Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come unire due partizioni

di

Sulla partizione primaria del tuo PC è rimasto pochissimo spazio e quindi vorresti aumentarne la capienza attingendo da una partizione adiacente? Stai riorganizzando la struttura dell’hard disk del computer e ti piacerebbe unire più partizioni senza perdere i dati? Beh, se vuoi posso darti una mano io per riuscire nell’impresa. Se la cosa ti interessa — e considerando il fatto che ora sei qui e stai leggendo queste righe direi proprio di sì —, prenditi qualche minuto di tempo libero solo per te e dedicati alla lettura di quanto riportato in questa guida.

Nelle righe successive, infatti, andrò a spiegarti come unire due partizioni, su Windows, macOS e Linux, sia con che senza cancellazione dei dati. In tutti i casi, non hai assolutamente nulla di cui preoccuparti, si tratta di un’operazione che, contrariamente a quel che tu possa pensare, risulta essere abbastanza semplice da eseguire e per la messa a segno della quale non è necessario essere degli “smanettoni”. Inoltre, si può fare tutto (o quasi) usando le soluzioni già incluse nel sistema.

Allora? Posso sapere che cosa ci fai ancora li impalato? Posizionati bello comodo dinanzi al tuo PC e concentrati sulle informazioni riportate di seguito. Sono sicuro che, alla fine, potrai ritenerti ben contento e soddisfatto di quanto appreso e che, addirittura, in caso di necessità, sarai pronto a fornire utili consigli al riguardo a tutti i tuoi amici interessati al medesimo argomento. Scommettiamo?

Indice

Informazioni preliminari

Come fare backup PC Windows 10

Prima di entrare nel vivo della guida, andandoti a indicare come unire due partizioni, ci sono alcune informazioni preliminari che è mio dovere fornirti.

Considerando che l’unificazione di due partizioni è un’operazione che, a meno che non si ricorra all’uso di alcuni specifici programmi, comporta l’eliminazione di tutti i dati presenti nelle partizioni secondarie, ti suggerisco vivamente di creare un backup dei dati presenti su queste ultime.

Tenendo poi conto del fatto che il partizionamento di un hard disk è un’attività che, per quanto semplice (per l’utente) possa risultare, comporta comunque una piccola percentuale di rischio, ti suggerisco di effettuare un backup anche dei dati presenti sulla partizione primaria.

Se non sai come creare una copia di sicurezza dei tuoi dati, per quel che concerne Windows puoi fare riferimento alle istruzioni contenute nel mio tutorial su come eseguire un backup del PC. Se, invece, possiedi un Mac, puoi leggere il mio tutorial dedicato a come effettuare un backup Mac.

Per eseguire i backup, ti suggerisco di adoperare un hard disk esterno. A questo proposito, se non possiedi ancora un dispositivo del genere e vuoi ricevere qualche dritta riguardo quale marca, modello e tipo acquistare, puoi consultare la mia guida all’acquisto dedicata agli hard disk esterni.

Altra cosa molto importante da sottolineare è che per qualsiasi file system purtroppo non è possibile andare a unire due partizioni non adiacenti.

Tutto ciò vale sia nel caso tu voglia unire due partizioni del disco rigido, indipendentemente dal fatto che si tratti di un classico disco meccanico o di un più moderno SSD, sia nel caso tu voglia unire due partizioni di una chiavetta o qualsiasi altro supporto per l’archiviazione dei dati.

Come unire due partizioni: Windows 10 e successivi

Stai usando un PC con Windows 10 o successivi (es. Windows 11) e ti piacerebbe capire come unire due partizioni? Allora prosegui pure nella lettura di quanto riportato qui sotto. Nelle seguenti righe trovi spiegato come compiere l’operazione oggetto di questa guida, sia usando gli strumenti predefiniti del sistema operativo che software di terze parti.

Gestione disco

Come unire due partizioni

Innanzitutto, cerchiamo di capire come unire due partizioni su Windows 10 e versioni successive impiegando Gestione disco, lo strumento che è già incluso nel sistema operativo di casa Redmond e che consente di gestire in maniera completa i dischi e le partizioni del computer.

Per usare Gestione disco per il tuo scopo, provvedi in primo luogo ad avviare il tool, facendo clic sul pulsante Start (quello con il logo di Microsoft) posto sulla barra delle applicazioni, digitando partizioni nel campo di ricerca e selezionando il collegamento Crea e formatta le partizioni del disco rigido.

Una volta visualizzata la finestra di Gestione disco sul desktop, fai clic destro sulla partizione che desideri unire all’altra che trovi in basso e seleziona, dal menu che si apre, l’opzione Elimina volume.

Vedrai quindi comparire un avviso di Windows relativo al fatto che stai per eliminare la partizione. Tu clicca sul pulsante e aspetta qualche istante affinché la partizione venga trasformata in spazio non allocato, così da poter poi procedere andando a unire due partizioni non allocate.

Se non riesci a eliminare la partizione secondaria, provvedi prima a formattarla, facendoci clic destro sopra, selezionando l’opzione Formatta dal menu contestuale e premendo sul pulsante OK per confermare l’effettuazione dell’operazione.

Successivamente, fai clic destro sul riquadro blu della partizione primaria alla quale vuoi aggiungere lo spazio dell’altra partizione appena liberato e, dal menu che si apre, seleziona l’opzione Estendi volume.

Nella finestra che a questo punto ti sarà mostrata, fai clic sul pulsane Avanti, assicurati che nel campo Selezionare la quantità di spazio in MB ci sia selezionato tutto lo spazio libero disponibile sul disco (altrimenti provvedi tu), clicca ancora sul bottone Avanti e, per concludere, su quello Fine. È stato facile, vero?

EaseUS Partition Master

EaseUS Partition Master

Sebbene lo strumento per la gestione di dischi e partizioni incluso in Windows sia molto comodo e affidabile, ci sono circostanze in cui ricorrere all’uso di un tool di terze parti può essere la soluzione migliore. Mi riferisco alla possibilità di unire due partizioni senza perdere dati presenti in esse. A tal proposito, ti suggerisco di mettere alla prova EaseUS Partition Master.

Si tratta di un programma che consente di effettuare svariate operazioni di partizionamento e che permette pure di compiere l’operazione sopra descritta salvando i dati delle partizioni secondarie in una cartella, copiandoli automaticamente su quella primaria e provvedendo poi a unificare il disco. È gratis, ma è disponibile anche in alcune varianti a pagamento ((con prezzi a partire da 34,95€/mese) che aggiungono extra.

Per scaricare il programma sul tuo computer, collegati al relativo sito Internet e fai clic sul bottone Scarica Gratis, dopodiché digita il tuo indirizzo di posta elettronica nel campo Email, premi sul bottone Prova Partition Master Free e, successivamente, sul link Scarica.

A download avvenuto, apri il file .exe ottenuto e, nella finestra che vedi comparire sul desktop, clicca prima sul pulsante e sui bottoni Installa ora e Installazione completata.

Ora che visualizzi la finestra principale di EaseUS Partition Master, fai clic sul pulsante Inizia ora che trovi in corrispondenza del riquadro Partition Manager, chiudi la schermata mediante cui ti viene proposto di passare alla versione a pagamento del software e seleziona l’unità della partizione primaria del disco dall’elenco posto in cima, dopodiché premi sul pulsante Unisci collocato sulla barra laterale di sinistra.

Nell’ulteriore finestra che si apre, metti il segno di spunta sulla casella corrispondente alla partizione secondaria adiacente che desideri unire a quella primaria, verifica che nel menu a tendina Unire le partizioni a risulti selezionata la partizione primaria e clicca sul pulsante OK collocato in basso a destra per salvare le impostazioni.

A questo punto, attendi che il programma controlli il file system delle due partizioni e, a processo ultimato, premi sul pulsante Applica collocato in alto a destra e su quello per avviare l’unione delle due partizioni.

Da notare che tutti i file presenti nella partizione secondaria saranno salvati in un’apposita cartella presente nella directory principale della partizione primaria.

Come unire due partizioni: Mac

E su Mac? Come fare per unire due partizioni tra loro? Per scoprirlo, continua a leggere. Qui sotto, infatti, trovi indicato come effettuare la suddetta operazione usando alcuni strumenti appositi messi a disposizione direttamente da Apple per i suoi utenti.

Utility Disco

Utility Disco

Se desideri unire due partizioni su Mac, ti informo che puoi riuscirci utilizzando Utility Disco, lo strumento già incluso in macOS che permette di gestire i dischi e le partizioni dei computer a marchio Apple. Si può impiegare per creare, ridimensionare o cancellare partizioni, ma pure per formattare gli hard disk interni ed esterni e persino creare o masterizzare file immagine di CD/DVD.

Per servirtene, provvedi in primo luogo ad avviare il tool facendo clic sulla relativa icona (quella con l’hard disk e lo stetoscopio) che trovi nella cartella Altro del Launchpad, a cui puoi accedere facendo clic sull’icona apposita (quella con i quadrati colorati) che trovi sulla barra Dock.

Una volta visualizzata la finestra di Utility Disco, seleziona l’icona del disco sul quale andare ad agire dalla barra laterale di sinistra (se il menu non è visibile, fai clic sul pulsante Vista in alto a sinistra e scegli l’opzione Mostra barra laterale dal menu che compare) e premi sul pulsante Partiziona collocato in alto.

Nella finestra che si apre, serviti del grafico a torta per selezionare le partizioni secondarie da cancellare e fai clic sul pulsante (-) che si trova in basso per sbarazzartene. Successivamente, assicurati che la partizione primaria occupi l’intero spazio del grafico (in caso contrario provvedi a ridimensionarla tu) e fai clic sui pulsanti Applica e Partiziona.

Dopo aver compiuto i passaggi di cui sopra, tutte le partizioni precedentemente selezionate saranno eliminate e lo spazio appena liberato verrà aggiunto automaticamente alla partizione primaria. Ecco fatto!

Terminale

Terminale

Puoi unire due partizioni su Mac anche agendo da Terminale. Si tratta però di un procedimento un po’ più complicato rispetto a quanto è possibile fare agendo mediante interfaccia utente. Inoltre, occorre prestare molta attenzione ai comandi da impartire, per evitare di cancellare partizioni e unità che, invece, non andavano toccate.

Premesso ciò, avvia il Terminale, selezionando il relativo collegamento (quella con la cartella nera e la riga di codice) che trovi nella cartella Altro del Launchpad, a cui puoi accedere premendo sull’icona apposita (quella con i quadrati colorati) che trovi sulla barra Dock.

Ora che visualizzi la finestra del Terminale, impartisci il comando diskutil list seguito dalla pressione del tasto Invio sulla tastiera, così visualizzare la lista dei dischi, delle partizioni e dei volumi collegati internamente ed esternamente al Mac e scoprire l’identificativo (es. disk0s3) delle partizioni su cui devi intervenire.

Successivamente, per unire le partizioni di un disco che usa il file system AFPS, immetti il comando sudo diskutil apfs deleteContainer [identificativo partizione] ( al posto di [identificativo partizione] devi inserire l’identificativo della partizione da cancellare che hai scoperto in precedenza), in modo da cancellare il contenuto della partizione. Per confermare la cosa ti verrà chiesto di immettere password di amministrazione del Mac.

Impartisci poi il comando sudo diskutil eraseVolume “Free Space” %noformat% /dev/[identificativo partizione] (al posto di [identificativo partizione] devi inserire l’identificativo della partizione da cancellare), per cancellare completamente la partizione AFPS.

Infine, digita il comando sudo diskutil apfs resizeContainer [identificativo partizione da espandere] 0 (al posto di [identificativo partizione da espandere] devi inserire l’identificativo della partizione a cui vuoi assegnare lo spazio liberato dalla partizione cancellata), così andare a espandere la partizione indicata usando lo spazio liberato da quella cancellata.

Se invece vuoi unire due partizioni di un hard disk che è stato formattato in HFS/HFS+, FAT32 o altri file system, dopo aver preso nota dell’identificativo delle partizioni di tuo interesse, devi innanzitutto digitare il comando diskutil erasevolume “Free Space” “” /dev/[disco] ( al posto di [disco] inserisci il nome della partizione da cancellare), in modo da cancellare la partizione.

In seguito, digita il comando diskutil resizevolume /dev/[disco] R ( al posto di [disco] devi inserire il nome della partizione da espandere), per espandere la partizione specificata usando lo spazio liberato da quella cancellata.

Come unire due partizioni: Ubuntu

Come unire due partizioni

Anche su Ubuntu, che è una tra le distro Linux maggiormente diffuse, è possibile unire due partizioni e, anche in tal caso, si tratta di un’operazione estremamente semplice da compiere. Per riuscirci, ti basta utilizzare l’utility Dischi inclusa “di serie”, la quale permette di gestire, appunto, dischi e partizioni.

Mi chiedi, dunque, come unire due partizioni su Ubuntu? Te lo dico subito! In primo luogo, fai clic sull’icona di Mostra applicazioni (quella con i pallini) posto sul dock, cerca l’utility Dischi tramite il campo di ricerca in alto e avviala facendo clic sulla relativa icona (quella con l’hard disk).

Nella finestra che a questo punto vedi comparire, seleziona il disco sul quale andare ad agire dall’elenco sulla sinistra, seleziona la partizione secondaria che vuoi unire alla primaria del grafico in basso e premi sul pulsante (-) situato ancora più in basso.

In seguito, clicca sul bottone Elimina nella finestra che si apre su schermo, digita la password del tuo account utente su Ubuntu e premi sul bottone Autentica per confermare l’effettuazione dell’operazione.

Una volta rimossa la partizione secondaria, tutti i dati presenti su quest’ultima saranno automaticamente eliminati e lo spazio libero disponibile verrà aggiunto direttamente alla partizione primaria. Più facile di così?

Come unire due partizioni: Android

Partizioni

Sei finito su questo mio tutorial perché desideroso di capire come unire due partizioni su Android, o per meglio dire andando ad agire sulla microSD inserita nello smartphone o nel tablet in tuo possesso? In tal caso, ti comunico che puoi fare tutto collegando la scheda di memoria al computer e usando gli strumenti per Windows, macOS e Ubuntu che ti ho già segnalato, non cambia nulla.

Ad ogni modo, se lo ritieni necessario puoi approfondire il discorso consultando la mia guida dedicata in maniera specifica proprio a come ripartire una SD.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.