Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come bloccare un cellulare rubato

di

Purtroppo, oltre a essere desiderati da milioni di consumatori in tutto il mondo, gli smartphone sono anche uno dei bottini preferiti dai ladri. E quando dei dispositivi del genere vengono rubati, il danno subìto dalle vittime non è solo di natura economica ma anche personale, visti i tanti dati custoditi in essi. Se stai leggendo questa guida, evidentemente è capitato anche a te di subire la traumatica esperienza di essere vittima di un furto e ora vorresti sapere come bloccare un cellulare rubato, in modo da preservare quantomeno la tua privacy. In tal caso, sappi che sei capitato nel posto giusto, al momento giusto!

Nei prossimi paragrafi, infatti, avrò modo di spiegarti quali sono le operazioni che puoi compiere per provare a bloccare il tuo cellulare da remoto e impedire ai ladri di utilizzarlo per accedere alle tue informazioni personali, Inoltre ti spiegherò anche come puoi bloccare la SIM e il codice IMEI del dispositivo, per renderlo inutilizzabile ai fini delle comunicazioni telefoniche.

Allora, sei pronto per iniziare? Sì? Bene: mettiti bello comodo, prenditi tutto il tempo di cui hai bisogno per concentrarti sulla lettura dei prossimi paragrafi e, cosa ancora più importante, cerca di mettere in pratica le indicazioni che ti darò. Seguendo le mie “dritte”, forse non riuscirai a tornare in possesso del tuo dispositivo, ma quantomeno potrai provare a limitare i danni rendendolo inutilizzabile. Ti auguro buona lettura e ti faccio un grosso in bocca al lupo per tutto!

Indice

Bloccare un cellulare rubato da remoto

Se ti è stato rubato uno smartphone —  che si tratti di un cellulare Android o di un iPhone — puoi provare a bloccarlo da remoto utilizzando alcune funzioni di sistema. Per riuscirci, però, il dispositivo dev’essere acceso, connesso a Internet e avere il GPS attivo, il che significa che potresti non riuscire a bloccarlo ed eventualmente individuarlo.

Nota: se prima del furto hai provveduto a installare sul telefono delle app di antifurto avanzate (come quelle di cui ti ho parlato in questa guida), ti consiglio di utilizzare le funzioni offerte da queste ultime, dal momento che sono nettamente più incisive rispetto a quelle offerte “di serie” da Android e iOS. Questi applicativi, infatti, permettono di localizzare il dispositivo, comandarlo via SMS e addirittura impedire la disattivazione della connessione Internet o lo spegnimento.

Android

Se possiedi (o meglio, possedevi) uno smartphone Android, collegati alla pagina Trova il mio dispositivo, accedi all’account Google impostato sul dispositivo e attendi che quest’ultimo venga localizzato. Se il dispositivo viene individuato sulla mappa (oltre a informarne le autorità di pubblica sicurezza), pigia subito sulla voce Blocca il dispositivo (in alto a sinistra) e compila il modulo che compare a schermo scegliendo una password che impedisca l’accesso al device.

Volendo, puoi anche cancellare da remoto il contenuto presente sullo smartphone (così da impedire ai ladri di accedere ai dati contenuti al suo interno). Per riuscirci, devi pigiare sul bottone Resetta dispositivo presente sulla pagina Gestione Dispositivi Android e seguire le indicazioni che compaiono a schermo per portare a termine l’operazione, che è irreversibile e rende il telefono non più reperibile da remoto (per cui pensaci bene prima di portarla a termine!).

Ti ricordo che è possibile accedere a Trova il mio dispositivo anche da altri device Android eventualmente: basta scaricare e utilizzare un’apposita app, il cui funzionamento è pressoché identico a quello del servizio online di cui ti ho parlato poc’anzi.

iPhone

Ti è stato rubato un iPhone? Sappi che, anche in questo caso, puoi provare a bloccare il dispositivo da remoto: per riuscirci, collegati ad iCloud.com, accedi con i dati di login del tuo ID Apple e pigia sull’icona Trova iPhone.

Attendi, poi, che venga caricata la mappa, apri il menu Tutti i dispositivi posto in alto e seleziona il dispositivo di tuo interesse (es. iPhone di [tuo nome e cognome]). Se il tuo iPhone viene effettivamente localizzato, oltre a segnalare la cosa alle autorità competenti, pigia sul bottone Modalità smarrito che si trova nel riquadro posto in alto a destra, digita (eventualmente) un numero di telefono da visualizzare nella schermata di blocco e pigia sul bottone Avanti.

Dopodiché, digita (se vuoi) un messaggio da visualizzare sullo schermo dell’iPhone e pigia sulla voce Fine per attivare la modalità smarrito: così facendo, il “melafonino” verrà bloccato usando il codice di sblocco corrente. Se, invece, non avevi impostato un codice di blocco, ti verrà chiesto di farlo al momento.

Se vuoi cancellare da remoto tutti i dati presenti sul device, pigia sul bottone Inizializza l’iPhone posto nel riquadro situato in alto a destra: prima di fare ciò, però, tieni conto del fatto che quest’azione è irreversibile e comporta l’impossibilità di localizzare nuovamente il dispositivo da remoto.

Ti ricordo che il servizio “Trova iPhone” è accessibile anche sotto forma di app per iPhone e iPad e funziona in modo analogo al servizio online di cui ti ho appena parlato.

Bloccare la SIM e l’IMEI

Un’operazione che devi assolutamente fare se ti è stato rubato il cellulare è richiedere il blocco della SIM e del codice IMEI. Bloccando la SIM, infatti, potrai continuare a usare il numero di cellulare richiedendo una nuova scheda (il costo dell’operazione, di solito, ammonta a pochi euro); il blocco dell’IMEI, invece, rende il dispositivo rubato inutilizzabile su tutta la rete nazionale.

Blocco della SIM

Ti stai chiedendo come puoi bloccare la SIM inserita nel cellulare che ti è stato sottratto? Devi semplicemente contattare il tuo gestore, seguire le indicazioni che ti verranno date dalla voce guida e pigiare sul numero corrispondente all’assistenza in caso di furto e/o smarrimento. Così facendo, potrai chiedere all’operatore che ti assisterà di bloccare la SIM e richiederne una nuova (con lo stesso numero). Ecco i numeri dei principali operatori italiani.

Blocco del codice IMEI

Per richiedere il blocco del codice IMEI, invece, devi innanzitutto risalire a quest’ultimo. Se hai con te la confezione d’acquisto del dispositivo che ti è stato rubato, verifica che sia presente l’etichetta che riporta il codice in questione.

Se hai perso un iPhone, puoi riuscire a risalire all’IMEI anche tramite iTunes: dopo aver avviato quest’ultimo sul computer che hai utilizzato per effettuare il backup del dispositivo, recati in Modifica > Preferenze (su Windows) o iTunes > Preferenze (su macOS), seleziona la scheda Dispositivi dalla finestra che si apre e fai stazionare il cursore del mouse sul nome dell’iPhone per visualizzare le informazioni che lo riguardano (IMEI compreso). Per maggiori informazioni su come controllare il codice IMEI, consulta l’approfondimento che ti ho linkato.

Una volta individuato l’IMEI del cellulare perso, rivolgiti alle autorità di pubblica sicurezza e denuncia il furto del dispositivo. Fatto ciò, recati sul sito Internet del tuo gestore e compila il modulo di richiesta del blocco del codice IMEI, allegando a quest’ultimo una copia della denuncia fatta e di un tuo documento di identità valido. Ecco come devi procedere, in base al tuo operatore.

  • TIM — collegati su questa pagina, individua la voce Richiesta di blocco e sblocco IMEI per apparati rubati o smarriti, pigia sul bottone Compila posto in corrispondenza della stessa, compila il modulo con tutte le informazioni richieste e invialo tramite l’apposito pulsante. In alternativa, pigia sul bottone Scarica per effettuare il download del modulo e poi stampalo, compilalo e invalo via posta all’indirizzo TIM Servizio Clienti Casella Postale 555 00054 – Fiumicino RM.
  • Vodafone — collegati a questa pagina, accedi al tuo account MyVodafone, compila il modulo che ti viene proposto e allega una copia di un tuo documento d’identità in corso di validità e della denuncia di furto servendoti degli appositi pulsanti che vedi a schermo.
  • Wind — scarica questo modulo in formato PDF, stampalo, compilalo in ogni sua parte e invialo insieme a una copia di un tuo documento d’identità valido e della denuncia di furto all’indirizzo WIND TELECOMUNICAZIONI S.p.A. – Casella Postale n. 14155 – Ufficio Postale Milano 65 – 20152 MILANO MI.
  • Tre — scarica questo modulo in formato PDF, stampalo, compilalo in ogni sua parte e invialo via fax al numero 800 179 700 allegando una copia di un tuo documento di identità valido e la copia denuncia di furto.
  • Iliad — scarica questo modulo, stampalo, compilalo in ogni sua parte e invialo via fax al numero 02 30377960 o via posta all’indirizzo Iliad Italia S.p.A CP 14106 20146 Milano, ricordandoti di allegare una copia di un tuo documento di identità valido e una copia della denuncia di furto.
  • Fastweb Mobile — scarica questo modulo, stampalo, compilalo in ogni sua parte e invialo via fax al numero 02 36656449 ricordandoti di allegarvi una copia di un tuo documento di identità valido e una copia della denuncia di furto.
  • PosteMobile — scarica questo modulo, stampalo, compilalo in ogni sua parte e invialo via fax al numero 800 074 470 allegandovi una copia di un documento di identità valido e una copia della denuncia.