Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come eliminare il rumore di sottofondo del microfono

di

Hai appena completato una registrazione vocale e sei pronto a trasmetterla ovunque tu voglia, oppure hai deciso di utilizzare il tuo microfono per lo streaming in diretta, ma ti sei accorto che la qualità delle registrazioni non è proprio come ti aspettavi che fosse. Un fastidioso rumore di fondo, infatti, rende poco pulita la registrazione, un rumore del quale non ti eri proprio accorto. Hai quindi deciso di cercare informazioni su come togliere il rumore di sottofondo del microfono e sei finito su questo mio tutorial.

Ho indovinato? Se ho ragione, sappi che sei capitato sulla guida giusta! Quest’oggi, infatti, ho intenzione di spiegarti i migliori metodi per eliminare il rumore di fondo del microfono adatti ad ogni situazione e ad ogni dispositivo. Che tu stia usando un PC Windows, un Mac, un device Android o un iPhone/iPad, ti fornirò i consigli giusti per risolvere il tuo problema.

Come dici? Non sei proprio un esperto di informatica né di audio? Non preoccuparti: ti spiegherò come raggiungere il tuo obiettivo in maniera molto semplice. Ti basterà seguire le mie istruzioni e non avrai bisogno di particolari conoscenze pregresse per effettuare registrazioni pulite e di alta qualità. Sei pronto? Mettiti comodo e… buona lettura!

Indice

Come togliere il rumore di sottofondo del microfono

Molto spesso, quando si effettua una registrazione, non viene posta abbastanza attenzione al dispositivo usato per registrare. Potresti infatti pensare che il problema del rumore di sottofondo del microfono sia dovuto al software utilizzato per registrare, ma, come leggerai nel prossimo capitolo, è possibile che i tuoi problemi di registrazione siano risolvibili proprio cambiando il microfono o, se sei già in possesso di un microfono di discreta qualità, tramite dei semplici accorgimenti da applicare a quest’ultimo.

Acquistare un microfono di buona qualità

Per una registrazione di buona qualità, è indispensabile dotarsi di un microfono di buona qualità. Al contrario di quanto potresti pensare, però, non è detto che un microfono capace di registrare in maniera chiara e pulita debba avere necessariamente un costo particolarmente alto. Ho selezionato per te alcuni dei migliori microfoni adatti a diversi utilizzi.

Se stai cercando un buon microfono che sappia coniugare qualità e prezzo, ti consiglio di acquistare il Trust GXT 232 Mantis che, grazie alle sue caratteristiche e al suo prezzo competitivo, ti permetterà di effettuare delle ottime registrazioni in tutta semplicità. La presenza di un filtro anti pop incluso e del treppiede molto stabile rendono questo dispositivo un’ottima scelta economica da tutti i punti di vista, unitamente al fatto che la connessione al PC è di tipo digitale, utilizzando lo standard USB.

Trust GXT 232 Mantis Microfono USB per Streaming, Shock-Mount, Filtro ...
Vedi offerta su Amazon

Se preferisci invece investire più soldi per ottenere un dispositivo di qualità superiore, ti presento il microfono USB a condensatore Tonor. Questo microfono digitale, infatti, presenta non solo un filtro anti pop e un filtro antivento inclusi, ma è dotato anche di un chip audio professionale in grado di gestire le registrazioni in maniera del tutto pulita e con un audio molto fedele.

TONOR USB Microfono di Registrazione a Condensatore per Computer Deskt...
Vedi offerta su Amazon

Per finire, ti voglio segnalare un microfono ancora più avanzato, adatto a chiunque voglia ottenere il massimo della fedeltà audio senza doversi preoccupare di rumori di fondo o di distorsioni di qualsiasi tipo. Ti sto parlando del Trust Gaming GXT 252 Emita Plus, un microfono digitale che, grazie ai filtri antivento e anti pop inclusi e grazie anche ai chip audio integrati, è in grado di fornire il massimo della qualità audio e il massimo della comodità di registrazione.

Trust Gaming GXT 252 Emita Plus Microfono USB Professionale a Condensa...
Vedi offerta su Amazon

Usare una spugna antivento

Se possiedi già un microfono e non hai intenzione di cambiarlo con un modello più avanzato, non preoccuparti: puoi sempre aggiungere al tuo dispositivo una spugna antivento. Questa tipologia di filtro, infatti, consente di eliminare fisicamente l’ingresso nel microfono di molti rumori di fondo, come il vento o alcuni disturbi ambientali dati ad esempio da elettrodomestici quali ventilatori, condizionatori o altro.

A seconda del diametro del tuo microfono, potresti dover acquistare una spugna antivento di dimensioni differenti. Proprio per questo ho selezionato per te alcune tra le migliori spugne antivento adatte a ogni dispositivo.

La spugna antivento Neewer, ad esempio, è adatta alla maggior parte dei microfoni a condensatore, grazie alla sua elasticità e alle misure standard di 4,5 x 4,5 x 12 cm. Se, invece, possiedi un microfono più piccolo o un microfono di tipo lavalier di 6,3mm di diametro, ti consiglio di acquistare un set di filtri antivento AMACOAM che, grazie alla composizione in spugna e alla qualità dei filtri stessi, consentono una registrazione pulita con qualsiasi microfono che abbia un diametro compatibile.

Neewer® Filtro Pop Antivento a Sfera in Spugna per Microfono a Condens...
Vedi offerta su Amazon
AMACOAM Spugna Microfono Cuffie Schiuma Microfono Lavalier Spugna Micr...
Vedi offerta su Amazon

Altri accorgimenti utili

In ogni caso, che tu abbia deciso di acquistare un nuovo dispositivo, un filtro antivento o che tu abbia scelto di tenere il tuo microfono attuale, lascia che ti dia qualche altro consiglio, spero valido, per migliorare notevolmente la qualità delle tue registrazioni.

  • Mantieni la giusta distanza dal microfono – al contrario di quanto possa sembrare, non sempre avvicinarsi al microfono significa migliorare la qualità del risultato finale. Un’eccessiva vicinanza, infatti, potrebbe comportare una distorsione audio che impedirebbe la realizzazione di una registrazione di qualità. Mantieni sempre almeno 10 cm di distanza dal tuo microfono per evitare queste situazioni.
  • Non posizionare il microfono verso fonti di rumore – anche se può sembrarti scontato, questo consiglio viene spesso ignorato. La maggior parte dei microfoni, infatti, captano le onde sonore in maniera direzionale o semi direzionale, e potrebbero peggiorare notevolmente la qualità della registrazione se esposti ad esempio verso finestre aperte, ambienti affollati o elettrodomestici quali condizionatori, ventilatori o simili.
  • Mantieni pulito il microfono e i filtri – assicurati sempre che il microfono e gli eventuali filtri antivento o anti pop siano puliti e liberi da ostruzioni. Non è infrequente, infatti, che la necessità di amplificare il volume del microfono dovuta a una manutenzione errata provochi distorsioni e artefatti audio difficili da eliminare.

Come eliminare il rumore di fondo del microfono su Windows 10

Molto spesso, nonostante gli accorgimenti e l’utilizzo di dispositivi di qualità, ci si ritrova con registrazioni poco chiare o eccessivamente disturbate dal rumore di fondo. Se è successo anche a te e ti stai chiedendo come risolvere questo problema sul tuo PC con Windows 10, continua a leggere: nei prossimi capitoli, infatti, ti spiegherò nel dettaglio l’utilizzo di alcuni software in grado di eliminare il rumore di fondo del microfono attraverso approcci differenti.

Nvidia RTX Voice

So a cosa stai pensando: ti stai chiedendo come possa Nvidia, produttrice di schede video, aiutarti nella registrazione di un audio senza rumori di sottofondo. Ebbene, anche se Nvidia è specializzata nella produzione di schede video e di software relativi ad esse, è proprio da quest’azienda che viene uno dei più innovativi software in grado di pulire l’audio in ingresso e quindi di eliminare il rumore di fondo.

Nvidia RTX Voice (questo il suo nome) sfrutta l’enorme potenziale delle schede video di nuova generazione per elaborare in tempo reale il flusso audio proveniente, ad esempio, dal microfono. Utilizzando complessi algoritmi basati sui Tensor Core, i componenti delle schede video spesso utilizzati nelle operazioni di intelligenza artificiale, Nvidia promette di risolvere quasi completamente i problemi di disturbo audio senza alcun tipo di distorsione finale.

Per poter utilizzare Nvidia RTX Voice, l’unico requisito è quello di possedere una scheda video RTX prodotta da Nvidia. La tecnologia Ray Tracing, infatti, è alla base di questa utility e permette lo sfruttamento dell’enorme capacità di calcolo dei processori grafici in questione. Infine, assicurati di aggiornare i driver della scheda video in modo da assicurare la piena compatibilità di questi ultimi con Nvidia RTX Voice.

Una volta fatto questo, apri il tuo browser e dirigiti sul pagina di download di Nvidia RTX Voice e fai clic su Download the app per iniziare lo scaricamento del software. Una volta terminato, individua il file eseguibile appena scaricato e fai doppio clic su di esso per eseguirlo. Se possiedi una scheda video RTX, il programma si occuperà di installare automaticamente il RTX Voice.

Nella schermata che ti è stata appena proposta, assicurati di selezionare dal menu Input device il tuo microfono e dal menu Output device il tuo dispositivo di riproduzione audio. Per abilitare la funzione di riduzione del rumore del microfono, inoltre, premi sulla spunta Remove background noise from my microphone e trascina l’indicatore della percentuale di soppressione del rumore circa a metà. Potrai modificare quest’ultimo parametro in futuro, a seconda dei risultati ottenuti e delle tue preferenze personali.

L’ultimo passaggio da eseguire per poter sfruttare RTX Voice nelle tue registrazioni è quello di selezionare il software come ingresso audio predefinito. Per fare questo, cerca Pannello di Controllo nel campo di ricerca presente accanto al pulsante Start (l’icona della bandierina collocata nell’angolo in basso a sinistra dello schermo) e seleziona la prima occorrenza restituita.

Premi ora la voce del menu Audio e fai clic sulla scheda Registrazioni. Nell’elenco di dispositivi di registrazione, potrai notare la comparsa di un microfono chiamato Nvidia RTX Voice, creato dal software appena installato. Fai quindi clic destro su di esso e premi la voce del menu Imposta come dispositivo predefinito in modo da consentire a qualsiasi programma di acquisizione audio di prelevare l’audio filtrato da RTX Voice.

Potrai così usare RTX Voice per fare registrazioni o dirette con software come OBS o semplicemente rendere più chiare le tue chiamate su servizi come Skype o Zoom.

Audacity

Può capitarti, a volte, di non riuscire ad eliminare del tutto il rumore di fondo del microfono nonostante tu abbia eseguito tutte le operazioni descritte fino ad ora.

In questo caso, puoi lavorare in post produzione sul file della registrazione che hai ottenuto in modo da eliminare il rumore di sottofondo. Per fare questo, puoi usare Audacity, un software gratuito e open source disponibile per tutti i sistemi operativi più diffusi, in grado di eseguire utili operazioni di editing sui file audio. Se non ce l’hai ancora, ti consiglio la lettura della mia guida su come scaricare Audacity per ottenere questo programma in pochissimo tempo.

Una volta aperto Audacity, puoi decidere se registrare dell’audio premendo il tasto con un pallino rosso posto in alto al centro o se importare una registrazione a tua disposizione premendo andando nel menu File > Apri (in alto a sinistra).

A file importato o registrato, cerca un punto nel grafico nel quale il rumore di fondo è ben presente e, invece, non sono presenti la tua voce o altri suoni che non desideri rimuovere.

A questo punto, tieni premuto il tasto sinistro del mouse e seleziona la porzione di audio contenente solo il rumore di fondo. Ti consiglio fortemente di fare clic sul pulsante ▶︎, in alto a sinistra, per ascoltare l’audio selezionato e assicurarti che contenga solo rumore di fondo.

Una volta fatto questo, recati nel menu Effetti > Riduzione rumore (in alto). Premi, dunque, sul pulsante Elabora rumore di fondo e attendi che Audacity abbia analizzato il rumore di fondo presente. In seguito, premi due volte velocemente sull’onda sonora, in modo da selezionarla completamente, poi fai di nuovo clic sul menu Effetti e scegli nuovamente la voce Riduzione rumore da quest’ultimo.

In questa fase, puoi impostare i parametri di riduzione del rumore. Il valore Riduzione rumore (dB) indica l’abbassamento del volume delle porzioni di audio contenenti il rumore di fondo. A seconda del risultato finale, puoi alzare o abbassare il valore di questo parametro.

Le opzioni Sensibilità e Appianamento frequenza (bande) indicano invece al software la precisione da utilizzare nel riconoscimento del rumore di fondo. Più questi parametri sono alti, più il rumore di fondo sarà isolato con precisione; al tempo stesso, però, un valore eccessivo potrebbe portare a una minor efficacia dell’attività di pulizia audio.

Una volta impostati i parametri secondo le tue preferenze, fai clic sul pulsante Anteprima per ascoltare una piccola porzione di audio elaborato. Se non sei soddisfatto del risultato, puoi aggiustare i parametri in modo da migliorarlo. Quando ti senti soddisfatto, premi il pulsante Ok, per elaborare l’intero file.

Ora che la tua registrazione è pulita, vai nel menu File > Export, in alto, e scegli l’MP3 o il formato nel quale desideri esportare il brano. Nella finestra che si apre, scegli quindi il nome che vuoi dare alla tua registrazione e premi il pulsante Salva.

Audacity ti permette anche di inserire nel file alcune informazioni, come il nome dell’autore o altre voci: una volta fatto ciò, premi il pulsante Ok per salvare finalmente la tua registrazione elaborata.

Come eliminare il rumore di fondo del microfono su macOS

Se possiedi un Mac e ti stai chiedendo come eliminare il rumore di fondo del microfono usando quest’ultimo, ho una buona notizia per te: puoi seguire i consigli che ti ho appena dato anche sui computer di Apple, con qualche piccola differenza. Purtroppo, infatti, Nvidia RTX Voice non è disponibile per macOS, mentre i suggerimenti presenti nei capitoli riguardanti la scelta e l’utilizzo di un microfono e l’utilizzo di Audacity si possono applicare senza problemi.

Come eliminare il rumore di sottofondo del microfono su Android

Se vuoi effettuare una registrazione audio con il tuo smartphone o tablet Android e vuoi assicurarti di non incappare in problemi riguardanti il rumore di fondo, puoi rivolgerti a varie app tra quelle disponibili sul Play Store e sugli store alternativi per i dispositivi sprovvisti di servizi Google.

Tra le soluzioni alle quali puoi rivolgerti, ti segnalo l’app gratuita: Voice Recorder – Noise Filter che consente di registrare audio dal microfono applicando automaticamente un filtro di riduzione del rumore veramente efficace.

Una volta installata l’applicazione (cercandola nello store del tuo device, premendo sul suo nome e poi sul pulsante Installa), avviala e fai tap sul pulsante Start, per poi concederle i permessi richiesti.

Fatto questo, puoi registrare immediatamente dal microfono del tuo smartphone o tablet premendo il pulsante con il disegno del microfono, al centro della schermata. Per interrompere la registrazione e salvarla, invece, fai tap sul pulsante con il disegno di una spunta.

Se vuoi, puoi anche decidere di mettere in pausa la registrazione, premendo sul pulsante con il disegno di due barre al centro, o di cancellare la registrazione in corso, premendo sul pulsante con il disegno di una croce posto a sinistra.

Terminata la registrazione, puoi riascoltarla premendo sul pulsante Play posto a sinistra, in modo da verificarne la qualità del file ottenuto.

Quando hai concluso, puoi condividere la tua registrazione attraverso il pulsante con l’icona condividi presente sulla destra, o chiudere la schermata, premendo sulla X. Ricordati anche che tutte le tue registrazioni sono disponibili facendo tap sulla scheda Library presente nella parte superiore della app. Semplice, vero?

Come eliminare il rumore di sottofondo del microfono su iPhone

Garageband

Su iPhone e iPad è disponibile un’app di produzione musicale, sviluppata dalla stessa Apple e disponibile gratuitamente su App Store, denominata Garageband. Tramite quest’ultima è possibile non solo registrare e creare composizioni musicali con facilità, ma anche registrare la propria voce e applicare dei filtri di riduzione del rumore.

Per avvalerti di questa possibilità, installa Garageband (cercandola nell’App Store, premendo sulla sua icona, quindi sul pulsante Ottieni/Installa e verificando la tua identità tramite Face ID, Touch ID o password dell’ID Apple); dopodiché avviala e crea la tua registrazione vocale, premendo sul pulsante +, in alto a destra, e poi sull’opzione Registratore audio e sul pulsante Rec (in alto).

Una volta creata la registrazione, attiva la visualizzazione in stile grafico (l’icona con le barre orizzontali collocata in alto a sinistra) seleziona il punto del grafico in cui c’è del rumore di fondo, accedi al menu di Garageband (premendo sull’icona con le barre dell’equalizzatore presente in alto a sinistra) e vai nel percorso Plugin ed Eq > Noise Gate, dopodiché regola il valore Soglia in base alle tue necessità (premi sul pulsante ▶︎ per ascoltare un’anteprima della registrazione finale).

Quando sei soddisfatto del risultato ottenuto, puoi esportarlo andando nel menu I miei brani, eseguendo un tap prolungato sull’icona della registrazione che hai effettuato, selezionando l’opzione Condividi dal menu che si apre e, infine, scegliendo se esportare il tutto come brano, suoneria o progetto.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.