Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come cambiare indirizzo IP

di

Hai appena scoperto un sito Internet bellissimo, ricco di video e informazioni interessanti, ma non puoi visualizzarlo perché un messaggio ti avverte che non risiedi nel Paese a cui esso è destinato? Vorresti utilizzare quel software P2P che ti ha consigliato un tuo amico ma non riesci a sfruttarlo al meglio perché dovresti prima aprire le porte sul modem/router e non sai come identificare il tuo PC all’interno della rete? Sta’ tranquillo! La risposta a queste e altre domande simili è una sola: ti basta cambiare indirizzo IP.

Come dici? Non hai la benché minima idea di cosa sia? Non ti preoccupare, posso spiegarti tutto io! L’indirizzo IP è quella “cosa” che ci identifica in maniera univoca quando siamo collegati a Internet. Ne esistono due differenti tipologie: quelli privati (o interni) e quelli pubblici (o esterni). L’indirizzo IP privato è quello che il router assegna ai computer e agli altri eventuali dispositivi che fanno parte della rete locale, mentre quello pubblico, altrimenti detto “globale”, identifica in maniera univoca una connessione ed è comune a tutti i dispositivi che ne fanno uso. Gli indirizzi IP possono inoltre essere dinamici, ossia che cambiano a ogni connessione, o statici, vale a dire fissi.

Come dici? Ti è tutto perfettamente chiaro ma adesso vorresti passare all’azione e capire come fare per poter cambiare indirizzo IP? Hai ragione, mi sono dilungato un po’ troppo ma prima di fornirti tutte le spiegazioni sul da farsi mi sembrava doveroso fare un approfondimento sulla questione. Ad ogni modo, se vuoi saperne di più continua a leggere, qui sotto trovi tutte le spiegazioni di cui hai bisogno. Ah, dimenticavo: al di là dei “paroloni” non hai assolutamente nulla di cui preoccuparti poiché tutte le operazione che dovrai eventualmente eseguire sono semplicissime e possono essere messe in pratica senza problemi anche dai meno esperti in fatto di informatica. Ok?

Indice

Come cambiare indirizzo IP pubblico su Internet

Vuoi scoprire come cambiare l’indirizzo IP esterno, cioè quello con il quale il tuo router (e tutti i dispositivi ad esso collegati), smartphone o tablet è “riconosciuto” su Internet? In tal caso, ti basta disconnettere provvisoriamente il device dalla Rete, se il tuo abbonamento prevede un indirizzo IP pubblico di tipo dinamico, oppure usare una VPN. Ti consiglio, prima di fare qualsiasi cosa, di verificare che l’IP pubblico sia stato effettivamente modificato, visitando il sito Internet Whatsmyip.org sia prima che dopo la modifica.

Cambiare indirizzo IP modem

Come cambiare indirizzo IP pubblico su Internet

Se disponi di un abbonamento a Internet con indirizzo IP pubblico di tipo dinamico, puoi cambiare con facilità il tuo IP, semplicemente scollegando il router dalla rete per alcuni minuti, in modo da “costringere” il fornitore di servizi ad assegnarti un nuovo indirizzo.

Per riuscire nell’impresa, devi semplicemente spegnere il modem/router collegato a Internet (quello connesso direttamente al cavo della fibra/ADSL) e attendere 8-10 minuti prima di accenderlo nuovamente, in modo da ottenere un nuovo IP pubblico.

Generalmente, il tasto per spegnere l’apparecchio di rete è situato sul retro dello stesso, ha la forma di un pulsante o di un interruttore ed è contrassegnato dalla dicitura ON/OFF; se proprio non riesci a individuarlo, puoi spegnere e accendere il modem router semplicemente scollegandolo dalla corrente elettrica e ricollegandolo dopo 8-10 minuti.

In alternativa, se non vuoi spegnere il router (perché, ad esempio, stai effettuando operazioni sulla rete locale), puoi provvisoriamente metterlo “offline” scollegando direttamente il cavo di connessione a Internet e ricollegandolo dopo lo stesso tempo visto in precedenza: il cavo in questione, in genere, si trova all’interno della porta WAN/Internet situata sul retro del router.

Cambiare indirizzo IP della SIM

Come cambiare indirizzo IP pubblico su Internet

Il criterio di modifica dell’IP è lo stesso anche per le connessioni di rete cellulare tramite SIM: quasi tutti i gestori di telefonia mobile assegnano IP di tipo dinamico, pertanto è sufficiente restare scollegati dalla rete 3G/4G/5G per circa 15 minuti per ottenere il risultato desiderato.

Se impieghi Android, puoi disattivare la connessione a Internet richiamando l’area di notifica del sistema operativo e facendo tap sull’icona dedicata alla Rete mobile, alla Conn. Dati, ai Dati o simili, in modo da “spegnerla”.

In alternativa, se non riesci a individuare l’icona giusta, apri le Impostazioni del dispositivo facendo tap sul simbolo dell’ingranaggio presente nella schermata Home, nel drawer o nel menu delle notifiche, raggiungi le sezioni Rete e Internet e sposta su OFF l’interruttore corrispondente alla voce Dati mobili.

Tieni presente che, a seconda della versione di Android in tuo possesso, il percorso da seguire potrebbe essere leggermente diverso: per esempio, sui device Xiaomi, è necessario seguire il percorso Impostazioni > Schede SIM e reti mobili, mentre sui Samsung bisogna recarsi in Impostazioni > Connessioni.

Trascorso il tempo necessario, attiva nuovamente la connessione a Internet tramite rete dati andando a “riaccendere” la relativa icona presente nell’area di notifica, oppure spostando da OFF a ON l’interruttore modificato in precedenza.

I passaggi da seguire su iPhone e iPad sono piuttosto simili: per disattivare la rete dati rapidamente, richiama il Centro di controllo del sistema operativo, effettua un tap prolungato sul riquadro della Rete e “spegni” l’indicatore dedicato ai Dati cellulare, premendoci sopra. In alternativa, puoi ottenere lo stesso risultato recandoti nel menu Impostazioni > Cellulare di iOS/iPadOS e spostando su OFF la levetta relativa all’opzione Dati cellulare.

Fatto ciò, attendi circa 15 minuti e riattiva il collegamento a Internet tramite il Centro di controllo, oppure intervenendo sulla levetta di cui ti ho parlato poco fa.

Usare una VPN

Come cambiare indirizzo IP

Per le attività di rete più intense della semplice navigazione online, oppure se il tuo abbonamento a Internet prevede un indirizzo IP pubblico di tipo statico (e quindi non modificabile), può invece essere utile ricorrere all’uso delle VPN (acronimo di Virtual Private Network). Si tratta di sistemi che collegano il computer a una rete sicura remota che diventa la “protagonista” delle comunicazioni verso l’esterno e fa apparire la propria connessione in altre località geografiche (quella della rete e non più quella del modem/router locale).

Tra i tanti servizi VPN presenti sulla piazza io ti suggerisco NordVPN, che è molto semplice da usare e molto sicuro: i dati della connessione vengono infatti cifrati con un algoritmo molto avanzato e nascosti non solo a potenziali malintenzionati, ma anche a ISP e ai gestori dello stesso NordVPN.

Il servizio è disponibile su Windows, macOS, Linux, Android, iPhone/iPad, Smart TV Google TV, NAS, Raspberry Pi, router e altri dispositivi e offre una vasta gamma di server tra cui scegliere, disseminati in ogni parte del mondo.

I piani disponibili sono diversi, tutti con garanzia soddisfatti o rimborsati di 30 giorni e il supporto all’utilizzo contemporaneo su 6 dispositivi: quello da 2 anni in base alle promo in corso (attualmente meno 2,80 euro/mese, fatturati annualmente); quello da 1 anno (4,18 euro/mese, fatturati annualmente) e quello da 1 mese (10,56 euro).

Una volta creato il tuo account e scelto il tuo piano, se vuoi cambiare indirizzo IP PC, procedi al download del client di NordVPN per Windows seguendo le indicazioni a schermo. In seguito, avvia il file .exe ottenuto e premi sui pulsanti , Next, Install e Finish, per concludere il setup. Se hai un Mac, invece, puoi scaricare l’applicazione di NordVPN direttamente dal Mac App Store.

Per quanto riguarda smartphone e tablet, puoi scaricare l’applicazione dedicata sia su Android che su iOS e iPadOS: una volta raggiunta l’apposita sezione dello store di riferimento presente sul tuo dispositivo, fai tap sul pulsante Installa/Ottieni e, se necessario, autenticati mediante riconoscimento facciale, impronta digitale o password dell’account configurato sul dispositivo.

A download concluso, premi sul pulsante Apri per avviare l’app, oppure serviti dell’icona che, nel frattempo, è stata aggiunta alla schermata Home oppure al drawer/Libreria app dello smartphone oppure del tablet.

Ad installazione completata, non ti resta che avviare NordVPN, eseguire il Log In con i dati del tuo account e selezionare la nazionalità del server o uno Speciality server tra quelli disponibili, per iniziare a proteggere la tua connessione: per maggiori dettagli, leggi la mia recensione di NordVPN.

Come cambiare indirizzo IP

In alternativa al servizio precedente, puoi prendere in considerazione anche Surfshark, altra ottima che consente di selezionare il proprio indirizzo IP tra oltre 1040 server disseminati in più di 61 Paesi del mondo.

Il software è nativamente compatibile con Windows, macOS, Linux, browser Chrome e Firefox ma, se è tua intenzione cambiare IP per bypassare i blocchi regionali, puoi avvalerti del DNS intelligente di Surfshark, che può essere usato anche su device che non supportano l’installazione di VPN quali Smart TV/Apple TV, console per giochi e così via.

Surfshark è disponibile con vari piani in abbonamento, i cui prezzi variano in base alle promo in corso e con garanzia soddisfatti o rimborsati di 30 giorni: quello da 24 mesi (attualmente a 1,99 euro/mese, fatturati annualmente); quello da 6 mesi (attualmente costa 5,62 euro/mese, fatturati ogni semestre); e quello da 1 mese (attualmente costa 11,22 euro/mese, fatturati mensilmente e senza obbligo di rinnovo).

Una volta individuato il piano per te più congeniale, premi sul pulsante Acquista ora, seleziona l’abbonamento in questione tra quelli disponibili e procedi con la creazione di un nuovo account inserendo la tua email e selezionando un metodo di pagamento tra quelli disponibili.

Dopo aver portato a termine l’acquisto del pacchetto di tuo interesse e completato la creazione dell’account, collegati alla pagina di download del client e, se impieghi Windows, scarica l’app per il tuo sistema operativo, premendo sull’apposito pulsante. A download ultimato, apri il file ottenuto e procedi con l’installazione automatica del software cliccando sul pulsante . Se, invece, il tuo è un Mac, puoi scaricare e installare Surfshark direttamente dal Mac App Store.

Come già accennato poc’anzi, Surfshark è disponibile anche sotto forma di applicazione per smartphone e tablet Android, iOS e iPadOS: per ottenerla, collegati all’apposita pagina del Play Store (o dello store alternativo presente sul device) o dell’App Store e porta a termine il download dell’app seguendo la procedura classica prevista dal tuo sistema operativo.

Ad ogni modo, completato il download del software più adatto al tuo dispositivo, avvialo e accedi con l’account che hai creato in precedenza; successivamente, premi sul pulsante Connetti, per collegarti in automatico al server più veloce, oppure sulla scheda Posizioni, per scegliere manualmente il server al quale collegarti. Per saperne di più, ti rimando alla lettura della mia recensione completa del servizio SurfShark.

Cambiare indirizzo IP privato

Per quel che concerne invece l’indirizzo IP privato, puoi agire direttamente dal computer, dallo smartphone, dal tablet oppure dal router, assegnando un indirizzo di tipo statico. Per riuscirci non devi ricorrere a servizi o tool di terze parti: tutto ciò di cui hai bisogno è già fruibile direttamente dal dispositivo che stai utilizzando. In breve, devi innanzitutto individuare l’indirizzo IP del router e la maschera di rete, per poi applicare la modifica direttamente dalle impostazioni del sistema operativo.

Affinché il tutto proceda senza intoppi, il nuovo IP statico locale da assegnare al computer va generato cambiando le cifre finali dell’indirizzo del router (quella dopo l’ultimo punto) e impostando in esse un valore tra 2 e 253: per esempio, se il router ha come indirizzo 192.168.1.1, l’IP locale del computer può essere 192.168.1.2, 192.168.1.3, 192.168.1.59 e così via. Tieni presente che gli indirizzi IP locali dei vari dispositivi collegati alla stessa rete devono necessariamente essere diversi, onde evitare conflitti ed errori di comunicazione.

Come cambiare indirizzo IP Windows 10 e successivi

Come cambiare indirizzo IP Windows 10 e successivi

Se disponi di un PC animato da Windows 10 o Windows 11, fai clic destro sul pulsante Start (l’icona della bandierina di Windows situata nella parte sinistra della barra delle applicazioni), seleziona la voce Windows PowerShell/Terminale Windows dal menu che compare e impartisci, all’interno della finestra che va ad aprirsi, il comando ipconfig.

Ora, premi il tasto Invio della tastiera e prendi nota degli indirizzi IP relativi al Gateway predefinito (che corrisponde a quello del router) e alla Maschera di sottorete/Subnet mask: ti serviranno tra non molto.

Ora, per impostare un IP statico, fai clic destro sull’icona della rete di Windows residente nei pressi dell’orologio (raffigurante le tacchette del Wi-Fi oppure lo schermo con cavo), seleziona la voce Apri impostazioni Rete e Internet/Impostazioni rete e Internet dal menu che compare, clicca sulla scheda Stato (su Windows 10) e poi sulla voce Proprietà, corrispondente al nome della rete alla quale sei collegato.

Come cambiare indirizzo IP Windows 10 e successivi

Giunto alla schermata successiva, individua la dicitura Assegnazione IP, clicca sul pulsante Modifica ad essa corrispondente e imposta il menu a tendina che ti viene proposto sull’opzione Manuale. Fatto ciò, sposta su Attivato la levetta sottostante la voce IPv4 e compila come segue i campi proposti.

  • Indirizzo IP: il nuovo IP locale da assegnare al computer.
  • Lunghezza prefisso subnet/Subnet Mask: l’IP della Subnet mask recuperato in precedenza.
  • Gateway: l’IP del router.
  • DNS preferito: l’IP del router o quello del DNS personalizzato che preferisci.
  • DNS secondario: puoi lasciare vuoto il campo.

Quando hai finito, premi sul pulsante Salva e attendi qualche istante, affinché la connessione di rete venga stabilita con i nuovi parametri.

Come cambiare indirizzo IP su Mac

Come cambiare indirizzo IP su Mac

Per individuare l’IP del router e la maschera di sottorete da applicare tramite Mac, fai clic sull’icona multifunzione di macOS residente nei pressi dell’orologio di sistema (raffigura due levette di colore opposto) per aprire il relativo menu, clicca sul nome della rete da te in uso e poi sulla voce Preferenze rete… che compare in seguito. Ora, clicca sul pulsante Avanzate, poi sulla scheda TCP/IP e prendi nota degli indirizzi relativi alla Maschera di sottorete e al Router.

A questo punto, sempre dalla stessa finestra, puoi assegnare un IP statico al computer: imposta il menu a tendina Configura IPv4 sull’opzione Manualmente e immetti il nuovo IP statico da assegnare al computer all’interno del campo Indirizzo IPv4.

Per finire, compila i campi Maschera di sottorete e Router con le informazioni recuperate in precedenza e clicca sui pulsanti OK e Applica, per finalizzare il tutto e assegnare il nuovo IP.

Come cambiare indirizzo IP su Android

Come cambiare indirizzo IP su Android

Se, invece, il tuo è uno smartphone oppure un tablet dotato di sistema operativo Android, puoi recuperare l’indirizzo di router/gateway e la maschera di sottorete recandoti nel menu Impostazioni > Rete e Internet > Wi-Fi del dispositivo, facendo tap sul simbolo dell’ingranaggio situato accanto al della rete Wi-Fi da te in uso e poi sul pulsante Avanzate.

Il percorso da seguire potrebbe variare, in base alla versione di Android in uso sul tuo device: in alcuni casi, potresti dover aprire il menu Impostazioni > Connessione, Impostazioni > Wi-Fi o simili.

Per cambiare l’indirizzo IP del dispositivo, fai tap sul simbolo della matita (in alto) oppure sulla voce Modifica rete (in basso) presente nel pannello che hai aperto poco fa, premi sulla voce Opzioni avanzate e imposta il menu a tendina Impostazioni IP su Statico. Compila dunque i campi proposti con le informazioni necessarie.

  • Indirizzo IP: il nuovo IP da assegnare al dispositivo.
  • Gateway/Router: l’indirizzo IP del gateway/router.
  • Lunghezza prefisso rete: lascia invariato.
  • DNS 1: l’indirizzo IP del router o quello del server DNS personalizzato da te in uso.
  • DNS 2: lascia vuoto.

Quando hai finito, premi sulla voce Salva e attendi qualche istante, affinché l’IP venga modificato correttamente e la connessione riavviata.

Come cambiare indirizzo IP su iPhone e iPad

Come cambiare indirizzo IP su iPhone e iPad

Per risalire all’indirizzo IP del router e alla maschera di sottorete su iPhone e iPad e impostare un IP statico, apri le Impostazioni di iOS/iPadOS facendo tap sull’ingranaggio residente nella schermata Home (oppure nella Libreria app) , raggiungi il menu Wi-Fi e fai tap sul pulsante (i) situato accanto al nome della connessione da te in uso. In seguito, individua il riquadro IPv4 e prendi nota dei valori corrispondenti alle voci Router e Maschera sottorete.

Fatto ciò, premi sulla voce Automatico corrispondente alla dicitura Configura IP, poi sull’opzione Manuale e inserisci il nuovo indirizzo IP da assegnare al dispositivo e gli indirizzi di maschera di sottorete e router recuperati in precedenza, all’interno degli appositi campi. Per finire, premi sulla voce Salva collocata in alto a destra e il gioco è fatto.

Come cambiare indirizzo IP dal router

Come cambiare IP

Se vuoi cambiare indirizzo IP ai dispositivi connessi alla tua rete agendo dal modem/router, puoi riuscirci accedendo al pannello di configurazione del dispositivo. La procedura da seguire è abbastanza semplice ma considerando che i menu di configurazione possono differire tra loro in base alla marca e al modello del modem/router in uso non mi sarà possibile fornire indicazioni estremamente dettagliate. Ad ogni modo non temere, cercherò comunque di essere sufficientemente esauriente.

Tanto per cominciare provvedi a collegarti al pannello di configurazione del modem/router avviando il browser Web che generalmente utilizzi per navigare in rete, digitando nella barra degli indirizzi 192.168.1.1 o 192.168.0.1, pigiando il pulsante Invio sulla tastiera e fornendo nome utente e password richiesti che generalmente sono admin/admin oppure admin/password.

Nel caso in cui le coordinate fornite dovessero rivelarsi inesatte, leggi pure la mia guida su come trovare l’indirizzo IP del router che ho scritto sull’argomento e il mio tutorial su come vedere la password del modem per cercare di far fronte alla cosa.

Ad accesso eseguito, recati nella sezione Impostazioni LAN, Dispositivi o Rete locale del pannello di gestione del modem/router dopodiché seleziona il nome del dispositivo a cui desideri cambiare indirizzo IP e clicca sul bottone per effettuare le modifiche.

A questo punto, digita l’indirizzo IP che intendi utilizzare nel campo che trovi in corrispondenza della dicitura Indirizzo IP, IP oppure IP Address e poi clicca sul bottone per salvare le modifiche apportate. Tieni presente che in alcuni casi potrebbe essere necessario riavviare il router o il dispositivo su cui hai scelto di agire per fare in modo che le modifiche vengano apportate.

Qualora i passaggi da effettuare per cambiare indirizzo IP che ti ho appena indicato non dovessero risultare corretti per il tuo modem/router, ti suggerisco di cercare di provare scoprire quali operazioni compiere esattamente dando uno sguardo al manuale utente annesso alla confezione di vendita del dispositivo. In alternativa, puoi provare a dare uno sguardo alle guide tematiche relative ai router più comunemente diffusi (TIM, Vodafone, WINDTRE, Fastweb, FRITZ!Box/Eolo, D-Link, TP-LINK e Netgear) o cercare su Google frasi come IP statico [marca e modello router], assegnazione IP [marca e modello router] o, ancora, DHCP reservation [marca e modello router].

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.