il computer in questione tenterà di visitare il sito Internet bloccato, verrà mostrata una pagina “di cortesia” indicante il fatto che è stato attivato il blocco con Block site.

Come bloccare un sito con Chrome

In caso di necessità, potrai sempre e comunque eliminare il blocco per visitare uno specifico sito Internet semplicemente facendo clic sull’icona dell’estensione che è stata aggiunta alla finestra di Chrome (nella parte in alto a destra, accanto alla barra degli indirizzi), selezionando la voce Opzioni dal menu visualizzato e cliccando poi sul bottone con la “x” che trovi in corrispondenza dell’indirizzo dei siti Web bloccati, sotto la dicitura List of blocked site nella scheda del browser che andrà ad aprirsi.

Come bloccare un sito con Chrome

Oltre che rimuovere i siti Internet bloccati, agendo dalle impostazioni dell’estensione puoi anche modificare la pagina che viene mostrata quando si tenta di visitare un sito bloccato (Default redirect page), esportare (Export list to CSV:) ed importare (Import list from CSV:) la blacklist dei siti bloccati e abilitare o disabilitare il blocco per tutti i siti in elenco facendo clic sull’apposito interruttore (Enable Block site).

Puoi altresì configurare l’estensione per fare in modo che entri in azione solo ed esclusivamente quando nell’url di un sito Internet sono presenti specifiche parole (Blocked Words), in determinati giorni e/o ore (Active Days & Times) ed attivare o disattivare opzioni varie (Other) come ad esempio la possibilità di accedere ad un sito Web bloccato previa immissione di un’apposita password.

StayFocusd

L’estensione per bloccare un sito con Chrome che ti ho indicato nelle righe precedenti non ti ha entusiasmato in maniera particolare perché sei alla ricerca di un qualcosa che ti consenta di accedere comunque a specifici siti Internet ma solo per un breve arco di tempo? Allora prova a dare un’occhiata a StayFocusd e vedrai che non te ne pentirai. Si tratta infatti di un altro add-on utile allo scopo in questione che consente di bloccare i siti Internet aggiunti alla blacklist una volta trascorso un certo numero di minuti. È una vera e propria manna dal cielo per evitare perdite di tempo quando si sta al PC per studio o per lavoro!

Per iniziare ad utilizzare StayFocusd, provvedi innanzitutto a collegarti alla pagina dell’estensione sul Chrome Web Store dopodiché clicca sul pulsante Aggiungi e poi su quello Aggiungi estensione. Successivamente, recati sul sito Web da bloccare, fai clic sull’icona di StayFocusd nella finestra di Chrome e scegli l’opzione Blocca l’intero sito dal menu che si apre.

Come bloccare un sito con Chrome

A questo punto, il timer annesso al menu dell’estensione verrà avviato e dopo 10 minuti (è l’impostazione predefinita) il sito Internet precedentemente selezionato verrà bloccato e non potrà più essere visitato sino al giorno successivo.

Come bloccare un sito con Chrome

Ovviamente, puoi rimuovere i siti Web aggiunti alla blacklist in qualsiasi momento. Per riuscirci, ti basta fare clic sull’icona dell’estensione aggiunta alla finestra di Chrome, selezionare la voce Impostazioni e scegliere la dicitura Blocked Sites dalla barra laterale sulla sinistra nella nuova scheda che si è aperta. Per concludere, clicca sulla “x” che si trova accanto all’url di ciascun sito bloccato sotto la dicitura Click the x to remove a site from the list. ed il gioco è fatto.

Come bloccare un sito con Chrome

Sempre agendo dalle impostazioni dell’estensione puoi apportare ulteriori modifiche al “comportamento” di StayFocusd: puoi modificare il numero di minuti dopo i quali abilitare il blocco dei siti (Max Time Allowed), i giorni nei quali fare entrare in azione l’estensione (Active Days) e la fascia oraria (Active Hours); puoi inoltre definire l’orario a partire dal quale l’estensione permetterà di visitare i siti Internet bloccati (Daily Rest Time), aggiungere dei siti alla whitelist, apportare modifiche alla pagina che viene mostrata quando un sito è stato bloccato (Require Challenge), apportare ulteriori personalizzazioni di vario genere (The Nuclear Option e Customize) ed importare ed esportare le impostazioni (Import/Esport Settings).

Bloccare un sito con Chrome tramite file hosts

Se invece preferisci evitare di ricorrere all’uso delle estensioni summenzionate per bloccare un sito con Chrome, puoi intervenire direttamente sulle impostazioni del tuo PC Windows o del tuo Mac, più precisamente sul file hosts. Come anticipato ad inizio articolo, in questo caso specifico il blocco però non verrà applicato solo con Chrome ma anche con gli altri browser Web.

Su Windows

Se utilizzi un computer con su installata una qualsiasi versione di Windows, puoi bloccare l’accesso ad uno specifico sito Web apportando modifiche al file hosts, un file di testo presente in tutte le versioni di Windows, con una lista di indirizzi IP e i loro rispettivi nomi di dominio il cui scopo principale è appunto quello di bloccare o velocizzare la connessione verso determinati siti internet.

Per cui, provvedi innanzitutto ad aprire il Blocco note com privilegi di amministratore facendo clic sul pulsante Start, digitando blocco note nel campo di ricerca visualizzato, facendo clic sul primo risuolato in elenco, selezionando la voce Esegui come amministratore e cliccando poi sul bottone Si.

Come bloccare un sito con Chrome

Nella finestra di Blocco note che si è aperta, fai clic sulla voce File annessa alla barra degli strumenti, seleziona Apri… e nel campo di ricerca in alto digita, previo clic sull’icona sulla sinistra, C:/Windows/System32/drivers/etc. Adesso, seleziona la voce Tutti i file (*.*) dal menu collocato in basso a destra, seleziona il file hosts e poi clicca su Apri.

Nel file di testo che si apre, cerca le stringhe 127.0.0.1 localhost oppure ::1 localhost. Adesso, posizionati con il cursore dopo l’ultima riga (se ci sono altre righe di codice posizionati dopo queste) e digita la stringa 127.0.0.1 seguita dalla URL del sito da bloccare (es. 127.0.0.1 www.facebook.com per bloccare Facebook).

Per concludere e per fare in modo che il blocco verso i siti Internet inseriti in elenco venga effettivamente applicato chiudi il file, clicca su Salva e poi prova a visitare il sito o siti bloccati, dovresti visualizzare la scheda Imposibile raggiungere il sito.

Come bloccare un sito con Chrome

Ovviamente, potrai eliminare i siti Internet aggiunti al file hosts di Windows e dunque abilitarne nuovamente la normale visualizzazione semplicemente rimuovendo le stringe di testo precedentemente aggiunte al file hosts con Blocco note e salvando poi le modifiche apportate.

Su Mac

Hai un Mac? Una procedura praticamente analoga a quella vista poc’anzi per i PC Windows può essere effettuata anche sui computer della mela. Come si fa? Te lo spiego subito. Tanto per cominciare richiama il Terminale facendo clic sulla sua icona nel Launchpad annessa alla cartella Altro dopodiché digita sudo nano /private/etc/hosts nella sua finestra, pigia il tasto Invio sulla tastiera e digita la password relativa al tuo account utente.

Come bloccare un sito con Chrome

A questo punto dovresti visualizzare il file hosts del tuo Mac. Raggiungi dunque l’ultima stringe utilizzando le frecce direzionali sulla tastiera, digita la stringa 127.0.0.1 seguita dalla URL del sito da bloccare e poi schiaccia il pulsante Invio sulla tastiera per confermare l’operazione. Ripeti questo passaggio per ciascun sito che sei intenzionato a bloccare.

Come bloccare un sito con Chrome

A modifiche ultimate, premi la combinazione di asti ctrl+o per salvare il file, Invio per uscire e ctrl+x per chiudere la finestra di Terminale.

A questo punto non ti resta altro da fare se non visitare il sito o i siti Internet che intendevi bloccare con Chrome. Se tutto è andato per il verso giusto ti ritroverai al cospetto della scheda Impossibile raggiungere il sito.

Come bloccare un sito con Chrome

In caso ripensamenti, potrai abilitare nuovamente l’accesso ai siti Internet bloccati accendo nuovamente al file hosts tramite Terminale così come visto poc’anzi, portandoti mediante le frecce direzionali della tastiera in corrispondenza delle stringe di codice relative ai siti Internet precedentemente aggiunti e cancellandoli. Ricordati poi di salvare le modifiche, uscire dal file hosts e chiudere il Terminale per fare in modo che i cambiamenti vengano effettivamente apportati.