Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come funziona FaceTime

di

Hai acquistato da poco un iPhone, un tuo amico ti ha detto che d'ora in avanti anche tu potrai finalmente utilizzare FaceTime ma non hai capito di cosa stesse parlando? Utilizzando il tuo Mac tutto d'un tratto ti sei ritrovato dinanzi una finestra indicante la possibilità di cominciare a usare FaceTime, ma onde evitare di far casini l'hai sùbito chiusa e ora vorresti saperne di più?

Se la risposta ad almeno una di queste due domande è affermativa ho una buona — anzi… ottima —notizia da darti: sei capitato sulla guida giusta! Nelle seguenti righe andrò infatti a spiegarti per filo e per segno come funziona FaceTime su iPhone, iPad e Mac. Per completezza d'informazione, poi, ti illustrerò anche cosa fare nel caso il servizio di videochiamate di Apple dovesse avere problemi di funzionamento.

Prima di lasciarti alla lettura della guida, ci tengo a ricordarti che, poter sfruttare FaceTime è indispensabile che anche la persona con cui desideri metterti in contatto sia connessa a Internet, che quest'ultima disponga di un dispositivo Apple tra quelli supportati o, se sta agendo dalla sua versione Web, che usi la versione più recente di Chrome o Edge. In caso contrario, non ti sarà possibile utilizzare FaceTime. Ora possiamo procedere!

Indice

Come funziona FaceTime: costi

Come funziona FaceTime

Prima di illustrati nel dettaglio come funziona FaceTime mi sembra però doveroso metterti in condizione di capire i costi legati al funzionamento del servizio.

FaceTime è un servizio per le videochiamate gratuito ed è già incluso in iPhone, iPad e Mac; inoltre può essere adoperato da Apple Watch e persino tramite browser (Chrome ed Edge), grazie alla sua versione Web.

Funziona sia in Wi-Fi che in 3G/4G/5G e non richiede alcun tipo di configurazione particolare da parte dell'utente. Va però attivato e, su iPhone, ci sarà bisogno del servizio di messaggistica SMS per attivare il proprio numero: questa operazione, a seconda dell'operatore in uso, potrebbe portare all'addebito del costo di un SMS.

Naturalmente, poi, se effettui e ricevi chiamate/videochiamate FaceTime sotto rete dati, assicurati di avere un piano dati adeguato (magari uno di quelli con tanti Giga), per evitare di “rimanere a secco” e/o pagare dati a consumo, che in questo caso specifico potrebbe comportare un certo aggravio economico. Per il resto, tutto gratis!

Come funziona FaceTime su iPhone

FaceTime

Tanto per cominciare cerchiamo di capire come funziona FaceTime su iPhone. In questo caso, la prima cosa che devi fare è quella di accertarti del fatto che il tuo dispositivo sia connesso a una rete Wi-Fi attiva e funzionante oppure che su quest'ultimo risulti abilitata la connessione dati.

Per fare ciò, ti basta dare uno sguardo all'area presente nella parte in alto a sinistra dello schermo del dispositivo e verificare che sia presente un'icona con le tacche del Wi-Fi, la scritta 3G, 4G o 5G. Se Internet non è attivo sul dispositivo, accedi alla sezione Impostazioni di iOS (l'icona a forma di ingranaggio presente in Home screen o nella Libreria app) per attivare la connessione Wi-Fi o la connessione dati.

A questo punto puoi procedere andando ad attivare il servizio. Recati dunque nelle Impostazioni, scorri la schermata visualizzata e fai tap sulla voce FaceTime. Nella schermata che ad aprirsi, pigia sulla levetta che trovi in corrispondenza della dicitura FaceTime, in modo tale da portarla su ON (se necessario).

Ad attivazione completata, potrai scegliere quali tuoi recapiti rendere rintracciabili dagli altri utenti per comunicare su FaceTime (es. il numero di telefono del tuo iPhone, l'indirizzo email associato al tuo ID Apple, etc.). Come si fa? Facilissimo: fai tap in corrispondenza del recapito di tuo interesse e il gioco è fatto.

Ora che hai attivato il servizio puoi finalmente cominciare ad avvalerti di FaceTime. Pigia, quindi, sull'icona dell'app FaceTime (è l'icona con la cinepresa bianca su sfondo verde) presente nella schermata Home o nella Libreria app e poi premi sul bottone Nuova chiamata FaceTime. Dopodiché digita il nome, l'indirizzo di posta elettronica oppure il numero di telefono della persona che desideri contattare nell'apposito campo di ricerca collocato in alto.

Una volta individuato il contatto che desideri chiamare tramite FaceTime, scegli se effettuare una telefonata solo audio oppure una chiamata sia audio che video. Per fare una chiamata solo audio, pigia sull'icona raffigurante la classica cornetta del telefono che trovi sulla sinistra; mentre se è tua intenzione effettuare una chiamata sia audio che video devi pigiare sul pulsante con l'icona della videocamera e la scritta FaceTime posto poco sopra la tastiera. Ti ricordo che puoi aggiungere alla chiamata fino a un massimo di 32 persone (per farlo devi disporre di un iPhone 6s o modelli successivi equipaggiato con iOS 12.1.4 o versioni successive).

A chiamata avviata, attendi che la persona con la quale hai deciso di metterti in contatto ti risponda. Nel caso in cui tu abbia scelto di effettuare una chiamata solo audio, a telefonata avviata ti verrà mostrata la classica schermata che visualizzi anche quando effettui una normale chiamata con l'unica differenza che nella parte in alto sarà presente la scritta FaceTime Audio.

Qualora invece tu abbia scelto di effettuare una chiamata sia audio che video, ti verrà mostrata una schermata indicante il fatto che la fotocamera in uso sul tuo dispositivo è stata attivata (e noterai un pallino verde nella parte in alto a destra dello schermo) ed è pronta per essere utilizzata. Sfruttando l'apposito pulsante visibile a schermo puoi inoltre scegliere se utilizzare la fotocamera frontale oppure quella posteriore.

Eventualmente, puoi fare chiamate con FaceTime anche agendo dall'app Telefono, quella che di solito utilizzi per effettuare delle “normali” telefonate. Mi chiedi come fare? Semplice: pigia sull'icona dell'app Telefono che si trova nella Home screen del tuo dispositivo o nella Libreria app, fai tap sulla scheda Contatti che risulta collocata nella parte in basso della nuova schermata visualizzata, individua il nome del contatto che desideri chiamare scegliendolo dall'elenco visualizzato a schermo oppure digitandolo direttamente nell'apposita barra di ricerca collocata in alto e fai tap sul suo nominativo.

Nella schermata relativa al contatto che a questo punto ti viene mostrata, individua innanzitutto la voce Chiama oppure Video (a seconda del tipo di chiamata che vuoi effettuare) e seleziona FaceTime dal menu apertosi. Facile, vero?

Se il tuo dispositivo è equipaggiato con iOS 15 (o una versione successiva), inoltre, ti farà piacere sapere che puoi creare un link da condividere con coloro che non dispongono di un device Apple. Questi utenti avranno così la possibilità di collegarsi alla chiamata da un browser compatibile, tra Chrome o Edge.

Per procedere alla creazione del link, dalla schermata principale di FaceTime, premi sul pulsante Crea link, fai tap sulla dicitura Aggiungi nome (sotto la voce Link di FaceTime), qualora tu voglia personalizzare il link con un nome), decidi la modalità di condivisione del link (es. Mail, WhatsApp, Telegram, etc.) e invialo.

Quando un utente viene invitato a una videochiamata FaceTime tramite un link, per prendervi parte deve premere sul link, inserire il suo nome nel campo di testo apposito, che è presente nella pagina Web apertasi, e pigiare sui bottoni Continua e Partecipa.

Tu, che sei l'host della conferenza FaceTime, devi poi accettare l'utente in questione facendo tap sulla dicitura [N] persona/e in attesa (nel banner comparso a schermo) e, quindi, pigiare sul pulsante (✓). Facile, vero?

Se il tuo device è equipaggiato con iOS 15.1 o versioni successive, puoi sfruttare SharePlay, una funzione che consente di condividere lo schermo su FaceTime, compresi i contenuti multimediali provenienti da alcune app (es. da YouTube, RaiPlay, Spotify, etc.), a patto che non si tratti di contenuti visibili in abbonamento (come su Netflix, Prime Video, DAZN e così via). automaticamente.

Come puoi avvalertene? Dopo aver avviato la videochiamata FaceTime (come ti ho mostrato prima), basta pigiare sull'icona dell'omino con il rettangolo presente nel riquadro dei comandi posto in alto (se non lo vedi, fai tap in un punto qualsiasi dello schermo) e seleziona l'opzione Condividi il mio schermo dal menu apertosi.

Altrimenti, se vuoi condividere il contenuto multimediale di una certa app (es. dall'app TV), puoi aprire quest'ultima e avviarne la riproduzione: automaticamente, sarà visibile anche dagli altri partecipanti, che potranno controllarne la riproduzione. Maggiori info qui.

Come funziona FaceTime su iPad

FaceTime

Ti stai chiedendo come funziona FaceTime su iPad? Beh, dal momento che la versione di FaceTime per iPadOS funziona praticamente allo stesso modo di quella per iOS, puoi tranquillamente rifarti alle indicazioni che ti ho già dato nel capitolo precedente per utilizzare il servizio sul tablet “made in Cupertino” che è in tuo possesso.

Come funziona FaceTime su Mac

FaceTime

Ti interessa capire come funziona FaceTime su Mac? In tal caso, la prima cosa che devi fare è quella di accertarti del fatto che il tuo computer sia connesso a una rete Wi-Fi attiva e funzionante oppure che su questo ultimo risulti abilitata una connessione via cavo.

Per verificare ciò, ti basta avviare l'applicazione Preferenze di Sistema (selezionando la relativa voce dal menu Apple oppure cliccando sull'icona grigia con gli ingranaggi presente nel Dock o nel Launchpad), fare clic su Rete e accertarti del fatto che accanto alla voce Wi-Fi o accanto alla voce Ethernet risulti presente un pallino verde. In caso contrario, provvedi a collegarti al network a cui solitamente accedi.

Adesso procedi andando ad attivare il servizio: clicca sull'icona dell'applicazione FaceTime presente sul Dock oppure selezionala dal Launchpad, dopodiché fai clic sulla voce FaceTime presente nella barra dei menu e poi su Preferenze…. Metti ora la spunta accanto alla voce Abilita questo account e seleziona, dal menu Puoi ricevere chiamate FaceTime su, tutti i recapiti con i quali vuoi renderti rintracciabile da parte degli altri utenti.

Una volta effettuati tutti i passaggi di configurazione di cui sopra, effettuare chiamate da Mac tramite FaceTime è un vero e proprio gioco da ragazzi, il funzionamento dell'applicazione su Mac è praticamente identico a quello su iOS/iPadOS. Per usare FaceTime ti basta infatti avviare l'applicazione sul tuo Mac, cliccare sul pulsante Nuova chiamata FaceTime e digitare il nome della persona che intendi contattare nell'apposito campo di ricerca presente nel riquadro apertosi, avendo cura di fornire il suo nome, e-mail o numero. Infine, clicca sul bottone FaceTime per avviare una videochiamata oppure fai clic sul pulsante (∨) (in corrispondenza del pulsante "FaceTime) per selezionare l'opzione FaceTime audio.

Se desideri creare un link FaceTime, così da invitare alle tue videochiamate o chiamate anche coloro che non dispongono di un device Apple, sappi che puoi farlo, a patto che il tuo Mac sia equipaggiato con macOS 12 Monterey o versioni successive.

Per fare ciò, devi semplicemente cliccare sul pulsante Crea link, inviarlo utilizzando una delle modalità di condivisione tra quelle disponibili (es. Mail, Telegram, etc.) e aprire il collegamento cliccando sul simbolo della cinepresa posta in corrispondenza del link creato (sulla sinistra della finestra di FaceTime).

Quando una persona viene invitato a una videochiamata FaceTime mediante un link, per prendervi parte deve pigiare su di esso, inserire il suo nome nel campo di testo apposito, che si trova nella pagina Web che si è aperta, e premere sui pulsanti Continua e Partecipa.

Tu, invece, devi accettare l'utente in questione cliccando sulla dicitura [N] persona/e in attesa e, quindi, premere sul bottone (✓).

Se il tuo Mac è equipaggiato con macOS Monterey 12.1 o versioni successive, puoi avvalerti anche della funzione SharePlay grazie alla quale è possibile condividere lo schermo su FaceTime. Per fare ciò, bisogna avviare una nuova chiamata (come ti ho appena mostrato) e, poi, premere sul pulsante per attivare la condivisione dello schermo, avendo cura di scegliere se condividere l'intero schermo o la finestra di una specifica applicazione.

Volendo è possibile anche condividere contenuti multimediali tramite SharePlay di FaceTime. Per riuscirci, recati innanzitutto nel menu FaceTime > Preferenze, clicca sulla scheda SharePlay e seleziona le applicazioni da sfruttare a tale scopo (es. Musica e TV).

A questo punto, dopo aver avviato una nuova chiamata FaceTime, basterà riprodurre un contenuto da una qualsiasi delle app precedentemente attivate e il gioco è fatto: le persone collegate con te dovranno semplicemente fare tap sul pulsante Apri, per accedere e controllare la riproduzione del contenuto. Maggiori info qui.

Come mai non funziona FaceTime

Come funziona FaceTime

Stai riscontrando problemi e per questo ti chiedi come mai non funziona FaceTime? Un motivo potrebbe essere che ci sia qualche malfunzionamento sui server Apple (questa ipotesi potrebbe essere avvalorata dall'eventuale malfunzionamento di altri servizi della “mela morsicata”, come Apple Music e iCloud).

Per analizzare lo stato dei server del colosso statunitense, recati su questa pagina e vedi se è presente un pallino rosso o arancione in corrispondenza della dicitura FaceTime: in caso affermativo, devi semplicemente attendere che questi vengano risolti dai tecnici di Cupertino. Per tua informazione, puoi vedere lo stato dei server di Apple anche mediante servizi di terze parti, come il famosissimo DownDetector.

Se, invece, il problema non è imputabile ai server di Apple, potrebbe esserci qualche problema con il tuo account iCloud. Prova a effettuare il logout da iCloud sui tuoi dispositivi e, quindi, a rifare il login sùbito dopo.

Se continui a riscontrare problemi, visita la pagina Supporto FaceTime presente sul sito di Apple per individuare autonomamente la soluzione ai tuoi problemi oppure contatta il customer care del produttore.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.