Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Convertire file MKV in AVI

di

Hai provato a convertire un file MKV in AVI usando un programma consigliato da un amico ma non ne sei riuscito nel tuo intento oppure non sei rimasto particolarmente soddisfatto? Niente di grave. Prova con le risorse utili allo scopo che sto per suggerirti e vedrai che non avrai più problemi.

Quello che devi fare è prenderti cinque minuti di tempo libero e seguire le indicazioni che trovi qui sotto. Ti assicuro che non occorre essere esperti di editing o elaborazione video per ottenere risultati di ottimo livello. Si tratta, infatti, di strumenti fruibili da parte di chiunque, anche di chi, un po’ come te, non si reputa un grande conoscitore delle nuove tecnologie.

Ora, però, basta chiacchierare e passiamo all’azione! Posizionati bello comodo e inizia subito a concentrarti sulla lettura di quanto riportato di seguito. Vedrai che alla fine potrai dirti ben felice e soddisfatto e che, qualora necessario, sarai anche pronto a fornire utili suggerimenti al riguardo a tutti i tuoi conoscenti interessanti all’argomento. Scommettiamo?

Indice

Convertire file MKV in AVI gratis

Se ti interessa capire come fare per convertire un file MKV in AVI senza spendere neppure un centesimo, ti suggerisco di ricorrere all’impiego dei programmi gratis disponibili per WindowsmacOS e per Linux che trovi segnalati qui sotto. Mettili subito alla prova, vedrai che non te ne pentirai!

Convertire file MKV in AVI con Adapter

Adapter

Il primo software al quale voglio suggerirti di rivolgerti per convertire i file MKV in AVI è Adapter. Si tratta di un programma gratuito per sistemi operativi Windows e macOS, il quale permette, per l’appunto, di convertire svariate tipologie di file video in tutti quelli che sono i più comuni formati. Ha un’interfaccia utente ben curata ed è anche abbastanza intuitivo.

Per effettuarne il download sul tuo computer, recati sul relativo sito Internet e fai clic sul bottone Download Adapter situato nella parte in alto della pagina.

A download ultimato, se stai usando Windows, apri il file .exe ricavato e, nella finestra che visualizzi sul desktop, clicca sul pulsante . Provvedi quindi a cliccare sui bottoni OK e Next, seleziona la voce I accept the agreement e clicca ancora sul pulsante Next (per sei volte consecutive). Per concludere, premi sui pulsanti Install e Finish. Tieni presente che, durante la procedura d’installazione, ti verrà proposto di scaricare e installare anche FFMPEG (è indispensabile per il buon funzionamento del programma) e VLC (si tratta di un famoso player multimediale di cui ti ho parlato in maniera dettagliata nelle righe successive).

Se stai usando macOS, invece, apri il pacchetto .dmg ricavato, trascina l’icona del programma nella cartella Applicazioni del computer, facci clic destro sopra e seleziona la voce Apri dal menu che compare. In seguito, premi sul bottone Apri presente nella finestra visualizzata su schermo, in modo tale da avviare Adapter andando però ad aggirare le limitazioni di Apple nei confronti degli sviluppatori non certificati (operazione che va effettuata solo al primo avvio). Tieni presente che, anche in tal caso, potresti visualizzare un avviso relativo al download di FFMPEG e VLC.

Ora che visualizzi la finestra principale del software, trascinaci sopra i video MKV che è tua intenzione convertire, dopodiché fai clic sul menu Select Output Format posto in basso e seleziona le voci Video, General e Custom AVI (*.avi) da quest’ultimo.

Se lo ritieni opportuno, puoi regolare le impostazioni relative al file finale, facendo clic sul pulsante con la ruota d’ingranaggio collocato in basso a destra e intervenendo sulle opzioni presenti in corrispondenza delle sezioni Video, Resolution, Audio ecc. che compaiono lateralmente.

Per avviare la conversione, fai clic sul pulsante Convert posto in basso. A procedura ultimata, il file finale verrà salvato nella medesima posizione di quello d’origine. Se però vuoi impostare una posizione diversa, puoi selezionarla intervenendo sulle opzioni che trovi in corrispondenza della sezione Directory nel menu laterale di destra.

Convertire file MKV in AVI con Avidemux

Avidemux

Hai mai sentito parlare di Avidemux? No? Nessun problema, rimediamo subito! Si tratta di un software gratuito per Windows, macOS e Linux, il quale supporta tutti i principali formati di file video e consente di intervenire su di essi tagliandoli, modificandoli e montandoli, oltre che effettuando operazioni di conversione.

Per scaricare il programma, recati sulla pagina per il download presente sul sito di FossHub e seleziona la voce Avidemux 64-bit Windows Installer (se stai usando Windows a 64 bit), quella Avidemux 32-bit Windows XP Installer (se stai usando Windows a 32 bit) oppure quella Avidemux macOS Mojave (se stai usando macOS).

A download ultimato, se stai usando Windows, apri il file .exe ricavato e, nella finestra che compare sul desktop, fai clic sul pulsante Successivo (per tre volte consecutive). Seleziona poi la voce Accetto la licenza, clicca nuovamente sul bottone Successivo (per altre due volte) e, per concludere, sui pulsanti e Fine.

Se stai usando macOS, apri il pacchetto .dmg ottenuto e trascina l’icona del programma nella cartella Applicazioni. Successivamente, facci clic destro sopra, seleziona la voce Apri dal menu che compare e premi sul pulsante Apri, in modo tale da avviare il programma andando però ad aggirare le limitazioni imposte da Apple verso le applicazioni provenienti da sviluppatori non certificati (operazione che va effettuata solo al primo avvio).

Una volta visualizzata la finestra principale di Avidemux, clicca sull’icona della cartella blu in alto a sinistra e seleziona il file video relativamente al quale vuoi andare ad agire. Seleziona poi l’opzione Copy dai menu a tendina Output video e Output audio che si trovano a sinistra, dopodiché scegli l’opzione AVI Muxer dal menu a tendina Contenitore output.

Per esportare il filmato modificato, fai clic sul menu File collocato in alto a sinistra, seleziona la voce Salva da quest’ultimo e, per concludere, indica il nome che vuoi assegnare al file finale e la posizione di output che vuoi utilizzare sul tuo computer. Et voilà!

Convertire file MKV in AVI con VLC

VLC

Un altro strumento al quale puoi affidarti per convertire un file MKV in AVI è VLC, un famoso player multimediale, gratuito e di natura open source, e disponibile per Windows, macOS e Linux. Oltre a permettere di riprodurre praticamente qualsiasi tipo di contenuto audio e video senza dover ricorrere all’uso di codec esterni, consente anche di compiere semplici operazioni di editing ed elaborazione video, grazie alle apposite funzioni integrate.

Per servirtene, provvedi in primo luogo a scaricare il programma sul tuo computer, visitando il relativo sito Web e facendo clic sul bottone Scarica VLC.

A download ultimato, se stai usando Windows, apri il file .exe ricavato e, nella finestra che ti viene mostrata sul desktop, clicca sui pulsanti e OK. In seguito, premi sui bottoni Avanti (per tre volte di seguito) e Installa, dopodiché clicca sul pulsante Fine, per portare a termine il setup.

Ora che visualizzi la finestra di VLC, fai clic sul menu Media, seleziona da quest’ultimo la voce Converti / Salva, clicca sul bottone Aggiungi presente nell’ulteriore finestra che si apre e seleziona il file video in formato MKV relativamente al quale desideri andare ad agire.

Clicca, dunque, sul pulsante Converti / Salva collocato in basso, premi sul bottone con la chiave inglese che si trova nella sezione Impostazioni della nuova schermata visualizzata e seleziona la voce AVI, dopodiché recati nelle schede Codifica video, Codifica audio e Sottotitoli e regola le opzioni disponibili come meglio credi.

In seguito, digita il nome che vuoi assegnare al profilo nel campo in alto e premi sul pulsante Crea. Per concludere, indica la posizione di output premendo sul pulsante Sfoglia e avvia la procedura di conversione cliccando sul bottone Avvia.

Se stai usando macOS, invece, apri invece il pacchetto .dmg ottenuto e trascina l’icona di VLC nella cartella Applicazioni del Mac. Facci poi clic destro sopra, seleziona la voce Apri dal menu contestuale e premi sul pulsante Apri nella finestra che ti viene mostrata sullo schermo, in modo tale da avviare il software andando ad aggirare le limitazioni imposte da Apple verso le applicazioni provenienti da sviluppatori non certificati (operazione che va eseguita solo al primo avvio).

Una volta visualizzata la finestra di VLC sulla scrivania, clicca sul menu File posto in alto a sinistra, seleziona da quest’ultimo la voce Converti / Trasmetti, premi sul bottone Apri media nella nuova finestra che ti viene mostrata e seleziona il file video relativamente al quale desideri andare ad agire.

In seguito, premi sul pulsante Personalizza che trovi in corrispondenza della sezione Scegli il profilo, seleziona la voce AVI dal pannello che compare, recati nelle schede Codifica audio, Codifica video e Sottotitoli e regola le altre impostazioni relative alla conversione.

Digita quindi il nome che intendi assegnare al profilo di conversione che stai per creare, previo clic sul pulsante Salva come nuovo profilo, premi sul bottone Salva come file, indica la posizione di output e clicca sul pulsante Vai! per avviare la conversione.

Convertire file MKV in AVI online

Non vuoi o non puoi scaricare nuovi programmi sul tuo computer e ti piacerebbe quindi che ti suggerissi degli strumenti fruibili direttamente online per convertire i file MKV in AVI? Allora metti subito alla prova le soluzioni parte della categoria che ho provveduto a segnalarti nelle righe successive. Puoi usarle da qualsiasi browser e sistema operativo senza spendere soldi!

Online Convert

Online Convert

Il primo servizio online che ti consiglio di prendere in considerazione per convertire i file MKV in AVI si chiama Online Convert. È gratis, facile da usare e offre numerosi strumenti per convertire tantissimi tipi di file differenti, compresi i video. Da notare che permette di caricare file aventi una dimensione massima pari a 100 MB, ma registrandosi al servizio e sottoscrivendo uno dei piani a pagamento (con prezzi a partire da 6 euro/mese) è possibile aggirare questa limitazione e fruire di altre funzioni extra.

Per usare Online Convert, collegati alla pagina del sito dedicata alla conversione in AVI, clicca sul pulsante Choose files e seleziona il file MKV da convertire. In alternativa, puoi trascinare i file direttamente nel browser oppure poi prelevare i video da Google Drive, da Dropbox o fornendone l’URL, previo clic sugli appositi collegamenti.

Successivamente, regola, se lo ritieni opportuno, le opzioni relative alla conversione, intervenendo sui campi e sui menu a tendina che trovi nelle sezioni Video settings e Audio settings poste in basso, dopodiché fai clic sul pulsante Convert file, per avviare la conversione.

A procedura ultimata, il download del file audio convertito verrà avviato in maniera automatica. Se questo non accade, per rimediare ti basta fare clic sul pulsante Download che ti viene mostrato sullo schermo.

Convertio

Convertio

Un altro servizio online al quale puoi valutare di appellarti per riuscire nel tuo intento è Convertio. È gratis e permette di convertire praticamente qualsiasi tipologia di file, video compresi, in tutti quelli che sono i più diffusi formati. Dispone di un’interfaccia semplice e intuitiva e permette di caricare file aventi una dimensione massima di 100 MB. Da notare che sottoscrivendo un abbonamento (con prezzi a partire da 9,99 dollari/mese) si possono ottenere funzioni extra, come ad esempio la possibilità di caricare file più pesanti.

Per usare Convertio, recati sul sito Internet del servizio, clicca sul collegamento Scegli file e seleziona i file MKV che vuoi convertire in AVI dal tuo PC. In alternativa, trascina i file direttamente nella finestra del browser. Se i video di tuo interesse si trovano online, puoi selezionare l’icona di Dropbox o quella di Google Drive per caricarli da uno dei servizi di cloud storage appena menzionati, oppure puoi fare clic sull’icona della catena per caricare un file dal Web fornendo il relativo URL.

Clicca poi sul menu che trovi accanto al nome del file appena selezionato e seleziona le voci VideoAVI da quest’ultimo. Se vuoi regolare le impostazioni relative al file di output, clicca sull’icona con la ruota d’ingranaggio e intervieni sulle opzioni annesse alla schermata che ti viene mostrata.

Per concludere, premi sul bottone Converti situato in basso e aspetta che i file vengano prima caricati sui server del servizio e poi convertiti. A procedura ultimata, fai clic sul pulsante Scarica che trovi in corrispondenza del nome di ciascun elemento, per effettuarne il salvataggio sul PC. In alternativa, puoi salvare i file sul tuo account Dropbox oppure su Google Drive, facendo clic sui relativi pulsanti collocati in fondo alla pagina prima di dare il via alla procedura di conversione.

App per convertire file MKV in AVI

Vorresti convertire i file MKV in AVI agendo direttamente dal tuo smartphone o tablet ma non sai quali app utilizzare? Nessun problema, te le indico io. Qui sotto, infatti, trovi segnalate quelle che ritengo essere le più interessanti risorse per Android e iOS/iPadOS. Provale subito!

Media Converter (Android)

Media Converter

Se stai usando un dispositivo Android, per convertire i file MKV in AVI ti consiglio di ricorrere all’app Media Converter. È gratuita, molto semplice da usare e permette di convertire file video in qualsiasi formato e di impostare il bitrate, la risoluzione e la frequenza di campionamento audio del file di output.

Per scaricare e installare l’app sul tuo dispositivo, visita la relativa sezione del Play Store e fai tap sul pulsante Installa. Successivamente, avvia l’app premendo sul bottone Apri comparso sullo schermo oppure selezionando la relativa icona che è stata appena aggiunta al drawer.

Ora che visualizzi la schermata principale di Media Converter, indica la posizione sul tuo dispositivo in cui si trova il video MKV che vuoi convertire, fai tap sul pulsante Expert mode e seleziona la voce avi dal menu a tendina Output profile.

In seguito, regola, se vuoi, le altre impostazioni relative al file finale, indica la posizione in cui salvare il video convertito premendo sul bottone Change in corrispondenza della dicitura Save to, digita il titolo che vuoi assegnargli nel campo Rename as e premi sul pulsante Convert per avviare la procedura.

Il Convertitore Video (iOS/iPadOS)

Il Convertitore Video

Se stai usando un iPhone oppure un iPad, per convertire i file MKV in AVI puoi rivolgerti all’app Il Convertitore Video. Trattasi di una soluzione gratuita e di semplice impiego che, come lascia intendere lo stesso nome, permette di convertire tutti i principali formati di file video su iOS/iPadOS. Da notare, però, che la conversione in alcuni specifici formati non è gratuita. Per aggirare questa limitazione, va sbloccato il pass apposito tramite acquisti in-app (al costo di 4,49 euro).

Per scaricare e installare l’applicazione, accedi alla relativa sezione presente su App Store, premi sul pulsante Ottieni, su quello Installa e autorizza poi il download tramite Face ID, Touch ID o password dell’ID Apple. Successivamente, avvia l’app premendo sul pulsante Apri oppure selezionando la relativa icona che è stata aggiunta in home screen.

Una volta visualizzata la schermata principale dell’applicazione, seleziona la posizione o l’app in cui risulta salvato il file MKV relativamente al quale desideri intervenire, scegli l’opzione AVI Video (.avi) dal menu a tendina A, digita il nome che vuoi assegnare al file di output compilando l’apposito campo di testo e fai tap sul bottone Converti. Infine, indica dove salvare il file di output.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.