Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero
Salvatore Aranzulla Day
Evento di formazione SEO con Salvatore Aranzulla. Scopri il programma

Come scoprire se ti tradisce su WhatsApp

di

In questa epoca degli smartphone e dei tablet, siamo sempre connessi a Internet e installiamo una moltitudine di applicazioni per svolgere gli scopi più disparati. Sicuramente è un bene poter avere facile accesso alle infinite risorse del Web ma bisogna anche tenere conto del rovescio della medaglia: la nostra attività online viene tracciata ed è così sempre più facile monitorarla.

È proprio relativamente al monitoraggio che si concentra questa mia guida, dal momento in cui una delle richieste che mi viene fatta più spesso riguarda la realizzazione di un tutorial che permetta di scoprire se un partner tradisce l’altro, monitorando l’attività effettuata nell’applicazione di messaggistica WhatsApp.

Prima di iniziare ad addentrarmi nella spiegazione delle procedure contenute in questa mia guida, ci tengo a precisare che le attività di spionaggio sono da considerare illecite, oltre che moralmente discutibili. Visto che non è mia intenzione incentivare attività di questo tipo (e nemmeno invogliare i miei lettori ad essere malfidenti nei confronti del proprio partner), è necessario tenere presente che le indicazioni fornite in quest’articolo sono state scritte soltanto a scopo informativo. A fronte di queste premesse, posso spiegarti nel dettaglio come scoprire se ti tradisce su WhatsApp: leggi con attenzione questa mia guida e potrai scoprire come procedere per verificare la fedeltà del tuo partner. Non preoccuparti, si tratta di strumenti del tutto legali messi a disposizione da WhatsApp stesso. Sei pronto per iniziare? Sì? Benissimo! Come al solito, prima di cominciare, ti auguro una buona lettura.

Nota Bene: se sospetti che il tuo partner sia infedele, tieni bene a mente che non potrai saperlo con certezza empirica, spiando la sua attività su WhatsApp. Ricorda che i metodi da me indicati in questo tutorial non fanno riferimento all’utilizzo di applicazioni spia o software per il monitoraggio, in quanto le conversazioni di WhatsApp sono protette da un sistema di cifratura end-to-end ed è quindi praticamente impossibile spiarle. Inoltre, non è detto che il tuo partner utilizzi proprio WhatsApp per scambiarsi messaggi con un eventuale amante: ci sono tante altre app di messaggistica con conversazioni sicure e criptate come per esempio Facebook Messenger (in questa guida puoi scoprire come verificare se una persona sta chattando su Facebook) o Telegram.

Se poi vogliamo vederla in maniera ancora più sospettosa, una persona che sa di aver qualcosa da nascondere potrebbe anche essersi protetta dall’eventuale partner spione e/o geloso, seguendo per esempio le indicazioni contenute nella mia guida su come capire se WhatsApp è spiato.

Una persona molto attenta potrebbe anche aver cancellato ogni traccia di eventuali messaggi sospetti. Infine, non è comunque da scartare l’opzione più semplice di tutti: se anche seguendo le istruzioni contenute in questa mia guida non individuerai nulla di sospetto, sii positivo e non vedere sempre il bicchiere mezzo vuoto: probabilmente il tuo partner ti è davvero fedele.

Controlla le chat archiviate (Android/iOS)

Il primo metodo che ti consiglio di utilizzare per scoprire se ti tradisce su WhatsApp consiste nel controllare le sue conversazioni proprio su quest’app di messaggistica. Chiaramente dovrai avere accesso al suo telefono e di conseguenza, se non vuoi che il tuo partner scopra che stai sospettando di lui, dovrai chiedergli di poter usare il suo cellulare con una scusa.

Una volta che sarai in possesso del suo smartphone, apri l’applicazione di WhatsApp e, tramite la sezione principale denominata Chat, controlla i nominativi delle persone con cui si scambia messaggi nell’applicazione. Chiaramente, nel caso in cui effettivamente ti tradisca, dubito fortemente che una conversazione compromettente sia presente nella schermata principale dell’applicazione.

Proprio per questo motivo, puoi provare a coglierlo in flagrante, controllando le sue conversazioni archiviate (e nascoste) all’interno dell’applicazione. Per vedere le chat archiviate tramite l’applicazione di WhatsApp su Android, devi scorrere l’elenco delle chat verso il basso, fino a che non arrivi alla fine.

Qualora vi fossero presenti delle conversazioni archiviate, verrà visualizzata la scritta Chat Archiviate e il numero corrispondente alle chat archiviate. Qualora non vi fossero conversazioni archiviate, verrà indicata la scritta Tocca e tieni premuta la chat per altre opzioni.

Ti basterà quindi accedere a questa sezione di WhatsApp e fare tap sulla conversazione da esaminare per leggere i messaggi contenuti in essa.

Nell’applicazione di WhatsApp su dispositivi iOS, invece, la lista delle chat archiviate sarà più facilmente visibile: ti basterà scorrere dal basso verso l’alto la lista delle conversazioni presenti nella schermata Chat di WhatsApp. Comparirà quindi la voce Chat Archiviate e il numero corrispondente alle conversazioni archiviate.

Facendo tap su questa sezione potrai avere accesso alle conversazioni che sono state nascoste volontariamente dal proprietario del dispositivo. Qualora vi fossero conversazioni sospette che possano dimostrare un tradimento ti basterà fare tap sulla conversazione da esaminare per leggere tutti i messaggi.

Controlla l’utilizzo dell’archivio (iOS)

Un metodo alternativo che puoi utilizzare per scoprire se il tuo partner ti tradisce e lo fa proprio tramite WhatsApp è quello di controllare l’utilizzo del suo archivio tramite l’applicazione di messaggistica di iOS. Tale voce di menu non è presente nell’applicazione di WhatsApp su Android.

Come al solito, per usufruire di questa funzionalità dovrai aver accesso al dispositivo del tuo partner. Apri quindi l’app di WhatsApp e fai tap sulla voce Impostazioni dal menu situato in basso (simbolo di un ingranaggio). Nella schermata Impostazioni, fai poi tap sulla voce Utilizzo dati e archivio.

Nella schermata successiva, fai tap sulla voce Utilizzo archivio. In questa sezione ti verrà indicato un valore numerico che fa riferimento ai KB o MB utilizzati relativamente ad una specifica conversazione.

Facendo tap su un nominativo, inoltre, si potrà leggere il numero di messaggi inviati e ricevuti e altri valori importanti come il numero delle posizioni inviate e ricevute. Sempre in queste sezione, verranno visualizzate informazioni relative agli elementi multimediali inviati e ricevuti come GIF, foto, messaggi vocali e documenti.

Tieni però presente che, nel caso in cui una conversazione venga eliminata, tali dati relativi all’utilizzo dell’archivio saranno automaticamente cancellati.

Attenzione! Erroneamente potresti pensare che, premendo sul pulsante Gestisci, cancellando e resettando i valori presenti in questa sezione, potresti monitorare l’attività effettuata in seguito. Non è così. Cancellando le voci presenti in questa sezione verranno cancellati i relativi elementi dalla conversazione. Il possessore del dispositivo potrebbe accorgersi della mancanza di messaggi o di elementi multimediali da una conversazione.

Controlla l’utilizzo della rete (Android/iOS)

Un monitoraggio simile può essere effettuato sia su Android e iOS, avvalendoti di un controllo relativo all’utilizzo della rete. Come al solito, quindi, tieni sotto mano lo smartphone del partner. La procedura, su iOS, prevede che tu faccia tap sulla voce Impostazioni (simbolo di un ingranaggio) all’interno di WhatsApp.

Nella schermata successiva, fai tap sulla voce Utilizzo dati e archivio e poi su Utilizzo rete. Nella schermata che potrai vedere potrai analizzare i valori relativi all’utilizzo di WhatsApp. Per capire se il tuo partner ti tradisce su WhatsApp ti consiglio di fare riferimento in particolar modo alle voci Messaggi (Inviati e Ricevuti) e Chiamate WhatsApp (Chiamate in uscita e Chiamate in entrata).

In questo specifico caso, puoi monitorare in seguito l’attività del tuo partner. Per farlo, fai tap sulla voce Azzera statistiche. Agendo in questo modo le statistiche relative all’utilizzo della rete saranno cancellate e, ritornando in seguito su questa schermata potrai vedere quante chiamate e messaggi ci sono stati dopo che hai azzerato le statistiche.

Su Android, questa schermata è accessibile facendo tap sul simbolo dei tre puntini dalla schermata principale di WhatsApp e facendo tap sulla voce Impostazioni > Utilizzo Dati > Utilizzo Rete.

Fai tap quindi sulla voce Azzera Statistiche e conferma il reset dei dati premendo su Reimposta.

Attenzione! Tieni presente che sia su Android che su iOS, verrà indicato l’ultimo azzeramento delle statistiche e, se il tuo partner è sospettoso e controlla questa sezione, potrebbe capire che lo stai tenendo d’occhio.

Controlla le foto cancellate da WhatsApp (Android/iOS)

Un ulteriore strumento che ti consiglio di utilizzare per verificare un eventuale tradimento del partner è il controllo di foto cancellate da una conversazione di Whatsapp, ma ancora presenti nella memoria del dispositivo.

Questa opzione è da utilizzare nel caso sospetti che il partner ti tradisca inviando o ricevendo foto da un eventuale amante: se non trovi queste foto nelle conversazioni di WhatsApp, queste potrebbero essere state cancellate ma essere ancora presenti (e nascoste) nella memoria del dispositivo.

Su dispositivi iOS puoi fare questa verifica recandoti nell’app Foto di iOS e nell’album Eliminati di recente. Ovviamente bisogna sottolineare che questa cartella include soltanto gli elementi multimediali cancellati dalla memoria del dispositivo negli ultimi 30 giorni (però non è detto che siano foto obbligatoriamente provenienti da WhatsApp).

Su iOS, infatti, gli elementi multimediali ricevuti tramite WhatsApp dovranno essere salvati manualmente dall’utente nell’app Foto del proprio dispositivo Apple. Successivamente, se l’utente dovesse cancellare la foto (o il video) dalla conversazione, questa sarà visibile ancora nell’app Foto di iOS, finché l’utente non la cancellerà manualmente. La foto in questione finirà quindi nell’album Eliminati di recente.

Su smartphone Android, invece, gli elementi multimediali ricevuti e invitati sono salvati in automatico nella galleria multimediale del dispositivo, quando vengono visualizzati. Tutti gli elementi che sono stati cancellati da una conversazione di WhatsApp (ma non dalla memoria del dispositivo) sono facilmente ritrovabili esplorando le cartelle interne dello smartphone.

Puoi facilmente ritrovare questi file accedendo alle cartelle del dispositivo con l’applicazione predefinita di Android o con un’applicazione tipo ES Gestore File. La cartella da individuare è solitamente situata al percorso Memoria interna (o Dispositivo) > WhatsApp > Media > WhatsApp Images. All’interno troverai tutti gli elementi multimediali ricevuti. Tramite la sotto cartella Sent sono presenti invece gli elementi multimediali inviati dal dispositivo.

Attenzione! Se su Android l’utente ha eliminato la foto invitata o ricevuta da WhatsApp, spuntando la casella Elimina media dal telefono, L’elemento multimediale non sarà presente nelle cartelle che ti ho citato.

Altri modi per scoprire se ti tradisce su WhatsApp

Qualora tramite i metodi che ti ho fornito in questa mia guida non riuscissi a scovare un eventuale tradimento, puoi provare indirettamente con altri piccoli trucchetti. Ti elenco qui di seguito altre soluzioni che potrebbero esserti utili:

  • Controlla chi guarda il suo stato: se puoi avere accesso al suo smartphone e il tuo partner pubblica uno stato di WhatsApp, controlla chi lo ha visualizzato. Se vuoi sapere come vedere chi visualizza uno stato di WhatsApp, leggi la mia guida dedicata alla funzionalità dell’applicazione di messaggistica.
  • Controlla l’ultimo accesso: se non puoi avere accesso al telefono del tuo partner, fai tap sulla sua conversazione all’interno di WhatsApp e controlla il suo ultimo accesso. Potrai così scoprire se era su WhatsApp a orari insoliti.
  • Controlla quando è online: nel caso in cui il tuo partner abbia nascosto la visualizzazione dell’accesso su WhatsApp, puoi comunque tenere d’occhio la sua chat. Quando è online comparirà la dicitura Online. Non è infatti possibile rimuovere questa particolare visualizzazione.