Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero
eBay Black Week
Migliaia di prodotti in promozione su eBay. Scopri le offerte migliori

Come bloccare SMS pubblicitari

di

In passato avevi già provveduto a bloccare le chiamate dai call center seguendo le indicazioni presenti nel mio tutorial dedicato all’argomento ma, dopo qualche tempo, l’incubo si è ripresentato, questa volta sotto forma di SMS. Dopo aver ricevuto l’ennesimo messaggio contenente un’offerta commerciale a te sgradita, hai definitivamente perso la pazienza: non sei più disposto a sostenere una situazione simile, per cui hai iniziato a cercare in Rete informazioni su come bloccare SMS pubblicitari, finendo dritto sul mio sito.

Ho centrato il punto? Perfetto, allora sappi che ti trovi nel posto giusto, in un momento che non poteva essere migliore: nelle righe che seguono, infatti, troverai illustrati una serie di metodi per bloccare gli SMS sgraditi contenenti pubblicità, offerte o altri contenuti promozionali, sia sui dispositivi dotati di sistema operativo Android che sugli iPhone.

Dunque, senza attendere un solo secondo in più, ritaglia qualche minuto del tuo tempo libero e leggi con molta attenzione tutto quanto ho da spiegarti sull’argomento: sono sicuro che, al termine di questa guida, riuscirai finalmente a sbarazzarti di tutti quei messaggi che reputi inutili e superflui. Detto ciò, non mi resta altro da fare se non augurarti buona lettura e buona fortuna!

Indice

Come bloccare SMS pubblicitari su Android

Per quanto riguarda il blocco degli SMS pubblicitari su Android, puoi adottare diverse soluzioni: puoi innanzitutto affidarti al filtro SMS di Android, bloccando le numerazioni a te conosciute, oppure puoi far riferimento ad applicazioni di terze parti, le quali permettono di non ricevere più seccature da numerazioni relative al marketing aggressivo. Nelle righe a venire, ti spiegherò tutto con dovizia di particolari.

Prima di andare avanti, però, ci tengo a specificare un aspetto molto importante: affinché le app scaricate da Google Play possano svolgere efficacemente il proprio lavoro, è necessario che tutti gli SMS vengano gestiti da queste ultime. Ciò significa, all’atto pratico, che dovrai inviare e ricevere anche i messaggi “autorizzati” utilizzando l’app da te scelta e non più quella di sistema; inoltre, dovrai controllare che all’interno di queste app non sia attiva la funzionalità di ricevuta di ritorno degli SMS, poiché essa potrebbe comportare costi aggiuntivi. Fin qui tutto chiaro? Bene, allora possiamo procedere davvero!

Filtro SMS di Android

Hai conservato alcuni SMS provenienti dalle numerazioni che ti importunano? Allora bloccarle tramite il filtro SMS di Android è estremamente semplice.

Per prima cosa, avvia l’app Messaggi e identifica uno degli SMS “incriminati”; fatto ciò, effettua un tap prolungato sulla sua anteprima, pigia sull’icona del blocco collocata in alto a destra (quella a forma di divieto) e premi sul pulsante OK annesso alla nuova pagina mostrata a schermo: a partire da questo momento, non visualizzerai più le chiamate né gli SMS provenienti dalla numerazione selezionata.

Se ritieni che il numero che ti appresti a bloccare faccia parte di una catena di marketing aggressivo/spam, apponi il segno di spunta accanto alla casella Segnala spam prima ancora di finalizzare il blocco: tieni però presente che, in questo modo, gli ultimi messaggi ricevuti dallo spammer (fino a 10) potrebbero essere inviati a Google per l’analisi; l’ultimo SMS ricevuto, inoltre, potrebbe essere inviato al tuo operatore.

In caso di ripensamenti, puoi sbloccare i contatti bloccati in precedenza: dopo aver avviato l’app Messaggi, fai tap sul pulsante (⋮) collocato in alto a destra, seleziona la voce Contatti bloccati dal menu che va ad aprirsi e identifica il numero che intendi sbloccare nella lista proposta. Fatto ciò, pigia sul pulsante a esso corrispondente e conferma la volontà di procedere toccando il pulsante Sblocca.

Truecaller

Se è tua intenzione bloccare tutte quelle numerazioni in uso da call center, operatori telefonici e altre aziende che offrono proposte commerciali tramite chiamate o SMS, allora Truecaller è l’app che fa al caso tuo. Nella fattispecie, si tratta di una delle più note e utilizzate app per il blocco delle chiamate e degli SMS commerciali, dotata di una lista di contatti costantemente aggiornata grazie ai contributi della comunità.

Prima di andare oltre, però, devo metterti al corrente di un aspetto fondamentale riguardo i problemi di privacy di quest’app: per utilizzare Truecaller, infatti, è necessario iscriversi comunicando il proprio numero di telefono, che viene aggiunto al database pubblico del servizio e, dunque, può essere rintracciato potenzialmente da tutti.

È comunque possibile eliminare il numero dall’archivio, insieme a tutti i suoi dati, disattivando il proprio account (recandosi nel menu Impostazioni > Privacy Center > Disattiva dell’app), tuttavia trovo indispensabile parlarti a priori di questa caratteristica che, in alcuni frangenti, potrebbe rivelarsi molto fastidiosa.

Come dici? Sei disposto a rinunciare a un po’ della tua privacy pur di bloccare i seccatori che ti inviano SMS di continuo? Nessun problema, tra un istante ti spiegherò come fare!

Dopo aver installato e avviato Truecaller, pigia sul bottone Inizia e sfiora il pulsante Annulla per impedire all’app di gestire le chiamate del dispositivo; successivamente, premi sul bottone Continua e poi fai tap sul pulsante Consenti per quattro volte di seguito, così da accordare i permessi necessari per il funzionamento dell’applicazione. Ora, ai tap sul pulsante Accetta e continua, attendi che Truecaller effettui una chiamata di prova verso il tuo numero (sarà rifiutata automaticamente) e indica la modalità di registrazione che intendi utilizzare tra GoogleFacebook inserimento manuale del nome.

Per le prime due opzioni, ti verrà chiesto di indicare le credenziali d’accesso all’account selezionato; per quanto concerne la terza, dovrai specificare il tuo Nome Cognome (l’indirizzo email è facoltativo). Quando hai finito, premi sul pulsante Continua, indica se mostrare o meno annunci pertinenti e/o offerte e promozioni, tocca sul pulsante Avanti per due volte consecutive e, alla richiesta di utilizzare Truecaller come app per gli SMS, rispondi affermativamente, toccando sul pulsante .

Per concludere, tocca il pulsante Capito e indica se effettuare o meno il backup della cronologia delle chiamate, dei contatti, degli SMS e della lista dei numeri indesiderati su Google Drive: così facendo, avrai a disposizione il backup laddove dovessi reinstallare nuovamente l’app in un secondo momento.

Completata la fase di registrazione, è arrivato il momento di ottimizzare il funzionamento dell’app per lo scopo da te richiesto: effettua, dunque, uno swipe da sinistra verso il centro per richiamare il suo menu principale, fai tap sulla voce Impostazioni e tocca la voce Messaggi. Se non avevi già provveduto a impostare Truecaller come app per la gestione degli SMS, in questa fase ti sarà chiesto di farlo: se necessario, dunque, pigia sul pulsante  per confermare.

Successivamente, sposta su OFF la levetta in corrispondenza della voce Conferma di recapito degli SMS e scegli se attivare o meno il download automatico degli MMS intervenendo sulla relativa levetta. Quando hai finito, premi sulla freccia verso sinistra collocata in alto per tornare al menu delle impostazioni, fai tap sulla voce Generali e crea un collegamento rapido ai messaggi sulla schermata Home pigiando sull’apposita voce, così da avere l’icona dell’app sempre a disposizione.

Completata la configurazione, puoi finalmente iniziare a bloccare i seccatori noti (call center, truffatori e altre numerazioni di marketing aggressivo presenti nel database di Truecaller) nel seguente modo: recati nuovamente nel menu Impostazioni > Blocca e sposta su ON la levetta corrispondente alla voce Blocca gli spammer arcinoti; se lo desideri, puoi scegliere anche di bloccare i numeri privati (cioè quelli che chiamano e inviano SMS nascondendo il proprio numero).

Se, invece, vuoi aggiungere “a mano” un numero alla blacklist, tocca l’icona dello scudo annessa alla barra di ricerca dell’app, sfiora il pulsante (+) collocato in basso a destra e tocca la voce Blocca un mittente di messaggi dal menu proposto; per concludere, immetti il nome visualizzato/numero di telefono nell’apposito campo e tocca il bottone Indesiderato per salvare i cambiamenti.

Per sbloccare un numero bloccato in precedenza, tocca l’icona dello scudo, fai tap sulla voce relativa al numero/nome da sbloccare, premi sul bottone (…) collocato in alto a destra e seleziona la voce Sblocca dal menu proposto.

Come bloccare SMS pubblicitari su iPhone

Hai a disposizione un iPhone? Nessun problema: è possibile bloccare SMS pubblicitari in modo altrettanto semplice rispetto a quanto visto su Android. Prima di andare avanti, però, è d’obbligo fare una premessa molto importante: in questo caso, l’unica app in grado di effettuare materialmente il blocco è Messaggi di iOS, in quanto il sistema operativo di Apple non prevede la possibilità di accordare il permesso di gestione degli SMS ad app di terze parti.

Questa soluzione si rivela efficace laddove fosse necessario bloccare numerazioni già note, tuttavia non esiste un modo “diretto” per impostare un blocco esclusivo per gli SMS pubblicitari. Tale risultato, però, può essere comunque raggiunto tramite la funzionalità di esportazione dell’app Truecaller: esiste infatti la possibilità di esportare le numerazioni spam in un unico contatto, da bloccare successivamente tramite il filtro integrato di iOS. Sembra difficile, ma posso garantirti che non lo è affatto! Di seguito trovi spiegato tutto nel dettaglio.

Filtro SMS di iPhone

Per bloccare i messaggi provenienti da numeri di telefono che conosci già, o dai quali hai ricevuto SMS in passato, puoi utilizzare il filtro SMS integrato di iOS. Per procedere, apri l’app Messaggi di iOS, seleziona qualsiasi SMS ricevuto dalla numerazione a te sgradita, fai tap sul nome/numero del mittente collocato in cima e poi sul bottone delle info (quello a forma di (i)) che compare a schermo.

In seguito, pigia sul pulsante collocato in corrispondenza del nome/numero del contatto e, giunto alla schermata successiva, fai tap sulla voce Blocca contatto: tenendo bene a mente che questa funzione impedirà anche la ricezione di chiamate e FaceTime dalla numerazione corrente, pigia sul bottone Blocca contatto per confermare la tua volontà di procedere.

Se è tua intenzione bloccare gli SMS provenienti da un contatto in rubrica, puoi farlo agendo dalle Impostazioni di iPhone (l’icona a forma d’ingranaggio collocata nella schermata Home del dispositivo): una volta avviata l’app, fai tap sulla voce Messaggi, poi sulla voce Contatti bloccati e, in seguito, sulla voce Aggiungi…: a questo punto, non devi far altro che individuare il contatto dalla lista proposta e pigiare sul suo nome.

In caso di ripensamenti, puoi sbloccare un numero o un contatto recandoti nel menu Impostazioni > Messaggi > Contatti bloccati, pigiando poi sul bottone Modifica collocato in alto a destra, sfiorando l’icona (–) collocata accanto al contatto/numero da sbloccare e pigiando, infine, sul bottone Sblocca che compare. Tutto qui! 

Truecaller

Come ti ho accennato nel capitolo precedente della guida, l’app Truecaller per iOS rappresenta un valido metodo per “bypassare” le restrizioni sulla gestione degli SMS imposte da iOS: essa, infatti, prevede una pratica funzionalità per esportare tutti i numeri spam in un unico contatto, il quale può essere facilmente aggiunto al filtro SMS dell’iPhone come ti ho spiegato in precedenza.

Prima di continuare, però, voglio ribadirti ancora una volta che, per utilizzare Truecaller, è necessario effettuare un’iscrizione che implica l’aggiunta del proprio numero di telefono al database pubblico dell’app; è possibile richiedere la rimozione del numero compilando questo modulo, ma soltanto quando si smette effettivamente di usare l’applicazione e si disattiva il proprio account (recandosi nel menu Impostazioni > Chi siamo > Disattiva account dell’app).

Fatta questa importantissima premessa, è il momento di passare all’azione: una volta installata l’applicazione, indica il tuo paese di provenienza (ad es. Italy) nel menu a tendina superiore e immetti il tuo numero di telefono nell’apposito campo di testo; quando hai finito, pigia sui pulsanti Inizia , poi sul bottone Accetta e continua e attendi che il codice di verifica ti sia inviato tramite SMS.

Quando ciò accade, immetti il codice ricevuto nell’apposito campo di testo, indica il tuo nomecognome (l’email non è obbligatoria) nella schermata proposta e pigia sul bottone Continua; per completare la configurazione, indica se ricevere o meno annunci pertinenti e/o promozioni speciali, pigia sul pulsante Avanti, poi su Salta per tre volte consecutive e poi sul bottone Più tardi.

Giunto alla schermata principale dell’app, puoi procedere alla creazione del contatto unico contenente le numerazioni spam: pigia, dunque, sul pulsante Home (l’icona a forma di casetta) collocato in basso a sinistra, tocca l’omino collocato accanto al nome dell’app e sfiora le voci Impostazioni Maggiori seccatori; infine, sposta su ON la levetta Salva come contatto, pigia sul bottone Facciamolo e sposta su ON la levetta Contatti per autorizzare la creazione del nominativo in rubrica

A questo punto, non ti resta che bloccare la lista contatti spam generata da Truecaller tramite il filtro SMS di iOS: recati, dunque, nelle Impostazioni del “melafonino”, tocca le voci Messaggi Contatti bloccati, fai tap sulla voce Aggiungi… collocata nella schermata che va ad aprirsi, fai tap sul contatto SECCATORE (quello generato in precedenza da Truecaller) e il gioco è fatto! Tieni ben presente che, per qualche istante, il “melafonino” potrebbe sembrarti bloccato, a causa dell’ingente quantità di numerazioni da aggiungere alla lista blocchi: non temere, è normale!

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.