Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come creare Web radio

di

Che sia per scherzo, per curiosità oppure per hobby, hai deciso di voler creare la tua personale stazione radiofonica online. Hai già in mente le canzoni da far ascoltare ai tuoi ascoltatori, le rubriche e sei addirittura arrivato a stilare una vera e propria scaletta, ma non hai la più pallida idea di come creare una Web radio.

Girovagando su Internet, sei riuscito a trovare tutti gli strumenti necessari per registrare le tue rubriche e tante canzoni gratuite e condivisibili. Ma come fare con la gestione in diretta dei contenuti? Come gestire i vari elementi che compongono un programma radio di tutto rispetto? E soprattutto… quanto costano strumenti del genere?

Ed è qui che entro in gioco io! Nel corso delle prossime righe troverai tutte le informazioni necessarie che ti permetteranno di creare la tua Web radio attraverso varie piattaforme e siti in grado di rispondere alle tue esigenze. Tutto quello che devi fare è armarti di un po’ di pazienza e continuare a leggere. Coraggio! Sei a pochi passi dall’inizio della tua “carriera” radiofonica!

Indice

Come creare una Web Radio a costo zero

web radio a costo zero

In genere, pensando a una trasmissione radiofonica si immagina che bisognerà quantomeno sostenere il pagamento di software di registrazione costosi o di un’attrezzatura adatta come un mixer, microfono professionale e tanto altro ancora. Niente di più sbagliato e infatti come potrai notare leggendo i prossimi capitoli, esistono diversi programmi e servizi che ti permetteranno di creare una Web radio gratis e “tuffarti” nel mondo delle trasmissioni radiofoniche.

Creare una Web radio con Spreaker Studio

Sito Spreaker Studio

Se hai già dato un’occhiata alla mia guida su come creare un podcast avrai sicuramente letto (o quantomeno già sentito nominare) Spreaker, il sito dedicato alla creazione e pubblicazione di podcast digitali. Ebbene, devi sapere che Spreaker offre un servizio aggiuntivo e basato su un semplice programma che ti permetterà in pochi clic di creare e gestire la tua radio personale. Sto parlando ovviamente di Spreaker Studio.

Scaricare Spreaker Studio è piuttosto semplice, in quanto si tratta di un’applicazione disponibile per tutti i principali sistemi operativi desktop e mobile. Per cominciare su PC, collegati alla pagina di download del programma e clicca sul tasto Scarica l’App per avviare il download del file d’installazione. Una volta terminato il download, se usi Windows, apri il file spreaker-studio-setup.exe e clicca sul tasto Consenti accesso per abilitare l’applicazione all’uso della rete. Su macOS, invece, terminato lo scaricamento del file spreaker-studio-setup.dmg la procedura d’installazione è ancora più semplice. Non dovrai fare altro che raggiungere la cartella di salvataggio del file, aprirlo cliccando due volte su di esso e trascinare l’icona del programma dentro la cartella Applicazioni. Dopo pochi secondi l’installazione sarà terminata.

Su Android e iOS/iPadOS trovi l’app direttamente nello store del tuo device e puoi scaricarla seguendo la solita procedura.

Ora che hai tutto quel che serve per utilizzare Spreaker Studio, è arrivato il momento di configurare la tua trasmissione radiofonica. Per questo esempio utilizzerò la versione Windows del programma, ma tutte le operazioni che ti sto per illustrare possono essere effettuate su qualsiasi altra versione di Spreaker Studio attualmente disponibile.

tutorial Spreaker Studio

Al primo avvio del programma ti verrà richiesto di effettuare l’accesso al tuo account Spreaker, utilizzando l’indirizzo email, oppure collegandoti con i profili Facebook, Google e Twitter. Dopo il primo accesso, Spreaker Studio ti chiederà se seguire o meno il tutorial introduttivo dedicato alle funzioni principali del programma e accessibile premendo sul tasto Inizia Tutorial. Ti consiglio di dargli un’occhiata, in quanto ti permette di prendere manualità con i comandi e partire fin da subito. In caso contrario, clicca sul tasto No, grazie per saltare questo passaggio. Terminata questa prima fase, ti troverai davanti all’interfaccia utente di Spreaker Studio, divisa in sei sezioni.

Schermata Spreaker Studio

All’interno della sezione Playlist è possibile gestire i file audio da voler mandare in onda, aggiungendoli cliccando sul tasto + oppure trascinandoli all’interno del programma; Tracce invece permette di gestire in maniera più specifica fino a due file audio, includendo la possibilità di regolare il volume e la dissolvenza di quelle che potrebbero essere la sigla iniziale e di chiusura del tuo show; Microfono e Sorgenti e Output ti offrono una panoramica sul corretto funzionamento delle periferiche sonore collegate al tuo computer, con la possibilità di regolarle a tuo piacimento; Effetti presenta una piccola varietà di suoni buffi da implementare durante i segmenti delle tue trasmissioni; e infine Chat ti permette di visualizzare i messaggi che i tuoi follower scriveranno durante la diretta.

Pubblicazione Spreaker Studio

Una volta che avrai organizzato tutti i brani necessari e costruito la scaletta della trasmissione, clicca sul tasto Inizia per passare all’ultima fase: la pubblicazione e messa in onda. Dopo aver cliccato sul tasto rosso Live ti troverai davanti a un modulo da compilare con tutte le informazioni del tuo programma: Titolo, Descrizione, Tag, Nome dello Show, Immagine di Copertina e informazioni aggiuntive come l’eventuale presenza di materiale sensibile o esplicito oppure la condivisione sui social.

Quando sei pronto, clicca su Vai in Diretta per cominciare. Ti ricordo che, trattandosi di un servizio che prevede una serie di abbonamenti premium, un account gratuito di Spreaker è in grado di trasmettere in diretta per ben 45 minuti.

Termine registrazione Spreaker Studio

Una volta terminata la trasmissione cliccando sul tasto Stop, la puntata verrà automaticamente caricata e condivisa sul tuo account Spreaker e potrà essere riascoltata ancora una volta o scaricata nella sua interezza.

Creare una Web radio con SoundCloud

Sito SoundCloud

SoundCloud si propone come un sito dedicato all’hosting di programmi radiofonici già registrati. In questo caso, è un ottimo portale su cui caricare la registrazione ottenuta con strumenti come quelli analizzati precedentemente in questo tutorial. È, inoltre, un’ottima soluzione rapida se sei alla ricerca di un metodo per creare una Web radio a scuola.

Una volta entrato per la prima volta all’interno del sito di SoundCloud, clicca sul tasto carica i tuoi contenuti e poi su carica la tua prima traccia per iniziare la creazione del tuo account tramite il tuo indirizzo email o account
Facebook, Google oppure Apple. A questo punto, digita una nuova password, metti la spunta sul box dei reCAPTCHA per confermare di non essere un robot e clicca infine su Accetta e continua. In pochissimi secondi, sulla tua casella di posta elettronica arriverà la classica mail di verifica e che ti permetterà di iniziare.

Effettuato l’accesso a SoundCloud, ti troverai davanti a una semplice schermata di caricamento, sul quale selezionare o trascinare il file audio della tua registrazione radiofonica. Ricordati che il sito supporta i file MP3, WAV, FLAC e tanti altri.

Caricamento SoundCloud

Durante il caricamento della tua trasmissione radiofonica, ti verrà data l’occasione di modificarne le informazioni, aggiungendo una immagine di copertina, il nome, una descrizione, i tag (tra i quali è presente anche #Radio) ed il genere. Cliccando sulla scheda Metadati potrai inserire tutti i dati relativi alla proprietà del file audio, indicando Artista, Editore, Data di Rilascio e tutte le info necessarie per la distribuzione, come la licenza. Con quest’ultima hai la possibilità di mantenere Tutti i diritti riservati oppure rilasciare il tutto sotto Creative Commons, una licenza speciale che permette agli ascoltatori di scaricare, modificare e ridistribuire il file audio.

Allo stesso modo, la scheda Autorizzazioni gestisce ciò che i tuoi ascoltatori potranno fare con la registrazione, permettendoti quindi di abilitarne il download (nel caso tu non includa materiale protetto da copyright altrui e quindi non ridistribuibile legalmente), la riproduzione offline, la riproduzione tramite l’applicazione ufficiale di Soundcloud, il feed RSS e la creazione di un codice di incorporamento HTML. La scheda Avanzate infine, ti permette di impostare una breve anteprima di pochi secondi e che darà a un potenziale ascoltatore un’idea generale del tuo podcast. Una volta che avrai impostato tutto secondo le tue preferenze, clicca su Salva per completare la procedura e pubblicare la tua trasmissione radiofonica su Soundcloud.

Il servizio di hosting offerto da SoundCloud è gratuito ed è disponibile anche su altre piattaforme come Android e iOS ma è comunque possibile sottoscrivere un abbonamento a SoundCloud GO, permettendoti di accedere a funzioni premium come l’ascolto dei brani offline, senza pubblicità e in qualità superiore, a un prezzo che oscilla tra i 5,99 euro e i 9,99 euro mensili. Per ulteriori informazioni, ti consiglio di dare un’occhiata alla mia guida su come funziona SoundCloud

Creare una webradio con Spotify

web radio su spotify

Nei capitoli precedenti ti ho mostrato come creare una Web radio utilizzando diversi servizi Web incentrati sulla gestione di un programma radiofonico. Ma è possibile trasmettere il proprio programma radiofonico su Spotify? Al momento, purtroppo, la risposta è no, in quanto la piattaforma non supporta funzioni di streaming per i contenuti audio.

Tuttavia, è puoi sempre optare per pubblicare le registrazioni delle tue trasmissioni su Spotify sotto forma di podcast, utilizzando i sistemi di distribuzione presenti all’interno di siti come Spreaker. Se vuoi saperne di più ti consiglio di dare un’occhiata alla mia guida su come creare un podcast su Spotify.

Altri servizi per creare Web radio

altri servizi

Dopo tutta questa carrellata ti starai di sicuro chiedendo se esistono o meno altri servizi per creare Web radio gratis. Sei curioso di sapere quali sono vero? Ebbene, eccoti una breve lista di alternative su cui sperimentare.

  • Icecast – programma dedicato all’hosting di server dedicati al broadcasting di una trasmissione radiofonica, ideale per creare Web radio professionale. Richiede competenze in ambito HTML e CSS.
  • Shoutcast – software open source dedicato alla creazione di server per lo streaming di contenuti audio come i programmi radiofonici.
  • Zeno.FM – piattaforma online dedicata alla creazione e gestione di una trasmissione radiofonica in maniera del tutto gratuita. Offre opzioni di abbonamento mensile.
Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.