Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come si carica lo smartwatch

di

Di recente hai sentito parlare molti amici e conoscenti in termini entusiastici delle varie funzionalità dei loro smartwatch. La cosa ti ha incuriosito molto e, dopo aver effettuato le opportune “ricerche di mercato”, hai provveduto anche tu all’acquisto di un orologio intelligente. All’apertura della confezione non stavi più nella pelle e hai deciso testare sùbito il nuovo dispositivo, eseguendo anche l’accoppiamento con il tuo smartphone. Ti sei reso conto ben presto, però, che la carica non sarebbe stata sufficiente per un utilizzo continuativo.

Hai provato, di conseguenza, a dare un’occhiata alle istruzioni per capire come si carica lo smartwatch, verificando anche la presenza nella confezione di vendita degli appositi cavi, ma non hai trovato una risposta chiara alle tue perplessità sulla corretta modalità per eseguire questa operazione. Saggiamente, quindi, hai deciso di approfondire questa importante e delicata questione: non vorresti commettere un errore che potrebbe inficiarne il corretto funzionamento proprio ora, sul più bello!

Ebbene, sei capitato proprio al posto giusto nel momento giusto! Nei prossimi paragrafi, infatti, ti illustrerò le varie procedure con le quali è possibile ricaricare la batteria dello smartwatch: ti basterà solamente dedicare qualche minuto del tuo prezioso tempo alla lettura di questo tutorial e sono certo che non troverai nessuna difficoltà a individuare quella corrispondente al tuo modello. Non solo: per non lasciare nulla al caso, ti fornirò anche alcuni utili suggerimenti su come monitorare lo stato della batteria e ottimizzarne il funzionamento. Allora, sei pronto? Perfetto, in questo caso non mi rimane che augurarti buon proseguimento.

Indice

Come si carica lo smartwatch

smartwatch

Il primo smartwatch non si scorda mai! Anche perché, ammettilo, sei rimasto un po’ perplesso quando hai esaminato quello che, a rigor di logica, doveva essere il cavo di ricarica del dispositivo: scommetto che ti aspettavi qualcosa di più comune, non dissimile da quello dello smartphone.

Magari, poi, hai avuto a che fare con un libretto delle istruzioni un po’ sbrigativo, corredato solo da qualche minuscolo disegno di non facilissima interpretazione, o comunque non particolarmente esaustivo sotto questo aspetto. Non temere, però: ho preparato questa guida appositamente per fornirti una risposta chiara e completa su come si carica lo smartwatch, illustrandoti sia il funzionamento della modalità wireless che di quella con pin magnetici.

Come si ricarica lo smartwatch in modalità wireless

caricabatterie smartwatch wireless2

Una delle situazioni più comuni prevede che il caricamento della batteria avvenga attraverso la tecnologia dell’induzione magnetica: il suo funzionamento si realizza mediante il semplice contatto fra le due bobine contenute all’interno dello smartwatch e della base di ricarica.

L’accostamento di questi due elementi, in sostanza, fa sì che gli elettroni della bobina di trasmissione comincino a muoversi generando un campo magnetico. Quest’ultimo, quindi, viene rilevato dalla bobina di ricezione, all’interno della quale si manifesta come conseguenza una reazione coerente: gli elettroni qui presenti, in sostanza, cominceranno a loro volta a muoversi, generando elettricità e favorendo la ricarica della batteria. Ho realizzato anche una guida completa su come funziona un caricatore wireless, nel caso tu voglia approfondire l’argomento.

Il dispositivo di ricarica wireless è costituito da un’apposita base (o dock), solitamente di forma circolare, che dovrà essere collegata a una fonte di energia come la presa USB del PC (il quale, ovviamente, dovrà essere acceso), un power bank o un caricabatterie a muro. Una volta appoggiato il retro dello smartwatch alla base, quindi, l’avvio della procedura di ricarica ti verrà notificato mediante la comparsa, sul display dell’orologio, del simbolo di una saetta lampeggiante. Troverai anche un’indicazione grafica e/o numerica della percentuale di ricarica: il ciclo sarà completo non appena questa risulterà al 100%.

Se intendi collegare la base un caricabatterie a muro non compreso nella confezione, assicurati che sia correttamente calibrato rispetto ai valori di voltaggio (V) e intensità (Ah o mAh) indicati nelle specifiche del dock. L’impiego di un caricatore con amperaggio più elevato, ad esempio, potrebbe portare al surriscaldamento della batteria e a un progressivo decadimento della capacità e della durata. Accertati, infine, che sia anche compatibile con gli standard di connettività USB previsti dalla base.

ZLONXUN Caricabatterie,Caricatore 2A e Cavo Micro USB per Huawei P10 L...
Vedi offerta su Amazon
UGREEN Quick Charge 3.0 Caricabatterie USB da Muro 36W Due Porte Caric...
Vedi offerta su Amazon
Aioneus Caricatore Alimentatore USB C, 20W Caricabatterie USB Carica R...
Vedi offerta su Amazon
Aioneus Caricatore Alimentatore USB C, 20W Caricabatterie USB Carica R...
Vedi offerta su Amazon

Sotto questo aspetto, è importante allo stesso tempo tenere in considerazione che molti smartwatch “di marca” non funzionano con caricatori generici o non certificati: se, ad esempio, sei alla ricerca delle istruzioni su come si ricarica Apple Watch, ti consiglio di fare riferimento esclusivamente a dispositivi di ricarica originali.

Cavo magnetico per la ricarica di Apple Watch (0,3 m)
Vedi offerta su Amazon
Cavo magnetico per la ricarica di Apple Watch (1 m)
Vedi offerta su Amazon
Cavo magnetico per la ricarica di Apple Watch (2 m)
Vedi offerta su Amazon

Non è sufficiente, infatti, verificare che la base wireless sia certificata Qi: questa sigla, pur identificando lo standard di ricarica senza fili descritto poc’anzi, ha subìto sostanziali modifiche da parte dei principali brand di prodotti tecnologici come, per l’appunto, Apple, ma anche Samsung o HUAWEI, per citare alcuni esempi illustri.

L’acquisto un prodotto generico certificato Qi ma non approvato dalla casa madre, quindi, comporterà molto probabilmente il mancato funzionamento dello stesso e, nel peggiore dei casi, anche un potenziale danneggiamento del dispositivo in ricarica.

Il discorso vale allo stesso modo se sei alla ricerca delle istruzioni su come si ricarica lo smartwatch Samsung: devi sapere, infatti, che anche i Galaxy Watch sfruttano questa innovativa tecnologia, ma potenziata e ottimizzata per funzionare al meglio sui propri dispositivi. Anche in questo caso, quindi, si raccomanda di fare affidamento esclusivamente al caricatore in dotazione, o comunque a un prodotto certificato e riconosciuto da Samsung.

Inoltre, devi sapere che la celebre multinazionale sudcoreana mette a disposizione dei suoi clienti una particolare funzionalità, denominata Powershare, che può essere usata come modalità di ricarica di emergenza fra due smartphone, o per ricaricare due dispositivi come smartwatch e cellulare allo stesso tempo, collegandone al caricatore solo uno.

Se riscontri spesso l’esigenza di ricaricare in modalità wireless più di un dispositivo, puoi sempre considerare l’acquisto di una docking station compatibile con i tuoi device. Nel mercato ne trovi di tutti i tipi: si tratta di vere e proprie stazioni di ricarica senza fili, caratterizzate dalla presenza di alloggiamenti dedicati alla ricarica simultanea di smartphone, smartwatch e cuffie. Vale sempre la raccomandazione, comunque, di accertarsi che il prodotto sia conforme agli standard di ricarica dei tuoi dispositivi.

Caricabatterie wireless 3 in 1 KKM, stazione di ricarica wireless, sup...
Vedi offerta su Amazon
Belkin BoostCharge Pro Caricabatteria Wireless 3 in 1 con MagSafe per ...
Vedi offerta su Amazon
Prestigio ReVolt A5 - Qi Wireless 3-In-1 Stazione Di Ricarica Per Ipho...
Vedi offerta su Amazon

Come si ricarica lo smartwatch con connettori pin

caricabatterie pin

Moltissimi modelli di smartwatch e smartband utilizzano un sistema di ricarica che si avvale di pin (o poli) magnetici, di norma a 2 o 4 elementi: il funzionamento, anche in questo caso, è particolarmente semplice e intuitivo.

Se sei alla ricerca, ad esempio, delle istruzioni su come si ricarica lo smartwatch XW6.0, non dovrai fare altro che utilizzare l’apposito caricatore in dotazione, facendo combaciare i piedini ivi presenti con i connettori magnetici collocati, solitamente in maniera piuttosto evidente, sul retro del quadrante.

In alcuni casi, tuttavia, potrebbe essere necessario rimuovere il cinturino: non è raro, infatti, che l’alloggiamento dei connettori magnetici sia celato proprio dalla presenza della cinghia. La conformazione stessa della base di ricarica potrebbe impedire la congiunzione dei due elementi se non si sgancia prima il cinturino, ad esempio per la presenza di un coperchio, come nel caso del modello FitBand Blaze.

Anche in questo caso, dunque, dovrai collegare il cavo USB alla presa del PC, a un power bank o a un caricabatterie a muro con amperaggio e voltaggio compatibile: non utilizzare, quindi, caricatori Quick Recharge incompatibili con il tuo smartwatch.

Come verificare lo stato della batteria dello smartwatch

verifica batteria smartwatch app zepp

Una delle prerogative più interessanti degli smartwatch è sicuramente quello di poter fare affidamento su batterie in grado di garantire una durata considerevole con un solo ciclo di ricarica. Ovviamente, molto dipende dall’utilizzo che ne viene fatto, dal numero di applicazioni installate e di funzionalità attive, con particolare riferimento a quelle di fitness tracking, di geolocalizzazione e di monitoraggio della salute.

È sempre molto importante, dunque, tenere costantemente d’occhio il livello della batteria, in modo da capire il consumo effettivo, intervenire tempestivamente con un nuovo ciclo di ricarica, ed evitare di ritrovarsi con il dispositivo fuori uso al momento sbagliato.

Non è assolutamente difficile capire come verificare lo stato della batteria dello smartwatch: molti modelli, infatti, mostrano questa indicazione nella schermata principale del display o, come nel caso degli Apple Watch, tramite una sezione dedicata denominata Centro di Controllo, facilmente visualizzabile con un tocco verso l’alto sul quadrante del dispositivo.

A volte, però, si tratta di un indicatore grafico che, date anche le dimensioni contenute del display, potrebbe risultare di non facile lettura: in questo caso ti consiglio di verificare l’informazione anche sull’app che hai utilizzato per connettere lo smartphone allo smartwatch.

Qui, infatti, l’indicazione viene costantemente sincronizzata e potrai consultarla senza difficoltà: solitamente viene mostrata in alto nella schermata principale, ma puoi anche visualizzarla nel dettaglio accedendo alle impostazioni del dispositivo. Prendiamo come esempio i modelli Amazfit di Xiaomi: questi ultimi sono collegati allo smartphone tramite l’app Zepp, la quale registra tutti i dati e le statistiche che, in fase di configurazione, si è scelto di abilitare (qui puoi trovare maggiori informazioni).

Non appena si avvia l’app, premendo sulla sua icona, nella schermata iniziale è possibile consultare in alto a sinistra il livello della batteria: basterà attendere qualche secondo per far sì che la sincronizzazione sia completa. Inoltre, pigiando sul menu Profilo in basso a destra, potrai visualizzare all’interno della sezione I miei dispositivi l’elenco degli smartwatch collegati, con a fianco l’indicazione percentuale dello stato della batteria.

Premendo sul nome del dispositivo, infine, avrai una visuale più chiara del livello della batteria e della data dell’ultima ricarica: in questo modo potrai intuire più facilmente il consumo giornaliero del tuo dispositivo e agire eventualmente sulle funzionalità presenti nella sezione sottostante per limitare il consumo di energia. Di questo aspetto, ad ogni modo, te ne parlerò in maniera approfondita più avanti.

Come ottimizzare la batteria dello smartwatch

ottimizzazione batteria smartwatch

Nel capitolo precedente ti ho mostrato in che modo è possibile verificare lo stato della batteria dello smartwatch, informazione essenziale per determinare quanta energia viene consumata quotidianamente dal dispositivo. Ti sei reso conto, dati alla mano, che in effetti la carica si esaurisce troppo velocemente e vorresti correre ai ripari per evitare di dover eseguire ricariche troppo ravvicinate, operazione che, peraltro, velocizza inesorabilmente il logoramento della batteria.

Ho deciso, pertanto, di dedicare i prossimi paragrafi a illustrarti come ottimizzare la batteria dello smartwatch. Si tratta di pochi, semplici accorgimenti che, una volta messi in atto, ti permetteranno di goderti per un lasso di tempo maggiore il tuo dispositivo, senza il timore costante che possa spegnersi da un momento all’altro.

Il primo suggerimento che voglio darti è quello di disattivare le funzioni di cui non necessiti, o che utilizzi solo occasionalmente: i migliori smartwatch, infatti, sono dotati di una grande varietà di sensori (cardiofrequenzimetro, ossigenazione del sangue e così via), funzionalità (contapassi, riproduzione di musica, pagamenti NFC, monitoraggio del sonno) e notifiche (chiamate in arrivo, app di messaggistica, per citare alcuni esempi), che possono essere facilmente disabilitati all’occorrenza sia tramite le impostazioni del dispositivo che tramite l’app di riferimento sul cellulare.

Lo stesso vale per i widget: ne sono stati realizzati di tutti i tipi, in grado di fornire informazioni di qualsiasi genere (meteo, eventi e così via) e concordo con te sul fatto che in diversi casi siano davvero molto interessanti e comodi. Anche in questo caso, ad ogni modo, basterà accedere all’app installata sul tuo smartphone per escludere quelle applicazioni che, tutto sommato, a tuo avviso non sono così essenziali.

Forse non lo sapevi, ma i display di molti smartwatch consentono di regolare la luminosità tramite l’apposita impostazione presente sul dispositivo stesso, o di attivare la modalità notturna (che abbassa l’intensità durante le ore di sonno) da app. Qui è possibile anche ridurre la quantità di secondi durante i quali lo schermo rimane acceso a seguito dell’attivazione del touch screen o della pressione di un pulsante e disattivare l’accensione del display in conseguenza di un movimento verso l’alto del polso.

Sempre prendendo a riferimento l’app Zepp, compatibile con gli smartwatch Amazfit, potrai facilmente avere accesso a molte delle impostazioni finora illustrate facendo tap sul pulsante Profilo dalla schermata principale, premendo successivamente sul nome del dispositivo sotto alla sezione I miei dispositivi e agendo ad esempio sulle opzioni Notifiche da App, Chiamate in arrivo, Monitoraggio salute, Solleva il polso e così via. Nel caso di Apple Watch, invece, si può usare la app Watch di iOS o il menu Impostazioni dello stesso orologio.

Se il tuo smartwatch supporta la modalità Always On che, anche in fase di standby, mostra a display una serie di informazioni selezionate dall’utente (come data e ora), puoi considerare l’opportunità di disabilitarla accedendo alle impostazioni del dispositivo e spostando il relativo cursore su OFF.

Nei casi più estremi, quando vedi che la batteria sta per esaurirsi, puoi ricorrere anche alla modalità di risparmio energetico che diminuisce automaticamente i livelli di sincronizzazione e esclude determinate funzionalità non essenziali, come quelle esposte nei paragrafi precedenti, oltre alla geolocalizzazione.

A proposito di quest’ultima, devi sapere che è uno degli elementi che influisce maggiormente sul consumo di batteria e che molti dispositivi utilizzano una combinazione di diversi sistemi (GPS, Glonass, Galileo, ad esempio) per stabilire con maggiore precisione la posizione e ridurre il margine di errore a pochi centimetri. Puoi considerare, dunque, di disattivarlo temporaneamente e abilitarlo nuovamente all’occorrenza.

Se desideri approfondire l’argomento relativo all’ottimizzazione della batteria, sono certo che troverai le informazioni presenti sul sito Battery University (in lingua inglese) particolarmente istruttive ed esaustive. In esso, infatti, ci sono tutti i dettagli per quel che concerne le buone norme da rispettare per “allungare” al massimo la vita delle batterie che troviamo in smartwatch, smartphone, tablet e computer portatili.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.