Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come recuperare file cancellati dal Cestino

di

Stai cercando disperatamente la relazione di lavoro che avevi preparato la settimana scorsa ma, niente, non riesci a trovarla! Noooo! Ora che ci pensi bene, l’altro giorno hai dato una bella sistemata sul PC e hai diligentemente svuotato il Cestino del computer. Evidentemente hai fatto troppa pulizia, ma non c’è motivo per cedere al panico. Seguendo le indicazioni contenute in questa guida puoi infatti provare a recuperare file cancellati dal Cestino ricorrendo all’uso di alcuni appositi programmi disponibili sia per computer Windows che per macOS.

Prima di indicarti quali strumenti utilizzare per riuscire “nell’impresa” voglio però che tu ti schiarisca un po’ le idee al riguardo. Quando si eliminano file o cartelle, i dati non vengono immediatamente rimossi dal disco rigido: lo spazio che era occupato dai dati eliminati viene infatti indicato come libero e il sistema può sovrascriverlo con nuovi file, ma fino a quando lo spazio non viene sovrascritto con nuove informazioni è possibile ripristinare i dati precedenti. Non sempre è quindi possibile recuperare i dati cancellati, ma- come si suol dire – tentar non nuoce. Ecco quindi che l’uso di alcuni software “ad hoc” può rivelarsi una valida soluzione per cercare di recuperare file cancellati dal Cestino nel giro di qualche clic.

Fatta chiarezza al riguardo, se sei quindi effettivamente interessato a scoprire che cosa fare per provare a recuperare file cancellati dal Cestino ti suggerisco di prenderti una decina o poco più di minuti di tempo libero, di metterti seduto ben comodo dinanzi al tuo fido computer e di concentrarti sulla lettura delle righe successive. Come ti ho già detto, non posso assicurarti che riuscirai nel tuo intento ma di certo se seguirai le mie dritte le possibilità di recuperare file cancellati dal Cestino saranno decisamente elevate. Pronto? Si? Molto bene, allora bando alle ciance e iniziamo!

Indice

Recuperare file cancellati dal Cestino di Windows

Se utilizzi un PC Windows puoi affidare le tue speranze di recupero dei dati cancellati alle risorse elencati di seguito, che sapranno sicuramente soddisfarti.

EaseUS Data Recovery Wizard

EaseUS Data Recovery Wizard

EaseUS Data Recovery Wizard è un ottimo software che permette di recuperare i file cancellati dal PC (e non solo). Funziona su hard disk interni ed esterni, unità SSD interne ed esterne, memory card, chiavette USB, smartphone, tablet e altri dispositivi. È perfino capace di operare su drive formattati o danneggiati, partizioni RAW, sistemi andati in crash, PC infettati da malware e in altre situazioni apparentemente senza speranze.

Altri punti di forza di questo programma prodotto da EaseUS sono la sua semplicità di utilizzo (l’interfaccia è completamente in italiano e la procedura di recupero dati composta da soli tre step) e la sua capacità di recupero qualsiasi tipo di file: foto, video, brani musicali, documenti, archivi compressi, email ecc.

EaseUS Data Recovery Wizard è disponibile in due versioni: una Free, che permette di recuperare fino a 500MB di dati (o 2GB, se si condivide il software online), e una Professional, con prezzi a partire da 66,69 euro, che non presenta limitazioni sulla quantità di dati che si possono recuperare.

Per scaricare EaseUS Data Recovery Wizard Professional (è possibile usare il software anche senza acquistare la licenza, ma in questo caso vengono mostrati solo i file che è possibile recuperare, non è possibile esportarli), collegati al sito ufficiale del programma e clicca sul pulsante Prova gratuita; se, invece, vuoi scaricare EaseUS Data Recovery Wizard Free (la versione gratuita del software che permette di recuperare fino a 2GB di dati), collegati a quest’altra pagina del sito di EaseUS e clicca sul pulsante Scarica gratis.

A download completato, indipendentemente dalla versione del software scaricata, apri il file .exe appena ottenuto e clicca sul pulsante , nella finestra che compare sullo schermo. Dopodiché assicurati che la casella relativa alle condizioni di licenza EaseUS (in basso a sinistra) sia spuntata, premi sul pulsante Installa ora e attendi che vengano scaricati da Internet tutti i file necessari al funzionamento del software.

Al termine del setup, premi poi sul pulsante Inizia ora, per concludere la procedura e avviare EaseUS Data Recovery Wizard. Se non vuoi inviare statistiche anonime sull’uso del software, clicca sulla voce Personalizza l’installazione (in basso a destra) all’inizio del setup e deseleziona la casella che compare in fondo alla finestra.

A questo punto, per avviare la ricerca dei file cancellati dal Cestino, seleziona l’icona del Cestino dalla schermata iniziale di EaseUS Data Recovery Wizard e clicca sul pulsante Scansione, in basso a destra, per avviare la ricerca dei file recuperabili.

EaseUS Data Recovery Wizard

Successivamente, usa la barra laterale di sinistra per “sfogliare” le cartelle in cui EaseUS Data Recovery Wizard ha trovato file recuperabili (quella del Cestino è $RECYCLE.BIN), seleziona gli elementi che vuoi ripristinare (spuntando le apposite caselle) e premi sul bottone Recupera, in basso a destra, per esportarli in una cartella di tuo interesse.

Se vuoi, ti segnalo che puoi filtrare i risultati della ricerca e visualizzare solo i tipi di file di tuo interesse, premendo sulla voce Filtro collocata in alto, e visualizzare un’anteprima dei file selezionati, premendo sull’icona dell’occhio collocata in alto a destra. Comodo, vero?

Disk Drill

Disk Drill

Un programma che voglio consigliarti di provare è Disk Drill: si tratta di uno dei migliori programmi per il recupero dei file cancellati disponibile per Windows e macOS. Basato su algoritmi di scansione molto avanzati, è in grado di recuperare e ricostruire file di ogni genere: documenti di Office, foto, video, brani musicali e molto altro ancora da hard disk, SSD, chiavette USB, schede SD e altre unità di memoria. Supporta anche il recupero delle partizioni perse e il recupero da unità non formattate e da dati RAW.

Permette inoltre di prevenire la cancellazione accidentale dei dati grazie alla funzione Recovery Vault (la quale mantiene i dati più importanti in un’area riservata del disco, accessibile anche in caso di svuotamento del Cestino) ed esegue il monitoraggio dello stato del disco tramite la tecnologia S.M.A.R.T., in modo da sapere immediatamente quando eventuali problemi dell’unità potrebbero mettere a rischio i propri dati.

Disk Drill si può scaricare e usare gratis per recuperare fino a 500MB di dati, dopodiché per superare questo limite occorre acquistare la versione completa del programma (con prezzi a partire da 94 euro). Per scaricare Disk Drill gratis, collegati al sito ufficiale del programma e clicca sul pulsante Scarica gratis. A download completato, avvia il file .exe ottenuto e clicca sui pulsanti Instal., e Lancia.

Disk Drill

Una volta avviato Disk Drill, accetta le condizioni d’uso, leggi la presentazione in cui vengono elencate le caratteristiche principali del programma e scegli se attivare la funzione di protezione dati Recovery Vault e/o se condividere dati d’uso anonimi con gli sviluppatori. Infine, fai clic sul pulsante Iniziamo per andare avanti.

Ora devi selezionare l’unità e la partizione da analizzare (nel caso specifico, devi selezionare l’unità su cui hai installato Windows, presumibilmente C:); dopodiché espandi il menu a tendina che compare sulla destra e scegli un metodo di recupero tra quelli disponibili: Tutti i metodi di recupero (che ti consiglio, per avere il numero maggiore di risultati), Analisi veloce, Analisi approfondita, Cerca partizioni perse, Alloca dati file system esistenti o Dati protetti non cancellati. Dopodiché premi sul pulsante Cerca dati persi.

Disk Drill

Durante la scansione ti verrà indicato, tramite le apposite icone che vedi su schermo, quanti Immagini, Video, Audio, Documenti, Archivi o altri file sono stati trovati finora. Puoi visualizzare i file man mano che la scansione va avanti, senza doverla interrompere.

Seleziona, dunque, il tipo di file che vuoi recuperare, espandi il menu Vista (in alto) e scegli la modalità di visualizzazione dei file recuperabili. Dopodiché, se lo ritieni opportuno, clicca sul pulsante Filtri e scegli in base a quali parametri filtrare i risultati della scansione: dimensioni, data di cancellazione ecc.

Una volta individuato un file da recuperare tra i percorsi che ti vengono mostrati, se vuoi visualizzarne un’anteprima, clicca sulla rispettiva icona dell’occhio. Per recuperarlo, invece, spunta la relativa casella, clicca sul pulsante Recupera e seleziona il percorso di destinazione. Infine, premi sul pulsante OK per dare conferma.

Disk Drill

Ti segnalo che non puoi esportare i file se la scansione è ancora in corso. Se necessario, dunque, mettila in pausa (tramite l’apposito pulsante posto in alto a sinistra): potrai poi eventualmente salvarla e riprenderla in un secondo momento, sempre tramite i pulsanti che trovi in alto o selezionando la sessione più recente dalla barra laterale di sinistra.

Tenorshare UltData

Tenorshare UltData

Tenorshare UltData è un programma che permette di recuperare agevolmente i dati cancellati da tutti i tipi di drive: dai dischi interni alle chiavette USB e le schede SD, anche in caso di corruzione e danneggiamento (entro i limiti del possibile, chiaramente). È compatibile con tutte le versioni più diffuse di Windows e permette di recuperare qualsivoglia tipo di file: foto, video, musica, documenti, email, archivi compressi, file di sistema e altro ancora.

Ha un’interfaccia estremamente intuitiva che consente di recuperare i dati in tre semplici step: scansione, anteprima e recupero. Si può scaricare e provare gratis, tuttavia per recuperare effettivamente i file richiede l’acquisto di una licenza con prezzi a partire da 49,95 euro/anno.

Per scaricare Tenorshare UltData gratis, collegati al sito Internet del programma e clicca sul pulsante Download gratis. Dopodiché avvia il file .exe ottenuto e clicca prima su e poi su Install e Start, per concludere il setup. Se non vuoi inviare statistiche d’uso anonime, espandi la voce Install Setting (in basso a destra) e togli la spunta dalla casella Agreed to participate in the customer experience improvement plan!.

Installazione Tenorshare UltData

Ad installazione completata, per recuperare i file dal Cestino o da qualsiasi altra posizione, metti il segno di spunta accanto al nome dell’unità o della posizione in cui si trovano i dati di tuo interesse (Recycle Bin per il Cestino) e fai clic sul pulsante Scan (in basso a destra), per avviare la scansione.

Successivamente, se vuoi limitare la ricerca a determinati tipi di file (es. foto, video, musica ecc.), usa i pulsanti che vedi in alto, mentre se vuoi navigare tra le varie cartelle da cui è possibile recuperare i dati sfrutta la barra laterale di sinistra. Per finire, seleziona i file da recuperare (puoi visualizzare un’anteprima cambiando modalità di visualizzazione, tramite il menu in basso a destra), premi sul pulsante Recover (in basso a destra) e seleziona la cartella in cui salvare i dati.

Tenorshare UltData

Per eseguire un’analisi più approfondita del disco (nel caso in cui la scansione standard non fosse stata sufficiente), premi sulla voce Didn’t find the missing data? Try using Deep Scan collocata in fondo alla finestra.

Attendi dunque l’esito della nuova scansione, sfoglia i vari tipi di file disponibile nella barra laterale di sinistra e procedi al recupero di quelli di tuo interesse seguendo le medesime indicazioni che ti ho dato prima.

Recuva

Come recuperare file cancellati

Recuva è un’applicazione gratuita prodotta da Piriform (la stessa azienda produttrice di CCleaner, quel programma di cui ti ho parlato in maniera approfondita nella mia guida su come scaricare e utilizzare CCleaner) che consente di ripristinare qualsiasi tipo di file da hard disk, chiavette USB e altre unità di memorizzazione. È completamente in italiano ed è semplicissimo da utilizzare anche per chi non è molto esperto di PC.

Per poter recuperare file cancellati dal Cestino con Recuva il primo passo che devi compiere è quello di effettuare il download del programma sul tuo computer. Per fare ciò, clicca qui, dopodiché scorri la pagina Web che ti viene mostrata e clicca sul pulsante verde Free Download posto sulla sinistra. Successivamente, pigia sulla voce CCleaner.com, clicca sul bottone Start Download ed attendi qualche istante affinché il programma venga scaricato sulla tua postazione multimediale.

A download completato, avvia il pacchetto d’installazione del programma, clicca su  e, una volta visualizzata la finestra della procedura guidata di setup del software, seleziona l’Italiano dal menu per la scelta della lingua collocato in basso a destra e fai clic sul bottone Next. Successivamente, pigia su Avanti, per due volte consecutive, apponi un segno di spunta accanto alla voce No thanks, I don’t need CCleaner e clicca ancora una volta sul pulsane Avanti. Per concludere, pigia sul pulsante Fine.

Come recuperare file cancellati

Aspetta poi qualche istante affinché la finestra di Recuva risulti visibile a schermo (nel caso in cui il programma non si avviasse automaticamente fai doppio clic sull’icona dello stesso che è stata aggiunta sul desktop), dopodiché clicca sul bottone Avanti, seleziona la tipologia di file che intendi recuperare scegliendo tra ImmaginiMusicaDocumentiVideoCompressoEmail o Tutti i file e clicca ancora sul pulsante Avanti.

Come recuperare file cancellati

Metti poi il segno di spunta sulla casella collocata accanto alla posizione in cui intendi ricercare i file cancellati da recuperare scegliendo tra Non sono sicuro, per tutte le posizioni, Su card multimediale o iPod, nei Documenti, nel Cestino oppure su In una posizione specifica (da indicare attraverso l’apposito campo di testo), clicca ancora su Avanti e poi premi Avvia, per far partire la ricerca.

Attendi quindi che la procedura di ricerca venga ultimata e, nell’elenco che successivamente ti verrà mostrato, metti il segno di spunta accanto al nome del file che intendi recuperare. Clicca poi sul pulsante Recupera…, seleziona la cartella in cui vuoi salvare il file e clicca su OK, per due volte consecutive per confermare l’operazione.

I file che si possono recuperare senza problemi sono quelli con il bollino verde accanto. Quelli con il bollino giallo sono recuperabili ma quasi sicuramente danneggiati mentre quelli contraddistinti dal bollino rosso purtroppo sono corrotti e non si possono più ripristinare.

Se non riesci a trovare i file di cui avevi bisogno, prova ad avviare nuovamente Recuva e a effettuare tutti i passaggi già visti per cercare di recuperare file cancellati dal Cestino avendo però cura, questa volta, di apporre un segno di spunta sulla casella collocata accanto ala voce Attiva scansione approfondita che risulta visibile subito dopo aver indicato la tipologia di documenti da cercare: si tratta di una speciale funzionalità che, così come suggerisce lo stesso nome, esegue una scansione più approfondita del percorso o dell’unità di tuo interesse. Tieni però presente che trattandosi di un processo di scansione più “approfondito” potrebbe impiegare oltre un’ora per essere portato a termine nel caso dei drive molto grandi.

Recuperare file cancellati dal Cestino di macOS

Utilizzi un Mac? In tal caso, puoi affidarti le tue speranze di recuperare i file cancellati dal Cestino alle applicazioni che trovi indicate qui di seguito.

EaseUS Data Recovery Wizard

EaseUS Data Recovery Wizard

EaseUS Data Recovery Wizard è disponibile anche per macOS. Per scaricarlo, collegati al
sito ufficiale del programma clicca sulla voce relativa alla versione Mac del software.

A download completato, apri il pacchetto .dmg ottenuto, trascina l’icona di EaseUS Data Recovery Wizard nella cartella Applicazioni del Mac e avvia il software, rispondendo Apri all’avviso che compare sullo schermo.

Fatto ciò, immetti la password di amministrazione del Mac nell’apposito campo di testo, premi Invio, seleziona l’unità da cui recuperare i dati e clicca sul pulsante Scan (in alto a destra), per avviare la ricerca dei file cancellati.

Alla prima esecuzione, dovrai autorizzare EaseUS Data Recovery Wizard nelle Preferenze di sistema, rispondendo OK all’avviso su schermo, premendo l’icona del lucchetto collocata in basso a sinistra e quindi il tasto Consenti, in basso a destra.

A scansione ultimata, per recuperare i file di tuo interesse, spunta le caselle ad essi relative e clicca sul pulsante Recover Now, in alto a destra.

Disk Drill

Disk Drill

Se utilizzi un Mac e vuoi recuperare file cancellati dal Cestino, puoi provare Disk Drill, la versione per macOS del programma di recupero dati di cui ti ho parlato prima nella sezione della guida dedicata a Windows. Disk Drill per Mac è a pagamento (con prezzi a partire da 94 euro) ma è disponibile in una versione di prova gratuita che permette di testarne l’efficacia (ossia di scoprire quali file sarebbe in grado di estrarre e visualizzarne un’anteprima).

Come su Windows, anche su macOS Disk Drill si conferma come una soluzione completa in grado di recuperare dati di ogni genere (documenti, foto, video ecc.) da qualsiasi dispositivo di archiviazione. Per scaricarlo sul tuo computer, clicca qui e premi sul bottone Scarica la versione gratuita. Attendi quindi che il download del pacchetto d’installazione del programma venga portato a termine, dopodiché apri il file diskdrill.dmg che contiene il software e, agendo dalla finestra che ti viene mostrata sulla scrivania, trascina l’icona di Disk Drill nella cartella Applications di macOS.

Disk Drill

A questo punto, avvia Disk Drill, accetta le condizioni d’uso del software, leggi la presentazione iniziale e scegli se attivare la funzione di protezione dati Recovery Vault e/o se condividere dati d’uso anonimi con gli sviluppatori. Dopodiché, fai clic sul pulsante Iniziamo, digita la password del Mac e sblocca il software nelle Preferenze di sistema seguendo le indicazioni su schermo (si tratta di cliccare sul lucchetto in basso a sinistra, digitare la password del Mac e spuntare le due caselle relative a Disk Drill).

Ora, per avviare la ricerca dei file da ripristinare, apri Disk Drill, seleziona unità e partizione da cui intendi recuperare i dati da cancellare (in questo caso specifico, il disco interno del tuo Mac) e usa il menu a tendina collocato sulla destra per indicare il metodo di recupero da usare: Tutti i metodi di recupero (che ti consiglio), Snapshot MT locale, Analisi veloce o Alloca dati file system esistenti; dopodiché premi sul pulsante Cerca dati persi.

Disk Drill

Man mano che la scansione andrà avanti, tramite le icone che vedi sullo schermo, ti verrà indicato il numero di immagini, video, audio, documenti, archivi e altri file trovati da Disk Drill. Senza necessità di interrompere la scansione (che comunque potrai fermare in qualsiasi momento, usando l’apposito tasto presente in alto a sinistra), puoi accedere alla lista dei file trovati dal programma selezionando una delle suddette icone.

Nella finestra che si apre, usa dunque le icone che trovi in alto a destra per impostare la modalità di visualizzazione dei risultati e filtrarli (es. in base a dimensione e data di ultima modifica) e sfoglia i vari percorsi disponibili per trovare i file di tuo interesse.

Una volta trovato un file da recuperare, selezionalo, clicca eventualmente sulla relativa icona dell’occhio per vederne un’anteprima e spunta la casella ad esso corrispondente.

Disk Drill

Infine, per avviare l’esportazione di uno o più file selezionati (operazione fattibile solo se la scansione non è ancora in corso), premi sul pulsante Recupera (in basso a destra), indica il percorso di destinazione e premi sul pulsante OK. Più facile di così?!

Ti segnalo che, in caso di necessità, Disk Drill salva automaticamente le scansioni precedenti e permette di riprenderle rapidamente, selezionandole dalla barra laterale di sinistra presente nella sua finestra principale (sotto la voce Sessioni recenti).

Tenorshare UltData

Tenorshare UltData

Tenorshare UltData, il software di recupero dati di cui ti ho parlato prima nel capitolo dedicato a Windows, è disponibile anche per macOS. Presenta le stesse caratteristiche e la stessa interfaccia, con la differenza che costa 59,95 euro/anno in versione completa e richiede una piccola procedura preliminare.

Per poterlo usare su macOS 10.13 High Sierra e successivi, infatti, devi prima disattivare una funzione di sicurezza denominata SIP. Avvia dunque il sistema operativo in modalità di recupero (tenendo premuto cmd+r in fase di boot) e disattiva il sistema di protezione SIP, richiamando il Terminale dal menu Utility (in alto) e impartendo il comando csrutil disable. Al riavvio del Mac, potrai procedere con il download di Tenorshare UltData.

Collegati quindi al sito Internet del programma e clicca sul pulsante Download gratis; Dopodiché apri il pacchetto .dmg che hai scaricato e trascina l’icona di Tenorshare UltData nella cartella Applicazioni del computer.

Installazione Tenorshare UltData Mac

Adesso, apri il software, digita la password di amministrazione del Mac, spunta la casella relativa all’unità o posizione in cui cercare i dati da cancellare (Trash per il Cestino) e premi sul pulsante Scan, per avviare la scansione.

Per il resto, ti basta agire come spiegato prima per i sistemi Windows: spunta le caselle relative ai dati da recuperare, premi sul pulsante di ripristino e scegli una cartella di destinazione. Più facile a farsi che a dirsi!

Tenorshare UltData

Nota: dopo aver usato Tenorshare UltData, ti consiglio di riattivare il SIP, riavviando il Mac in modalità di recupero e dando il comando csrutil enable nel Terminale.

Altre soluzioni per recuperare file cancellati dal Cestino

I software per recuperare file cancellati dal Cestino che ti ho proposto in questa guida non sono stati di tuo gradimento? Beh, prima di gettare definitivamente la spugna ti suggerisco di dare un’occhiata al mio tutorial su recupero dati hard disk, in cui oltre a illustrati il funzionamento del già citato Recuva ho provveduto a spiegarti come usare l’ottimo Wise Data Recovery.

hd2

Se invece possiedi un computer a marchio Apple puoi leggere la mia guida su come recuperare file cancellati su Mac. in cui ti ho spiegato come utilizzare Lazesoft Mac Data Recovery che è meno intuitivo ed efficace di Disk Drill ma che in molte occasioni riesce a portare ugualmente a casa il risultato.

Come recuperare file cancellati dal Cestino

Puoi inoltre consultare la mia guida dedicata a come recuperare file cancellati da hard disk esterno se hai la necessità di provare a recuperare file cancellati intervenendo su un disco rigido collegato esternamente al tuo computer. Se, invece, hai la specifica esigenza di intervenire sui dati che risultavano archiviati sul cellulare puoi provare a ricorrere all’uso degli strumenti che ti ho indicato nella mia guida su come recuperare file cancellati dal cellulare.

Articolo realizzato in collaborazione con EaseUS, Tenorshare e Cleverfiles.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.