Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come salvare una storia di Instagram

di

Un tuo amico ha pubblicato alcune storie su Instagram mentre era al concerto di un famoso cantante e, dopo averle viste, ti piacerebbe tanto scaricarle in locale per poterle rivedere quando vuoi. Ti chiedi, dunque, come salvare una storia di Instagram ma non sei ancora riuscito a trovare una risposta a questo quesito.

Inoltre, visto che a breve avresti intenzione di cominciare a usare anche tu le storie di Instagram, ti piacerebbe sapere se esiste un modo per salvarle, affinché ciò che condividerai sul famoso social network fotografico possa essere conservato. Non ti preoccupare: la risposta a entrambe le questioni è affermativa. E non solo: puoi riuscire nel tuo intento in diversi modi, utilizzando la stessa app di Instagram e anche strumenti di terze parti.

Che tu voglia usare delle applicazioni per Android e iOS/iPadOS o delle estensioni per browser su PC, c’è sicuramente una soluzione adatta a te. Vuoi saperne di più? Allora continua a leggere questa guida, perché sto proprio per parlartene nel dettaglio. Buona lettura e buon download!

Indice

Salvare una storia Instagram di altri

Cominciamo da come salvare le storie Instagram di altri utenti. Ci sono diversi modi per farlo: è possibile salvare le storie effettuando dei semplici screenshot o registrazioni dello schermo oppure utilizzando app di terze parti dedicate al salvataggio dei contenuti presenti su Instagram. Come ti accennavo in apertura dell’articolo, è possibile agire anche da computer, utilizzando delle estensioni per il browser.

Prima di procedere, però, voglio ricordarti che, prima di salvare una storia altrui (ed eventualmente diffonderla in Rete), dovresti prima chiedere il consenso a colui che l’ha realizzata, per non violare i termini di servizio del social network e il copyright dell’autore della storia. A tal proposito, le indicazioni che seguono sono scritte a scopo illustrativo, quindi io non mi assumo alcuna responsabilità in caso di utilizzi impropri!

Tramite screenshot o registrazione dello schermo

Se la storia di Instagram pubblicata da un utente non contiene un video, puoi facilmente salvarla effettuando uno screenshot del tuo dispositivo.

Farlo è molto semplice: su Android pigia contemporaneamente il tasto Volume giù (–) e il tasto di accensione/spegnimento del tuo dispositivo oppure premi i tasti Volume giù (–) e Home. Nel caso in cui dovessi riscontrare dei problemi, ti suggerisco di leggere la mia guida dedicata all’argomento.

Se possiedi un iPhone con Face ID, pigia simultaneamente il tasto laterale destro e il tasto volume su (+). Se, invece, utilizzi un iPhone con tasto Home premi contemporaneamente il tasto Home e il tasto standby/riattiva del dispositivo. In caso di dubbi o problemi, fai riferimento al mio tutorial in cui ti spiego come fotografare lo schermo su iPhone.

Se, invece, la storia pubblicata da un utente contiene un video, puoi salvarla filmando lo schermo del cellulare, attraverso gli strumenti nativi di Android (se disponibili) e la funzione ad hoc presente su iOS 11 (e versioni successive). Altrimenti, puoi anche utilizzare app di terze parti, come per esempio l’applicazione gratuita ADV Screen Recorder per Android (disponibile anche su store alternativi, per device senza servizi Google). Maggiori info qui.

App per salvare le storie di Instagram di altri

Per salvare le storie di Instagram di altri utenti puoi utilizzare delle comode app di terze parti, come quelle di cui ti parlerò nelle righe che seguono, tramite le quali è possibile salvare sia immagini che video, il tutto in modo estremamente facile e veloce.

Ci tengo a dirti, però, che soluzioni di questo tipo funzionano solo per gli account pubblici (visto che, per ovvi motivi, le informazioni di quelli privati sono nascoste). Se fin qui ti è tutto chiaro, possiamo procedere!

Story Post Saver – Incognito mode (Android)

Story Post Saver - Incognito Mode

Tra le applicazioni che ti consiglio di utilizzare per salvare le storie di Instagram da Android vi è Story Post Saver – Incognito mode (disponibile anche su store alternativi, per dispositivi senza servizi Google). Tra quelle che ho testato per la stesura di questo tutorial, questa è una di quelle che mi ha colpito maggiormente, sia per la sua semplicità di utilizzo che per la sua affidabilità.

Come funziona? Dopo averla aperta ed essersi recati sul profilo Instagram di cui salvare le storie, basta premere sul pulsante per avviare il download dei contenuti, che verrà completato in pochi istanti. Ci tengo a dirti che si tratta di una soluzione gratuita, ma che ospita banner pubblicitari, i quali possono essere rimossi previa sottoscrizione di un abbonamento a partire da 1,09 euro/mese.

Dopo aver installato e avviato l’app scrivi, nell’apposito campo di testo, l’username dell’utente di cui vuoi scaricare le storie (puoi tranquillamente omettere la @) e seleziona l’account tramite il menu apposito che dovrebbe essere comparso a schermo.

Qualora siano effettivamente disponibili una o più storie, potrai scaricarne i relativi contenuti premendo sul pulsante Save situato sotto le foto e i video visibili scorrendo la schermata in cui ti trovi. Chiaramente, se non l’hai già fatto, devi concedere all’applicazione il permesso per accedere ai contenuti multimediali del device in uso (altrimenti il download non partirà).

Storized per Instagram (iOS/iPadOS)

Storized

Su iOS/iPadOS, invece, l’app che ti consiglio di utilizzare per salvare le storie di Instagram altrui è Storized per Instagram. Questa soluzione, infatti, consente di effettuare il download dei contenuti in maniera estremamente semplice e intuitiva. C’è da dire, però, che la versione free ha pubblicità abbastanza invasive e non permette di scaricare contenuti illimitatamente: questi e altri limiti possono essere abbattuti sottoscrivendo un abbonamento a partire da 1,49 euro/settimana.

Dopo aver installato e aperto Storized per Instagram scrivi, nel campo di testo apposito, l’username relativo all’account di cui vuoi scaricare le storie, avendo cura di selezionare poi quest’ultimo nel menu apertosi.

Successivamente, seleziona (se necessario) la scheda Storie, fai tap sull’anteprima del contenuto da scaricare (sempre che ce ne siano di disponibili) e scaricalo, pigiando prima sul bottone (…) (in alto a destra) e poi sulla voce Salva nel menu che è comparso a schermo.

In ultima analisi, concedi a Storized per Instagram l’accesso ai file multimediali del tuo device (rispondendo OK all’avviso comparso a schermo) e il gioco è fatto.

Da computer

Stories Saver Instagram

Che dire, invece, su come procedere da computer? Per poter salvare una storia di Instagram altrui da PC, hai varie strade percorribili, tra cui impiegare un’estensione per Chrome (compatibile anche con Edge Chromium e Opera): sto parlando di Story Saver.

Occhio però, trattandosi di un prodotto non ufficiale e richiedendo l’accesso alle informazioni di Instagram, ti consiglio di usarla solo se strettamente necessario e di rimuoverla dopo averla usata. Maggiori info qui.

Per scaricare l’estensione, devi avviare Google Chrome (o uno degli altri browser compatibili, tra quelli appena menzionati), collegarti a questa pagina del Chrome Web Store e cliccare sui pulsanti Aggiungi e Aggiungi estensione.

Fatto ciò, accedi al tuo account Instagram dal navigatore Web in uso, cerca il profilo di tuo interesse tramite il campo di ricerca posto in alto e recati su quest’ultimo, cliccando sul primo risultato disponibile. Apri, dunque, la storia che hai intenzione di scaricare (cliccando sulla foto del profilo del profilo su cui ti sei appena recato), fai clic sull’icona di Story Saver posta in alto a destra (se non dovessi vederla, clicca sul simbolo del pezzettino del puzzle posto in alto a destra e seleziona l’icona dell’add-on nel menu apertosi).

Per concludere, attendi che il download della foto o del video presente nella storia venga avviato in automatico e completato. Al termine dell’operazione, il file dovrebbe trovarsi nella cartella Download del computer (sempre che tu non abbia personalizzato le impostazioni del PC).

Salvare la propria storia di Instagram

Salvare storie da Instagram

Se il tuo intento è quello di salvare la propria storia di Instagram, sappi che è possibile riuscirci adoperando direttamente l’app ufficiale del social network fotografico, disponibile per Android (disponibile anche su store alternativi, per device senza servizi Google) e iPhone.

Per procedere, dunque, avvia l’app di Instagram, pigiando sulla sua icona che trovi nella home screen o nel drawer delle app ed effettua l’accesso al tuo account (se non l’hai ancora fatto). Pigia poi sull’icona della casetta (in basso a sinistra) e fai tap sulla tua foto del profilo, posta sopra la scritta La tua storia (in alto a sinistra).

Ora, individua il contenuto che vuoi salvare e fai uno swipe dal basso verso l’alto: nel menu che si è aperto, premi l’icona della freccia rivolta verso il basso (si trova in alto a destra), in modo tale da salvare la storia selezionata nella Galleria del tuo device.

Se hai attivato l’archivio delle storie di Instagram (Salva nell’archivio) e la funzione di salvataggio delle foto nel rullino (Salva nella galleria) — entrambe possono essere abilitate nel menu (≡) > Impostazioni > Privacy > Storia — puoi salvare anche le storie pubblicate su Instagram a distanza di più di 24 ore e/o fare in modo che queste vengano scaricate automaticamente in locale.

Per accedere all’Archivio del tuo account, tutto ciò che devi fare è premere sulla miniatura della tua foto del profilo (in basso a destra) e fare tap sul pulsante (≡) collocato in alto a destra. Dopo aver selezionato la voce Archivio, individua quindi la storia di tuo interesse, seleziona la sua anteprima, premi sul simbolo (…) e, per finire, pigia sulla dicitura Salva foto o Salva video, a seconda del contenuto selezionato. Semplice, vero?

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.